Olio di cocco a confronto con altri oli vegetali

Oli per cuocere

La storia in breve -

  • Gli oli vegetali polinsaturi come gli oli di colza, mais e soia, creano nelle arterie il colesterolo ossidato, che aumenta in modo significativo il rischio di malattie coronariche
  • Anche un olio relativamente salutare, come l'olio di oliva, è soggetto a ossidazione quando viene scaldato, rendendolo non adatto alla cottura
  • Anche se si è sempre parlato male dei grassi saturi, la verità è che NON sono la causa di malattie cardiache
  • L'olio di cocco biologico è la migliore opzione come olio da cottura per diversi utilizzi, perché è un grasso saturo salutare che può sopportare il calore della cottura senza subire alterazioni chimiche
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

Ogni volta che cucinate correte il rischio di causare danni dovuti al calore. Gli oli che scegliete per cucinare devono essere abbastanza stabili da resistere ai cambiamenti chimici quando vengono scaldati ad alte temperature, oppure correte il rischio di danneggiare la vostra salute. Uno dei modi in cui gli oli vegetali possono infliggere danni è convertendo il colesterolo buono in colesterolo cattivo, ossidandolo.

Quando cucinate con oli vegetali polinsaturi (come l'olio di colza, mais e soia), nel vostro corpo viene introdotto il colesterolo ossidato. Poiché l'olio viene riscaldato e si mischia con l'ossigeno, alla fine diventa rancido. L'olio rancido è olio ossidato e NON dovrebbe essere consumato: è direttamente responsabile di malattie vascolari.

I grassi insaturi sono introdotti quando questi oli vengono idrogenati, il che aumenta il rischio di malattie croniche come il cancro al seno e le malattie cardiache. Ma i problemi non finiscono qui.

La maggior parte di questi oli vegetali (almeno negli Stati Uniti) è prodotta con coltivazioni geneticamente modificate, che peraltro subiscono anche una pesante lavorazione.  Quindi non solo i grassi polinsaturi vengono ossidati, ma questi oli contengono anche altre tossine, come il glifosato e la tossina Bt, che si trova nel mais e nella soia geneticamente modificati.

Il glifosato è un ingrediente attivo dei diserbanti ad ampio raggio, che sono usati in grandi quantità su tutte queste coltivazioni. Quindi ci sono diversi motivi per evitare gli oli vegetali, ma il fatto che siano ossidati è chiaramente la priorità numero uno.

Un altro fattore importante è che la maggior parte degli oli vegetali contiene molti grassi omega-6 ed è il rapporto tra omega-3 e omega-6 a svolgere un ruolo importante nel determinare molte malattie. Se consumate grandi quantità di oli vegetali, influenzerete in modo negativo questo rapporto così importante e aumenterete il rischio di malattie degenerative.

L'unico olio da cottura che sopporta il calore: Olio di cocco

Tra tutti gli oli disponibili, l'olio di cocco è la scelta migliore per cucinare, poiché è un grasso quasi completamente saturo, il che vuole dire che è meno suscettibile ai danni causati dal calore. E l'olio di cocco è uno dei grassi che apportano maggiori benefici al corpo.

Anche se i media tradizionali dipingono l'olio di oliva come "olio più salutare", questo titolo non si estende anche al cucinare. L'olio di oliva è un grasso monoinsaturo, il che significa che la sua struttura di acidi grassi ha un doppio legame.

Anche se i grassi monoinsaturi sono più stabili dei grassi polinsaturi, la sovrabbondanza di acido oleico nell'olio di oliva crea uno sbilanciamento che è stato associato ad un maggiore rischio di cancro al seno e malattie cardiache.

Tuttavia, l'olio di oliva è un grasso da includere nella dieta, sempre che non si scaldi, per esempio usandolo per condire l'insalata. Riscaldando l'olio di oliva fino a temperature tra i 93° e i 121°, state correndo il rischio di creare olio ossidato che può causare dei danni al vostro corpo, invece che apportare dei benefici. Un modo per evitare che l'olio di oliva diventi rancido è quello di aggiungere una goccia di astaxantina, secondo l'esperto del settore Rudi Moerck.

L'olio di cocco contiene più grassi saturi di tutti gli oli commestibili, ma non lasciatevi spaventare dal termine "grasso saturo". I grassi saturi non sono la causa di malattie cardiache, nonostante ciò che si dice. Ogni volta che avete bisogno di un olio per cucinare, un olio di cocco di buona qualità può essere usato al posto di qualsiasi altro tipo di olio, per qualsiasi ricetta.

Dovete solo capire che l'olio di cocco può variare ampiamente a seconda del tipo di cocco usato e del tipo di lavorazione, e questi fattori avranno un grande impatto sui benefici che l'olio stesso ha per la salute. Molti degli oli di cocco presenti sul mercato sono raffinati, sbiancati o aromatizzati (RBD) e contengono elementi chimici usati per la lavorazione.

Assicuratevi che il vostro olio di cocco sia certificato come biologico, il che vorrà dire che non conterrà ingredienti geneticamente modificati e che non sarà stato sbiancato, aromatizzato, raffinato o idrogenato.

Tipi di olio Monoinsaturo Polinsaturo Saturo

Colza

58,9

29,6

7,1

Cocco

5,8

1,8

86,5

Mais

12,7

58,7

24,2

Semi di lino

22

74

4

Semi di uva

16,1

69,9

8,1

Oliva

77

8,4

13,5

Palma

37

9,3

49,3

Semi di palma

11,4

1,6

81,5

Arachidi

46,2

32

16,9

Cartamo

12,6

73,4

9,6

Sesamo

39,7

41,7

14,2

Soia

23,3

57,9

14,4