Mangia questi due cibi solo se vuoi invecchiare più velocemente e morire più giovane?

Ciotola di riso

La storia in breve -

  • Il dibattito altamente informativo tra due dei principali esperti di raccomandazioni dietetiche a basso contenuto di proteine e carboidrati e ad alto contenuto di grassi, i dottori Ron Rosedale e Paul Jaminet, continua
  • Mentre il dott. Jaminet afferma che aggiungere alcuni "amidi sicuri" come patate e riso a una dieta a basso contenuto di carboidrati può migliorare sensibilmente la salute, il dott. Rosedale non è d'accordo, poiché questi alimenti creano notevoli aumenti di glucosio nel sangue e dei livelli di insulina
  • Il consumo di amidi come le patate e il riso aumenterà in qualche modo il livello di zucchero nel sangue, il che significa che in una certa misura sarà dannoso per tutti Più la glicemia si alza, più danni si fanno
  • La restrizione di carboidrati più ferrea e a lungo termine, come sostenuto dal Dott. Rosedale, sembra essere un fattore principale
  • Quando "fai morire di fame" il tuo corpo di zuccheri e carboidrati amidacei, inizia ad abituarsi a bruciare acidi grassi e corpi chetonici. I chetoni sono ciò che il corpo produce quando converte il grasso (invece che il glucosio) in energia: un processo benefico che sembra promuovere la longevità
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

Paul Jaminet, dottore di ricerca, è un astrofisico del MIT e Berkley con un forte interesse per la salute e l'alimentazione, iniziato dopo aver avuto problemi di salute personali che non rispondevano alla medicina convenzionale.

Lui e il Dott. Ron Rosedale, dottore in medicina, hanno recentemente avuto un vivace dibattito su Internet sulla possibilità che "gli amidi sicuri" migliorino la salute.

Il Dott. Jaminet ritiene che i carboidrati derivanti da amidi come patate e riso cotto siano "amidi sicuri" salutari che, se completamente evitati, possono portare a "carenza di glucosio".

Il Dott. Rosedale non è d'accordo.

Secondo il Dott. Rosedale, tutti gli zuccheri e gli alimenti che si convertono in zucchero, se mangiati, avranno un effetto dannoso.

Egli sostiene che anche se una ciotola di carboidrati del riso al giorno può sembrare una piccola quantità, può comunque fare una grande differenza in termini di salute, specialmente per le persone con malattie come il diabete e le malattie cardiache.

È un argomento controverso

Come vedrai dando uno sguardo al sito web del Dott. Jaminet, non è d'accordo con la supposizione del Dott. Rosedale, e crede che il glucosio svolga effettivamente alcune funzioni utili. Abbiamo solo un deposito limitato di glicogeno e se lo esauriamo potremmo stressare altri sistemi affinché forniscano il glucosio che il nostro corpo ha bisogno per svolgere le sue funzioni.

Per come la vedo io, per la maggior parte delle persone questo non è per niente un problema, visto che non si avvicinano neanche al suggerimento del Dott. Jaminet di ridurre le calorie dei carboidrati dal 50% standard che la maggior parte delle persone consuma, al 20-30 percento delle calorie totali da carboidrati.

La chiave è sostituire i carboidrati con grassi sani come avocado, olio di cocco, tuorli d'uovo, burro biologico di animali nutriti con erba, olive e noci.

Sarebbe meglio non usare oli omega 6 altamente trasformati e geneticamente modificati come quelli di mais, colza e soia, poiché potrebbero alterare il rapporto omega 6/3. Ovviamente vuoi evitare tutti i grassi trans, ma contrariamente ai consigli popolari, i grassi saturi possono essere davvero ottimi per te.

Io credo che la dieta del Dott. Jaminet, come evidenziato nel suo libro Perfect Health Diet, possa davvero migliorare la tua salute, e che la maggior parte delle persone si accorgerebbero di trarne beneficio.

Mi piace il fatto che si evolva e cambi continuamente, e che mostri la volontà di confrontare attentamente le sue raccomandazioni con la letteratura.

Come gradini della stessa scala...

Se ti interessa esplorare l'uso dell'alimentazione per estendere la durata della vita, allora la dieta del Dott. Rosedale, che limita ancora di più i carboidrati, si è dimostrata simulare gli effetti biologici della restrizione calorica (che comporta più in particolare un prolungamento della vita, come rivelato da ricercatori come Cynthia Kenyon), senza effettivamente ridurre le calorie.

Credo che il Dott. Rosedale possa aver ragione quando afferma:

"Quello che sta diventando chiaro è che una dieta ricca di grassi, che credo sia di gran lunga superiore alle diete povere di carboidrati e povere di grassi, deve essere accompagnata da un consumo di carboidrati (senza fibre) molto basso, in modo che si realizzino i benefici sulla salute più profondi". [sottolineatura mia]

È importante realizzare che non siamo necessariamente "programmati" per vivere vite molto lunghe e sane. Siamo programmati per una riproduzione sana, ma una volta terminati gli anni della riproduzione, alla natura non importa molto di estendere la nostra sopravvivenza...

Tuttavia, come sottolinea il Dott. Rosedale, possiamo usare ciò che sappiamo sui segreti della natura per mantenere il nostro corpo abbastanza sano per la riproduzione e applicare quei segreti ai nostri anni post-riproduttivi.

Per farlo, tutto ciò che ci serve è la migliore scienza attualmente disponibile sulla longevità e l'estensione della vita, di cui la scienza della restrizione drastica dei carboidrati è una delle cose più importanti.

Il danno del glucosio è indiscutibile

Uno dei primi diverbi tra il Dott. Jaminet e il Dott. Rosedale sulle loro diete riguardava se ci fossero o no livelli di glucosio al di sotto dei quali non sarebbe avvenuto nessun danno.

Il Dott. Jaminet ritiene (erroneamente, secondo il dott. Rosedale) che è possibile soffrire di effetti nocivi dovuti al fatto che il glucosio è troppo basso, quindi una "carenza di glucosio".

Secondo il Dott. Rosedale:

"...Il supporto che Jaminet riesce a ottenere dagli altri articoli che presenta, deriva semplicemente dalla sua improbabile supposizione che, visto che i picchi di glucosio non sono stati misurati, non devono essere mai andati oltre i 140 mg/dl.

Ulteriore "supporto" era solo secondario a un grande errore nella conversione tra sangue e glucosio plasmatico".

Il Dott. Rosedale sottolinea che, poiché il consumo di glucosio provocherà sicuramente picchi glicemici e aumenterà l'insulina e la leptina, promuovendone la resistenza, il consumo di glucosio è sempre associato a qualche grado incrementale di danno e/o aumento del rischio di mortalità.

"Credo che l'unica conclusione che si può trarre da questi studi e da quelli correlati che sono stati presentati sia la stessa conclusione degli autori, cioè che il digiuno e il glucosio al di sopra di un certo numero in 2 ore, 100 mg/dl ?, 105 mg/dl?, è associato ad un certo livello incrementale di danni e/o alla mortalità, e questo numero è di gran lunga inferiore ai 140 mg/dl che Jaminet ritiene sicuri", afferma.

Inoltre,

"Non si possono riporre le proprie speranze nel fare solo ciò che è naturale", afferma il Dott. Rosedale". La morte post-riproduzione è estremamente naturale. Possiamo solo fare affidamento sulla scienza, in particolare sulla scienza della biologia dell'invecchiamento, per mostrare come vivere una lunga vita post-riproduzione...

Aumentare ripetutamente l'insulina e la leptina ha conseguenze estremamente negative che ritengo siano strumentali all'inizio di quasi tutte le malattie croniche dell'invecchiamento e di fatto accelerando l'invecchiamento stesso.

L'interesse della natura per noi arriva fino a un certo punto: cioè fin quando dobbiamo essere sani per riprodurci con successo, dopodiché perde interesse. Anche morire è naturale, ma stiamo leggendo questo per evitare questo evento naturale.

Non ho scrupoli nel dire che ciò che faccio, e insegnare ad essere sani, è piuttosto innaturale, perché si tratta di un tentativo di vivere una vita lunga, felice e giovanile dopo aver fatto figli".

Il glucosio è necessario per la funzione immunitaria?

Il Dott. Jaminet, d'altro canto, sostiene che abbiamo bisogno di destrosio, sulla base della sua convinzione che il glucosio derivante da certi cibi amidacei sia necessario per la produzione di muco, per la preservazione della barriera intestinale e per la funzione immunitaria (circa l'80% della quale ha origine nel tuo intestino).

Secondo Jaminet:

"Con le diete a basso contenuto di carboidrati, specialmente se l'assunzione di proteine è limitata, si può ridurre significativamente la produzione di muco e compromettere l'integrità della mucosa e della barriera intestinale."

Ma è anche importante capire che sia gli amidi che gli zuccheri alimentano gli agenti patogeni, e che il malassorbimento del fruttosio è abbastanza comune nelle malattie intestinali. Anche gli alimenti amidacei ricchi di fibre tendono a essere problematici per le persone con disturbi intestinali.

A queste persone, il Dott. Jaminet consiglia spesso destrosio o sciroppo di riso. Ma in realtà, vista la diversità dei patogeni, non esiste una prescrizione universale sicura, e riconosce anche questo.

Secondo il Dott. Jaminet:

"Le diete con zero carboidrati sono potenzialmente problematiche per via della carenza di glucosio o per il fatto che la chetosi favorisce determinati patogeni e, per ogni data fonte di carboidrati, c'è un agente patogeno che può prosperare su esso".

La dieta GAPS

Un'altra dieta simile a quelle di Jaminet e Rosedale è la dieta GAPS, creata dalla Dott.ssa Natasha Campbell-McBride.

Secondo il Dott. Jaminet, alcune persone hanno riferito che dopo aver aggiunto i suoi "amidi sicuri" (patate e riso) alla dieta GAPS la loro salute è migliorata (questa dieta mira specificatamente a guarire l'intestino e ristabilire il corretto equilibrio della flora intestinale).

Secondo il Dott. Jaminet:

"La GAPS si è inserita nel mio discorso in risposta a una domanda che qualcuno ha fatto. Recentemente due miei pazienti hanno seguito una dieta GAPS e hanno riportato che quando vi hanno aggiunto gli amidi, in linea con le nostre raccomandazioni, la loro salute è migliorata e sono riusciti a eliminare i problemi intestinali persistenti, tra cui le infezioni fungine.

Naturalmente non so quanto fedelmente stessero seguendo le raccomandazioni della Dott.ssa Campbell-McBride, ma penso che i loro casi illustrino le osservazioni fatte negli ultimi due paragrafi. Ogni patologia è unica, e le diete devono essere fatte su misura per le necessità individuali", sostiene

"Ho il massimo rispetto per la dottoressa Campbell-McBride e sono ben consapevole delle molte persone che la sua dieta ha aiutato. Spero che nessuno pensi che io stia in alcun modo denigrando la sua dieta o il suo prezioso lavoro.

Ho potuto partecipare a una parte del suo discorso a Wise Traditions e ho pensato che fosse il discorso più prezioso ascoltato alla conferenza".

La mia valutazione

Sembrano esserci prove evidenti del fatto che l'aumento cronico della glicemia aumenta l'insulina e la leptina, il che a sua volta aumenterà la resistenza all'insulina e alla leptina. Ed evitare la resistenza all'insulina e alla leptina è forse il fattore più importante se si cercano la salute e la longevità ideale.

Detto questo, il livello a cui scegli di ridurre lo zucchero e i carboidrati, in ultima analisi, sta a te. E alcune differenze biochimiche individuali possono rendere una dieta migliore per te rispetto ad altre.

La cosa fondamentale è essere consapevole del fatto che mangiare zucchero, cereali e amidi promuoverà la resistenza all'insulina più o meno intensamente, a seconda della quantità che si consuma.

Se stai cercando un piano alimentare basato su una scienza solida, ti consiglio caldamente il libro del Dott. Jaminet Perfect Health Diet. Il tuo obiettivo sarà quello di ottenere fino al 50-70% delle calorie giornaliere dai grassi sani, che ridurrà radicalmente l'assunzione di carboidrati.

Seguendo questo approccio probabilmente la maggior parte delle persone noterà un enorme miglioramento della propria salute, perché consumano MOLTI più carboidrati di cereali e fagioli, e qualsiasi riduzione sarà un passo nella giusta direzione.

Ma, se stai cercando di avanzare al livello successivo, allora segui i suggerimenti del Dott. Rosedale e cerca di eliminare quasi tutti i carboidrati senza fibre. Questo può essere molto difficile da implementare ma può fornire risultati eccezionali.

Qualunque siano le scelte alimentari che fai, ricorda di ascoltare SEMPRE il tuo corpo, perché ti farà capire se quello che stai facendo è giusto per la tua biochimica e genetica unica. Perciò fai attenzione alla sua reazione, e adatta il tuo programma di conseguenza.

+ Fonte e riferimenti