La vitamina C funziona per la sepsi. Funzionerà per il coronavirus?

Coronavirus

La storia in breve -

  • La sepsi è responsabile di 1 decesso su 5 in tutto il mondo ogni anno, uccidendo 11 milioni di persone su 56 nel solo 2017. La sepsi è anche una delle principali cause di decessi per influenza
  • È stato dimostrato che un protocollo IV migliora notevolmente le possibilità di sopravvivenza nei pazienti settici. La somministrazione ai pazienti adulti di 200 mg di tiamina ogni 12 ore, 1.500 mg di acido ascorbico ogni sei ore e 50 mg di idrocortisone ogni sei ore per due giorni ha ridotto la mortalità dal 40% all'8,5%
  • Nel 2009, la vitamina C IV ha dimostrato di essere un trattamento potenzialmente salvavita contro l'influenza suina grave. Ancora prima, molti studi avevano dimostrato l'utilità della vitamina C contro le infezioni di vario genere
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

Secondo l'analisi globale più completa condotta fino ad oggi, la sepsi è responsabile di 1 decesso su 5 in tutto il mondo ogni anno, uccidendo 11 milioni di persone su 56 milioni nel solo 2017. I ricercatori definiscono la scoperta "allarmante", poiché i loro dati aggiornati sono il doppio di quelli delle stime precedenti.

La sepsi è una condizione pericolosa per la vita innescata da un'infezione sistemica che provoca una reazione eccessiva del corpo e il lancio di una risposta immunitaria eccessiva e altamente dannosa.

A meno che non sia diagnosticata e trattata tempestivamente, può rapidamente progredire fino all'insufficienza multi-organo e alla morte, quindi è fondamentale individuare segni e sintomi ogni volta che si è malati o in ospedale.

Ciò include i casi di sospetta influenza, poiché la sepsi può imitare molti dei segni e sintomi dell'influenza.

Un protocollo di vitamina C riduce la mortalità per sepsi

La buona notizia è che un protocollo di vitamina C endovenosa (IV) con idrocortisone e tiamina (vitamina B1) ha dimostrato di migliorare notevolmente le possibilità di sopravvivenza.

Questo protocollo di trattamento della sepsi è stato sviluppato dal Dr. Paul Marik, un medico di terapia intensiva presso il Sentara Norfolk General Hospital nella Virginia orientale. Il suo studio clinico retrospettivo "prima-dopo" ha dimostrato che somministrare ai pazienti 200 mg di tiamina ogni 12 ore, 1.500 mg di acido ascorbico ogni sei ore e 50 mg di idrocortisone ogni sei ore per due giorni ha ridotto la mortalità dal 40% all'8,5%.

È importante sottolineare che il trattamento non ha effetti collaterali ed è economico, prontamente disponibile e semplice da somministrare, quindi non c'è praticamente alcun rischio. Ricerche più recenti, pubblicate online il 9 gennaio 2020, hanno scoperto che il protocollo di sepsi di Marik ha abbassato la mortalità anche nei pazienti pediatrici.

Lo studio è stato eseguito presso l'Ann & Robert H. Lurie Children's Hospital di Chicago e, come notato da Science Daily, i dati preliminari di questo studio "supportano i risultati promettenti osservati negli adulti". Tra gennaio 2014 e febbraio 2019, 557 pazienti pediatrici con shock settico hanno soddisfatto i criteri per l'inclusione nello studio.

Di essi, quarantatre hanno ricevuto il protocollo di vitamina C-B1-idrocortisone di Mariks, 181 hanno ricevuto una terapia a base di solo idrocortisone e 333 non hanno ricevuto nessuno di trattamento. I 43 pazienti che hanno ricevuto il trattamento con vitamina C sono stati abbinati, in base allo stato clinico, a 43 controlli non trattati e a 43 pazienti solo con idrocortisone.

A 30 giorni, i controlli e i gruppi di solo idrocortisone avevano un tasso di mortalità del 28% mentre il gruppo di trattamento aveva un tasso di mortalità appena del 9%. A 90 giorni, il 35% dei controlli e il 33% di quelli che ricevevano solo idrocortisone erano deceduti, rispetto al solo 14% del gruppo di trattamento.

Come notato dagli autori, "i nostri risultati suggeriscono che la terapia HAT [idrocortisone, acido ascorbico e tiamina], quando somministrata nelle prime fasi del decorso clinico, riduce la mortalità nei bambini con shock settico".

La vitamina C messa alla prova contro il coronavirus

Nel 2009, la vitamina C IV ha dimostrato di essere un trattamento potenzialmente salvavita contro l'influenza suina grave. Ancora prima, molti studi avevano dimostrato l'utilità della vitamina C contro le infezioni di vario genere.

Ad esempio, uno studio randomizzato in doppio cieco pubblicato nel 1994 ha rilevato che i pazienti anziani trattati con 200 milligrammi di vitamina C al giorno mentre erano ricoverati in ospedale per infezione respiratoria acuta hanno ottenuto risultati significativamente migliori rispetto a quelli che hanno ricevuto un placebo.

Secondo gli autori, "questo in particolare è stato il caso di coloro che hanno iniziato la sperimentazione quando erano più gravemente malati, e molti di essi avevano concentrazioni molto basse di vitamina C nel plasma e nei globuli bianchi all'ammissione."

Ora, la vitamina C sarà messa alla prova anche contro il coronavirus. Lo studio, "Vitamin C Infusion for the Treatment of Severe 2019-nCoV Infected Pneumonia" è stato pubblicato su ClinicalTrials.gov l'11 febbraio 2020 e non ha ancora iniziato a reclutare pazienti. Secondo la descrizione dello studio:

"Alla fine del 2019, pazienti con una polmonite inspiegabile sono apparsi a Wuhan, in Cina... Successivamente, l'Organizzazione mondiale della sanità ha dato un nome ufficiale al nuovo coronavirus che ha causato l'epidemia di polmonite a Wuhan, indicandolo come nuovo coronavirus 2019 (2019-nCoV), e la polmonite è stata nominata infezione respiratoria acuta grave (SARI).

Al 4 febbraio 2020, in Cina sono stati diagnosticati oltre 20.000 casi, 406 dei quali sono deceduti e 154 casi sono stati scoperti in altri paesi del mondo. La maggior parte delle morti era rappresentata da pazienti anziani o pazienti con gravi malattie di base...

Le statistiche dei 41 pazienti con SARI pubblicate su JAMA inizialmente hanno mostrato che 13 pazienti sono stati trasferiti in terapia intensiva, di cui 11 (85%) avevano ARDS e 3 (23%) avevano shock. Di questi, 10 (77%) hanno richiesto il supporto di ventilazione meccanica e 2 (15%) hanno richiesto il supporto di ECMO. Dei 13 pazienti di cui sopra, 5 (38%) alla fine sono morti e 7 (38%) sono stati trasferiti fuori dalla terapia intensiva.

La polmonite virale è una condizione pericolosa con una prognosi clinica scadente... La vitamina C, nota anche come acido ascorbico, ha proprietà antiossidanti. Quando si verifica la sepsi, viene attivato l'impulso di citochine causato dalla sepsi e i neutrofili nei polmoni si accumulano nei polmoni stessi, distruggendo i capillari alveolari. I primi studi clinici hanno dimostrato che la vitamina C può prevenire efficacemente questo processo.

Inoltre, la vitamina C può aiutare ad eliminare il fluido alveolare prevenendo l'attivazione e l'accumulo di neutrofili e riducendo il danno al canale epiteliale alveolare. Allo stesso tempo, la vitamina C può prevenire la formazione di trappole extracellulari di neutrofili, un evento biologico di danno vascolare causato dall'attivazione dei neutrofili".

I ricercatori intendono trattare i pazienti con 24 grammi di vitamina C IV al giorno per sette giorni alla velocità di 7 millilitri all'ora. Il gruppo placebo riceverà un IV di soluzione salina normale.

La misura del risultato primario sarà il numero di giorni senza supporto di ventilazione durante i 28 giorni di ricovero. Le misure dei risultati secondari includeranno mortalità, durata della degenza in terapia intensiva, tasso di RCP richiesto, uso di vasopressori, funzione respiratoria, insufficienza d'organo correlata alla sepsi e altro.

Il tempo dirà quale sarà il risultato, ma è probabile che sarà favorevole. Nel 2003, durante la pandemia di SARS, un ricercatore finlandese ha avviato un'indagine sull'uso della vitamina C, affermando:

“Di recente, un nuovo coronavirus è stato identificato come causa della sindrome respiratoria acuta grave (SARS). In assenza di un trattamento specifico per la SARS, si dovrebbe considerare la possibilità che la vitamina C possa mostrare effetti non specifici su diverse infezioni del tratto respiratorio virale.

Esistono numerosi rapporti che indicano che la vitamina C può influenzare il sistema immunitario, ad esempio la funzione dei fagociti, la trasformazione dei linfociti T e la produzione di interferone. In particolare, la vitamina C ha aumentato la resistenza delle colture di organi tracheali di embrioni di pollo alle infezioni causate da un coronavirus aviario".

Continua citando le ricerche che dimostrano che la vitamina C protegge anche i pulcini da carne contro il coronavirus aviario, riduce la durata e la gravità del raffreddore comune nell'uomo e riduce significativamente la suscettibilità alla polmonite. Sfortunatamente, non sembra che la vitamina C sia mai stata studiata in relazione alla SARS, ma è incoraggiante che la Cina stia ora studiando il suo uso contro il 2019-nCoV.

I benefici per la salute della vitamina C sono ampiamente sottovalutati

La vitamina C ha due funzioni principali che aiutano a spiegare i suoi potenti benefici per la salute. Innanzitutto, agisce come un potente antiossidante. Funge anche da cofattore per i processi enzimatici.

Uno dei precursori più famosi del trattamento ad alto dosaggio di vitamina C per raffreddori e altre malattie fu Linus Carl Pauling (1901-1994), un biochimico che vinse il premio Nobel per la chimica nel 1954.

Nonostante ciò, molti pensavano che, con le sue ricerche sulla nutrizione, fosse troppo lontano dal suo campo di competenza e la sua difesa della vitamina C venne in gran parte ignorata o derisa dalla medicina tradizionale e dalla scienza nutrizionale, con i blogger medici che si sono autoproclamati giudici dei risultati di Pauling.

Altri, tuttavia, hanno raccolto ciò che Pauling stava cercando di evidenziare e ora stanno cercando di risvegliare il mondo su quanto sia importante la vitamina C per avere una buona salute e vitalità.

Secondo il Dott. Ronald Hunninghake, esperto riconosciuto a livello internazionale di vitamina C, che ha supervisionato personalmente decine di migliaia di somministrazioni di vitamina C per via endovenosa, la vitamina C è "sicuramente una modalità molto sottoutilizzata nelle malattie infettive", considerando che "è davvero un trattamento di prima qualità" per le infezioni.

Nella mia intervista con lui, Hunninghake ha suggerito che uno dei motivi per cui la medicina convenzionale è stata così lenta nel riconoscere l'importanza della vitamina C è che è stata vista come una semplice vitamina, quando in realtà è un potente agente ossidante che può aiutare ad eliminare i patogeni quando somministrato ad alte dosi.

Ci sono anche fattori finanziari. In breve, è troppo economica. La medicina convenzionale, come regola generale, è notoriamente disinteressata a soluzioni che non possono produrre profitti significativi.

Riconoscere i sintomi della sepsi

Per la sepsi, che può derivare da qualsiasi infezione, il tempo è essenziale. È davvero importante familiarizzare con i suoi segni e sintomi e agire immediatamente se vi è un sospetto di sepsi.

All'inizio i segni possono essere impercettibili, ma la sepsi in genere produce i segni e sintomi che illustrerò e molti dei quali possono essere confusi con un brutto raffreddore o un'influenza. Tuttavia, tendono a svilupparsi più rapidamente di quanto ti aspetteresti normalmente.

Una febbre alta con brividi e tremori

Battito cardiaco accelerato (tachicardia)

Respirazione rapida (tachipnea)

Livello insolito di sudorazione (diaforesi)

Vertigini

Confusione o disorientamento

Biascicamento

Diarrea, nausea o vomito

Difficoltà a respirare, respiro corto

Forte dolore muscolare

Bassa produzione di urina

Pelle fredda e umida e/o eruzione cutanea

Risorse educative per il tuo medico

Il protocollo di Marik per la sepsi può essere un vero toccasana, quindi è saggio parlarne con il tuo medico ogni volta che sarai ricoverato in ospedale. Ricorda, la sepsi è spesso il risultato di un'infezione secondaria contratta mentre si è in ospedale, quindi è prudente essere preparati.

In questo modo, se dovessi sviluppare la sepsi mentre sei ricoverato, il tuo team medico conosce già i tuoi desideri e può agire rapidamente. Secondo Marik, i migliori risultati si ottengono quando la miscela viene somministrata entro le prime sei ore dalla presentazione dei sintomi. Più a lungo rimandi il trattamento, meno è probabile che abbia successo.

Controindicazione per il trattamento con vitamina C per via endovenosa

L'unica controindicazione ai trattamenti ad alta dose di vitamina C come il protocollo di sepsi di Marik è se si è carenti di glucosio-6-fosfato deidrogenasi (G6PD), che è una malattia genetica. Il G6PD è necessario affinché il tuo corpo produca NADPH, che è un cugino del NAD+ e necessario per trasferire il potenziale riduttivo per mantenere funzionali i tuoi antiossidanti, come il glutatione e la vitamina C.

Poiché i globuli rossi non contengono mitocondri, l'unico modo in cui può fornire una riduzione del glutatione è attraverso l'NADPH, e poiché il G6PD lo elimina, provoca la rottura dei globuli rossi a causa dell'incapacità di compensare lo stress ossidativo.

Fortunatamente, la carenza di G6PD è relativamente rara e può essere testata. Le popolazioni del Mediterraneo e dell'Africa sono maggiormente esposte al deficit di G6PD. In tutto il mondo, si ritiene che la carenza di G6PD colpisca 400 milioni di individui e negli Stati Uniti si stima che sia colpito 1 maschio afroamericano su 10.

+ Fonte e riferimenti