Migliori consigli per prevenire e trattare le bollicine da rasoio

bollicine da rasoio

La storia in breve -

  • Le bollicine da rasoio sono anche chiamate pseudofollicolite della barba. Potresti anche ridurne il numero esfoliando la pelle morta prima di rasarti e preparare la pelle stessa inumidendola e usando una lozione lubrificante o un gel; prendi in considerazione un rasoio elettrico visto che una rasatura con una lametta aumenta il rischio
  • I rasoi sono pensati per essere usati seguendo la grana di crescita del pelo, non contro di esso. Non stirare la pelle e assicurati di usare il minor numero possibile di passate per ridurre l'irritazione
  • Le bollicine da rasoio possono essere fastidiose e poco piacevoli, ma spesso spariscono da sole; individua presto l'infezione, cercando segni come aumento di rossore, dolore e pus. I casi di lieve entità possono essere trattati a casa con compresse calde diverse volte al giorno e una soluzione antisettica
Grandezza testo:

Del Dott. Joseph Mercola

Una maggiore attività di rasatura, la frizione e i peli ricci sono tutti fattori che aumentano il rischio di pseudofollicolite della barba, comunemente nota come bollicine da rasoio, peli incarniti.

Questa comune condizione della pelle in genere si verifica con la rasatura ed è una risposta infiammatoria attivata dai peli che restano intrappolati sotto la pelle. Detta condizione si nota soprattutto intorno alla zona della barba e al collo, ma potrebbe presentarsi in qualsiasi area in cui i peli vengono rasati o tirati con una pinzetta, tra cui le ascelle, la zona pubica, il viso e le gambe.

Esistono due condizioni che potrebbero infiammare i follicoli, la pseudofollicolite della barba e la follicolite della barba. La differenza sta nella causa che scatena l'infiammazione. Mentre la follicolite è scatenata da virus o da un'infezione batterica, la pseudofollicolite è un'irritazione dovuta alla rasatura e ai peli incarniti. Entrambe si aggravano quando soffri anche di un qualche tipo di dermatite.

Anatomia di un follicolo pilifero

I peli sono fatti di cheratina, una proteina strutturale fibrosa. Anche se ha una struttura semplice, ha una funzione importante. Sotto la pelle c'è un follicolo pilifero che fissa ogni singolo capello nella pelle. Alla base dei peli c'è un bulbo in cui le cellule vive si dividono e da cui costruiscono il pelo.

I vasi sanguigni forniscono ossigeno e sostanze nutritive al bulbo e gli ormoni responsabili di modificare il ritmo di crescita e la struttura. Anche se il ritmo è diverso a seconda della persona, e a volte anche in diverse fasi della vita, il ritmo di crescita medio è di un centimetro e mezzo al mese. Esistono tre cicli di crescita del pelo che spiegano perché potresti avere capelli di lunghezza diversa, anche se li hai tagliati tutti alla stessa lunghezza.

  • Anagen — questa è la fase di crescita quando le cellule della matrice del follicolo pilifero sono completamente pigmentate e stanno subendo una vigorosa attività di crescita. Le tre fasi non avvengono contemporaneamente in tutto il cuoio capelluto. La lunghezza di ogni fase varia dall'area del corpo e dall'età. Sul cuoio capelluto, la lunghezza media di questa fase è di 1.000 giorni e di tutti i capelli presenti sulla testa di una persona media, circa il 90% sono costantemente in fase anagen.
  • Catagen — durante la fase di transizione, la quantità di pigmento alla base del follicolo e l'attività di crescita diminuiscono. Durante la crescita normale, solo l'1% del capello si trova in fase catagen.
  • Telogen — in questa fase di riposo, il capello si stacca dal follicolo pilifero e cade. La radice può perdere o mantenere la pigmentazione. Un nuovo capello che cresce nel follicolo forzerà il capello in crescita a uscire e il ciclo inizia nuovamente.

Che cos'è un pelo incarnito?

Nella fase attiva di crescita, quando i peli vengono tagliati, continuano a ricrescere. Un pelo incarnito si arricciola di nuovo nella pelle piuttosto che crescere direttamente dalla superficie cutanea. Questo accade più comunemente in coloro che hanno i capelli grossi o ricci e si radono vicino alla pelle.

Il termine medico per l'infiammazione di un pelo incarnito è pseudofollicollicolite della barba. Anche se può accadere ovunque sul corpo, è più comune nelle zone dove i peli vengono rasati molto corti o c'è molto attrito.

Radersi con un rasoio standard porta la lama molto vicina alla pelle rispetto a un rasoio elettrico, aumentando la possibilità che il pelo cresca dentro la pelle mentre fuoriesce. Questi peli incarniti appaiono come bollicine scure o rosse che non sono proprio brufoli, ma all'apparenza potrebbe anche sembrare che abbiano del pus come un brufolo.

In alcuni casi, la pelle morta può forzare il pelo a crescere di lato sotto la pelle, piuttosto che dritto fino a fuoriuscire. Spesso, potrai vedere parte del pelo sotto la pelle. L'irritazione causata da un pelo incarnito produce una bollicina rossa in rilievo, o perfino un gruppo di bollicine che sembrano piccoli brufoli.

Potrebbero causare prurito, fastidio e irritazione. I peli incarniti sono più comuni negli uomini con una barba spessa, dura e riccia, ma in genere sono più comuni tra le donne, in cui si presentano sotto le ascelle e nella zona pubica.

Visto che appaiono in zone in cui c'è frizione o in cui il pelo è spesso e riccio, potrebbe essere necessaria una prevenzione continua per ridurre il numero di peli incarniti. Si verificano più di frequente durante la pubertà e si vedono raramente sulle palpebre e sulle cosce. Dal punto di vista medico sono innocui, ma potrebbero avere un alto impatto estetico e perfino portare a cicatrici e scolorimento della pelle.

Quando i peli vengono tagliati molto vicino o sotto l'apertura della pelle, la punta affilata del pelo può quindi forare la pelle mentre inizia a crescere. La ceretta, indossare vestiti stretti e rimuovere i peli con metodi aggressivi potrebbero aumentare il rischio di peli incarniti.

Trattare i peli incarniti in casa

È importante trattare i peli incarniti quando si presentano, poiché se il problema diventasse cronico, potrebbe portare a infezioni batteriche, scolorimento della pelle e cicatrici permanenti. Le bollicine da rasoio hanno grandezze diverse e anche se non c'è nulla che le faccia andare via subito, ci sono diverse strategie per aiutare la pelle a guarire più velocemente. Potrebbero anche aiutare a prevenirne il ritorno.

Ferma l'irritazione — Il primo passo è smettere di fare qualsiasi cosa che irriti un pelo incarnito. Con ciò intendo rasarsi, fare la ceretta e tirare i peli con la pinzetta. Se non riesci ad aspettare che il pelo cresca, o se hai un lavoro in cui non è accettata la barba, potresti dover usare altre strategie. Evita di grattare l'area e assicurati di indossare vestiti larghi intorno alla zona per evitare la frizione.

Panno caldo e spazzolino morbido — I peli che crescono dentro la pelle potrebbero essere portati in superficie applicando un panno umido caldo sulla zona per rilassare il follicolo. Sfrega il panno con un movimento circolare per aiutare il pelo a liberarsi. Se non hai successo, usa uno spazzolino morbido per liberare il pelo intrappolato dopo aver preparato la pelle con un panno umido caldo.

Pinzette — Appena il pelo appare sopra la linea della pelle, puoi usare delle pinzette per raddrizzarlo. Tuttavia, non scavare nella pelle, poiché introdurrai batteri e potresti stimolare un'infezione. Non tirare poiché aumenterai la possibilità che il pelo incarnito si ripresenti.

Acido salicilico — È un acido beta-idrossiacido che aiuta a esfoliare le cellule della pelle intorno al pelo incarnito. L'acido penetra anche nelle ghiandole oleifere per depurare i pori e combattere l'infiammazione. L'acido salicilico è un ingrediente comunemente usato nelle creme antiacne e potrebbe essere presente anche nei detergenti, tonici e creme disponibili nei supermercati e online.

Acido glicolico — Questo esfoliante può aiutare a rimuovere la pelle in eccesso che ottura i pori, intrappolando i peli sotto pelle. Accelera il naturale processo di rimozione delle cellule morte della pelle e potrebbe aiutare ad eliminare più velocemente le bollicine dovute al rasoio. Creme e lozioni a base di acido glicolico sono disponibili online e in alcuni negozi di cosmetici.

Scrub — Potresti prendere in considerazione uno scrub meccanico per rimuovere le cellule morte della pelle. Tuttavia, anche se rimuove le impurità e potrebbe fisicamente liberare i peli incarniti, la pelle di alcune persone reagisce agli scrub più aggressivi che possono irritare la pelle sensibile. Puoi anche preparare uno scrub in casa con dello zucchero a grana grossa e dell'olio di cocco.

Spazzolatura — Una spazzola soffice, come uno spazzolino morbido o una spazzola per la cura della pelle, potrebbe aiutare a rimuovere le cellule morte della pelle. La spazzolatura non aiuta solo a rimuovere i punti presenti ma potrebbe anche prevenire la formazione di nuovi.

Olio di Tea tree — Con proprietà antinfiammatorie e antibatteriche, l'olio di tea tree può aiutare a ridurre il gonfiore, il fastidio e potenziali infezioni, senza gli effetti collaterali delle medicine. Non usare l'olio puro direttamente sulla pelle, potrebbe causare irritazione. Mischia, invece, 12 gocce in 28 grammi di olio vettore, come olio di cocco o olio d'oliva.

Riconosci un'infezione per curarla all'inizio

Per la maggior parte delle volte, il problema dei peli incarniti si risolve tranquillamente. Tuttavia, a volte si infettano e si riempono di pus. Quando succede, si chiama follicolite. Il follicolo pilifero si riempirà di pus, anche se la presenza di pus non vuol dire necessariamente che sia in corso un'infezione.

I casi lievi spariranno senza trattamento. Prova a non raderti per qualche giorno e a usare un lieve antisettico sulla zona colpita, applicandolo con un panno umido per aprire i pori. Raramente, i peli incarniti si trasformano in cisti, che potrebbero presentarsi come grandi o piccole, soffici o dure, e svilupparsi in profondità sotto la pelle. Una ciste non causerà dolore a meno che non si infetti, a quel punto potrebbe diventare rossa e sensibile.

In diversi casi, una ciste di peli incarniti può essere trattata a casa evitando di radersi e applicando una compressa calda per 10 minuti diverse volte al giorno. Questo può aiutare a drenare la ciste e a far crescere fuori il pelo. Una soluzione antisettica, come l'olio di tea tree, può essere applicata alla zona per aiutare a prevenire l'infezione. Poiché anche l'olio di cocco ha proprietà antibiotiche, potrebbe essere il migliore vettore in questo caso.

Evita di stuzzicare o schiacciare la ciste, poiché potrebbe rilasciare il liquido ma non ti libereresti della sacca in cui il liquido si è accumulato, e la ciste ricrescerà. Schiacciare una ciste apre anche la zona ai batteri, che potrebbero creare un'infezione.

Rivolgiti a un medico se la ciste non scompare da sola o se ti viene la febbre. Dovresti consultare un medico anche se hai il sospetto che un oggetto estraneo si trovi dentro la ciste, come una scheggia o un pezzo di vetro, o se soffri di una malattia o prendi delle medicine che colpiscono il sistema immunitario.

Semplici tecniche che potrebbero prevenire i peli incarniti

Esistono diversi modi semplici ed efficaci per ridurre il numero di bollicine da rasoio che potresti avere. Il trattamento più efficace è semplicemente quello di lasciare crescere i peli. Ma, in alcuni casi, potrebbe non essere possibile.

Prepara la pelle — Prima di rasarti o di tirare i peli, pulisci la pelle con un prodotto contenente acido salicilico o acido glicolico per aiutare a pulire e rimuovere l'eccesso di pelle morta. Assicurati che la pelle sia bagnata se userai una lama o preparala con un panno umido e caldo applicato per 5 minuti sulla zona prima della rasatura.

Usa una lozione lubrificante o un gel mentre ti radi, per evitare l'irritazione. Evita di usare prodotti che irritano la pelle e che potrebbero peggiorare l'infiammazione. Dopo la rasatura, usa un panno freddo per ridurre l'irritazione e applicare la lozione.

Rasatura — Prova a rasarti un giorno sì e uno no, invece che tutti i giorni, poiché potrebbe aiutare a migliorare la tua condizione. Usare un rasoio elettrico invece che uno normale riduce la possibilità di sviluppare una pseudofollicolite, perché il rasoio elettrico non arriva molto vicino alla pelle.

Raditi nel verso del pelo e non contro di esso. Non stirare la pelle e assicurati di usare il minor numero possibile di passate. Sciacqua la lama del rasoio con acqua dopo ogni passata.

Distinguere le bollicine da rasoio dalle irritazioni

Anche se a volte hanno lo stesso aspetto, le bollicine e le irritazioni sono due condizioni diverse. L'irritazione è un arrossamento della pelle causato dalla frizione del rasoio. Noterai delle aree arrossate e irritate subito dopo la rasatura, mentre le bollicine impiegano uno o due giorni per formarsi.

Un'irritazione da rasoio potrebbe trasformarsi in un'eruzione cutanea. Spesso prude e potresti avere gonfiore, sensibilità e una sensazione di bruciore. Anche se è fastidiosa e poco piacevole, un'irritazione da rasoio spesso si risolve da sola. La pelle avrà bisogno di tempo per guarire e potresti ulteriormente ridurre l'irritazione, l'infiammazione e una potenziale infezione se non gratterai la zona e non stuzzichi la pelle.

Le compresse fredde potrebbero aiutare a ridurre il prurito e l'infiammazione. L'applicazione di liquidi naturalmente astringenti, come aceto di mele, tè nero freddo o estratto di hamamelis, potrebbe contribuire a ridurre l'infiammazione. Idratare la pelle con oli naturali, come olio di cocco, olio di mandorle dolci o olio d'oliva potrebbe aiutare a ridurre il prurito e la sensibilità dovuta all'irritazione.

Anche se le irritazioni non si infettano spesso, idratare con olio di cocco può aiutare a ridurre la possibilità che succeda. Evita lozioni profumate e prodotti che contengono alcol poiché è risaputo che sono irritanti. Una pasta fatta con bicarbonato e acqua applicata sulla pelle con un dischetto di cotone e poi lasciata seccare potrebbe aiutare a ridurre l'infiammazione e accelerare la guarigione.