Il resveratrolo migliora la tua immunità

resveratrolo stimola la tua immunità

La storia in breve -

  • Gli studi sui roditori contro la sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS) suggeriscono che il resveratrolo dei fitonutrienti può aiutare a rafforzare il sistema immunitario
  • È stato stabilito che il resveratrolo è una sostanza cardioprotettiva con proprietà antiossidanti, anti-invecchiamento e chemiopreventive
  • L'uso del resveratrolo è stato esplorato in casi di morbo di Alzheimer, morbo di Parkinson, ictus, demenza vascolare, depressione e infiammazione cerebrale
  • Le proprietà immunitarie del resveratrolo potrebbero avere implicazioni per l'uso nell'obesità, il diabete mellito di tipo 2, le malattie del fegato grasso, il morbo di Crohn, l'artrite reumatoide e i tumori
  • Il resveratrolo ha impedito la progressione del melanoma, del cancro al seno e delle metastasi polmonari negli animali
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

Il resveratrolo, un fitonutriente naturalmente presente nell'uva, nel vino, nelle arachidi, nel cacao e in molte specie di bacche, tra cui mirtilli, mirtilli selvatici, mirtilli rossi e ribes, offre una notevole serie di vantaggi.

Gli studi dimostrano che il resveratrolo ha un effetto antinfiammatorio, cardioprotettivo e antiossidante, proprietà anti-invecchiamento e chemiopreventive. Il suo uso terapeutico è stato esplorato in casi di morbo di Alzheimer, tra cui l'accumulo di placca da Alzheimer, morbo di Parkinson e ictus, demenza vascolare, depressione e infiammazione cerebrale.

Il resveratrolo è stato studiato per il suo utilizzo nel miglioramento dell'apprendimento, dell'umore e della memoria. Si è riscontrato che ha effetti positivi sugli stress ambientali compresi gli attacchi patogeni, le infezioni fungine e l'irradiazione UV, sulle lesioni e che contribuisce a migliorare la glicemia alta in coloro che soffrono di diabete mellito di tipo 2.

Ora gli studi stanno rivelando che il resveratrolo può aumentare anche l'immunità. Le azioni immunomodulatorie e immunoregolatorie del resveratrolo possono essere utili nel trattamento di malattie croniche come l'obesità, le malattie del fegato grasso, il morbo di Crohn, l'artrite reumatoide e i tumori, secondo una ricerca sulla rivista Nutrients.

Proprietà immunizzanti del resveratrolo

Il resveratrolo previene le malattie croniche o la progressione di malattie croniche attraverso diverse funzioni immunitarie, secondo la ricerca pubblicata sulla rivista Nutrients:

"... il resveratrolo regola l'immunità interferendo con la regolazione delle cellule immunitarie, la sintesi delle citochine proinfiammatorie e l'espressione genica... prende di mira la sirtuina, l'adenosina monofosfato chinasi, il fattore nucleare - κB, le citochine infiammatorie, gli enzimi antiossidanti insieme a... gluconeogenesi, metabolismo lipidico, biogenesi mitocondriale, angiogenesi e apoptosi.

Il resveratrolo può sopprimere l'espressione dei recettori TLR (toll-like receptors) e dei geni pro-infiammatori. L'attività antiossidante del resveratrolo e la capacità di inibire gli enzimi coinvolti nella produzione di eicosanoidi contribuiscono alle sue proprietà antinfiammatorie".

Uno dei risultati più entusiasmanti della ricerca sugli effetti del resveratrolo sul sistema immunitario sarebbe il suo possibile effetto sui tumori. Di seguito quanto scritto dal ricercatore di Nutrients:

"Il resveratrolo possiede un potenziale terapeutico nell'aumentare l'attività degli NK [natural killer] contro la leucemia cellulare aggressiva e i linfomi...

Nel trattamento delle cellule tumorali polmonari il resveratrolo riduce l'attività di STAT3 [un fattore del sistema immunitario] e inibisce la progressione del cancro ai polmoni sopprimendo l'attivazione pro-tumorale dei TAM. Inoltre, in un modello murino di xenotrapianto di cancro ai polmoni, il resveratrolo inibisce significativamente la crescita del tumore, diminuendo la proliferazione cellulare e l'espressione di p-STAT3 nei tessuti tumorali...

È interessante notare che le cellule NK della milza isolate dei ratti pretrattati con resveratrolo hanno mostrato una maggiore efficacia di uccisione... Basse dosi e dosi non citotossiche di resveratrolo prevengono la progressione del melanoma B16 e del cancro al seno 4T1.2 e abrogano le metastasi polmonari".

Altre ricerche rivelano i vantaggi del resveratrolo

Una ricerca su Rejuvenation Research ha scoperto che il resveratrolo può esercitare un miglioramento positivo nei ratti più anziani, anche per quanto riguarda la loro longevità:

"Questi cambiamenti osservati nelle risposte degli anticorpi nei ratti anziani alimentati con una dieta integrata con resveratrolo sono indicativi di miglioramenti nelle risposte guidate dall'antigene, perché i livelli totali di antigene non specifico IgG non ne hanno risentito. Questi risultati suggeriscono che la somministrazione di resveratrolo alimentare è in grado di modulare le risposte immunitarie".

La rivista Antioxidants ha anche scoperto un ruolo importante del resveratrolo:

"Il resveratrolo ha un'attività antitumorale in diversi tipi di cancro umano, come il carcinoma epatocellulare e il carcinoma ovarico... Zhong e colleghi hanno studiato l'effetto antitumorale del resveratrolo in vivo in un modello murino di cancro ovarico ortotopico, segnalando che la sua somministrazione intraperitoneale ha arrestato la proliferazione delle cellule tumorali senza danneggiare i normali tessuti.

Più in dettaglio, il blocco della glicolisi e l'inibizione della segnalazione AMPK/mTOR indotta dal resveratrolo erano responsabili della sua attività antitumorale nelle cellule tumorali ovariche. Recentemente, Zhang e colleghi hanno riferito per la prima volta che il resveratrolo ha promosso non solo l'apoptosi ma anche la morte cellulare immunogenica delle cellule del carcinoma ovarico umano e murino.

Inoltre, il resveratrolo è stato ampiamente studiato per la sua capacità di migliorare l'uccisione delle cellule tramite radiazioni e l'apoptosi mediata da radiazioni ionizzanti nelle cellule tumorali".

Il resveratrolo potrebbe avere un ruolo nella lotta contro i coronavirus

Dopo l'epidemia di sindrome respiratoria acuta grave (SARS) nel 2003 e prima del "nuovo" coronavirus del 2019/2020, è comparso un altro grave coronavirus: la sindrome respiratoria del Medio Oriente, o MERS, che è stata rilevata in Arabia Saudita nel 2012.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, su 2.442 persone infettate dal MERS nel maggio 2019, 842 sono morte, con un tasso di mortalità del virus pari a circa il 35%. Come la SARS e il coronavirus del 2020, la MERS è stata ritenuta zoonotica o causata da una malattia animale che salta da una specie all'altra, con i pipistrelli tra i principali sospettati.

Eppure la ricerca pubblicata su BMC Infectious Diseases nel 2017 presenta alcune novità positive per affrontare la MERS:

"Il resveratrolo ha inibito in modo significativo l'infezione da MERS-CoV e la sopravvivenza cellulare prolungata dopo l'infezione da virus. Abbiamo anche scoperto che l'espressione della proteina nucleocapside (N) essenziale per la replicazione MERS-CoV era diminuita dopo il trattamento con resveratrolo.

Inoltre, il resveratrolo ha regolato l'apoptosi indotta da MERS-CoV in vitro. Con la somministrazione consecutiva di resveratrolo, siamo stati in grado di ridurre la concentrazione di resveratrolo, ottenendo nel contempo un'efficacia inibitoria contro il MERS-CoV".

C'erano alcune precedenti prove scientifiche che potrebbero aver suggerito gli effetti che sono emersi nello studio, scrivono i ricercatori. Il resveratrolo aveva precedentemente dimostrato la capacità di diminuire la produzione di ossido nitrico e l'infiammazione dei tessuti e di inibire il virus di Epstein-Barr, l'enterovirus, l'herpes simplex, l'influenza e il virus respiratorio sinciziale negli studi.

Il resveratrolo ha anche limitato i batteri Helicobacter pylori, Staphylococcus aureus e Toxoplasma gondii. Anche i risultati dello studio sulla MERS, in cellule collocate in colture con mezzi di crescita, sono stati impressionanti:

"Per determinare se il resveratrolo inibisce l'ingresso o una fase successiva all'ingresso dell'infezione da MERS-Cov, abbiamo aggiunto il resveratrolo insieme a MERS-CoV immediatamente dopo 3 ore o dopo che l'infezione era iniziata. Abbiamo misurato la proliferazione cellulare e determinato le cariche virali nei sopranatanti...

I risultati hanno dimostrato che anche quando il resveratrolo è stato somministrato dopo l'infezione da MERS-CoV, ha comunque ridotto la carica virale. Le stesse osservazioni sono state fatte quando le proliferazioni cellulari e le cariche virali sono state misurate, suggerendo che il resveratrolo inibisce l'infezione da MERS-CoV dopo l'ingresso...

Questi dati suggeriscono che il trattamento con resveratrolo ha soppresso la replicazione dell'RNA MERS-CoV, anche se richiede concentrazioni relativamente elevate di resveratrolo per fornire effetti antivirali persistenti... I nostri risultati suggeriscono che il resveratrolo ha ridotto l'apoptosi mediata dal MERS-CoV".

Lo studio del resveratrolo è stato atteso a lungo. Gli agenti antimicrobici come la ribavirina, il lopinavir/ritonavir e l'interferone di tipo I utilizzati contro il virus della SARS sono stati inefficaci e hanno addirittura causato disfunzioni renali e altri effetti collaterali, scrivono i ricercatori.

Il resveratrolo si è dimostrato efficace anche contro il chikungunya, un virus endemico delle zanzare in Africa, Asia, Europa e Oceano Indiano e Pacifico. I ricercatori scrivono:

"Il resveratrolo non solo ha inibito la produzione virale MERS-CoV, ma ha anche ridotto la produzione del virus chikungunya a concentrazioni di 250 e 125 μM. Complessivamente, i nostri dati suggeriscono che il resveratrolo potrebbe essere un candidato principale per ulteriori valutazioni precliniche dell'attività antivirale per MERS-CoV e per ulteriori virus RNA emergenti".

Azioni immunizzanti del resveratrolo

Così come il sistema immunitario umano è molto complicato, lo sono anche i meccanismi che il resveratrolo può esercitare per alterare il sistema immunitario. Ecco una sintesi di alcuni dei meccanismi della ricerca sulla rivista Nutrients.

Inibisce l'infiammazione — Il resveratrolo inibisce la produzione di fattori infiammatori attraverso l'attivazione di una sostanza coinvolta nel metabolismo, nel cancro e nello sviluppo embrionale chiamata Sirt1.

Contrasta l'infiammazione dei macrofagi — Il resveratrolo provoca azioni antinfiammatorie nei macrofagi, che sono globuli bianchi che possono "mangiare" batteri, virus, funghi e altri invasori.

Riduzione degli effetti del danno mitocondriale — Il resveratrolo impedisce l'aumento di α-tubulina acetilata causata da danni mitocondriali da macrofagi stimolati, rendendolo un candidato per il trattamento di malattie infiammatorie legate al NLRP3 come il Crohn, la colite ulcerosa e le malattie infiammatorie intestinali.

Riduce la produzione di GM-CSF — Il Granulocyte-macrophage colony-stimulating factor (GM-CSF) è una citochina pro-infiammatoria che è un marcatore per il tessuto cicatriziale e depositi di grasso nelle pareti delle arterie, che rappresentano un rischio di trombosi.

Combatte le cellule B regolatorie tumorali (tBregs) — Il resveratrolo può inibire la generazione e la funzione delle tBregs, che sono elevate nei tumori e possono contrastare l'immunità protettiva anti-tumorale.

Inibisce le azioni degli STAT3 — Il resveratrolo diminuisce gli STAT3, trasduttori di segnale e attivatori della trascrizione 3 che aumentano la proliferazione, l'invasione e la sopravvivenza delle cellule tumorali e sopprime l'immunità anti-tumorale.

Diminuisce l'attivazione anomala delle cellule T — Il resveratrolo può inibire l'attivazione delle cellule T associata al diabete insulino-dipendente, l'artrite reumatoide, il lupus eritematoso sistemico e la sclerosi multipla e potrebbe prevenire la loro progressione.

Aumenta le cellule killer naturali (NK) — Il resveratrolo può aumentare l'attività delle NK inibendo gli STAT3, un'azione che si osserva nei casi di leucemia cellulare e linfomi.

Chiaramente, secondo la ricerca, il resveratrolo modula il comportamento immunitario, modificando "la morfologia cellulare, l'espressione genica, le interazioni tra i legamenti e i recettori, le vie di segnalazione e la formazione di schiuma cellulare".

Un inconveniente del resveratrolo che deve essere esplorato

Le proprietà immunitarie e gli altri benefici del resveratrolo sono molto incoraggianti. Ma c'è un ostacolo per trovare i dosaggi corretti per i trattamenti sanitari basati sul resveratrolo: la biodisponibilità. Ecco come la ricerca sulla rivista Antioxidants spiega il problema della biodisponibilità:

"Come riportato da diversi studi in vivo condotti su animali ed esseri umani, il resveratrolo è caratterizzato da una bassa biodisponibilità orale dovuta ad un assorbimento intestinale molto limitato della molecola. Questo porta a quantità minime nel flusso sanguigno a causa dell'esteso metabolismo che si verifica nell'intestino e nel fegato.

Il breve tempo di dimezzamento iniziale della molecola primaria è essenzialmente causato dal suo rapido metabolismo. La maggior parte di una dose endovenosa di resveratrolo viene elaborata in coniugati di solfato in soli 30 minuti negli esseri umani...

La sostituzione dei gruppi ossidrilici con gruppi metossilici migliora significativamente la biodisponibilità del resveratrolo, aumentando l'assorbimento intestinale e la stabilità epatica. Per questo motivo, sono stati formulati diversi analoghi metossilati del resveratrolo con lo scopo di ottenere nuovi agenti per la chemioprevenzione del cancro".

La ricerca sulla rivista Nutrients considera anche la sfida della biodisponibilità del resveratrolo e cosa si può fare:

"... l'analisi farmacocinetica rivela che il resveratrolo subisce un rapido metabolismo nel corpo. La sua biodisponibilità dopo la somministrazione orale è molto bassa, nonostante l'assorbimento abbia raggiunto il 70%, questo influisce sulla rilevanza fisiologica delle alte concentrazioni utilizzate negli studi in vitro...

alcuni studi clinici sistematici ufficiali che utilizzano il trattamento con resveratrolo nell'uomo hanno avuto alcuni risultati deludenti e le difficoltà dell'applicazione clinica del resveratrolo sono enormi, come la sua scarsa solubilità in acqua, la biodisponibilità e il dosaggio.

Pertanto, si stanno implementando varie strategie, che includono lo sviluppo di analoghi del resveratrolo e formulazioni come coadiuvanti, nanoparticelle, liposomi, micelle e complessi fosfolipidici, per migliorarne la biodisponibilità.

Inoltre, sono stati impiegati diversi altri approcci per migliorare la sua biodisponibilità, che includono l'alterazione della via di somministrazione del resveratrolo e l'ostruzione delle vie metaboliche attraverso il co-trattamento con altri agenti.

Infatti, poiché il resveratrolo ha molteplici bersagli intracellulari, sono necessari ulteriori dati per determinare le conseguenze dell'interazione o gli effetti sinergici tra altri polifenoli e vitamine, aminoacidi e altri micronutrienti o farmaci normalmente usati".

Tuttavia, con la ricerca sulle proprietà immunizzanti del resveratrolo, questo fitonutriente si dimostra promettente per essere molto utile nella prevenzione e nel trattamento di molte malattie croniche autoimmuni e infiammatorie.