Come risolvere la crisi di COVID-19 in 30 giorni

Crisi mondiale di coronavirus

La storia in breve -

  • La pandemia di COVID-19 potrebbe essere risolta in 30 giorni per circa 2 dollari a persona, semplicemente intraprendendo azioni decise per aumentare i livelli di vitamina D tra il grande pubblico
  • L'ottimizzazione della vitamina D potrebbe ridurre il rischio di COVID-19 grave del 90% e il relativo rischio di morire del 96%
  • I dati provenienti da 20 paesi europei hanno scoperto che la probabilità di contrarre e morire per COVID-19 è negativamente correlata allo stato medio di vitamina D della popolazione; entrambe le probabilità raggiungono lo zero a livelli di vitamina D superiori a 30 ng/mL (75 nmol/L)
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

In un comunicato stampa di Orthomolecular Medicine News Service del 22 giugno 2020, Damien Downing, presidente della British Society for Ecological Medicine, illustra come possiamo risolvere la pandemia di COVID-19 in 30 giorni per circa $2 a persona, semplicemente intraprendendo azioni decise per aumentare i livelli di vitamina D. Il rovescio della medaglia o il rischio di farlo è praticamente nullo, mentre il potenziale guadagno potrebbe evitare del tutto un altro picco di COVID-19.

"Se potessimo provvedere a dare a tutti la vitamina D, e non riuscisse a proteggerli, cosa succederebbe? Il rischio di non agire è molto maggiore del rischio di agire" afferma Downing, aggiungendo: "Se hai contratto il virus COVID-19 in questo momento, con un buono stato di vitamina D (avendo già assunto un integratore).

  • riusciresti a ridurre il rischio che la malattia diventi grave del 90%
  • Riduci il rischio di morire del 96%

Questo non è 'dimostrato' o 'basato sulle prove' fino a quando non abbiamo fatto studi controllati confrontandoli con il placebo... Ma i dati, già forti, sono stati diffusi fin dall'inizio della pandemia".

Sebbene i necessari studi randomizzati prospettici richiesti con vitamina D non siano ancora stati completati, sono effettivamente in corso e i risultati di molti arriveranno prima della fine dell'anno. È possibile visitare il registro degli studi clinici per esaminare lo stato attuale di questi studi. A giugno 2020, ci sono oltre 20 studi in corso sull'uso della vitamina D per il COVID-19.

Vitamina D e COVID-19

Downing continua citando la ricerca e i dati a supporto. Tra questi c'è uno studio dalle Filippine, con cui si è scoperto che per ogni aumento di deviazione standard della vitamina D sierica, le probabilità di sperimentare solo una malattia lieve piuttosto che una malattia grave erano 7,94 volte maggiori, e le probabilità di avere un esito clinico lieve piuttosto che un esito critico erano 19,61 volte maggiori. Secondo l'autore:

"I risultati suggeriscono che un aumento del livello sierico 25 (OH) D nel corpo potrebbe migliorare i risultati clinici o mitigare i risultati peggiori (da gravi a critici), mentre una diminuzione del livello sierico 25 (OH) D nel corpo potrebbe peggiorare gli esiti clinici dei pazienti COVID-2019".

Un altro studio dall'Indonesia, che ha esaminato i dati di 780 pazienti COVID-19, ha scoperto che quelli con un livello di vitamina D compreso tra 20 ng/mL (50 nmol/L) e 30 ng/mL (75 nmol/L) avevano un rischio di morte sette volte maggiore rispetto a quelli con un livello superiore a 30 ng/mL. Avere un livello inferiore a 20 ng/mL è stato associato ad un rischio di morte 12 volte superiore. Come notato da Downing:

"Con uno stato di carenza di vitamina D (<50nmol/L) il tasso di mortalità da COVID-19 era del 98,8% contro il 4,1% con una vitamina D adeguata (> 75nmol/L). L'Hazard Ratio è 24,1 ... Un Hazard Ratio di 4 significa che in una condizione, ad esempio la carenza di vitamina D, si ha 4 volte più probabilità di subire il "pericolo" rispetto ad un'altra condizione, ad esempio l'adeguatezza della vitamina D".

Un terzo articolo, che offre dati da 20 paesi europei, ha anche scoperto che "la probabilità di sviluppare COVID-19 e di morire per esso, è negativamente correlata allo stato medio di vitamina D della popolazione, con entrambe le probabilità che raggiungono lo zero al di sopra di circa 75 nmol/L" ( 30 ng/mL), sottolinea Downing.

Nella loro presentazione in versione prestampa di questo articolo, gli autori hanno concluso: "Riteniamo di poter consigliare l'integrazione di vitamina D per proteggersi dall'infezione da SARS-CoV2".

Il livello di vitamina D superiore a 30 ng/mL ti protegge dal COVID-19

Downing affronta anche il problema del dosaggio e della sicurezza, sottolineando come gli avvisi su "assunzioni eccessive di vitamina D" siano molto fuorvianti e ingiustificati, poiché la tossicità non è stata dimostrata fino a quando non si raggiungono livelli ematici superiori a 200 ng/mL (500 nmol/L).

Il livello ematico raccomandato per una salute ottimale è attualmente tra 60 ng/mL (150 nmol/L) e 80 ng/mL (200 nmol/L). In altre parole, c'è un significativo margine di sicurezza, anche se riesci a superare l'intervallo ottimale.

"I tre articoli menzionati sopra mostrano che è necessario un livello ematico di vitamina D3 di almeno 75 nmol/L (30 ng/ml) per la protezione contro il COVID-19", scrive Downing.

"Le raccomandazioni del governo per l'assunzione di vitamina D - 400 UI/giorno per il Regno Unito e 600 UI/giorno per gli Stati Uniti (800 UI per chi ha più di 70 anni) e l'UE - si basano principalmente sulla salute delle ossa. Ciò è tristemente inadeguato nel contesto della pandemia.

Un adulto dovrà assumere 4.000 UI/giorno di vitamina D3 per tre mesi per raggiungere in modo affidabile un livello di 75 nmol/L. Le persone di colore potrebbero aver bisogno del doppio della quantità. Queste dosi possono ridurre il rischio di infezione, ma non sono destinate al trattamento di un'infezione virale acuta.

E poiché la vitamina D è liposolubile e il suo livello nel corpo aumenta lentamente, per quelli con una carenza, l'assunzione di una dose iniziale di 5 volte la dose normale (20.000 UI/giorno) per due settimane può aiutare ad aumentare il livello a un livello adeguato per ridurre il rischio di infezione".

Diventa metabolicamente flessibile e sensibile all'insulina

Essere metabolicamente flessibili è un'altra importante componente dello stile di vita. La ragione di ciò è che la resistenza all'insulina ti rende più suscettibile alla tempesta di citochine, una causa primaria di morte tra i pazienti COVID-19.

Il singolo passo più importante che puoi fare per raggiungere la flessibilità metabolica è ridurre le ore durante le quali mangi. Oltre il 90% delle persone mangia per più di 12 ore al giorno e più della metà mangia per più di 16 ore al giorno. La chiave è ridurre la finestra di consumo a 6-8 ore, assicurandoti che l'ultimo cibo che mangi sia almeno tre ore prima di andare a letto.

Quando restringi la tua finestra alimentare, diminuirai la resistenza all'insulina, diventerai più metabolicamente flessibile e sarai in grado di passare senza interruzioni tra bruciare grassi o carboidrati come combustibile principale. Ho scritto un intero libro su come diventare metabolicamente flessibile, "Trasforma il grasso in energial", ma un semplice riassunto è il seguente:

  • Limita il tempo della tua finestra di alimentazione a 6-8 ore
  • Elimina tutti gli oli vegetali trasformati industrialmente
  • Limita i carboidrati a 50 grammi al giorno fino a quando non sarai metabolicamente flessibile e quindi aumenta a 150 grammi di carboidrati sani due volte a settimana

Questa strategia è assolutamente vitale alla luce della prevalenza dell'insulino-resistenza. Oltre il 90% degli statunitensi presenta carenze di vitamina D; il 90% della popolazione è anche insulino-resistente. La ricerca pubblicata su Metabolic Syndrome and Related Disorders nel febbraio 2019 ha concluso che l'87,8% degli adulti statunitensi sottoposti a campionamento era metabolicamente non flessibile, il che significa che non può bruciare i grassi in modo efficiente per ottenere carburante.

Anche i chetoni possono essere utili contro il COVID-19

Quando sei sensibile all'insulina, metabolicamente flessibile e stai seguendo una dieta ciclica a basso contenuto di carboidrati, sarai in grado di generare livelli di chetoni sani. Ricorda che la chetosi costante e il basso contenuto di carboidrati sono una strategia malsana. Va bene seguire un regime a basso contenuto di carboidrati per alcuni mesi, ma per una salute ottimale è necessario un riciclo dei carboidrati sani una o due volte a settimana, idealmente quando si sta facendo l'esercizio fisico più duro o l'allenamento di resistenza della settimana.

Quando bruci lo zucchero per ottenere carburante (ossia energia), devi scomporre il glucosio in due molecole di 3 piruvato di carbonio. Il piruvato viene quindi utilizzato dai mitocondri dopo che è stato convertito in acetil CoA. La resistenza all'insulina, a sua volta, può compromettere l'enzima che converte un prodotto di degradazione del glucosio in piruvato in modo che possa essere trasportato e bruciato come energia nei mitocondri.

Il problema con il COVID-19 è che la tempesta di citochine inibisce la conversione dell'enzima piruvato in acetil CoA, che limita radicalmente la produzione di ATP mitocondriale. Un'ulteriore conseguenza di ciò è che riduce anche il NADPH.

Il NADPH è la batteria della tua cellula, il serbatoio di elettroni che in realtà causa la ricarica di antiossidanti endogeni come glutatione, vitamina E e C in modo che possano continuare a funzionare e mitigare il danno da radicali liberi derivante da tutto questo stress ossidativo. Un modo per compensare la situazione è assicurarsi di avere abbastanza NADPH e che i chetoni aumentino radicalmente il NADPH.

Il NADPH disattiva anche l'inflammasoma NLRP3 che produce citochine come TNF alfa, NF Kappa B, IL1B, IL6 e IL18 (interleuchine) che stanno causando tutto il danno.

Detto questo, è importante rendersi conto che gli esteri chetonici non tratteranno la causa principale della malattia, ossia un sistema immunitario compromesso, in genere a causa dell'insulino-resistenza. Gli esteri chetonici possono, tuttavia, essere utilizzati in modo acuto, poiché hanno dimostrato di fornire un rapido miglioramento in alcuni pazienti con COVID-19.

Per affrontare l'insulino-resistenza e l'inflessibilità metabolica nel lungo periodo, la soluzione migliore è attuare una dieta chetogenica ciclica, descritta nel mio libro "Trasforma il grasso in energia".

Idrogeno molecolare

L'idrogeno molecolare (H2 gas) ha potenti effetti antiossidanti e antinfiammatori, il che lo rende utile per il COVID-19 riducendo le citochine infiammatorie, come spiegato in questo video di Tyler W. LeBaron, fondatore dell'Istituto di idrogeno molecolare senza scopo di lucro.

LeBaron esamina la fisiopatologia del COVID-19 e spiega perché2 viene studiato clinicamente discutendo i meccanismi proposti su come l'idrogeno molecolare potrebbe migliorare questa particolare malattia.

L'idrogeno molecolare o H2 ha la capacità di attivare il percorso Nrf2/keap1, reintegrando così i tuoi antiossidanti endogeni. Nel fare ciò, l'H2 aiuta a regolare e mantenere l'omeostasi nell'intero sistema, evitando che l'infezione sfugga al controllo e causi la morte cellulare.

L'idrogeno può anche sottoregolare gli enzimi NOX e NOS, riducendo così rispettivamente la produzione di superossido e di ossido nitrico. Questa cosa è buona, perché, quando queste due molecole vengono aumentate troppo, si combinano istantaneamente per creare la perniciosa molecola di perossinitrito. L'H2 supporta anche la tua funzione mitocondriale. È importante sottolineare che l'H2 riduce selettivamente i perossinitriti e i radicali idrossilici.

L'H2 interviene anche per evitare che si verifichi una tempesta di citochine. L'H2 aiuterà anche a migliorare il NADPH e lavora in sinergia con il consumo di cibo limitato e la chetosi ciclica.

Lo quercetina, oltre allo zinco, può ridurre ulteriormente il rischio di COVID-19

Oltre all'ottimizzazione della vitamina D, la quercetina - che agisce in modo simile al farmaco idrossiclorochina - e lo zinco possono ridurre ulteriormente il rischio di COVID-19. Prove convincenti suggeriscono che il motivo per cui l'idrossiclorochina appare così utile nel trattamento del COVID-19 è che si tratta di uno ionoforo di zinco, il che significa che migliora l'assorbimento di zinco nella cellula.

La quercetina ha lo stesso effetto. In effetti, uno studio ha suggerito che le azioni biologiche - che includono effetti antivirali - della quercetina possono in effetti essere correlate alla sua capacità di aumentare l'assorbimento di zinco cellulare.

Lo zinco è vitale per una sana funzione immunitaria e una combinazione di zinco con uno ionoforo di zinco (molecola di trasporto dello zinco) nel 2010 ha dimostrato di inibire il coronavirus SARS in vitro. In coltura cellulare, ha anche bloccato la replicazione virale in pochi minuti. Al contrario, la carenza di zinco ha dimostrato di compromettere la funzione immunitaria. Come notato in un documento del 2013 sulla carenza di zinco:

"Lo zinco è un secondo messaggero di cellule immunitarie e lo zinco intracellulare libero in queste cellule partecipa agli eventi di segnalazione. Lo zinco è molto efficace nel diminuire l'incidenza dell'infezione negli anziani. Lo zinco non solo modula l'immunità cellulare mediata, ma è anche un agente antiossidante e antinfiammatorio".

Il problema è che lo zinco è in gran parte insolubile e non può entrare facilmente attraverso la parete grassa delle cellule. Arrivare fino in fondo alla cellula è fondamentale, perché è qui che avviene la replicazione virale. È qui che entrano in gioco gli ionofori di zinco come la quercetina.

La quercetina è anche un potente antivirale di per sé, e ha l'ulteriore vantaggio di inibire la proteasi 3CL, un enzima usato dai coronavirus SARS per infettare le cellule sane. Secondo uno studio del 2020, la capacità della quercetina di inibire i coronavirus della SARS "in alcuni casi si presume sia direttamente collegata per sopprimere l'attività della SARS-CoV 3CLpro".

A questo potresti aggiungere anche pirossidine (vitamina B6) e selenio, poiché entrambi svolgono un ruolo nell'assorbimento e nella biodisponibilità dello zinco nel corpo. Ad esempio, uno studio pubblicato nel 1991 ha dimostrato che quando le giovani donne seguivano una dieta carente di vitamina B6, il loro siero di zinco diminuiva, il che suggerisce che la carenza di B6 influiva sul metabolismo dello zinco in modo tale che "lo zinco assorbito non era disponibile per l'utilizzo".

Un'analisi più approfondita e una spiegazione della relazione tra niacina e selenio con lo zinco è fornita in un articolo del 2008, "Zinco, metallotioneine e longevità: rapporti con la niacina e il selenio".

Il protocollo MATH

Se sei ricoverato in ospedale per COVID-19, il trattamento precoce diventa fondamentale. Ci sono molte controversie su quale sia il trattamento migliore, ma l'evidenza clinica suggerisce chiaramente che la ventilazione meccanica dovrebbe essere evitata a tutti i costi.

Inoltre, mentre l'idrossiclorochina combinata con lo zinco sembra efficace, credo che uno dei migliori trattamenti suggeriti finora sia il Protocollo MATH+. Il protocollo è stato sviluppato dal Front Line COVID-19 Critical Care Working Group, che comprende il Dott. Paul Marik, capo della divisione di medicina polmonare e di terapia intensiva presso la Eastern Virginia Medical School di Norfolk, e vanta un tasso di efficacia vicino al 100%.

Il protocollo MATH+ è progettato per trattare la seconda fase dell'infezione da COVID-19, lo stadio in cui inizia la risposta immunitaria iperinfiammatoria. Per i migliori risultati, tuttavia, deve essere somministrato abbastanza presto. Il protocollo MATH+ richiede l'uso dei seguenti tre medicinali, che devono essere somministrati entro sei ore dal ricovero ospedaliero:

  • Metilprednisolone per via endovenosa, per sopprimere il sistema immunitario e prevenire i danni agli organi causati dalle tempeste di citochine: per una lieve ipossia, 40 milligrammi (mg) al giorno fino a quando non viene tolto l'ossigeno; malattia da moderata a grave, 80 mg in bolo seguiti da 20 mg al giorno per sette giorni. All'ottavo giorno, passare al prednisone per via orale e ridurre la dose nel corso dei sei giorni successivi.
  • Acido ascorbico (vitamina C) endovenoso, per controllare l'infiammazione e prevenire lo sviluppo di vasi sanguigni che perdono nei polmoni: 3 grammi/100 ml ogni sei ore per un massimo di sette giorni.
  • Eparina sottocutanea (enoxaparina), per fluidificare il sangue e prevenire la formazione di coaguli di sangue: per malattie da lievi a moderate, da 40 mg a 60 mg al giorno fino alla dimissione.

Le aggiunte facoltative includono tiamina, zinco e vitamina D. Oltre a questi farmaci, il protocollo prevede ossigeno nasale ad alto flusso per evitare la ventilazione meccanica che può danneggiare i polmoni.

Nel complesso, questo approccio affronta i tre processi patologici fondamentali visti nel COVID-19, vale a dire l'iperinfiammazione, l'ipercoagulabilità del sangue e l'ipossia (mancanza di respiro a causa della bassa ossigenazione).

Il COVID-19 non deve rimanere una crisi

Gli esperti sanitari avvertono che probabilmente vedremo una seconda ondata di COVID-19 questo autunno. Credo che le strategie esaminate in questo articolo possano fare molto per ridurre al minimo gli incidenti mortali.

La prima cosa che consiglio a tutti è di ottimizzare la tua vitamina D quest'estate. Ancora una volta, il livello ematico ottimale per la salute e la prevenzione delle malattie è compreso tra 60 ng/mL e 80 ng/mL (in Europa, i livelli che occorre raggiungere sono rispettivamente da 150 a 200 nmol/L e 100 nmol/L).

Tuttavia, il semplice superamento di 30 ng/mL (75 nmol/L) può ridurre drasticamente il rischio di gravi infezioni e decessi e farlo è sia facile che economico. Come affermato da Downing, potremmo risolvere la pandemia di COVID-19 in soli 30 giorni semplicemente assicurandoci che tutti assumano vitamina D in dosi sufficientemente elevate.

Assumere quercetina e zinco è un'altra strategia preventiva che vale la pena ricordare, così come i consigli per implementare la chetosi nutrizionale ciclica per assicurarsi che tu sia metabolicamente flessibile e non insulino-resistente. Ancora una volta, puoi farlo seguendo tre potenti strategie:

  • Limitata finestra di alimentazione, compresa tra sei e otto ore
  • Eliminazione di tutti gli oli vegetali lavorati industrialmente
  • Limitazione dei carboidrati a 50 grammi al giorno fino a quando non si è metabolicamente flessibili e quindi aumentare a 150 grammi di carboidrati sani due volte a settimana

Più in particolare, gli esteri chetonici possono offrire un rapido sollievo dei sintomi correlati al COVID-19 come la mancanza di respiro, e il protocollo MATH+, somministrato entro sei ore dall'ospedalizzazione, potrebbero salvare la vita.