Spinaci, uova e formaggio gouda per combattere il COVID?

Sottoposto a fact-checking
La vitamina K potrebbe aiutare a combattere il COVID-19

BREVE RIASSUNTO-

  • Il COVID-19, che può causare la degradazione della coagulazione del sangue delle fibre elastiche nei polmoni, può essere influenzato positivamente dalla vitamina K, nota per il suo ruolo nella coagulazione del sangue
  • Sia la tromboembolia, che si verifica quando un coagulo di sangue ostruisce un vaso sanguigno, sia la coagulopatia, che è una condizione in cui la capacità del sangue di formare coaguli è compromessa, sono prevalenti nei casi gravi di COVID-19 e sono collegate a una riduzione dei tassi di sopravvivenza della malattia
  • La vitamina K svolge un ruolo nella coagulazione, portando i ricercatori a suggerire che i livelli di vitamina K possono essere bassi nelle persone con COVID-19 grave
  • Lo studio ha rilevato che i pazienti con COVID-19 con manifestazioni nefaste presentavano livelli significativamente più alti di dp-ucMGP, il che indica livelli bassi di vitamina K, rispetto a quelli con una malattia meno grave
  • I pazienti di COVID-19 avevano anche probabilità significativamente maggiori di avere livelli bassi di vitamina K rispetto ai pazienti senza malattia

Del Dott. Mercola

Le carenze nutrizionali possono mettere a dura prova la tua salute e questo include l'aumento di rischio di esiti gravi in caso di infezioni virali come il COVID-19. La vitamina K, vitamina liposolubile più nota per il suo ruolo nella coagulazione del sangue e che si trova in alimenti come spinaci, uova e alcuni formaggi, è tra gli ultimi a essere preso in considerazione per il suo potenziale ruolo protettivo contro il COVID-19, che può causare la degradazione della coagulazione del sangue delle fibre elastiche nei polmoni.

Sia la tromboembolia, che si verifica quando un coagulo di sangue ostruisce un vaso sanguigno, sia la coagulopatia, che è una condizione in cui la capacità del sangue di formare coaguli è compromessa, sono prevalenti nei casi gravi di COVID-19 e sono collegate a una riduzione dei tassi di sopravvivenza della malattia, che altrimenti tende a causare sintomi lievi o assenti nella maggior parte delle persone colpite.

"La coagulazione è un intricato equilibrio tra i processi di promozione e dissoluzione del coagulo in cui la vitamina K svolge un ruolo ben noto", hanno scritto ricercatori olandesi in uno studio Preprints, portandoli a suggerire che i livelli di vitamina K possono essere bassi nelle persone con COVID-19 grave.

Bassi livelli di vitamina K collegati a casi gravi di COVID-19 e manifestazioni problematiche

Per verificare la loro ipotesi, i ricercatori hanno studiato 123 pazienti ricoverati all'ospedale Canisius Wilhelmina di Nimega, una città nei Paesi Bassi, con COVID-19 insieme a 184 pazienti di controllo. Sono stati misurati sia i livelli di vitamina K che la degradazione dell'elastina, con la vitamina K che è stata valutata misurando la proteina Gla della matrice desfosfo-carbossilata (dp-ucMGP), inversamente correlata allo stato della vitamina K.

La degradazione dell'elastina è stata misurata tramite desmosina, un amminoacido presente nei tendini e un componente dell'elastina. Lo studio ha rilevato che i pazienti con COVID-19 con decorsi sfavorevoli presentavano livelli significativamente più alti di dp-ucMGP, il che indica livelli bassi di vitamina K, rispetto a quelli con una malattia meno grave. Il Dp-ucMGP era anche significativamente elevato nei pazienti con COVID-19 rispetto a quelli senza la malattia e i livelli di dp-ucMGP e desmosina erano significativamente associati. Secondo i ricercatori:

“Lo stato della vitamina K era ridotto nei pazienti con COVID-19 e correlato a prognosi sfavorevole. Inoltre, lo stato di vitamina K bassa sembra essere associato a una degradazione accelerata dell'elastina. È ora necessario uno studio di intervento per valutare se la somministrazione della vitamina K migliora i risultati nei pazienti con COVID-19".

L'autore dello studio, il dott. Rob Janssen, ha sostenuto i livelli di vitamina K per aumentare i livelli di vitamina K, ad eccezione delle persone che assumono farmaci anticoagulanti.

Parlando con The Guardian, ha osservato, "abbiamo un intervento che non ha effetti collaterali, persino meno di un placebo. C'è una grande eccezione: le persone che assumono farmaci anticoagulanti. È completamente sicuro nelle altre persone. Il mio consiglio sarebbe di assumere integratori di vitamina K. Anche se non aiuta contro casi gravi di COVID-19, fa bene ai vasi sanguigni, alle ossa e probabilmente anche ai polmoni". Puoi anche trovare la vitamina K in una varietà di alimenti.

Due tipi di vitamina K e dove trovarli

Esistono due tipi di vitamina K: fillochinone o vitamina K1 e menachinoni o vitamina K2. La vitamina K1 è derivata da verdure a foglia verde come spinaci, cavoli, broccoli e verze, ed è meglio conosciuta per il ruolo che svolge nella coagulazione del sangue. Senza un livello sufficiente di vitamina K1, il tuo sangue non può coagularsi correttamente e sei a rischio di morire dissanguato.

Tuttavia, secondo Leon Schurgers, scienziato senior dell'Università di Maastricht nei Paesi Bassi, che è stato coinvolto nello studio in primo piano e che ho intervistato nel 2015, “… L'assorbimento della vitamina K1 dal cibo è estremamente basso. Solo il 10% della vitamina K, che si trova nelle verdure a foglia verde, viene assorbito dal tuo corpo... E non ci sono variabili o modifiche del consumo che aumenteranno significativamente l'assorbimento".

La vitamina K2, invece, è meglio conosciuta per il suo ruolo nella salute delle ossa e del cuore e si trova nei prodotti di origine animale alimentati con erba come carne, uova, fegato e latticini, nonché negli alimenti fermentati, tra cui crauti, alcuni formaggi e il natto fermentato di soia.

Sebbene la quantità di vitamina K2 in alcuni alimenti, come il formaggio, sia inferiore alla quantità di vitamina K1 presente nelle verdure a foglia verde, Schurgers ha osservato, "tutta la vitamina K2 viene assorbita dall'organismo... La vitamina K2 nel cibo è quasi completamente assorbita". Il natto è particolarmente noto per la sua concentrazione elevata di vitamina K2, in particolare la vitamina K2 a catena più lunga nota come menachinone-7 (MK-7).

Uno studio che ha esaminato la biodisponibilità della vitamina K ha anche scoperto che le concentrazioni circolanti di vitamina K2 erano circa 10 volte superiori dopo il consumo di natto rispetto a quelle di vitamina K1 dopo aver mangiato spinaci.

"Ho lavorato con uno scienziato giapponese a Londra", ha detto Janssen al Guardian, "e ha detto che è stato significativo che nelle regioni del Giappone dove si mangia molto natto, non c'è stata una sola persona a morire di COVID-19; quindi è qualcosa da approfondire, direi".

Oltre al natto, il formaggio è l'alimento con le più alte concentrazioni di menachinone, ma i livelli variano a seconda del tipo di formaggio. I formaggi a pasta dura olandesi come il gouda e l'edam hanno concentrazioni relativamente elevate, così come i formaggi francesi come il formaggio Munster. Tuttavia, molti fattori influenzano la quantità di vitamina K2 presente nel cibo, incluso il tempo di fermentazione e la produzione di latte di animali alimentati a grassi o allevati al pascolo.

Ad esempio, i prodotti lattiero-caseari pastorizzati e i prodotti provenienti da animali di allevamento non sono ricchi di MK-4, una forma a catena corta di vitamina K2. Solo gli animali nutriti con erba (non alimentati con cereali) svilupperanno livelli naturalmente elevati.

La vitamina K riduce anche le comorbidità del COVID-19

Un rapporto della Missione congiunta OMS-Cina sul COVID-19, pubblicato nel febbraio 2020, ha rilevato un più elevato rapporto di mortalità (CFR) tra le persone con COVID-19 e condizioni di salute aggiuntive. Quelli che erano altrimenti sani avevano un CFR dell'1,4%, ma quelli con condizioni di comorbidità avevano tassi molto più alti, come segue:

  • Malattie cardiovascolari — 13,2%
  • Diabete — 9,2%
  • Pressione sanguigna elevata — 8,4%

Un altro studio che esamina l'impatto di coesistenti condizioni di salute come ipertensione, malattie cardiache e diabete sugli esiti di COVID-19 ha scoperto che sono collegati a "esiti clinici più scarsi", come l'ammissione a un'unità di terapia intensiva, la necessità di ventilazione invasiva o morte. Ciò significa che ridurre il rischio di patologie di base come diabete, malattie cardiache e ipertensione potrebbe migliorare i risultati se hai il COVID-19.

La vitamina K potrebbe svolgere un ruolo protettivo qui, perché è collegata sia al diabete che alla salute del cuore. Le assunzioni di vitamina K1 e K2 possono essere associate a un rischio ridotto di diabete di tipo 2.

La vitamina K può influenzare la sensibilità all'insulina attraverso l'osteocalcina carbossilante, che può funzionare come un ormone nella regolazione della sensibilità all'insulina. Potrebbe anche svolgere un ruolo nel ridurre la resistenza all'insulina e il rischio di diabete di tipo 2 attraverso gli effetti sul metabolismo del calcio. Inoltre, una recensione pubblicata sul Journal of Nutrition and Metabolism ha osservato:

"Un aumento dell'assunzione di vitamina K1 in uno studio di coorte... ha dimostrato di ridurre il rischio di sviluppare il diabete del 51%. Un recente studio suggerisce che l'integrazione di vitamina K può essere utilizzata come nuova terapia adiuvante per migliorare il controllo glicemico e la qualità della vita".

La vitamina K migliora la salute del cuore, importante anche per il COVID-19

Come accennato, le persone con malattie cardiache hanno esiti peggiori se sviluppano COVID-19 e anche il ruolo della vitamina K nella salute del cuore è ben noto, in particolare per la vitamina K2. Uno dei motivi per cui la vitamina K2 è così importante per la salute del cuore ha a che fare con una complessa biochimica che coinvolge gli enzimi matrice gla-proteina (MGP, presente nel tuo sistema vascolare) e l'osteocalcina, presenti nell'osso.

"Gla" sta per acido glutammico, che si lega al calcio nelle cellule della parete arteriosa e lo rimuove dal rivestimento dei vasi sanguigni. Una volta rimossa dal rivestimento dei vasi sanguigni, la vitamina K2 facilita l'integrazione di quel calcio nella matrice ossea trasferendolo all'osteocalcina, che a sua volta aiuta a "cementare" il calcio in posizione all'interno dell'osso.

La vitamina K2 attiva queste due proteine, quindi senza di essa non può verificarsi questo processo di trasferimento del calcio dalle arterie all'osso, il che aumenta il rischio di calcificazione arteriosa. In effetti, in uno studio, coloro che avevano la quantità più alta di vitamina K2 avevano il 52% in meno di probabilità di subire una grave calcificazione nelle loro arterie e il 57% in meno di probabilità di morire per malattie cardiache in un periodo da sette a 10 anni.

Anche livelli di vitamina D e vitamina K bassi sono stati collegati all'ipertensione, un'altra condizione che aumenta il rischio di manifestazioni gravi di COVID-19. Molte persone, giovani e meno giovani, si trovano a fronteggiare il diabete di tipo 2 e la pressione alta, ma queste condizioni possono essere invertite e, in tal modo, ridurrete significativamente il rischio di ammalarsi gravemente di COVID-19. Assicurarsi di assumere abbastanza vitamina K è una parte di questa equazione.

La vitamina K funziona in tandem con la vitamina D

Tieni presente che la vitamina K2 funziona anche in tandem con vitamina D e magnesio. Quindi, è importante ricordare che la vitamina K2 deve essere considerata in combinazione con calcio, vitamina D e magnesio, perché tutti e quattro hanno una relazione sinergica che influisce sulla salute.

Anche la vitamina D è degna di nota in relazione al COVID-19, perché un'analisi delle cartelle cliniche ha rivelato una correlazione diretta tra i livelli di vitamina D e la gravità della malattia nelle persone con infezione da SARS-CoV-2, il virus che causa il COVID-19.

Per migliorare le tue funzioni immunitarie e abbassare il rischio di infezioni virali, è consigliabile aumentare entro l'autunno i livelli di vitamina D tra i 60 e gli 80 ng/ml. In Europa, le misurazioni di riferimento sono 150 nanomoli per litro (nmol/L) e 200 nmol/L. Questa, oltre a considerare l'assunzione di vitamina K, è una strategia naturale che può ridurre significativamente il rischio di manifestazioni gravi di COVID-19.

Stai assumendo vitamina K a sufficienza?

Può essere difficile capire se stai assumendo abbastanza vitamina K, poiché non esiste un modo semplice per sottoporre a screening o test il livello di vitamina K2. La vitamina K2 non può attualmente essere misurata direttamente, quindi viene misurata attraverso una valutazione indiretta dell'osteocalcina sottocarbossilata. Questo test, però, non è ancora disponibile in commercio.

Come regola generale, se soffri di osteoporosi, malattie cardiache o diabete, probabilmente hai carenze di vitamina K2. Inoltre, si ritiene che la stragrande maggioranza delle persone sia effettivamente carente e trarrebbe beneficio da livelli più alti di K2, che puoi ottenere mangiando quantità maggiori dei seguenti alimenti:

  • Alcuni alimenti fermentati come il natto o le verdure fermentate usando una coltura iniziale di batteri che producono vitamina K2
  • Alcuni formaggi come Brie, Munster e Gouda, che hanno livelli particolarmente elevati di K2
  • Prodotti biologici di origine animale come tuorli d'uovo, fegato, burro e latticini

Se stai assumendo statine, che sono note per esaurire la vitamina K2, potresti anche in questo caso avere livelli bassi. Se sei interessato agli integratori, come linea guida generale, ti consiglio di assumere circa 150 mcg di vitamina K2 al giorno.

Altri raccomandano quantità leggermente più elevate, fino a 180-200 mcg. Fortunatamente, non devi preoccuparti del sovradosaggio su K2, perché sembra essere completamente non tossico. Se opti per un integratore di vitamina K2, assicurati che sia MK-7. L'eccezione è se stai assumendo antagonisti della vitamina K, cioè farmaci che riducono la coagulazione del sangue riducendo l'azione della vitamina K. In tal caso, dovresti evitare gli integratori MK-7.

Devi anche tenere presente che l'assunzione eccessiva di vitamina K1 dietetica o supplementare può superare gli effetti anticoagulanti dei farmaci per fluidificare il sangue. Inoltre, quando assumi vitamina K, fallo insieme a un grasso. Dato che la vitamina K è liposolubile, non verrà altrimenti assorbita correttamente e assicurati di bilanciarla anche con calcio, vitamina D e magnesio.