Un libro di ricette spiega come seguire una dieta chetogenica

Libro "The Ketogenic Kitchen"

La storia in breve -

  • La chetosi nutrizionale ha dei potenti benefici terapeutici, avendo dimostrato di aiutare a prevenire e trattare molte malattie croniche. La sfida principale sta nell'implementare e seguire il programma
  • "The Ketogenic Kitchen" è un libro di ricette esauriente che spiega come preparare i pasti e come cucinare secondo i principi della chetosi
  • Anche se una dieta chetogenica si basa su molti grassi, non tutti i grassi sono idonei a una dieta chetogenica. I grassi sani includono cocco e olio di cocco, olio di MCT, burro naturale derivato da animali nutriti con erba, lardo, ghi, avocado e tuorli di uova pastorizzate
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

Molti di noi conoscono già e apprezzano a pieno il valore di una dieta con pochi carboidrati, molti grassi di alta qualità e una quantità moderata di proteine, ma riuscire a seguirla può essere una sfida. Proprio su questo Domini Kemp e Patricia Daly hanno scritto un libro eccellente e utile, intitolato The Ketogenic Kitchen: Low Carb. High Fat. Extraordinary Health".

La chetosi nutrizionale offre benefici terapeutici potenti, non solo per trattare una vasta gamma di malattie degenerative croniche, ma anche per prevenirle. La sfida principale sta nell'implementare e seguire il programma.

La Kemp e la Daly sono entrambe sopravvissute al cancro e sostengono che la chetosi nutrizionale ha giocato un ruolo importante nella loro guarigione.

La Kemp ha lottato con un melanoma e un cancro al seno

Donna irlandese nata e cresciuta alle Bahamas, la Kemp è chef e scrittrice di libri di cucina e risiede oggi nella sua terra nativa, l'Irlanda. Nei suoi vent'anni, fu diagnosticata con un melanoma maligno. Successivamente, fu diagnosticata con il cancro al seno all'età di quarant'anni.

"Fu allora che mi dissi: 'Ok, devo fare di più che semplicemente la tipica dieta che ci consigliano'". Certamente in [Irlanda], la piramide alimentare è ancora fortemente promossa. Ho letto tutte le brochure del reparto di oncologia e ho pensato: 'No. Dev'esserci un modo migliore", riferisce la Kemp.

La lotta della Daly per salvarsi l'occhio

La Daly è diventata terapista alimentare nel 2011 e quando ha conosciuto la Kemp praticava questa professione da circa un anno. Come per Kemp, anche a Daly fu diagnosticato un cancro in giovane età: un melanoma maligno all'occhio all'età di 28 anni.

Ricevette le cure standard, che includevano la radioterapia con placche: una delle terapie più invasive tra quelle convenzionali per il cancro. Da triatleta, conosceva bene il suo corpo e riconosceva l'importanza di assumersi le proprie responsabilità per il suo stesso benessere durante e dopo le cure.

"Essendo cresciuta in Svizzera, sono cresciuta ricevendo tantissimi trattamenti gratuiti. Per me, è sempre stato ovvio che volessi fare qualcosa di più per aiutare me stessa. Per questo ho iniziato a insegnare terapia nutrizionale un mese dopo aver concluso le cure", afferma la Daly.

"All'inizio la terapia funzionava molto bene, ma molto presto ho avuto una ricaduta. Neanche due anni dopo, il tumore era cresciuto più del doppio e ho dovuto ricominciare... con la radioterapia più forte possibile per il mio occhio.

Diciamo che avevo tutto ciò che è possibile contrarre in un occhio. Avevo un edema. Avevo un'angiogenesi eccessiva (vasi sanguigni che forniscono sangue al tumore)... Avevo una cataratta in procinto di diventare un glaucoma. Qualunque cosa.

Colmare il divario tra scienza e cucina

Sia la Daly che la Kemp sono cresciute seguendo alimentazioni basate sui carboidrati. La Daly, essendo una triatleta, faceva il pieno di carboidrati. Oggi, a tre anni dal completamento dei trattamenti, la Kemp è in remissione, e sta alla grande.

La Daly è ufficialmente in remissione da sei anni, e vede ancora. Personalmente, credo che una dieta chetogenica abbia il potere di alleviare sofferenze tremende.

Quando le due donne hanno inizialmente deciso di seguire la dieta chetogenica, non c'era alcun eBook di ricette a disposizione, quindi stabilire un piano alimentare era difficile.

"Mi sono basata molto sulle ricerche del Dott. Johannes Coy e del professore tedesco Ulrike Kämmerer", riporta la Daly. " Avevo la fortuna di conoscere la lingua [tedesca]. [A]ll'epoca, Thomas Seyfried, [Ph.D.], Dominic D'Agostino, [Ph.D.], e tutti gli altri stavano iniziando a spuntare online.

Ma, fondamentalmente, è stato molto difficile mettere tutto insieme e colmare il divario tra scienza e cucina. Come si cucina per rispettare quei principi?"

Non tutti i grassi sono sani

Un altro punto importante da trattare è che anche se la dieta chetogenica è ricca di grassi, non tutti i grassi sono adatti ad essere inclusi in una dieta chetogenica. La maggior parte degli americani mangia grassi che porteranno la loro salute su una brutta strada. Tra questi ci sono margarina, burro spalmabile e oli vegetali processati.

I grassi sani, d'altra parte, includono cocco e olio di cocco, olio di MCT, burro naturale derivato da animali nutriti con erba, lardo, ghi, avocado, tuorli di uova pastorizzante, latticini di animali nutriti con erba, e frutti a guscio crudi come noci macadamia e noci pecan, giusto per nominarne alcuni.

Un altro grasso sano molto importante è l'acido docosaesaenoico (DHA),un grasso omega-3 derivato da animali marini. Il DHA è in realtà un componente strutturale delle tue cellule e viene bruciato come fonte di energia. Si trova nel cervello, ed è coinvolto nella conversione dei fotoni solari negli elettroni che alimentano i mitocondri.

Puoi assumere integratori come l'olio di krill o l'olio di pesce, ma credo che non siano buoni quanto mangiare pesce che contenga poco mercurio, come il salmone selvaggio dell'Alaska e pesci più piccoli come sardine e acciughe. Ricorda che, contrariamente a quanto si pensa, NON PUOI ottenere DHA a sufficienza da fonti vegetali di omega-3.

Le insidie e le sfide delle diete chetogeniche

Un fattore che spinge molti a evitare di seguire una dieta chetogenica è la credenza sbagliata che richiederà abilità culinarie speciali o un lavoro più impegnativo rispetto alla cucina a cui sono abituati. È giusto, se non hai mai cucinato verdure fresche dovrai imparare cose nuove, ma a parte questo, una dieta chetogenica è piuttosto semplice da seguire una volta imparate le basi.

Un'altra difficoltà comune è la mancanza di controllo. Se sei in salute, potrebbe non avere molta importanza, ma se stai cercando di affrontare una malattia cronica, ti prego di renderti conto che non si tratta di una dieta come un'altra, ma una potente terapia metabolica. Perciò cerca di fare analisi sanguigne adeguate e tieniti sotto controllo. Non pensare che basta spalmare burro extra su qualsiasi cosa e andrà bene. Ti servono supporto e monitoraggio adeguati.

Può essere di tantissimo aiuto usare un tracker nutrizionale. Il mio preferito è cronometer.com/Mercola. È la mia versione basica di un tracker, specificamente progettata per favorire la chetosi nutrizionale, ed è del tutto gratuita. I professionisti sanitari possono anche registrarsi con un account professionale, che gli consentirà di accedere e valutare i dati di tutti i loro clienti.

La Daly ha anche scritto una guida eBook illustrata sulla chetodieta e sui pochi carboidrati che ti mostra visivamente come sono fatti i piatti in base alle quantità diverse di grassi, proteine e carboidrati.

I benefici del digiuno intermittente

Al di là della dieta chetogenica, il digiuno intermittente è un altro potente strumento per aumentare la biogenesi mitocondriale, per ottimizzare la salute e migliorare le possibilità di guarigione da una malattia cronica.

Sia i digiuni d'acqua che il digiuno intermittente (che tende a essere più semplice rispetto a lunghi digiuni d'acqua) si sono rivelati avere un impatto benefico su molte malattie croniche. Visto che aumentano significativamente la capacità del corpo di bruciare grasso per trarne energia, è anche un modo molto efficace per perdere peso.

E se non hai bisogno di perdere peso?

Così come il digiuno, una dieta chetogenica facilita molto la perdita di peso, perché riabilita il corpo ad accedere e bruciare grassi corporei. Ma cosa succede se vuoi valutare la chetosi nutrizionale come terapia metabolica ma non hai bisogno di perdere peso? Puoi sempre raggiungerla in maniera sicura? E ancora, è possibile aumentare il peso se ne hai bisogno?

Anche se la strategia di mettere il cibo su un piatto più piccolo può sembrare un controsenso, visto che questa tecnica si usa per mangiare porzioni più piccole, la Daly spiega che quando qualcuno non ha fame e si trova davanti un grande piatto pieno di cibo, probabilmente ne mangerà il 10% o meno. Un piatto più piccolo spaventerà di meno. Però dovrai anche aumentare la frequenza dei pasti.

La maggior parte delle persone implementano questo programma da sole. Prendi il libro, usa cronometer.com/Mercola e metti in pratica le informazioni. Tuttavia ci sono situazioni in cui si ha davvero bisogno di un professionista esperto che ti guidi.

È particolarmente vero se stai cercando di affrontare qualcosa di serio come il cancro. La Daly suggerisce di coinvolgere anche il tuo oncologo e/o la tua infermiera oncologica. È giusto, ma potrebbe essere un obiettivo troppo idealistico. La maggior parte degli oncologi convenzionali non considerano neanche un intervento alimentare come la chetosi nutrizionale. Ad ogni modo, vale la pena tentare.

Ulteriori informazioni

Oltre al cancro, la chetosi nutrizionale ha molti utilizzi, ad esempio è un trattamento per la resistenza all'insulina, il diabete di tipo 2, attacchi epilettici (specialmente nei bambini che non rispondono ai farmaci) e malattie neurologiche come l'Alzheimer e il Parkinson.

Come linea guida generica, l'assunzione di una quantità di carboidrati netti di circa 50 grammi (o meno) al giorno (carboidrati totali senza fibre), insieme a una quantità di proteine bassa o moderata, dovrebbe essere abbastanza bassa per permetterti di raggiungere la chetosi nutrizionale. Se soffri di resistenza all'insulina o hai il diabete di tipo 2, potresti aver bisogno di meno di 40 grammi, o addirittura 30 grammi al giorno, per arrivarci. Il cancro potrebbe richiedere una quantità perfino inferiore di carboidrati netti.

Per scoprire il tuo fabbisogno personale di carboidrati, è importante misurare non solo la glicemia ma anche i chetoni, il che si può fare tramite analisi delle urine, dell'alito o del sangue. Questo ti darà un parametro obiettivo per sapere se sei davvero in chetosi oppure no, invece di affidarti solo alla conta dei grammi di carboidrati che mangi. Lo stato di chetosi nutrizionale è raggiunto quando i chetoni nel sangue si trovano nell'intervallo da 0,5 a 3,0 millimoli per litro (mmol/L).

Detto questo, usare un tracker nutrizionale ti aiuterà molto a capire quanto e che tipo di cibo ti serve per raggiungere l'obiettivo di nutrienti della dieta chetogenica, e allo stesso tempo ti aiuterà a giudicare il valore nutritivo dei cibi che scegli.