Trucchi per abbassare il colesterolo in modo naturale

colesterolo

La storia in breve -

  • Se decidi di assumere medicinali per abbassare il colesterolo, invece di risolvere il problema non solo stai interferendo con il processo naturale di guarigione del tuo corpo, ma ti esponi a tantissimi effetti collaterali
  • È importante capire che c'è una grande differenza tra livelli di colesterolo nella media e livelli di colesterolo salutari
  • Scopri come trattare il colesterolo alto in modo efficace e sicuro
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

Se decidi di assumere medicinali per abbassare il colesterolo invece di risolvere il problema alla radice, non solo interferisci con il processo naturale di guarigione del tuo corpo, ma ti esponi a tantissimi effetti collaterali - ad esempio porti il corpo all'esaurimento del coenzima Q10, il che provoca affaticamento, debolezza muscolare, dolori e infine insufficienza cardiaca.

Quando ho iniziato a praticare la professione nella metà degli anni '80, dopo aver concluso il programma di specializzazione, ero già molto interessato alla medicina preventiva e controllavo i livelli di colesterolo di quasi tutti i pazienti che visitavo. Scoprii che tantissime persone avevano livelli elevati di colesterolo.

Sorprendentemente, però, molti di loro portavano i risultati dal medico precedente (senza dubbio perché ero il nuovo arrivato) che li rassicurava sulla normalità dei valori.

Beh, il problema era che l'intervallo dei valori nella "norma" era, ed è ancora, davvero fuorviante, perché valuta qual è la media - basandosi soprattutto sulle persone malate.

È importante capire che c'è una grande differenza tra livelli di colesterolo nella media e livelli di colesterolo salutari È molto simile a quello che stiamo sperimentando con i livelli di vitamina D.

Oggi, tuttavia, per quanto riguarda il colesterolo, il pendolo oscilla nella direzione opposta con la raccomandazione di livelli di colesterolo sempre più bassi, in primo luogo per via dell'enorme influenza dell'industria farmaceutica.

Il guadagno, non la salute, è il fattore determinante delle raccomandazioni sul colesterolo

L'industria farmaceutica ha capito subito l'enorme mercato che avrebbe potuto costruire grazie alle medicine per il colesterolo. E ci sarebbe riuscita creando medicinali da prendere per anni e anni, e che, per la maggior parte, non erano abbastanza tossici o pericolosi da uccidere velocemente.

Oggi i farmaci per il colesterolo (le statine) generano un guadagno per un importo di decine di miliardi di dollari all'anno.

Sono stati capaci di usare abilmente strategie di marketing attraverso la selezione di esperti della comunità medica, assumendoli in commissioni governative che fanno raccomandazioni adottate da quasi tutta la comunità medica e sanitaria.

Prima del 2004, un livello di colesterolo LDL di 130 era considerato sano. Le linee guida aggiornate, però, raccomandavano livelli inferiori a 100, o addirittura a 70 per pazienti ad alto rischio.

Per raggiungere livelli così esageratamente e pericolosamente bassi, bisogna assumere diversi medicinali. Così le linee guida hanno istantaneamente accresciuto la vendita di questi dannosi farmaci.

Cerca di capire che non ti hanno detto tutta la verità sul colesterolo. Piuttosto, quello che gli operatori sanitari convenzionali ti offrono è un marketing abilmente distorto.

Il colesterolo non è il cattivo che ti hanno fatto credere

Il colesterolo è un fattore essenziale e cruciale per un'ampia gamma di funzioni corporee vitali.

È parte integrante della membrana cellulare, ed è anche il precursore (la materia prima) che il tuo corpo usa per creare gli ormoni steroidei - tra i quali la vitamina D. La pelle contiene colesterolo, e quando i raggi UVB del sole la colpiscono esso si converte in vitamina D3, che si trasporta poi al sangue. Successivamente viene trasformata dal corpo in vitamina D in forma attiva.

Ma non è tutto. Quando i livelli di colesterolo si abbassano troppo, nell'organismo avvengono una serie di eventi negativi.

I rischi del colesterolo basso

Il colesterolo è anche essenziale per un'ottima salute del cervello. Aiuta la formazione dei ricordi ed è vitale per la funzione neurologica. Infatti, il colesterolo basso è stato associato a diversi problemi neurologici, tra cui la perdita di memoria.

Un'insufficienza di questa sostanza, inoltre:

  • Aumenta il rischio di depressione
  • Può aumentare il rischio di suicidio
  • Può condurre a comportamento violento e aggressività
  • Incrementa la probabilità di cancro e del morbo di Parkinson

Quando è troppo alto?

Personalmente, credo che qualsiasi valore al di sopra dei 330 sia forse troppo alto. Ma un altro modo per verificare se corri il pericolo di un metabolismo del colesterolo anormale è verificare il rapporto tra HDL, o colesterolo "buono", e colesterolo totale.

La percentuale di HDL è un fattore potentissimo per determinare il rischio di cardiopatie.

Per calcolarla basta dividere il livello di HDL per quello del colesterolo. La percentuale ideale dovrebbe essere superiore al 25%. Tipicamente, più è alta e meglio è, visto che non ci sono effetti collaterali conosciuti per un livello troppo alto di colesterolo buono.

Se il rapporto è più basso del 15-20% sei ad alto rischio, e sotto il 10% diventa un indicatore importante della possibilità di contrarre di malattie cardiache.

Come trattare il colesterolo alto in modo efficace e sicuro

Fortunatamente, ci sono semplici strategie di base che possono aiutarti a regolare il tuo colesterolo:

Anzitutto, cerca di realizzare che ridurre il consumo di colesterolo alimentare di per sé non è una strategia primaria efficace.

Perché?

Perché il 75% del colesterolo è prodotto dal fegato, che è influenzato dai livelli di insulina. Perciò, se ottimizzi i livelli di insulina, regolerai anche il colesterolo.

Uno dei metodi più efficaci per farlo è attraverso l'esercizio fisico, e prestando attenzione a ciò che mangi. Gli alimenti che aumentano l'insulina contribuiranno anche a innalzare il colesterolo, portando il fegato a produrne di più.

Ecco le mie raccomandazioni di base per regolare e abbassare in modo sano i livelli di colesterolo:

  1. Svogli un'appropriata quantità di esercizio fisico.
  2. Riduci, pianificando di eliminare, cereali e zuccheri dalla tua dieta quotidiana.
  3. Mangia i cibi giusti per il tuo tipo nutrizionale.
  4. Mangia porzioni consistenti di cibi crudi.
  5. Assicurati di fare il pieno di grassi omega-3 derivati da animali di alta qualità. Personalmente preferisco quelli derivati dall'olio di krill.
  6. Evita fumo e alcol eccessivo.
  7. Affronta i tuoi problemi emotivi.

Dei 20-30mila pazienti avuti in cura, ne ho riscontrati solo cinque a cui la messa in pratica di questi consigli non faceva effetto. In quei casi, i pazienti soffrivano probabilmente di una patologia nota come ipercolesterolemia familiare.

È estremamente rara, colpisce circa una persona su 1.000 tra quelle che assumono farmaci per il colesterolo, ma è probabile che per loro l'assunzione di statine sia effettivamente un beneficio.

Alcune persone mi hanno fatto domande riguardo l'estratto di riso rosso, e c'è un po' di confusione su quest'argomento. Devi capire che anche l'estratto di riso rosso è una statina, e agisce con lo stesso identico meccanismo di altre statine, anche se è venduto senza ricetta.

La sfida contro il colesterolo del mio vicino gli è quasi costata la vita

Il 5 Giugno il mio ex vicino di casa mi ha telefonato per chiedermi di giocare una partita di tennis. Prima che mi trasferissi, due anni fa, giocavamo spesso. Di solito mi batteva con vittorie schiaccianti nonostante avesse 70 anni. Era bravissimo a piazzare la palla.

Beh, quando abbiamo giocato questa partita era un po' diverso, era molto più lento, e riuscivo a fare punti facilmente. Questa volta la vittoria schiacciante fu la mia. Anche se era invecchiato di due anni, ora ne aveva 72, non poteva essere questa la spiegazione del suo calo di livello di gioco. 

Dopo la partita mi spiegò che si sentiva sempre stanco per via dell'assunzione di Zocor, che il suo medico gli aveva prescritto. Stupidamente, però, non gli avevano mai prescritto ubiquonolo. Si è trattato di negligenza medica. In questo caso, l'assunzione della statina aveva completamente devastato la salute del mio vicino. I suoi livelli di energia e velocità si erano drasticamente ridotti.

Per fortuna, fu disposto a provare l'ubiquonolo e alcune vitamine del gruppo D. Spero che la prossima volta che giocheremo mi batterà clamorosamente.

Ciò che devi sapere se decidi di assumere farmaci per il colesterolo 

Se scegli di continuare la cura a base di statine, è fondamentale che tu comprenda il meccanismo d'azione di questi medicinali.

Essi agiscono tipicamente riducendo un enzima contenuto nel fegato, che non solo abbassa la produzione di colesterolo, ma anche quella del coenzima Q10. Quando la produzione di coQ10 si riduce, aumenta il rischio di una serie di problemi di salute.

L'invecchiamento prematuro è uno degli effetti collaterali primari dell'insufficienza di coQ10, perché questa vitamina essenziale ricicla altri antiossidanti, come la vitamina C ed E.

L'insufficienza di CoQ10 velocizza inoltre il danneggiamento del DNA. Di conseguenza, se assumi statine è assolutamente necessario un supplemento di coQ10. Sfortunatamente, alcuni medici non informano i propri pazienti di quest'esigenza.

Se hai più di 40 anni, ti consiglio di prendere una forma ridotta di coenzima Q10, l'ubiquinolo, perché è più efficacemente assorbito dall'organismo.