Nutrizione essenziale per proteggersi dal Coronavirus

evitare il coronavirus

La storia in breve -

  • Secondo l'esperto di armi biologiche Francis Boyle, l'evidenza suggerisce che il COVID-19 è un coronavirus potenziato proveniente dall'impianto di biosicurezza di livello 4 a Wuhan, in Cina
  • Il COVID-19 sembra essere una chimera composta da SARS (un coronavirus già potenziato), materiale genetico HIV e virus dell'influenza, progettato con proprietà funzionali che gli permettono di diffondersi a una distanza maggiore del normale
  • Gli integratori ritenuti utili nella prevenzione dell'infezione da coronavirus includono NAC, sambuco, spirulina, beta-glucano, glucosamina, selenio, zinco, acido lipoico, sulforafano, resveratrolo, vitamina D, probiotici di ceppo Bifidobacterium bifidum e sporebiotici
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

Al 5 marzo 2020, sono stati segnalati 98.067 casi di infezioni da nuovo coronavirus che hanno colpito 88 paesi e territori, di cui 80.430 in Cina. Il sito Worldometer.info fornisce una facile panoramica dei casi confermati e dei decessi che è possibile controllare per le ultime statistiche. Inoltre, al 5 marzo 2020, ci sono stati 11 morti negli Stati Uniti, 10 nello stato di Washington e uno in California.

Al 5 marzo 2020, dei 3.356 decessi segnalati, 3.013 si sono verificati in Cina, soprattutto nella provincia dell'Hubei, nella città di Wuhan, che è il punto di partenza dell'epidemia. Il virus è stato inizialmente denominato 2019-nCOV prima di essere ribattezzato COVID-19 dall'Organizzazione Mondiale della Sanità.

COVID-19: un'arma chimica scappata ai controlli?

Secondo l'esperto di armi biologiche Francis Boyle, che ho recentemente intervistato su questo argomento, l'evidenza suggerisce che il COVID-19 è un coronavirus potenziato proveniente dalla struttura di biosicurezza di livello 4 a Wuhan City. È la prima struttura BSL-4 in Cina ed è stata creata appositamente per la ricerca sui coronavirus e la SARS.

Descrive il COVID-19 come una chimera composta da SARS (un coronavirus già potenziato), materiale genetico HIV e virus dell'influenza, progettato con proprietà funzionali che gli permettono di diffondersi a una distanza maggiore del normale.

Può viaggiare da 1,8 a 2 metri attraverso l'aria e alcuni rapporti suggeriscono che il virus può disperdersi anche a quella distanza dalle feci umane contaminate. Altri hanno suggerito che il COVID-19 può coinvolgere il batterio Prevotella, noto per causare infezioni delle vie respiratorie, tra cui la polmonite, e che questo può spiegare alcuni dei sintomi osservati e come può diffondersi attraverso le feci.

L'ipotesi del batteriofago

I batteriofagi, ossia virus che infettano e si riproducono all'interno dei batteri, come un parassita, sono stati implicati "nella progressione e nel mantenimento di almeno alcune patologie, comprese quelle associate al cattivo funzionamento delle proteine", secondo un articolo del 2018, che aggiunge ancora:

"Qui, per la prima volta, proponiamo il concetto dei batteriofagi come agenti patogeni umani. Suggeriamo che i virus batterici hanno modi diversi di interagire direttamente e indirettamente con le cellule eucariotiche e le proteine, portando a malattie umane".

In un articolo del febbraio 2020, Sandeep Chakraborty, membro del nucleo bioinformatico della UC Davis, osserva che il batterio Prevotella "è presente (a volte in grandi quantità) in pazienti provenienti da due studi in Cina e uno a Hong Kong".

Continua citando i dati di sequenziamento dell'RNA proveniente da Wuhan, Cina, pubblicati il 25 gennaio 2020, che mostrano "milioni di letture delle proteine di Prevotella" in mezzo a qualche migliaio di virus COVID-19. Eppure i ricercatori non fanno alcun riferimento al batterio Prevotella nel loro lavoro. Il batterio Prevotella è stato trovato anche in sei pazienti affetti da COVID-19 della stessa famiglia a Hong Kong.

Anche se questo collegamento necessita di ulteriori verifiche e convalide, è una scoperta interessante che potrebbe essere significativa se vera. Da un punto di vista terapeutico, potrebbe indicare che i farmaci antibiotici potrebbero essere utili, e per la prevenzione, probiotici, prebiotici e/o sporebiotici potrebbero svolgere un ruolo importante.

Ci sono ancora molte cose che non sappiamo sul COVID-19 e, se è scappato dalla struttura BSL-4 di Wuhan, non stanno fornendo alcun dettaglio che possa aiutare gli operatori sanitari a trovare un piano di trattamento efficace.

Il trattamento con la vitamina C è indirizzato verso la fase di studio e l'uso di mascherine mediche per il viso è la strada che molti hanno intrapreso per evitare l'infezione, ma l'adozione di misure per rafforzare la funzione immunitaria è probabilmente una delle strategie di prevenzione più importanti. Di seguito analizzo diverse di queste strategie.

Trattamento con vitamina C per il Coronavirus sotto indagine

Il 4 febbraio 2020, i ricercatori dello Zhongnan Hospital in Cina hanno annunciato che indagheranno sull'efficacia dell'infusione di vitamina C per il trattamento della polmonite grave da contagio da COVID-19.

Molti dei decessi associati a questa polmonite virale sembrano essere dovuti a shock settico e gli studi suggeriscono che le infusioni di vitamina C ad alte dosi possono migliorare i risultati nei casi di sepsi e infezioni respiratorie.

I ricercatori intendono trattare i pazienti con 24 grammi di vitamina C IV al giorno per sette giorni alla velocità di 7 millilitri all'ora. Il gruppo placebo riceverà un IV di soluzione salina normale.

La misura del risultato primario sarà il numero di giorni senza supporto di ventilazione durante i 28 giorni di ricovero. Le misure dei risultati secondari includeranno mortalità, durata della degenza in terapia intensiva, tasso di RCP richiesto, uso di vasopressori, funzione respiratoria, collasso degli organi dovuto alla sepsi e altro.

Il protocollo di trattamento per la sepsi del Dott. Marik può essere una buona opzione

Il tempo ci dirà quale sarà il risultato di quello studio condotto dall'ospedale di Zhongnan. È probabile che la vitamina C dia alcuni risultati positivi, anche se il protocollo di trattamento per la sepsi del Dott. Paul Marik potrebbe perfino essere un'opzione migliore.

Un iniziale studio clinico retrospettivo "prima-dopo" ha dimostrato che somministrare ai pazienti 200 mg di tiamina ogni 12 ore, 1.500 mg di acido ascorbico (vitamina C) ogni sei ore e 50 mg di idrocortisone ogni sei ore per due giorni riduceva la mortalità dal 40% all'8,5%.

Una ricerca, pubblicata online il 9 gennaio 2020, ha scoperto che il protocollo per la sepsi di Marik abbassava la mortalità anche nei pazienti pediatrici. Lo studio è stato eseguito presso l'Ann & Robert H. Lurie Children's Hospital di Chicago e, come notato da Science Daily, i dati preliminari di questo studio "supportano i risultati promettenti osservati negli adulti".

Tra gennaio 2014 e febbraio 2019, 557 pazienti pediatrici con shock settico hanno soddisfatto i criteri per l'inclusione nello studio. Quarantatre di essi hanno ricevuto il protocollo di vitamina C-B1-idrocortisone di Mariks, 181 hanno ricevuto una terapia a base di solo idrocortisone e 333 non hanno ricevuto nessuno di questi trattamenti. I 43 pazienti che hanno ricevuto il trattamento con vitamina C sono stati abbinati, in base allo stato clinico, a 43 controlli non trattati e a 43 pazienti solo con idrocortisone.

A 30 giorni, i controlli e i gruppi di solo idrocortisone avevano un tasso di mortalità del 28% mentre il gruppo di trattamento aveva un tasso di mortalità appena del 9%. A 90 giorni, il 35% dei controlli e il 33% di quelli che ricevevano solo idrocortisone erano deceduti, rispetto al solo 14% del gruppo di trattamento.

Nutrizione essenziale per proteggerti dal Coronavirus

Per la prevenzione, la nutrizione gioca un ruolo cruciale e diversi nutrienti sono noti per le loro proprietà immunitarie e la capacità di contrastare le infezioni virali. Come riportato in una rassegna stampa del 24 febbraio 2020:

"In un interessante articolo pubblicato in Progress in Cardiovascular Diseases... Mark McCarty della Catalytic Longevity Foundation, San Diego, CA, USA, e James DiNicolantonio, PharmD, scienziato di ricerca cardiovascolare presso il Saint Luke's Mid America Heart Institute, Kansas City, MO, propongono che alcuni nutraceutici possono contribuire a fornire sollievo alle persone infettate da virus RNA incapsulato come l'influenza e il coronavirus...

Il COVID-19 è circa 30-60 volte più letale della tipica influenza annuale. Sia l'influenza che il coronavirus causano una tempesta infiammatoria nei polmoni ed è proprio questa tempesta infiammatoria che porta ad una sofferenza respiratoria acuta, al cedimento degli organi e alla morte.

Alcuni nutraceutici possono aiutare a ridurre l'infiammazione respiratoria dovuta ai virus RNA e altri possono anche aiutare ad aumentare la risposta dell'interferone di tipo 1 a questi virus, che è il modo principale dell'organismo per aiutare a creare anticorpi antivirali per combattere le infezioni virali".

McCarty e DiNicolantonio elencano diversi nutrienti disponibili sotto forma di integratori che possono essere di particolare utilità contro il COVID-19, tra cui i seguenti (sotto). Per maggiori dettagli su ciascuno di essi, si veda il testo integrale pubblicato su Progress in Cardiovascular Diseases:

N-acetilcisteina (NAC) — Incoraggia la produzione di glutatione, assottiglia il muco, riduce le probabilità di infezione da influenza e riduce il rischio di sviluppare bronchiti gravi

Estratto di sambuco — Noto per abbreviare di due/quattro giorni la durata dell'influenza e ridurne la gravità.

Spirulina — Riduce la gravità dell'infezione influenzale e abbassa la mortalità influenzale negli studi sugli animali. In uno studio sulle persone, la spirulina ha abbassato significativamente la carica virale nei pazienti con infezione da HIV

Beta-glucano — Riduce la gravità dell'infezione influenzale e abbassa la mortalità influenzale negli studi sugli animali

Glucosamina — Aumenta la proteina di segnalazione antivirale mitocondriale (MAVS), riduce la gravità dell'infezione influenzale e abbassa la mortalità influenzale negli studi sugli animali

Selenio — "Dal momento che il selenio è un cofattore essenziale per alcune perossidasi, e la carenza di selenio è endemica in alcune regioni della Cina e di altre parti del mondo, garantire un'adeguata alimentazione a base di selenio potrebbe anche essere appropriato in questo contesto,"

McCarty e DiNicolantonio aggiungono:

"La carenza di selenio aumenta anche il tasso di mutazione dei virus, favorendo l'evoluzione di ceppi più patogeni e capaci di eludere la sorveglianza immunitaria".

Zinco — Supporta "una funzione efficace e la proliferazione di varie cellule immunitarie", abbassando la mortalità degli anziani del 27%

Acido lipoico — Aiuta ad aumentare la risposta dell'interferone di tipo 1

Sulforafano — Aiuta a potenziare la risposta dell'interferone di tipo 1

Uno studio del 2005 sul The Journal of Infectious Diseases ha anche scoperto che il resveratrolo ha il potere di inibire la replicazione del virus A dell'influenza, migliorando significativamente la sopravvivenza nei topi infetti dall'influenza. Secondo gli autori, il resveratrolo "agisce inibendo una funzione cellulare, piuttosto che virale", il che suggerisce che "potrebbe essere un farmaco anti-influenzale particolarmente prezioso".

Dosi quotidiane suggerite

I suggerimenti provvisori di dosaggio giornaliero offerti da McCarty e DiNicolantonio per aiutare a controllare i virus RNA, tra cui l'influenza e l'infezione da coronavirus, sono i seguenti:

Nutraceutico Dosaggio giornaliero

Acido ferulico

da 500 a 1000 milligrammi (mg)

Acido lipoico

da 1200 a 1800 mg (al posto dell'acido ferulico)

Spirulina

15 grammi

NAC

da 1200 a 1800 mg

Selenio

da 50 a 100 microgrammi (mcg)

Glucosamina

3000 mg o più

Zinco

da 30 a 50 mg

Lievito beta-glucano

da 250 a 500 mg

Estratto di sambuco

da 600 a 1500 mg

L'importanza di ottimizzare la vitamina D

Anche le radiazioni solari ultraviolette-B e gli integratori di vitamina D hanno dimostrato di ridurre i tassi di mortalità in caso di pandemia, il che ha senso se si considera quanto sia importante la vitamina D per controllare le infezioni e ridurre il rischio di influenza e il comune raffreddore.

Come descritto in "Vitamin D Prevents Infections" (La vitamina D previene le infezioni), la ricerca mostra che un'integrazione di vitamina D ad alte dosi riduce del 40% il rischio di malattie respiratorie e infezioni polmonari negli anziani. Come osservato da un autore dello studio, "la vitamina D può migliorare la capacità del sistema immunitario di combattere le infezioni perché rafforza la prima linea di difesa del sistema immunitario".

Una ricerca pubblicata nel 2009 indica che i tassi di mortalità durante la pandemia influenzale del 1918-1919 sono stati influenzati dalla stagione, con un maggior numero di morti durante l'inverno rispetto all'estate.

Come linea guida generale, è consigliabile far testare il proprio livello di vitamina D due volte all'anno, in inverno e in estate, per essere sicuri di trovarsi in un intervallo salutare compreso tra 60 ng/mL e 80 ng/mL tutto l'anno (una serie di ricerche convincenti suggerisce che 40 ng/mL sono la soglia limite per la sufficienza).

Pre-, Pro- e Sporebiotici possono essere utili contro il batterio Prevotella

Infine, se l'inclusione del batterio Prevotella nel COVID-19 dovesse risultare accurata, i prebiotici, i probiotici e gli sporebiotici possono essere di grande utilità. Diversi studi hanno dimostrato che i probiotici del ceppo Bifidobacterium bifidum possono aiutare a ridurre il batterio Prevotella, mentre i ceppi di Lactobacillus tendono ad aumentarlo.

Gli sporebiotici potrebbero essere particolarmente benefici. I probiotici a base di spore sono costituiti dalla parete cellulare delle spore del bacillo - il guscio protettivo intorno al DNA e il meccanismo di funzionamento di quel DNA - e non dal batterio intero e vivo.

È stato dimostrato che le spore del bacillo aumentano drasticamente la tolleranza immunitaria, il che significa che aiutano a riparare i danni della barriera intestinale. Dal momento che non sono "vivi", non sono nemmeno affetti dagli antibiotici.

Il bacillo modula molto efficacemente le citochine: le citochine antinfiammatorie sono regolate al rialzo mentre le citochine infiammatorie sono regolate al ribasso, ripristinando così l'equilibrio tra i due.

La ricerca ha anche dimostrato che gli sporebiotici aumentano massicciamente la riproduzione di acidofili, bifidi e altri microbi nell'intestino attraverso i messaggi elettromagnetici che inviano. Si tratta di una cosa unica. Quando assumi i normali probiotici, la prima cosa che fanno è prendersi cura di se stessi. Le spore del bacillo, invece, esaltano in realtà molti degli altri microbi benefici.

Le spore del bacillo creano anche 24 diverse sostanze che hanno forti proprietà antimicrobiche. Tuttavia, non uccidono indiscriminatamente come fanno gli antibiotici. Sopprimono in modo specifico gli agenti patogeni che danno un prezioso contributo all'insieme.

Con il COVID-19 che continua la sua avanzata, sarebbe una strategia saggia adottare misure per rafforzare il sistema immunitario, poiché un sistema immunitario forte è la tua difesa n. 1 contro tutti i tipi di infezioni, sia virali che batteriche, e i nutraceutici discussi in questo articolo possono tutti aiutarti in questo sforzo.