L'olio di eucalipto potrebbe ridurre le reazioni infiammatorie nei polmoni

Benefici olio di eucalipto

La storia in breve -

  • L'eucalipto ha proprietà antibatteriche e antivirali, e sopprime anche la produzione di citochine
  • Gli effetti dell'olio essenziale possono ridurre l'infiammazione e il dolore dopo un'operazione di sostituzione del ginocchio; aiuta anche ad abbassare la pressione sanguigna
  • L'olio può essere usato topicamente poiché aiuta ad alleviare le condizioni della pelle, può anche essere usato nei vaporizzatori o come colluttorio o dentifricio
  • Un sistema immunitario debole può aumentare il rischio di infezione; risolvi i tuoi problemi di salute sottostanti e aumenta i livelli di vitamina D
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

L'eucalipto è una famiglia di piante che raccoglie più di 900 specie. Le piante sono native dell'Australia ed esistono in diverse dimensioni, da cespugli ad alberi alti. Sono noti per crescere rapidamente: uno dei più grandi è l'albero della gomma che può crescere fino a 90 metri.

Una caratteristica distintiva dell'eucalipto è la sua corteccia, che l'albero perde man mano che cresce. Alcuni perdono la maggior parte della corteccia, mentre altri ne sono ricoperti completamente. Nonostante l'altezza elevata, alcuni vivono bene anche in vaso. Possono essere anche piantati annualmente. Tutte le parti della pianta di eucalipto possono produrre olii essenziali, ma sono le foglie quelle più ricche.

La rivista Better Homes and Gardens scrive che nelle giornate molto calde, potrebbe sembrare che su un gruppo di alberi si formi una sorta di foschia. Questo fenomeno è causato dagli olii che si vaporizzano con il caldo. L'eucalipto offre diversi benefici medici, ampi e variegati quasi quanto le specie della pianta.

L'olio di eucalipto riduce l'infiammazione dei tessuti polmonari

Tua madre lo sapeva benissimo quando ti strofinava l'olio di eucalipto sul petto quando avevi il raffreddore o la tosse. Infatti, i ricercatori hanno scoperto che gli oli essenziali hanno un'attività antivirale e possono ridurre l'infiammazione polmonare. L'eucalipto contiene 1,8-cineolo, noto anche come eucaliptolo, che è il principale monoterpene responsabile della soppressione della produzione di citochine nei monociti umani.

Gli autori di uno studio hanno esaminato l'effetto antinfiammatorio dell'1,8-cineolo in confronto al prednisolone che era potenzialmente uguale. Lo hanno testato su 32 pazienti con asma grave, utilizzando uno studio in doppio cieco, controllato con placebo. I ricercatori hanno riscontrato che il 75% di coloro che hanno ricevuto cineolo di eucalipto contro il 25% che ha ricevuto un placebo sono stati in grado di ridurre i loro steroidi orali.

Quando misurato contro l'infiammazione polmonare in un modello animale, altri ricercatori hanno scoperto che l'eucaliptolo potrebbe ridurre il numero di cellule infiammatorie e diminuire il contenuto di proteine nel liquido di lavaggio broncoalveolare, fornendo "prove ... [per] il suo potenziale per il trattamento di lesioni polmonari acute".

Ancora altri ricercatori hanno rilevato che l'olio di eucalipto potrebbe attenuare le lesioni polmonari indotte e inibire la produzione di citochine pro-infiammatorie, offrendo la prova che potrebbe avere un potenziale come trattamento farmacologico per la malattia polmonare ostruttiva cronica.

Le prove cliniche supportano queste teorie; tuttavia, il meccanismo d'azione e i composti bioattivi responsabili non sono stati ben studiati. Questo ha spinto un team a esaminare il componente primario dell'olio, l'1,8-cineolo, in uno studio di laboratorio.

Hanno scoperto che l'attività antinfiammatoria è dovuta ai recettori di riconoscimento del modello di riduzione della regolazione, che svolgono un ruolo importante nelle infezioni sistemiche.

Ognuna di queste azioni è importante per sostenere gli sforzi dell'organismo nella lotta contro le infezioni virali. Un secondo beneficio può essere la capacità della pianta di sopprimere la produzione di citochine infiammatorie in un'infezione in cui le risposte immunitarie iperattive e le tempeste di citochine innescano danni ai polmoni e agli organi che possono portare alla morte.

L'eucalipto riduce infiammazione e dolore

Gli effetti dell'olio di eucalipto sull'infiammazione e sul dolore si sono rivelati interessanti anche per la comunità medica. Un gruppo ha analizzato i parametri fisiologici e psicologici di 32 individui. Hanno riscontrato che una combinazione di olio di menta piperita, olio di eucalipto ed etanolo può indurre il rilassamento muscolare e mentale, ma non influenza la sensibilità al dolore.

I ricercatori hanno avuto risultati diversi a seconda del genere di eucalipto utilizzato. Nella medicina popolare brasiliana, una varietà della pianta viene inclusa nel trattamento di condizioni come infezioni bronchiali, raffreddore, influenza e febbre. In uno studio, un team di ricercatori ha utilizzato un modello animale per esaminare gli effetti antinfiammatori e analgesici di tre specie.

L'eucalipto induceva entrambi gli effetti, suggerendo che l'olio essenziale esercitava una riduzione centrale e periferica del dolore. Questo supporta ulteriori ricerche per il possibile sviluppo di farmaci antidolorifici derivati dagli oli essenziali di eucalipto.

L'olio di eucalipto è stato valutato anche nel trattamento del dolore dopo una sostituzione totale del ginocchio. Ad un gruppo di individui sono stati somministrati trattamenti inalatori all'eucalipto o all'olio di mandorle. I ricercatori hanno misurato la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca e la valutazione del dolore prima e dopo la terapia inalatoria. In tutti e tre i tre giorni, coloro che hanno inalato l'eucalipto hanno riportato meno dolore.

Inoltre, il secondo giorno, il gruppo di intervento - quelli che hanno ricevuto l'eucalipto - ha avuto una pressione sanguigna significativamente più bassa. I ricercatori hanno notato che questo ha suggerito che l'aromaterapia che coinvolge l'eucalipto può essere un intervento efficace per alleviare il dolore dopo una sostituzione totale del ginocchio.

Altri benefici dell'olio essenziale di eucalipto

L'olio essendiale dell'albero di eucalipto è prodotto dalle foglie secche. Nei decenni passati, l'olio diluito è stato utilizzato per una serie di motivi, tra cui la cura di condizioni infiammatorie come la bronchite e le infezioni respiratorie. La medicina tradizionale aborigena prevedeva l'uso dell'eucalipto per curare le ferite e le infezioni fungine.

In uno studio, i ricercatori hanno valutato gli effetti di otto specie di eucalipto presenti in Tunisia. Erano interessati alle sue proprietà antimicrobiche per il trattamento di isolati batterici come, Klebsiella pneumoniae, Staphylococcus aureus, Hemophilus influenza e Pseudomonas aeruginosa.

L'eucalipto odorata aveva la più forte attività contro lo Staphylococcus aureus, l'Hemophilus influenzae e lo streptococco pneumoniae. Ha avuto anche l'effetto più citotossico. Tuttavia, la varietà di eucalipto con la migliore attività antivirale era l'eucalipto bicostata.

È importante sapere che l'olio essenziale di eucalipto può essere usato topicamente o in un vaporizzatore, ma non deve essere ingerito. Alcuni collutori contengono eucalipto con altri oli essenziali per aiutare a ridurre l'accumulo di placca e per trattare la gengivite. Le sue proprietà antisettiche aiutano ad uccidere i batteri orali che portano all'accumulo di placca.

Gli oli hanno anche dimostrato effetti positivi contro il mal di testa e le nevralgie, così come nel trattamento di condizioni della pelle come l'herpes, i pidocchi e le punture di insetti. In generale, l'olio essenziale di eucalipto è sicuro da usare, ma è necessario seguire precauzioni specifiche.

Fare un patch test per essere sicuri di non avere una reazione allergica. L'olio non dovrebbe mai essere somministrato a bambini di età inferiore ai 2 anni o usato per massaggiare il petto o il naso di un bambino. Le donne che sono incinte e che allattano dovrebbero evitare l'eucalipto perché non ci sono prove sufficienti sulla sua sicurezza in quella popolazione.

Un sistema immunitario indebolito aumenta il rischio di infezioni virali

Quando si passa più tempo in casa, essendo inattivi e sgranocchiando cibi che non supportano il sistema immunitario, si può verificare un aumento del rischio di infezioni e malattie croniche. Questo può accadere anche se non si ha una immunodeficienza primaria.

I disturbi da immunodeficienza primaria permettono che l'infezione si verifichi più frequentemente e più facilmente. Alcune forme sono lievi e possono non essere diagnosticate per anni. Le persone che hanno un sistema immunitario più debole, sia per una condizione primaria che a causa di scelte di vita, avranno più difficoltà a debellare le infezioni.

Coloro che hanno malattie croniche come il diabete, il fegato o le malattie renali, così come coloro che hanno subito trapianti d'organo e coloro che sono stati sottoposti a chemioterapia o a trattamenti con radiazioni, hanno anche un sistema immunitario indebolito che può portare a malattie e ospedalizzazioni più lunghe. Le tue scelte alimentari e i tuoi modelli alimentari hanno comunque un impatto significativo sulla tua capacità di resistere alle infezioni.

Ci sono alcune cose che potresti fare inconsapevolmente e che potrebbero avere un impatto sulle difese del tuo corpo. Tra queste vi sono lo stare seduti per lunghi periodi di tempo, che è stato collegato al diabete, alle malattie cardiache e alla morte precoce.

Tuttavia, proprio così come l'inattività è un problema, anche il sovrallenamento o l'eccessivo esercizio fisico senza un recupero sufficiente può avere un impatto sul sistema immunitario. La mancanza di gestione dello stress, l'uso eccessivo di alcol e la privazione del sonno sono fattori aggiuntivi che influiscono sulla capacità dell'organismo di combattere le infezioni.

Prenditi cura di te per avere una salute ottimale

Scrivo da molti anni sulle strategie che si possono usare per aiutare a sostenere il sistema immunitario. Cose semplici come lavarsi spesso le mani con la tecnica corretta aiutano a ridurre la diffusione di qualsiasi infezione e a ridurre l'esposizione a batteri, virus e funghi. I ricercatori hanno scoperto che le persone affette da ipertensione arteriosa e diabete hanno un rischio più elevato di malattie gravi, quindi è essenziale esaminare questi aspetti e adottare misure per ottenere il controllo su di essi nella gestione complessiva della salute.

Molte comorbidità sono il risultato di disfunzioni metaboliche. Ciò significa che quando si affronta la resistenza all'insulina, si avrà probabilmente un impatto positivo su molte altre condizioni croniche.

Durante tutti i periodi dell'anno, è necessario dormire molto per sostenere il microbiota intestinale e la salute del cervello. È inoltre necessario fare abbastanza esercizio fisico quotidiano perché ha un effetto positivo sul sistema immunitario, aiuta a promuovere un sonno migliore e migliora l'umore.

Un'altra strategia vitale per proteggersi dal COVID-19 e da altre malattie infettive è quella di aumentare i livelli di vitamina D tra 60 ng/mL e 80 ng/mL.

Non è l'unica a raccomandare il raggiungimento e il mantenimento di livelli adeguati di vitamina, poiché i ricercatori suggeriscono che essa gioca un ruolo importante nel rischio di contrarre l'infezione e nella gravità di una malattia.

Per una discussione più approfondita su come il livello di vitamina D può influire sul rischio di ammalarti e su come ottimizzarne i livelli, vedi "Il tuo livello di vitamina D deve raggiungere i 60ng/mL prima della seconda ondata".