La liquirizia inibisce il replicarsi del coronavirus

Radice di liquirizia

La storia in breve -

  • La glicirrizina, il principale ingrediente della radice di liquirizia, ha dimostrato la sua efficacia contro il virus della SARS in alcuni studi scientifici
  • È stato efficace nel trattamento di virus come l'herpes, l'HIV, l'epatite, l'influenza, l'encefalite e la polmonite
  • La glicirrizina ha superato i farmaci antivirali convenzionali contro la SARS nella ricerca pubblicata sulla rivista The Lancet
  • La sostanza sembra funzionare prima nel ciclo di replicazione del virus, rispetto ad altri farmaci, inibendo l'assorbimento e la penetrazione del virus
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

Durante la pandemia di COVID-19, il distanziamento sociale e l'igiene sembrano avere un certo effetto sull'"appiattimento della curva" e sul rallentamento della diffusione del virus. Anche l'uso della luce ultravioletta (UV) per decontaminare le strutture mediche, le attrezzature e persino le maschere protettive sembra essere utile.

Ma la gente continuerà a contrarre il COVID-19 e mancano e sono necessari trattamenti efficaci. Ecco perché alcuni studi scientifici stanno esaminando un prodotto naturale che è noto da tempo per avere effetti antivirali: la glicirrizina, il principale costituente attivo della radice di liquirizia.

La glicirrizina è stata apprezzata nell'antica Arabia e in Grecia per il trattamento della tosse e in Cina per alleviare l'irritazione delle mucose. In tempi moderni, la glicirrizina ha dimostrato di essere un formidabile antivirale, in grado di combattere l'herpes, l'HIV, l'epatite, l'influenza, l'encefalite e la polmonite, così come virus meno conosciuti come il virus sinciziale respiratorio, i corbovirus, il virus della vaccinia e il virus della stomatite vescicolare.

Tuttavia, è l'efficacia della glicirrizina contro la SARS (sindrome respiratoria acuta grave) che fa sperare agli scienziati che questa importante sostanza naturale possa essere uno strumento contro il COVID-19.

La glicirrizina ha proprietà medicinali

Si può pensare alla liquirizia come a un estratto, a un dolcificante o anche a una caramella, ma in realtà è complessa dal punto di vista biochimico e offre importanti benefici medici. Secondo PubChem, un database di molecole chimiche gestito dal National Center for Biotechnology Information:

"l'acido glicirrizico viene estratto dalla radice della pianta di liquirizia; Glycyrrhiza glabra. Si tratta di un glucoside triterpenico con acido glicirretinico che possiede una vasta gamma di attività farmacologiche e biologiche... potenziali attività immunomodulanti, antinfiammatorie, epatoprotettive e neuroprotettive e antineoplastiche.

La glicirrizina modula alcuni enzimi coinvolti nell'infiammazione e nello stress ossidativo, e ridimensiona alcuni mediatori pro-infiammatori, proteggendo così dai danni indotti dall'infiammazione e dalle specie reattive dell'ossigeno (ROS). La glicerrizina può anche sopprimere la crescita delle cellule tumorali suscettibili".

Secondo Botanical Medicine, l'azione antinfiammatoria della glicirrizina (GL) può derivare dalla soppressione delle citochine:

"A testimonianza delle sue proprietà antinfiammatorie, la glicirrizina ha alleviato l'asma allergica in un modello murino sperimentale, ha aumentato i livelli di IL-4 e IL-5, ha diminuito il numero di eosinofili e i livelli di IgE, e ha aumentato le IgG2a totali nel siero.

Questi risultati hanno indicato che la glicirrizina ha interferito con la produzione di IgE diminuendo le citochine stimolanti IgE. Ha anche attenuato l'infiammazione polmonare e la produzione di muco nei topi".

La glicirrizina funziona contro la SARS, un virus simile al COVID-19

La SARS-CoV-2, il virus che causa il COVID-19, è simile alla SARS-CoV-1, il coronavirus emerso nel 2003. Il suo genoma condivide il 79,5% delle informazioni del genoma della SARS-CoV-1 ed entrambi entrano nelle cellule epiteliali alveolari umane attraverso il legame con i recettori ACE2.

I primi pazienti affetti da SARS hanno ricevuto il composto virale ribavirina, ma ha mostrato scarsi benefici. I corticosteroidi sono stati provati anche in pazienti affetti da SARS e pazienti con MERS (Sindrome Respiratoria del Medio Oriente), che si è manifestata 10 anni dopo, ma non c'erano "prove che dimostrassero che la mortalità dei pazienti affetti da SARS e MERS fosse ridotta", ha riferito l'International Journal of Biological Sciences.

Poco dopo l'epidemia di SARS-CoV-1, la rivista medica The Lancet ha pubblicato una lettera di ricerca che suggerisce che la glicirrizina potrebbe combattere la SARS:

"L'epidemia di SARS giustifica la ricerca di composti antivirali per curare la malattia. Attualmente non è stato identificato alcun trattamento specifico per l'infezione da coronavirus associata alla SARS. Abbiamo valutato il potenziale antivirale di ribavirina, 6-azauridina, pirazofurina, acido micofenolico, e glicirrizina contro due isolati clinici di coronavirus da pazienti con SARS...

Tra tutti i composti, la glicirrizina è stata la più attiva nell'inibire la replicazione del virus associato alla SARS. I nostri risultati suggeriscono che la glicirrizina dovrebbe essere valutata per il trattamento della SARS".

La glicirrizina ha avuto diverse azioni positive, hanno scritto i ricercatori:

"Oltre all'inibizione della replicazione del virus, la glicirrizina inibisce l'assorbimento e la penetrazione del virus e le fasi iniziali del ciclo replicativo... La glicirrizina era più efficace se somministrata sia durante che dopo il periodo di assorbimento...

la glicirrizina e il suo metabolita aglicone 18β, l'acido glicirretinico 18β, regolano l'espressione della sintasi inducibile del protossido d'azoto e la produzione di protossido d'azoto nei macrofagi.

Il protossido d'azoto inibisce la replicazione di diversi virus, ad esempio, il virus dell'encefalite giapponese, che può essere inibito anche dalla glicirrizina. I nostri risultati preliminari mostrano che la glicirrizina induce la sintasi del protossido di azoto nelle cellule in Vero [cellule utilizzate nelle colture] e che la replicazione del virus viene inibita quando il donatore di protossido di azoto viene aggiunto al mezzo di coltura".

La glicirrizina potrebbe agire in modo diverso rispetto ad altre sostanze

Secondo il Journal of General Virology, il metodo della glicirrizina per fermare la replicazione del virus della SARS può differire da altri trattamenti sperimentati:

"A differenza di IFN-α e ribavirina, ci sono pochi indizi sul meccanismo antivirale della glicirrizina. I nostri dati indicano che, come per la ribavirina, la glicirrizina influisce solo moderatamente sulle funzioni di replicasi del coronavirus.

Tuttavia, a differenza della ribavirina, la glicirina ha dimostrato di inibire la replicazione della SARS-CoV nelle colture tissutali. Ciò indica che la glicirrizina potrebbe non colpire la macchina di replicazione del coronavirus e che potrebbero essere esercitati effetti antivirali, ad esempio, durante il processo di assorbimento o di rilascio del virus".

L'arresto della replicazione è particolarmente impegnativo a causa delle peculiarità del virus della SARS. Secondo General Cell Biology & Physiology:

"Queste analisi hanno rivelato che la SARS-CoV-2 rimodella le vie cellulari centrali, come la traduzione, lo splicing, il metabolismo del carbonio e il metabolismo degli acidi nucleici. Inibitori molecolari di piccole dimensioni che mirano a queste vie sono stati testati in simulazioni di infezione cellulare e hanno impedito la replicazione virale".

La upregolazione della glicirrizina dell'ossido nitrico e dell'ossido nitrico sintasi nei macrofagi, che è stata notata nell'International Journal of Infectious Diseases, può spiegare la sua capacità di fermare la replicazione della SARS e, si spera, di altri coronavirus come la SARS-CoV-2.

La glicirrizina potrebbe essere efficace contro il COVID-19

Il fallimento dei trattamenti farmaceutici occidentali per la SARS ha messo sotto i riflettori la Medicina Tradizionale Cinese (MTC), una pratica in cui la glicirrizina è un elemento fondamentale. Secondo la rivista International Journal of Biological Sciences:

"Sono stati effettuati e segnalati vari casi, serie di casi, studi osservazionali controllati e studi clinici randomizzati, studi clinici volti ad esaminare l'effetto della MTC sulla SARS. Ci sono prove abbastanza convincenti a sostegno dell'idea che la MTC abbia un effetto benefico nel trattamento o nella prevenzione della SARS...

Ad esempio, il tasso di mortalità a Hong Kong e Singapore è stato di circa il 18%, mentre quello di Pechino è stato inizialmente superiore al 52%... Si ritiene che la drastica riduzione della mortalità di fine maggio a Pechino sia stata associata all'uso della MTC come integratore della terapia convenzionale".

Quando il COVID-19 è apparso per la prima volta in Cina, The Globe and Mail ha riferito che molti cittadini si stavano rivolgendo ai trattamenti tradizionali, mentre i leader sanitari hanno riferito "'significativi' benefici derivanti dalla combinazione di medicina cinese e occidentale:".

"Per le autorità di Wuhan, consigliare l'uso della medicina tradizionale cinese 'ha senso', purché sia in combinazione con i farmaci occidentali, ha detto Jindrich Cinatl, un virologo che è stato co-autore dello studio del 2003 [Lancet]. 'Nella medicina occidentale abbiamo farmaci che attaccano solo un bersaglio concreto', ha detto in un'intervista. 'Con la medicina tradizionale, si può prevenire l'assorbimento del virus nelle cellule, la replicazione del virus e così via'."

Jakkapong Watcharachaijunta, ricercatore medico, ha detto a Thailand Medical News che pensa che la glicirrizina sia un trattamento promettente per il COVID-19:

"Anche se il nuovo virus 2019-nCov [da allora è stato rinominato SARS-CoV-2] è un ceppo diverso, è molto vicino al coronavirus della SARS geneticamente parlando e forse questo dovrebbe essere un interessante punto di partenza".

Durante una pandemia, lo sviluppi di nuovi farmaci non è sempre una risposta corretta

Con la presenza del COVID-19 in tutti i continenti tranne che in Antartide, è chiaro che i trattamenti sono necessari immediatamente, ma l'immissione sul mercato di nuovi farmaci potrebbe far perdere di vista gli effetti collaterali negativi. Inoltre, un commento scritto da Derek Lowe, che ha conseguito un dottorato di ricerca in chimica organica e ha lavorato per diverse grandi aziende farmaceutiche, mostra poche aspettative per i farmaci esistenti in fase di sperimentazione o per lo sviluppo di nuovi farmaci:

"Un programma di scoperta di un farmaco da zero contro un nuovo agente patogeno non è... un qualcosa di banale... Molti sforzi di questo tipo in passato sono giunti a un fallimento, perché quando avevano qualcosa da offrire all'epidemia era già passato. In effetti, il remdesivir di Gilead era già stato escluso come potenziale terapia per l'Ebola.

È necessario avere in mente un obiettivo in primo piano o passare al fenotipo. Per il primo, quello che si vedrebbe sono migliori caratterizzazioni della proteasi virale e schermi più estesi contro di essa. Altre due grandi aree target sono l'ingresso virale (che coinvolge le proteine "di picco" sulla superficie del virus e la proteina ACE2 sulle cellule umane) e la replicazione virale".

Ci sono molte sfide per lo sviluppo di un nuovo farmaco antivirale e il processo è estremamente complesso e lento, il che significa che anche se finisse per essere efficace, potrebbe essere troppo tardi per utilizzarlo. Secondo Lowe:

"Gli screening fenotipici sono perfettamente ragionevoli anche contro gli agenti patogeni virali, ma è necessario investire tempo e impegno in questo test, proprio come per qualsiasi lavoro fenotipico, perché, come dirà chiunque faccia questo tipo di lavoro, un cattivo screening fenotipico è un completo spreco di tempo per tutti".

I benefici della glicirrizina sono già disponibili

Uno dei vantaggi della glicirrizina è che ha una lunga storia di uso medicinale e potrebbe potenzialmente aiutare chi ne ha bisogno molto prima di un farmaco sperimentale appena entrato in sperimentazione, ma resta il fatto che una malattia infettiva che emerge in qualsiasi paese o continente ha il potenziale di diffondersi rapidamente e causare una pandemia.

Secondo Antiviral Research, l'epidemia di SARS ha prodotto una maggiore cooperazione e segnalazione a livello mondiale:

"Un'eredità dell'epidemia è stata la formulazione del Regolamento sanitario internazionale (RSI) nel 2005 e la sua accettazione da parte dell'Assemblea Mondiale della Sanità nel 2007. L'RSI stabilisce che i Paesi devono segnalare focolai insoliti e inspiegabili di malattie infettive e rafforzare la capacità della sanità pubblica di individuare e rispondere a tali malattie...

La SARS e altre minacce zoonotiche contemporanee, come l'influenza aviaria H5N1, hanno evidenziato la necessità di collaborazione tra i responsabili della salute umana e animale e dell'ambiente.

Questo ha portato alla formalizzazione del concetto di '"Una salute unica", che promuove gli effetti collaborativi di più discipline per raggiungere una salute ottimale per le persone, gli animali e l'ambiente".

Le organizzazioni internazionali competenti dispongono ora di accordi di lavoro formali e di un quadro di riferimento all'interno del quale possono coordinare le attività di valutazione dei rischi all'interfaccia animale/uomo/ecosistema, secondo la rassegna. Vi è anche una migliore comprensione della trasmissione tra le specie e degli agenti patogeni zoonotici che sono alla base di molte pandemie.

Mentre la pandemia COVID-19 continua, un prodotto naturale come la glicirrizina, con noti benefici medici e pochi dei rischi associati ai farmaci aggressivi, è una buona notizia.