I ventilatori possono aumentare il rischio di morte per COVID-19

Effetti negativi della ventilazione meccanica

La storia in breve -

  • I pazienti COVID-19 che sono sottoposti a ventilatori presentano un aumento del rischio di morte. È possibile che i ventilatori siano inappropriati per la maggior parte dei pazienti
  • I medici della UChicago Medicine riportano risultati "davvero notevoli" usando cannule nasali ad alto flusso (HFNC) al posto dei ventilatori. Dei 24 pazienti COVID-19 che erano in difficoltà respiratoria, solo uno ha richiesto intubazione dopo 10 giorni di HFNC
  • Una strategia di trattamento più complicata che mostra risultati promettenti è l'ossigenazione della membrana (ECMO), in cui il sangue del paziente viene ossigenato all'esterno del corpo prima di essere ricondotto in circolazione. L'ECMO è raccomandato per i pazienti relativamente giovani con poche comorbilità che non rispondono al trattamento con il ventilatore
  • I medici cinesi riportano "risultati promettenti" dopo aver trattato cinque pazienti COVID-19 con HBOT e la NYU Langone Health sta attualmente reclutando pazienti COVID-19 per uno studio che confronta HBOT con il solo standard di cura
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

Nelle ultime settimane, diversi medici e articoli pubblicati hanno notato che i pazienti COVID-19 che sono sottoposti a ventilazione presentano un aumento del rischio di morte. Il 9 aprile 2020, Business Insider ha riportato che l'80% dei pazienti COVID-19 di New York sottoposti a ventilazione muoiono, il che ha portato alcuni medici a mettere in discussione il loro utilizzo.

Secondo The Associated Press, “Rapporti simili sono emersi da Cina e Regno Unito. In un report del Regno Unito la percentuale è del 66%. Uno studio molto piccolo a Wuhan... ha dichiarato che l'86% è morto”.

Statistiche aggiornate di New York City

Uno studio del 22 aprile 2020, pubblicato su JAMA, che descrive i risultati per 5.700 pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19 nell'area di New York City, ha riferito:

“I tassi di mortalità per coloro che hanno ricevuto ventilazione meccanica nei gruppi di età compresa tra 18 e 65 anni e di età superiore ai 65 anni sono stati rispettivamente del 76,4% e del 97,2%. I tassi di mortalità per quelli di età compresa tra 18 e 65 anni e di età superiore ai 65 anni che non hanno ricevuto ventilazione meccanica sono stati rispettivamente del 19,8% e del 26,6%. Non ci sono stati decessi nella fascia di età inferiore ai 18 anni”.

Questi numeri, però, sono stati modificati poco dopo. Il 26 aprile 2020, CNN Health ha riferito che una media del 24,5% dei pazienti sottoposti a ventilazione è deceduta, rispetto a circa il 20% di coloro che non ne erano sottoposti.

Karina Davidson, vicepresidente senior della ricerca presso Northwell Health, ha dichiarato alla CNN che il suo team ha deciso di "chiarire le parole del rapporto" e che le cifre sono state aggiornate per riflettere "quanti [pazienti] sappiamo che hanno avuto un risultato e quanti rimangono in ospedale". La CNN ha spiegato:

“Il rapporto originale su JAMA affermava che il 12% dei pazienti aveva bisogno di ventilazione e di loro l'88% moriva, ma quei numeri rappresentavano solo una minoranza di pazienti il cui esito era noto, non tutti i pazienti. I numeri aggiornati includono tutti i pazienti, compresi quelli che sono rimasti in ospedale al momento della raccolta dei dati il 4 aprile”.

In un articolo dell'8 aprile 2020, STAT News riportava:

“Ciò che sta guidando questa rivalutazione è un'osservazione sconcertante sul COVID-19: molti pazienti hanno livelli di ossigeno nel sangue così bassi che dovrebbero essere morti. Ma non hanno fame d'aria, non gli batte forte il cuore e il cervello non mostra segni di cedimento per mancanza di ossigeno.

Per questo, i medici di terapia intensiva sospettano che i livelli ematici di ossigeno, che per decenni hanno guidato le decisioni sul supporto respiratorio per i pazienti con polmonite e difficoltà respiratoria acuta, potrebbero indurli in errore su come prendersi cura di quelli con COVID-19.

In particolare, sempre più professionisti sono preoccupati per il ricorso a intubazione e ventilatori meccanici. Sostengono che un numero maggiore di pazienti potrebbe ricevere un supporto respiratorio più semplice e non invasivo, come le maschere respiratorie utilizzate nell'apnea notturna, almeno per iniziare e forse per tutta la durata della malattia”.

L'ossigeno è necessario ma la ventilazione può essere sconsigliabile

Il Dott. Cameron Kyle-Sidell ha notato che i sintomi dei loro pazienti presentano più somiglianze con il mal di montagna che con la polmonite. Allo stesso modo, un recente articolo dei Dott. Luciano Gattinone e John Marini descrivono due diversi tipi di presentazioni sul COVID-19, che chiamano Tipo L e Tipo H.

Una beneficia della ventilazione meccanica, l'altra no. Il Dott. Roger Seheult discute questo documento, nonché il confronto tra COVID-19 e l'edema polmonare da alta quota o HAPE.

In ultima analisi, può apparire che i ventilatori siano inappropriati per la maggior parte dei pazienti, e i medici della UChicago Medicine riportano risultati "davvero notevoli" usando cannule nasali ad alto flusso al posto dei ventilatori. Come notato in un comunicato stampa:

“Le cannule nasali ad alto flusso, o HFNC, sono punte nasali non invasive che si trovano sotto le narici e soffiano grandi volumi di ossigeno caldo e umidificato nel naso e nei polmoni.

Un team del pronto soccorso dell'UChicago Medicine ha preso 24 pazienti COVID-19 che erano in difficoltà respiratoria e ha dato loro HFNC invece di ricorrere ai ventilatori. Tutti i pazienti hanno risposto molto bene, e solo uno di loro ha richiesto di essere intubato dopo 10 giorni...

Gli HFNC sono spesso combinati con il posizionamento prono, una tecnica in cui i pazienti giacciono sullo stomaco per favorire la respirazione. Insieme, hanno aiutato i medici dell'UChicago Medicine a evitare decine di intubazioni e hanno ridotto le possibilità di risultati negativi per i pazienti con COVID-19, ha affermato Thomas Spiegel, MD, direttore medico del dipartimento di emergenza dell'UChicago Medicine.

"La pronazione e le cannule nasali ad alto flusso insieme hanno portato i livelli di ossigeno dei pazienti da circa il 40% all'80%-90%, quindi è stato affascinante e meraviglioso da vedere", ha detto Spiegel...

'Evitare l'intubazione è fondamentale', ha detto Spiegel. 'La maggior parte dei nostri colleghi in giro per la città non lo sta facendo, ma spero che altri pronto soccorso diano un'occhiata da vicino a questa tecnica'”.

Tecnica di ossigenazione a membrana extracorporea

Un'altra strategia di trattamento meno disponibile e più complicata che mostra risultati promettenti è nota come ossigenazione extracorporea della membrana o ECMO. Il sistema prevede un complesso circuito di tubi, filtri e pompe che ossigenano il sangue del paziente e rimuovono i prodotti di scarto all'esterno del corpo prima di rimetterlo in circolazione.

Le linee guida per l'uso dell'ECMO nel trattamento del COVID-19 sono state pubblicate il 30 marzo 2020 sulla rivista ASAIO. Come regola generale, l'ECMO è consigliato per i pazienti relativamente giovani con poche comorbilità che non rispondono al trattamento con il ventilatore. Secondo un comunicato stampa del 24 aprile 2020 dell'Università del Michigan:

"A partire dal 21 aprile... oltre 470 pazienti con casi sospetti o confermati di COVID-19 sono stati curati presso i centri ECMO che condividono i loro dati. La maggior parte erano uomini tra i 40 e i 50 anni. Quasi la metà era affetto da obesità e un quinto da diabete.

La maggior parte di quelli sottoposti a ECMO per COVID-19 sono ancora in trattamento, il che può richiedere settimane per consentire al corpo di riprendersi abbastanza da consentire al paziente di funzionare da solo. Per ogni momento di quel tempo, i pazienti devono essere sotto la cura di team di infermieri, terapisti respiratori, tecnici e medici qualificati...

I pazienti devono essere valutati da un centro ECMO e trasferiti prima che le loro condizioni peggiorino troppo. Non dovrebbero essere stati attaccati a un ventilatore per più di sette giorni prima di iniziare l'ECMO, il che significa che dovrebbero essere presi in considerazione per l'ECMO subito dopo la decisione di intubarli.

"Nonostante le ingenti risorse necessarie per l'assistenza ai pazienti sottoposti a ECMO, riteniamo che questa sia una strategia appropriata per pazienti selezionati che altrimenti sarebbero a rischio di morte imminente", afferma Jonathan Haft, MD, direttore medico del programma ECMO della U-M".

Ossigenoterapia iperbarica

Purtroppo nella discussione convenzionale manca l'uso dell'ossigenoterapia iperbarica (HBOT) che credo possa essere un metodo di trattamento eccellente. Come osservato dal Dott. Andrew Saul, caporedattore del servizio di notizie di medicina ortomolecolare, in “A Review of Helpful Antiviral Strategies”:

“Rendere disponibile l'ossigeno in modo adeguato alla gravità del paziente è la risposta giusta. Dobbiamo ricordare che il nostro corpo da solo è bravo a ottenere ossigeno, altrimenti non saremmo qui. E i nostri polmoni hanno un'enorme quantità di spazio assorbente. Voglio dire, è la loro funzione. Abbiamo semplicemente un sistema straordinario.

L'ossigeno entra per diffusione. Non lo spingi dentro; il corpo lo aspira perché se vi è più ossigeno all'esterno di quello che è presente all'interno, passa attraverso. Tutto quello che fai è dare molta superficie assorbente. E se appiattissi tutti i piccoli alveoli nei polmoni, avresti un'area enorme...

Quindi, fornendo l'ossigeno per poi vedere se il corpo lo assorbirà, hai fatto il primo passo. Ciò può essere fatto preventivamente con aria fresca ed esercizio fisico, uscendo e giocando...

Se qualcuno ha bisogno di più ossigeno e vuoi dare una pressione leggera, se questo migliora il paziente, allora lo fai. Ma l'idea che devi ramificare questo ossigeno come un compressore su una Mustang ritengo che sia, un po', come dire, fatto solo per compiacere al settore...

[Gli alveoli] sono sacchi piccolissimi. Hanno alcune delle membrane più sottili che tu abbia mai visto. Guardali al microscopio. Sono molto delicati. Quindi, l'ultima cosa da fare è evitare la beffa, oltre al danno”.

La ventilazione meccanica può facilmente danneggiare i polmoni per il fatto che sta spingendo aria nei polmoni con forza. Durante l'HBOT, invece, stai semplicemente respirando aria o ossigeno in una camera pressurizzata, il che consente al tuo corpo di assorbire una percentuale maggiore di ossigeno.

Non c'è flusso d'aria che viene forzato direttamente nei polmoni. L'HBOT migliora anche la funzione mitocondriale, aiuta nella disintossicazione, inibisce e controlla l'infiammazione e ottimizza l'innata capacità di guarigione del corpo. Puoi scoprire di più su questo argomento in “Hyperbaric Oxygen Therapy as an Adjunct Healing Modality”.

Prove HBOT per COVID-19

Potremmo eventualmente saperne di più su questo, tuttavia, poiché la NYU Langone Health sta attualmente reclutando pazienti COVID-19 per uno studio con HBOT. Lo studio è stato pubblicato il 2 aprile 2020. Come illustrato su ClinicalTrials.gov:

"Questo è uno studio prospettico di coorte pilota a centro singolo per valutare la sicurezza e l'efficacia dell'ossigenoterapia iperbarica (HBOT) come dispositivo investigativo di emergenza per il trattamento di pazienti con la malattia da nuovo coronavirus, COVID-19...

Il paziente riceverà 90 minuti di ossigeno iperbarico a 2,0 ATA con o senza interruzioni d'aria come da istruzioni del medico iperbarico. Al termine del trattamento, il paziente tornerà all'unità medica e continuerà tutti gli standard di cura...

Dopo la parte di intervento di questo studio, verrà eseguita una revisione del grafico per confrontare gli esiti dei pazienti di intervento rispetto ai pazienti che hanno ricevuto standard di cura".

I medici cinesi riportano anche "risultati promettenti" dopo aver trattato cinque pazienti COVID-19 con HBOT. Due erano in condizioni critiche e cinque erano gravi. Come riportato dall'International Hyperbarics Association:

“L'ossigeno iperbarico è stato aggiunto agli attuali trattamenti completi eseguiti in ospedale per pazienti affetti da COVID-19, con una dose di 90-120 minuti a pressioni di trattamento di 1,4 a 1 fi.ATA.

I risultati sono stati molto incoraggianti in quanto questi cinque pazienti hanno ricevuto benefici terapeutici significativi, tra cui un rapido sollievo dei sintomi dopo la prima sessione.

La logica per l'aggiunta di questa procedura è quella di aiutare a combattere l'ipossiemia progressiva (bassi livelli di ossigeno nel sangue) che può causare il COVID-19. L'ossigeno iperbarico ha la capacità di aggiungere una notevole quantità di ossigeno extra nel flusso sanguigno..."

Gli ospedali sono i principali siti di trasmissione della SARS-CoV-2

Il Dott. John Ioannidis discute i risultati di tre studi preliminari. È importante sottolineare che le infezioni nosocomiali - infezioni che si verificano in ambito ospedaliero - sembrano essere parte integrante del perché il tasso di mortalità per COVID-19 è molto più elevato in alcune aree, come l'Italia, la Spagna e l'area metropolitana di New York.

Un comune denominatore tra queste aree è un numero enorme di personale ospedaliero che è infetto da SARS-CoV-2 e lo diffonde a pazienti che sono già in uno stato di compromissione immunitaria.

"Gli ospedali sono il posto peggiore per combattere la battaglia contro il COVID-19", afferma. "Avremmo dovuto fare del nostro meglio per tenere le persone lontane dagli ospedali in caso di sintomi da COVID-19, salvo casi estremamente gravi".

In sostanza, avendo così tante persone che si sono inutilmente recate in ospedale per paura, è stato consentito lo sviluppo di una catena ospedaliera di trasmissione infettiva. Molti avrebbero semplicemente potuto essere curati a casa.

Questi risultati evidenziano la necessità di misure di controllo delle infezioni molto rigorose negli ospedali, per evitare la trasmissione dal personale asintomatico ai pazienti. Sottolineano anche la necessità di valutare più attentamente la necessità di cure mediche.

Ioannidis sottolinea che le persone che manifestano sintomi lievi o moderati di COVID-19 non devono correre in ospedale, poiché aumentano semplicemente il rischio di trasmissione infettiva al personale e ad altri pazienti più vulnerabili.

Cita anche i dati che mostrano che il personale ospedaliero ha una probabilità stimata dello 0,3% di morte per COVID-19, che è significativamente inferiore al 3,5% originariamente citato dall'Organizzazione mondiale della sanità. Sottolinea inoltre che questo e altri dati indicano che il COVID-19 ha un tasso di mortalità molto vicino a quello dell'influenza stagionale.

Questa, dice, è una buona notizia per il personale ospedaliero che ha lavorato in condizioni molto angoscianti, molti temono per la propria vita. A quanto pare, tali paure sembrano essere enormemente esagerate e non necessarie.

La sepsi è una complicanza comune nel COVID-19

Mentre il trattamento dei sintomi da lievi a moderati a casa può essere consigliabile, è importante prestare attenzione ai segnali di sepsi. Se i sintomi del COVID-19 peggiorano e si sviluppano segni di sepsi, descritti in "La vitamina C funziona per la sepsi. Funzionerà per il coronavirus?", è necessaria assistenza medica immediata.

Se non viene prontamente diagnosticata e trattata, può progredire rapidamente verso il collasso di più organi e la morte. La sepsi è responsabile del 20% delle morti in tutto il mondo ogni anno e anche la risposta della tempesta di citochine associata alla sepsi sembra essere un modo primario con cui il COVID-19 prende la vita a coloro che sono immunocompromessi e/o anziani.

Secondo un articolo dell'11 marzo 2020 su The Lancet, il 59% dei 191 pazienti cinesi COVID-19 nello studio ha sviluppato sepsi e la sepsi era presente nel 100% di coloro che sono morti. Era la complicazione più comunemente presente, seguita da insufficienza respiratoria, ARDS e insufficienza cardiaca.