Come alleviare i disturbi mentali con l'alimentazione

nutrizione e disturbi mentali

La storia in breve -

  • Ci sono quattro tipi biochimici di persone violente. Molti hanno una grave carenza di zinco, pirroluria, bassa spermina nel sangue e difetti della metilazione: un'insolita combinazione di pessima biochimica
  • I nutrienti che hanno una potente influenza sulla salute mentale includono lo zinco, il rame, la vitamina B6, il selenio, i folati e la S-adenosil metionina (SAM)
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

Puoi usare nutrienti specifici per migliorare la salute mentale? Sì, puoi.

William Walsh, Ph.D., presidente dell'Istituto non profit Walsh Research Institute di Naperville, Illinois, e autore di "Nutrient Power: Heal Your Biochemistry and Heal Your Brain,” è specializzato in psichiatria basata sui nutrienti e in medicina nutrizionale.

Ha creato programmi nutrizionali per atleti olimpici, giocatori dell'NBA e giocatori di baseball della Major League. Ciò che è ancora più importante è che ha trascorso gran parte della sua carriera cercando di migliorare la salute mentale attraverso la nutrizione.

La biochimica e il cervello criminale

Walsh ricevette preziosi indicazioni dopo aver incontrato il dott. Carl Pfeiffer, che stava lavorando sui metalli pesanti e la schizofrenia. A quanto pare nei criminali, i livelli di metalli come rame, zinco e manganese, erano tutti anormali in confronto a quelli della popolazione generale.

Walsh scoprì quattro tipi biochimici di persone violente. Tra questi c'erano i sociopatici, che avevano tutti gravi insufficienze di zinco, pirroluria, bassa spermina nel sangue e ipometilazione. Nell'insieme, un'insolita combinazione di pessima biochimica.

Un'indagine collaborativa con Pfeiffer ha portato a terapie nutrizionali per ciascuno dei tipi comportamentali.

La pirroluria è una condizione da stress comunemente riscontrata nei disturbi cerebrali. Un test delle urine sviluppato dall'esperto di niacina Abram Hoffer e Pfeiffer è il punto di riferimento per questa condizione genetica, che implica un'alterazione della biochimica nel midollo osseo e nella milza.

Le persone affette da pirroluria possono produrre da 5 a 10 volte più pirroli del normale: un sottoprodotto delle reazioni naturali, come la formazione di emoglobina. Sebbene in sé e per sé siano innocui, i pirroli si legano a, e attirano, tutto ciò che è un aldeide, come la vitamina B6. Inoltre esauriscono aggressivamente lo zinco.

Di conseguenza, le persone con pirroluria presentano livelli eccezionalmente bassi di B6 e zinco, il che può avere gravi effetti sulla funzione cerebrale, influenzando la memoria e capacità di leggere, per esempio. La carenza di vitamina B6 è abbastanza comune anche tra i bambini con disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD).

Quantità eccessive di rame sono associate ad autismo, schizofrenia e depressione post-partum

Il rame è un'altra importante traccia di metallo, perché svolge un ruolo diverso nella sintesi della norepinefrina, un importante neurotrasmettitore. Il rame duale (Cu2 +) è un fattore importantissimo nel rapporto tra dopamina e norepinefrina.

Studi animali hanno dimostrato che quando gli animali sono a corto di rame fino ad averne solo il 25% della normale quantità nel sangue, il rapporto tra norepinefrina e dopamina aumenta di più di tre volte. La maggior parte di noi ha la capacità di controllare il rame omeostaticamente. Tuttavia, alcuni non ce l'hanno.

Come misurare i livelli di zinco e rame

Generalmente gli esperti di zinco concordano sul fatto che lo zinco plasmatico è la misura più accurata. Il test del gusto vale un po' di meno, ma è tra i meno affidabili. Per misurare con precisione il rame, il metodo giusto è il rame sierico, e la maggior parte dei laboratori in tutto il mondo svolge buone analisi del rame.

Walsh consiglia di eseguire contemporaneamente un test per la ceruloplasmina, perché così puoi determinare i tuoi livelli di rame radicale libero, che ti dà una buona indicazione del tuo livello di stress ossidativo. Anche un test della proteina C-reattiva (CRP) ad alta sensibilità sarebbe utile anche come marker dell'infiammazione.

Purtroppo, il nostro stile di vita moderno promuove tantissimo lo stress ossidativo, con alcuni fattori potenti come cibi processati, oli vegetali raffinati, carboidrati netti e proteine eccessive. Questo tipo di dieta provoca una riduzione dei chetoni e un aumento radicale delle specie reattive dell'ossigeno e dei radicali liberi secondari.

L'esposizione ai campi elettromagnetici non nativi, al glifosato e altri pesticidi, all'acqua contaminata con fluoro, e altre esposizioni tossiche non fanno che peggiorare il problema. Tipicamente, i livelli di rame e ceruloplasmina tendono ad andare di pari passo, perché sono alti o bassi contemporaneamente.

Il livello ideale di rame, in termini di salute mentale, è compreso tra 75 e 100 microgrammi per decilitro (mcg/dl) in siero. La quantità ideale di ceruloplasmina dipende da qualunque sia il tuo livello di rame.

Idealmente, la percentuale di rame nella ceruloplasmina dovrebbe essere compresa tra l'85% e il 90%. "Fare entrambe le cose contemporaneamente è davvero ottimo, perché poi hai una buona immagine non solo della situazione del rame, ma anche del livello di stress ossidativo", afferma Walsh.

I metalli pesanti e il cervello autistico

Walsh ha testato 6.500 pazienti autistici. Come gruppo, hanno livelli di metalli tossici molto più alti rispetto ai loro fratelli o alla popolazione generale. Walsh crede che il loro carico tossico sia probabilmente dovuto a una predisposizione innata che li rende più propensi ad accumulare tossine e/o essere vulnerabili agli effetti delle tossine.

"Migliaia di genitori, forse più della metà, hanno raccontato la triste storia di un figlio che si stava sviluppando normalmente, stava cominciando a parlare, cantava e affascinava i nonni. Poi forse il bambino si è ammalato.

Lo hanno portato da un pediatra e il pediatra (ho sentito questa storia centinaia di volte) ha detto: 'Oh, sei indietro con le iniezioni. Sei indietro con i vaccini'. Così hanno portato il figlio a fare diversi vaccini, a quel tempo, con thimerosal e mercurio.

Centinaia di famiglie hanno detto che in un giorno o due, il loro bambino è cambiato per sempre. Aveva perso completamente la parola, la personalità era cambiata, si era ammalato. Era diventato intollerante al cibo che gli davano. Ormai era solo un piccolo essere umano disturbato.

Quando sono andati dagli specialisti, alla fine si sono ritrovati con una diagnosi di autismo e si sono sentiti dire che era incurabile e non c'era davvero speranza di guarigione. Abbiamo visto tantissima infelicità umana solo parlando con queste famiglie. È una cosa semplicemente scioccante e terribile".

Walsh sospetta che i bambini autistici abbiano un'insufficienza di antiossidanti naturali come il glutatione e la metallotioneina, il che li rende più vulnerabili agli effetti delle esposizioni ambientali, compresi i vaccini e una dieta povera.

Vale la pena notare che 1 bambino su 3 con diagnosi di autismo non soffre del vero autismo causato da variazioni epigenetiche.

Molti di questi bambini hanno buone possibilità di guarigione, mentre il classico autismo di Kanner è una condizione epigenetica permanente per tutta la vita (prende il nome da Leo Kanner, che ha scoperto l'autismo negli anni '40), anche se in questi casi è possibile ottenere un miglioramento in qualche misura.

Il Thimerosal

Walsh ha inoltre indagato la questione del thimerosal, alla ricerca di prove di tossicità da mercurio nel cervello dei bambini autistici. Infatti, è stata la prima persona a misurare effettivamente il mercurio nei cervelli autistici.

È riuscito ad ottenere campioni di tessuto cerebrale dalla Johns Hopkins, e utilizzando l'istituto dell'Argonne chiamata Advanced Photon Source, ha eseguito oltre 1 milione di analisi chimiche sul tessuto cerebrale da bambini autistici e non autistici. Tutti i bambini autistici analizzati avevano ricevuto vaccinazioni contenenti Thimerosal.

Ad ogni modo, non fu trovato mercurio nel tessuto cerebrale. Una spiegazione di ciò è che i test sono stati eseguiti anni dopo le vaccinazioni. L'emivita del mercurio nel corpo umano è di 42 giorni. L'emivita dell'etile o del metilmercurio nel cervello è di 70 giorni.

La terapia nutritiva di promozione della metallotioneina per l'autismo

Il fatto che i bambini autistici tendano ad avere squilibri di rame e zinco incredibili significa che la proteina metallotioneina non funziona. La metallotioneina è necessaria per il controllo omeostatico di rame e zinco.

Walsh ha sviluppato una terapia nutritiva di promozione della metallotioneina: una formulazione di 22 nutrienti noti per migliorare l'espressione genetica e il funzionamento della metallotioneina. Questo protocollo è stato utilizzato su più di 2.000 pazienti autistici, con miglioramenti misurabili nei risultati.

"I più importanti antiossidanti cerebrali sono piuttosto diversi rispetto al resto del corpo. Io li chiamo i tre moschettieri. Sono il glutatione, la metallotioneina e il selenio. Sono specifici per il cervello", spiega lo studioso.

Tecnicamente, di per sé il selenio non è un antiossidante, ma aumenta i livelli di glutatione e migliora la funzione della metallotioneina e, nel cervello, il glutatione e la metallotioneina agiscono insieme. Il glutatione è la tua prima linea difensiva.

Il problema è che in genere i bambini autistici hanno un'alimentazione povera (è difficile farli mangiare qualsiasi cosa) e con il sovraccarico ossidativo, il glutatione si esaurisce velocemente. Quando il cervello è a corto di glutatione, il livello di metallotioneina aumenta.

"Se non hai glutatione ossidato la metallotioneina non funziona. È una situazione di stretta correlazione. È il sistema di backup per il glutatione nel cervello, e sappiamo che senza selenio, l'intero sistema non funziona bene", spiega Walsh.

Io assumo selenio tutti i giorni. È un minerale traccia, quindi non te ne serve molto, circa fino a 200 mcg al giorno, e devi assolutamente stare attento a non prenderne troppo. Come evidenziato da Walsh, tra tutti i metalli in traccia, il selenio ha la linea più sottile tra carenza e sovraccarico, quindi quando si assume un integratore bisogna fare attenzione.

Anche lo zinco deve essere normalizzato, poiché è il fattore numero uno che consente alla metallotioneina di funzionare e supportare il glutatione. Secondo Walsh, per la salute mentale e fisica, è necessario un livello di zinco plasmatico tra 90 e 130 mcg/dl.

Molti malati mentali sono geneticamente deboli nella normalizzazione dello zinco; sono nati con una carenza di zinco e hanno bisogno di quantità molto più elevate di quelle tipiche per mantenere un livello di zinco sano.

Cambiando il volto della psichiatria

Walsh è convinto che alla fine l'uso di farmaci psichiatrici svanirà man mano che scopriamo di più sulla normalizzazione della funzione cerebrale attraverso gli interventi nutrizionali. "Questi potenti farmaci... non normalizzano il cervello. Causano una condizione anormale", mette in guardia.

"Potrebbero correggere la depressione o l'ansia, ma ci si ritrova con qualcosa che non è normale".

Il Walsh Research Institute è un ente di beneficenza pubblico senza interessi finanziari, e sta lentamente ma inesorabilmente aiutando a cambiare la psichiatria tradizionale. Walsh ha tenuto conferenze ai più alti livelli, tra cui all'ufficio del chirurgo generale degli Stati Uniti, al Senato degli Stati Uniti e all'Istituto Nazionale per la Salute (NIH).

Ha anche parlato diverse volte alle riunioni annuali dell'American Psychiatric Association (APA).

"L'ultima volta che ci sono andato, mi hanno finalmente ascoltato... ci sono stato circa due anni e mezzo fa. Fui invitato a parlare di depressione. In sostanza gli ho spiegato che stavano affrontando male la depressione. Mi hanno ascoltato davvero.

Ho mostrato loro il nostro enorme database di chimica e ho spiegato che la depressione è un nome dato ad almeno cinque disturbi completamente diversi, ciascuno dei quali comporta sintomi diversi e coinvolge diversi neurotrasmettitori che funzionano male.

Poi ho descritto ciascuno di questi biotipi e gli ho mostrato che in realtà se avessero semplicemente fatto alcuni esami del sangue e delle urine poco costosi, avrebbero potuto identificare chi era un buon candidato per gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) o per chi sarebbero state meglio le benzodiazepine, ma cosa ancora più importante, come potevano intervenire con i nutrienti".

Perché gli SSRI inducono violenza

Uno dei principali problemi con gli antidepressivi SSRI è il rischio di effetti collaterali quali autolesionismo e aggressività. I depressi sovrametilati e con bassi livelli di folati sono intolleranti agli SSRI, e le prove suggeriscono che questa intolleranza genetica potrebbe essere stata un fattore scatenante di molte sparatorie nelle scuole.

Walsh, che ha studiato questo fenomeno, sottolinea che 42 delle 50 principali sparatorie nelle scuole degli Stati Uniti dal 1990 sono state fatte da adolescenti o giovani adulti che assumevano SSRI.

"Ne ho discusso... prima dell'APA... ho provato a spiegare che... si possono fare esami del sangue; si può scoprire quali bambini o quali adulti sono più propensi a diventare violenti con l'assunzione di SSRI. Ho scritto diverse volte su questo argomento; ho pubblicato su riviste...

Se compri Prozac o Paxil, le indicazioni contenute avvertono che alcune persone... sono inclini a un comportamento suicida o omicida. Ora sappiamo quali sono!"

+ Fonte e riferimenti