Spesso la dieta chetogenica è meglio dei farmaci per la cura dell'epilessia

trattamento epilessia

La storia in breve -

  • Un passo verso il domani, un film ispirato a una storia vera diretto da Jim Abrahams, racconta del successo delle cure di un bambino con una grave forma di epilessia attraverso una dieta chetogenica
  • I bambini che soffrono di epilessia spesso si liberano delle convulsioni anche dopo aver interrotto una dieta chetogenica, e alla fine molti riescono a riprendere un'alimentazione normale
  • Una dieta chetogenica si è inoltre rivelata efficace nel trattamento della SLA, dell'autismo, del cancro, del morbo di Parkinson e del diabete di tipo 2, ma sono solo le persone gravemente malate a trarne beneficio
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

"Un passo verso il domani", un film diretto da Jim Abrahams, ispirato a una storia vera, racconta del successo delle cure di un bambino con una grave forma di epilessia attraverso una dieta chetogenica. Prima della scoperta romanzata della dieta da parte della famiglia, il figlio più giovane, Robbie, aveva assunto molti farmaci, alcuni dei quali gli avevano causato stitichezza, febbri, eruzioni cutanee e altri effetti collaterali dannosi, incluso almeno un episodio di pre-morte.

Alcuni aspetti della trama rispecchiano l'esperienza dello stesso Abrahams con il figlio piccolo Charlie, che fa una breve apparizione nel film come uno dei compagni di gioco di Robbie in ospedale. Charlie fu diagnosticato con l'epilessia quando aveva appena 11 mesi. Come la madre del film, interpretata da Meryl Streep, dopo aver guardato suo figlio soffrire molteplici crisi quotidiane, incidenti e infortuni, e dopo aver provato un mucchio di medicinali, con un po' di ricerca personale Abrahams scoprì la dieta chetogenica.

Come il bambino del film, in un solo mese di dieta, Charlie si liberò delle convulsioni e dei farmaci. Charlie continuò a seguire la dieta chetogenica per cinque anni, dopodiché tornò a mangiare normalmente, e da allora non ebbe più convulsioni. "Un passo verso il domani" ti darà un'idea dell'intensità e della disperazione che spesso accompagna le malattie gravi. In più avrai un assaggio del carico psicologico e finanziario subito dalle famiglie che affrontano una grave emergenza sanitaria.

Inoltre, il film mette in risalto il danno regolarmente inflitto da medici e aziende farmaceutiche attraverso quelle che possono sembrare congetture e procedure per tentativi ed errori associati al trattamento di problemi di salute complessi. Se hai avuto dubbi del fatto che vale la pena andare oltre la medicina convenzionale, "Un passo verso il domani" ti ricorderà che i cosiddetti "approcci alternativi", come la dieta chetogenica, in realtà sottolineano il valore del buon vecchio buon senso quando si tratta di ottimizzare la propria salute.

Perché i farmaci sono spesso la prima scelta nel trattamento dell'epilessia?

Come forse saprai, l'epilessia è un disturbo neurologico caratterizzato da scariche elettriche anormali nel cervello che provocano le convulsioni. Questi brevi episodi improvvisi possono essere intensi e sono generalmente caratterizzati da diminuzione di conoscenza, convulsioni e movimenti involontari. Secondo la Epilepsy Foundation l'epilessia è la quarta malattia neurologica più diffusa, e si stima che ne siano affette 65 milioni di persone in tutto il mondo.

Secondo la Mayo Clinic, i medicinali sono il primo e più comune trattamento utilizzato per l'epilessia. Purtroppo, ci vuole tempo e sperimentazione per trovare un farmaco che vada bene, e questi medicinali sono spesso accompagnati da effetti collaterali spiacevoli che possono fare più male che bene.

Alcuni degli effetti collaterali vanno da meno gravi (affaticamento, eruzioni cutanee e aumento di peso) a più gravi: depressione, infiammazione degli organi vitali, come il fegato, e comportamento suicida. Nel film, dopo aver notato che uno degli altri bambini nel reparto ospedaliero del figlio Robbie era morto, presumibilmente per la terapia data per l'epilessia, che includeva un intervento al cervello, il personaggio della Streep si arrabbia. Urlando ai medici di suo figlio e ad altri due dipendenti dell'ospedale, afferma:

"Qui c'è qualcosa che non va. C'è qualcosa di molto, molto, molto sbagliato! Ho portato mio figlio da voi per avere aiuto, e non avete fatto altro che farlo stare peggio. Gli avete dato un farmaco, e poi ne è servito un altro per guarire gli effetti del primo. E poi c'è voluto un altro farmaco per curare gli effetti di quell'altro. E un altro ancora e un altro ancora e un altro ancora. Insomma, ha avuto un'eruzione cutanea, ghiandole gonfie, febbre, costipazione, emorroidi, gengive sanguinanti, e si comporta come un ubriaco, uno zombie, uno psicopatico. E non per colpa della malattia. È per colpa della vostra cura!"

Se i farmaci non funzionano, come nel caso di Robbie, altri potenziali interventi per chi soffre di epilessia includono:

  • La chirugia — Se le convulsioni hanno origine in una piccola area del cervello ben definita che non interferisce con funzioni vitali come l'udito, la funzione motoria o la parola, può essere possibile rimuovere chirurgicamente l'area sospettata di essere la fonte dei tuoi attacchi
  • La stimolazione del nervo vago — L'impianto di un generatore di impulsi simile a un pacemaker stimola il nervo vago, stabilizzando l'attività elettrica anormale nel cervello; tale trattamento ha dimostrato di ridurre le convulsioni dal 20% al 40%
  • La dieta chetogenica — Una dieta con un'elevata quantità di grassi sani e povera di carboidrati che, in caso di epilessia, deve essere strettamente monitorata e supervisionata da un medico, funziona per qualcuno, ma non per tutti.

La dieta chetogenica e il digiuno intermittente: una combinazione potente

Una dieta chetogenica consiste nel minimizzare i carboidrati e rimpiazzarli con grassi sani e un'adeguata quantità di proteine di alta qualità. Io consiglio a tutti una dieta chetogenica ciclica o mirata, in cui una volta che si è in grado di bruciare grassi come fonte di energia si aumentano i carboidrati e le proteine nei due o tre giorni alla settimana in cui si svolge un allenamento di forza.

Credo che sia sana per la maggior parte degli individui, che abbiano un problema di salute cronico o meno. Lo dico perché la dieta chetogenica ti aiuterà a ottimizzare la salute facendoti passare dal bruciare carboidrati a bruciare grassi come fonte principale di energia.

Uno degli effetti collaterali più diffusi del bruciare zuccheri è che si finisce per sviluppare resistenza all'insulina e alla leptina, che sono alla base della maggior parte delle malattie croniche. Tieni presente che adottare la dieta chetogenica insieme al digiuno intermittente potrebbe migliorare i tuoi risultati. Il digiuno intermittente è una delle strategie più efficaci che conosco per far passare dal bruciare zuccheri al bruciare grassi come fonte principale di energia.

Anche se ci sono molte strategie diverse, la mia preferita (e quella che ho usato personalmente per adattarmi a bruciare grassi) è semplicemente limitare i momenti in cui mangi a una finestra di sei-otto ore, per cui digiunerai per circa 16-18 ore al giorno. Attualmente ho aumentato il tempo a 20-21 ore di digiuno.

Questo tipo di digiuno intermittente può essere utile anche come modalità per aiutarti ad effettuare una transizione graduale alla dieta chetogenica, perché aiuta il corpo a porre fine alla dipendenza dal glucosio. Infatti, l'eliminazione delle voglie di zuccheri è uno degli effetti collaterali più graditi del digiuno intermittente. Se sei in sovrappeso e hai una malattia grave, allora credo che fare un digiuno di sola acqua per una settimana o più è probabilmente la scelta migliore.

Diffondere il messaggio sulla dieta chetogenica per i bambini con l'epilessia

Dopo aver scoperto la dieta chetogenica e aver visto come ha trasformato la vita di suo figlio, nel 1994 Abrahams e sua moglie hanno lanciato la Charlie Foundation per aiutare a curare l'epilessia pediatrica. Dopo che l'organizzazione ha ampliato la sua missione e ha cercato di applicare la dieta a condizioni come la SLA, l'autismo, il cancro, il morbo di Parkinson e il diabete di tipo 2, è stata ribattezzata The Charlie Foundation for Ketogenic Therapies.

Dopo la sua creazione, la Fondazione ha confermato:

  • Migliaia di volte il valore della dieta chetogenica, attraverso aneddoti, nonché con uno studio controllato randomizzato, per il successo del trattamento dell'epilessia
  • Il miglioramento delle crisi incontrollate nei bambini e negli adulti, con molte persone in grado di liberarsi di convulsioni e farmaci e di tornare a una dieta normale
  • Lo sviluppo di versioni meno restrittive della dieta chetogenica affinché sia utilizzata da una porzione più grande della popolazione epilettica mondiale
  • La presenza di oltre 200 ospedali in tutto il mondo con programmi di dieta chetogenica, che include l'obbligo per tutti i centri di trattamento per l'epilessia di livello avanzato negli Stati Uniti di fornire una terapia alimentare chetogenica
  • La creazione di nuove applicazioni della dieta chetogenica per la SLA, l'autismo, il cancro, il morbo di Parkinson e il diabete di tipo 2

Come iniziare a seguire una dieta chetogenica

Come vedrai tra poco, la dieta chetogenica consigliata agli epilettici è simile a ciò che potrebbe essere considerato il modo ideale di mangiare per la maggior parte delle persone. In effetti, credo che una dieta chetogenica ciclica possa essere molto utile per la stragrande maggioranza delle persone, da sola o in combinazione con il digiuno intermittente.

La differenza principale tra qualcuno alle prese con una malattia cronica come l'epilessia o il cancro e le persone a cui non è stata ancora diagnosticata una malattia cronica dipende da quanto rigorosamente si deve seguire e per quanto tempo si deve mantenere questo tipo di regime.

Credo che le seguenti linee guida alimentari ti saranno utili, specialmente se stai cercando di perdere peso in eccesso. Inizia a:

  1. Evitare gli alimenti trasformati, gli zuccheri raffinati e il fruttosio processato oltre i 15 grammi al giorno, e i cereali
  2. Mangiare cibi integrali, preferibilmente biologici, e limitare, o meglio ancora eliminare, tutti i cibi trasformati
  3. Sostituire i carboidrati dei cereali con grandi quantità di verdure biologiche, quantità elevate di grassi sani e quantità da basse a moderate di proteine di alta qualità; di seguito troverai ulteriori informazioni sulle proteine
  4. Mangiare grassi sani di alta qualità per un totale di circa il 50-85% della tua dieta (grassi saturi e monoinsaturi derivati da animali e oli tropicali) tra cui i seguenti:

Grassi omega 3 derivati da animali come l'olio di krill e pesci grassi piccoli come sardine e acciughe

Avocado

Burro derivato da latte biologico di animali nutriti con erba

Burro di cacao (grezzo)

Cocco e olio di cocco

Latticini (crudi, di animali nutriti con erba)

Ghi, anche noto come burro chiarificato

Lardo e sego

Carne (di animali nutriti con erba, biologica)

Frutta a guscio (cruda), come noci di Macadamia e noci pecan

Olive e olio d'oliva

Tuorli d'uovo biologici e pastorizzati

Semi come il sesamo nero, semi di cumino, di zucca e canapa

Oli di nocciola biologici non riscaldati

Salmone selvaggio dell'Alaska

Mangi troppe proteine?

La logica che sta alla base del limitare le proteine è importante. Quando si consuma una quantità eccessiva di proteine, si attiva il percorso mTOR (target della rapamicina nei mammiferi), che può aiutarti a ingrandire i muscoli, ma può anche aumentare il rischio di cancro. C'è anche una ricerca che suggerisce che il gene mTOR sia un regolatore significativo del processo di invecchiamento. Sopprimere questo gene sembra essere associato a una vita più lunga.

Due considerazioni extra sull'epilessia

Anche se non funziona per forza per tutti, sostengo incondizionatamente la chetosi ciclica o mirata come prima linea di trattamento per l'epilessia e per la maggior parte delle altre malattie croniche. È particolarmente utile se stai cercando un'alternativa senza farmaci o se hai trovato farmaci più dannosi che utili per gestire i tuoi attacchi. Detto questo, altre due considerazioni che voglio fare che potrebbero aiutarti a gestire le convulsioni sono:

Olio di cannabis — I bambini affetti da epilessia possono spesso trovare un sollievo rapido con l'olio di cannabis, anche se i risultati variano, e non tutti i bambini risponderanno bene immediatamente. La dottoressa Margaret Gedde, proprietaria e fondatrice del Gedde Whole Health, un fornitore di servizi medici a base di marijuana medica con sede in Colorado, suggerisce che circa il 25% dei bambini epilettici sperimenta una significativa riduzione delle convulsioni entro giorni o settimane dall'uso di olio di cannabis.

Vitamina D — Poiché avere convulsioni frequenti può interferire con la capacità di uscire all'aperto ed esporsi al sole, gli epilettici possono avere una carenza di vitamina D. Alcuni farmaci antiepilettici possono interferire con il suo metabolismo, causandone anch'essi un'insufficienza.

Tutti ci meritiamo un trattamento medico di alta qualità e personalizzato. Non importa quale sia il parere medico o la diagnosi che hai ricevuto, io credo che tu possa migliorare la tua salute oggi semplicemente cambiando come e cosa mangi.