15 motivi per avere sempre l'olio di cocco nel vostro bagno

Olio di cocco bellezza

La storia in breve -

  • L'olio di cocco dispensa fantastici benefici quando usato nella nutrizione, ma può essere usato anche come prodotto da bagno, sostituendo molti prodotti che contengono elementi chimici nocivi
  • Come detergente e nutriente, l'olio di cocco nutre e idrata. Antibatterico e antimicrobico naturale, è anche un ottimo deodorante, nonché un ottima soluzione contro i funghi dei piedi. Usato sulle ferite accelera la guarigione dei tessuti danneggiati
  • Olio da cottura di qualità superiore, l'olio di cocco contiene acido ialuronico, un acido grasso a catena media che combatte morbo di Alzheimer, obesità, insulinoresistenza e ipertensione, tutti i fattori di rischio per le malattie cardiache e il diabete di tipo 2
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

Molte aziende producono e mettono sul mercato "nuovi e migliori" beni di largo consumo che usiamo ogni giorno, come sapone, dentifricio, deodorante e crema per il corpo, ma uno dei prodotti migliori e più naturali è sempre stato sotto i nostri nasi, per così dire.

L'olio di cocco ha un aroma piacevole e, oltre ad essere molto economico, è un'ottima sostanza versatile e terapeutica. Fin dalla metà degli anni '90, più o meno, l'uso dell'olio di cocco è andato diffondendosi come detergente, deodorante e sostanza per accelerare la guarigione.

Domande come "Da dove viene davvero l'olio di cocco?" e "Che odore ha?" sono legittime. L'olio di cocco, come il burro, è una sostanza solida, che si scioglie diventando liquida quando raggiunge una temperatura di circa 25°.

Non solubile a temperatura ambiente, assume una consistenza cremosa quando viene amalgamato con acqua usando una frusta. Se non trattato con processi quali sbiancamento, raffinazione o aromatizzazione, l'olio di cocco emana la leggera fragranza che vi aspettereste, ovvero, di cocco.

2 tipi di olio di cocco: commerciale e vergine

L'interesse relativamente recente per i tanti usi dell'olio di cocco fa emergere anche domande riguardo la sua produzione. Ne esistono due tipi di base: Commerciale e olio di cocco vergine.

Olio di cocco commerciale — Questo prodotto è fatto usando la copra, la polpa essiccata del cocco. In genere è seccata con fumo, sole o in forno, oppure con una combinazione delle tre tecniche. Ma quando viene usata la copra standard per produrre l'olio di cocco, questo non è sterile, per questo non è adatta al consumo.

Viene "purificata" o raffinata tramite un processo di raffinazione, sbiancamento e aromatizzazione. Secondo Coconutdiet.com:1

"Alte temperature sono usate per aromatizzare l'olio, che viene poi filtrato (sbiancato) con argille per rimuoverne le impurità. In genere viene usato l'idrossido di sodio per rimuovere gli acidi grassi liberi e prolungarne la vita sullo scaffale.

Questo è il metodo più comune per la produzione dell'olio di cocco in grandi quantità. Il modo più antico per produrre olio di cocco raffinato faceva uso di raffinazione fisica/meccanica. I metodi più moderni usano anche solventi chimici che estraggono tutto l'olio dalla copra per un rendimento maggiore".

Olio di cocco vergine — In confronto, come l'olio di oliva, l'olio di cocco è meglio quando viene dalla "prima spremitura" ed è "vergine". Come se si spremesse una busta di tè che è rimasta in infusione in acqua bollente per qualche minuto, la prima acqua rilasciata conterrà la maggior parte degli estratti genuini.

La seconda volta che viene spremuto, come nel confronto con la bustina di tè, il risultato non sarà così concentrato. Cococnutdiet.com continua:

"L'olio di cocco vergine può essere ottenuto solo usando polpa di cocco fresca o ciò che viene definito non-copra. I prodotti chimici e le alte temperature non vengono usate per maggiore raffinazione, poiché l'olio di cocco naturale e puro è molto stabile e può essere conservato per diversi anni.

Al momento esistono due procedimenti principali per la produzione di olio di cocco vergine:

  • Essiccazione veloce della polpa di cocco che viene poi usata per spremerne l'olio. Usando questo metodo, la polpa di cocco viene essiccata velocemente con poco calore e l'olio viene poi spremuto in modo meccanico.
  • Macinazione a umido Con questo metodo, l'olio viene estratto da polpa di cocco fresca che non è stata essiccata precedentemente. Per prima cosa si ottiene 'il latte di cocco'.

Poi l'olio viene successivamente separato dall'acqua. I metodi che possono essere usati per separare l'olio dall'acqua comprendono ebollizione, fermentazione, refrigerazione, enzimi e centrifughe meccaniche".

Perché tenere l'olio di cocco in bagno?

Oltre a essere buono da mangiare (e ne discuteremo tra un attimo), l'olio di cocco organico e crudo ha una vasta gamma di benefici che vanno al di là dell'ingestione. Ecco una lista di 15 benefici dell'olio di cocco:

1. Rasatura liscia — se avete sempre avuto la pelle arrossata e irritata dal rasoio dopo la rasatura, l'olio di cocco è utile sia come lenitivo che come antibatterico.

2. Cura delle eruzioni cutanee — altri problemi di eruzioni cutanee, come gli arrossamenti da pannolino, ma anche leggere reazioni allergiche possono essere curate usando l'olio di cocco. Il glicole propilenico è una sostanza chimica usata nei prodotti idratanti commerciali che può causare irritazione della pelle e dermatite.

3. Balsamo labbra — usare l'olio di cocco per idratare le labbra screpolate senza mangiare inavvertitamente disturbatori endocrini.

Uno studio sul contenuto di metalli nei balsami labbra ha rivelato alte concentrazioni di piombo, alluminio, cadmio, cromo e manganese, alcuni associati con effetti collaterali per il sistema riproduttivo, per lo sviluppo e altri problemi di salute.

4. Detergente per il viso — efficace come un detergente, si possono mischiare in parti uguali olio di cocco e olio di ricino per ottenere un detergente oleoso. Massaggiatelo sulla pelle e rimuovete dolcemente con un panno bagnato con acqua tiepida.

Il 90% dei detergenti per il corpo che comprate contiene sostanze chimiche dannose come il sodium lauryl sulfate o il sodium laureth sulfate, che, combinati con altre sostanze chimiche, possono formare nitrosammine cancerogene. 3 L'olio di cocco può anche migliorare l'acne.

5. Struccante — non solo può pulirvi il viso, ma potete anche usarlo come struccante naturale, anche per il mascara e l'eyeliner più ostinati.

6. Crema notte — anche se potreste non volere usare l'olio di cocco sotto il trucco, applicatene una piccola quantità prima di andare a dormire per idratare la pelle, gli acidi grassi sono un emolliente naturale. Se la pelle intorno alle unghie è dura e si screpola, potete trattare le cuticole con un massaggio ammorbidente fatto con olio di cocco.

7. Deodorante — una piccola quantità di olio di cocco mischiata, se volete, con un olio essenziale, come l'olio di lavanda, è molto efficace. Molto meglio degli antitraspiranti contenenti alluminio, che è correlato al morbo di Alzheimer.

Un'altra ricetta per il deodorante combina 3 cucchiai di olio di cocco, amido di mais e bicarbonato.

8. Combatte i funghi dei piedi — grazie alla sua azione antimicrobica e antibatterica, l'olio di cocco è molto efficace anche per combattere il piede d'atleta. Massaggiatelo sulla pianta del piede dopo ogni doccia.

È stato dimostrato che gli elementi antivirali, antibatterici e antimicotici presenti nell'olio di cocco mettono fuori gioco i microorganismi come batteri, lieviti e funghi.4

9. Bagno rilassante — in alternativa ai bagni pieni di bolle che potrebbero indurre infezioni al tratto urinario, soprattutto nei bambini, mettete un cucchiaio di olio di cocco nel vostro bagno con alcuni olii essenziali. È idratante e aiuta a uccidere i batteri.

10. Scrub corpo — unire in parti uguali olio di cocco con sale marino, zucchero o bicarbonato per preparare uno scrub fatto in casa che ammorbidisce, addolcisce e idrata la pelle.

11. Crema per il corpo — le creme idratanti che comprate nei negozi in genere contengono sostanze chimiche nocive come alluminio, ftalati, parabeni, formaldeide e propilene glicolico. 5 L'olio di cocco è un'alternativa idratante con un buon aroma e non contiene alcuna di queste sostanze.

12. Dentifricio — per combattere il decadimento dei denti e persino per sbiancarli, preparate un dentifricio di olio di cocco fatto in casa mischiando un cucchiaino di olio con 1/2 cucchiaino di bicarbonato e 2 gocce di olio essenziale al limone. Poi lavate i denti normalmente.

13. Risciacqui con olio — i risciacqui orali funzionano in modo simile al colluttorio, ma senza gargarismi. Mentre sciacquate vigorosamente per 5-15 minuti, penetra nei tessuti molli tra le gengive ed "elimina" i batteri che causano le carie, la placca e l'alito cattivo.

14. Quando applicato su tagli o ferite infette — l'olio di cocco sviluppa uno strato di sostanze chimiche naturalmente protettive che tengono lontano anche la polvere, i funghi, i batteri e i virus. Applicato sui lividi velocizza il processo di guarigione dei tessuti danneggiati.

15. Anti-crespo — le persone con i capelli tendenti al crespo spesso si rivolgono a gel e mousse a base di siliconi o alcool, questi rivestono i capelli e prevengono l'assorbimento dell'umidità, finendo per seccare il nucleo del capello. Avrete bisogno solo di un paio di gocce di olio di cocco per un balsamo naturale che vi farà avere capelli lisci, setosi e lucenti.

Proprietà curative dell'olio di cocco

Il sapore dell'olio vergine di cocco viene descritto come "ossessionante, con un retrogusto di noci e vaniglia, più delicato e ricco del burro". Un articolo del New York Times ha notato che l'olio di cocco, anche se demonizzato da chi sostiene che "tutti i grassi saturi vi fanno male", ora è più accettato:

"Il principale grasso saturo nell'olio di cocco è l'acido laurico, un acido grasso a catena media. L'acido laurico aumenta i livelli di HDL buono, o lipoproteine ad alta intensità, e di LDL cattivo, o lipoproteine a bassa intensità, nel sangue, ma non si pensa che influisca negativamente sul rapporto complessivo tra i due.

... Sono state fatte innumerevoli dichiarazioni sulla salute relative all'acido laurico. Secondo coloro che lo promuovono, è una sostanza fenomenale con possibili proprietà antibatteriche, antimicrobiche e antivirali che potrebbe anche, in teoria, combattere l'H.I.V., eliminare l'acne e velocizzare il metabolismo". 6

Anche quando applicato localmente, l'olio di cocco ha proprietà guaritive. Una delle curiosità più interessanti è che mentre gli antitraspiranti contenenti alluminio sono associati al morbo di Alzheimer, l'olio di cocco in realtà lo previene per via degli acidi grassi a catena media, che vengono facilmente assorbiti e metabolizzati dal fegato e possono trasformarsi in chetoni. Uno studio ha rilevato che:

"I corpi chetonici sono un'importante fonte di energia alternativa nel cervello, e possono essere benefici per le persone che stanno sviluppando o che hanno già un problema di memoria, come il Morbo di Alzheimer. [...]

(Potrebbe anche) essere benefico nel trattamento di obesità, dislipidemia, LDL elevato, insulinoresistenza e ipertensione, questi sono i fattori di rischio per (malattie cardiache) e diabete di tipo 2, nonché per il morbo di Alzheimer." 7

Si stima che l'Alzheimer colpirà 1 americano su 4 nella prossima generazione, rivaleggiando con obesità e diabete, ma le prove suggeriscono che i corpi chetonici nell'olio di cocco potrebbero aiutare a ripristinare e rinnovare le funzioni neuronali e nervose nel cervello, anche dopo i primi danni.

Alternative non salutari all'olio di cocco

Riguardo l'olio di cocco nella cucina, anche come detergente per la casa, ci sono un paio punti di considerare:

  • L'olio vergine di cocco ha un punto di fumo di 175°, per cui, per cucinare, è ottimo se usato a basse temperature. L'olio di oliva supera il punto di fumo a 121°, e ciò potrebbe causare ossida, facendo più male che bene al vostro corpo.
  • Potete usare l'olio di cocco al posto dell'olio di oliva e all'olio di burro, e si può certamente usare in sostituzione dei cosiddetti oli vegetali. Ecco perché:

Diversi studi rivelano che l'olio di cocco apporta fantastici benefici quando viene usato a fini alimentari. Uno dei cambiamenti più notevoli che potete fare per la vostra salute sarà sostituire i cosiddetti oli vegetali "salutari", come olio di soia e di mais e oli di semi di cotone, come olio di colza, quando saltate il cibo o preparate torte e biscotti.

È interessante notare che le popolazioni polinesiane, che da generazioni fanno uso di olio di cocco ricco di grassi come fondamento della loro dieta, non soffrono di malattie cardiache. Perché? È una diretta contraddizione di ciò che la medicina tradizionale ha professato per decenni, che i grassi saturi fanno male, e che portano ad obesità, alti livelli di colesterolo, malattie cardiache e Alzheimer.

La verità è che i grassi saturi come l'olio di cocco e l'olio di oliva sono naturali, non sono sostanze artificiali create in laboratorio usando metodi come l'idrogenazione e l'idrogenazione parziale per trasformare i grassi polinsaturi in grassi insaturi. Gli oli vegetali e di semi subiscono una doppia iniezione di atomi di idrogeno e di alta temperatura, creando olio più scadente con una vita più lunga sullo scaffale e che fa molto male alla salute.

Inoltre, quando gli oli vegetali vengono riscaldati ad alte temperature, i legami chimici si spezzano, restando "imprigionati" nelle vostre cellule, si ossidano e creano radicali liberi pericolosi che portano a malattie, comprese malattie cardiache e cancro. Ecco un articolo sempre attuale riguardante il tipo di olio da usare per cucinare.