I benefici della curcumina nella cura del cancro

La curcumina

La storia in breve -

  • La curcumina, un derivato della curcuma, nonché il pigmento che dà al curry il suo colore giallo-arancio, è stata oggetto di numerose ricerche
  • La curcumina sembra essere universalmente utile per qualsiasi tipo di cancro, ed esiste un'ampia letteratura fondata su dati comprovati che sostiene il suo uso contro tumori di tutti i tipi
  • Ha il potere di modulare l'attività e l'espressione genica, sia distruggendo le cellule cancerogene, sia promuovendo la sana funzione cellulare
  • La ricerca suggerisce inoltre che può agire in sinergia con alcuni farmaci chemioterapici, incrementando l'eliminazione delle cellule tumorali
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

Il cancro è una delle cause primarie di morte. E se ci fosse un'erba naturale e sicura che potrebbe combattere quasi tutti i tipi di tumore?

Secondo il Dott. William LaValley, il cui lavoro clinico si fonda per la maggior parte sul trattamento del cancro, la curcumina, un derivato della curcuma, e il pigmento che dà al curry il suo colore giallo-arancio, è una sostanza naturale che è stata oggetto di numerose ricerche, e che si è rivelata avere molte applicazioni per la salute.

Come me, il Dott. LaValley è stato istruito in medicina generale, ma ha dedicato tantissimo tempo alla comprensione dei percorsi biochimici che forniscono supporto alla salute attraverso la nutrizione.

Nel 1982, ha partecipato a un programma di scambio con la Repubblica Popolare Cinese, dove ha avuto esperienza diretta con le antiche pratiche di medicina tradizionale cinese e l'agopuntura.

"Uno dei messaggi più importanti che ho imparato lì è che i prodotti e le molecole naturali, derivate da piante e animali già disponibili in natura, sono state utilizzate dai cinesi per almeno centinaia, forse migliaia di anni. Questo ha modificato profondamente la mia prospettiva del mondo della medicina", riferisce.

"Sono tornato alla scuola medica, dopodiché ho iniziato a cercare il modo di integrare la prospettiva di gestione della farmaceutica convenzionale con quella degli estratti e dei prodotti naturali."

La curcumina svolge una potente attività antitumorale

Un'importante lezione appresa dallo studioso nella sua avventura è che la comprensione della biologia molecolare può essere applicata a una vasta gamma di malattie e sintomi descritti nella letteratura scientifica. Questa conoscenza può essere applicata alle ricerche su PubMed e altri database simili, per cercare i percorsi molecolari rivelanti coinvolti.

"Conoscendo la biologia molecolare dei percorsi cancerogeni, e apprendendo ciò che le prove effettivamente dimostrano sugli effetti degli estratti di prodotti naturali sui target molecolari rilevanti in vari tumori, vediamo che esistono davvero tantissime prove che supportano l'uso di varie molecole e prodotti naturali, e farmaceutici, già approvati ed in circolazione, contro l'attività tumorale lungo quel percorso e quel target.

Questo trattamento è denominato terapia antitumorale a bersaglio molecolare, e attualmente è molto praticato in oncologia.

Ciò che non si pratica è l'uso di prodotti naturali per l'attività antitumorale a bersaglio molecolare. Vista la base di conoscenze che suggerisce e supporta l'uso di tali raccomandazioni per i trattamenti, personalmente li utilizzo per i miei pazienti".

Curcumina: una cura "universale" per il cancro?

È interessante notare che la curcumina sembra prestarsi ad essere universalmente utile contro quasi tutti i tipi di cancro, il che è davvero strano considerando che il cancro consiste di un'ampia gamma di patologie molecolari diverse. Non penseresti mai che un'unica erba possa funzionare quasi per tutte. Il Dott. LaValley spiega come è arrivato a questa conclusione:

"Ritornai alla letteratura scientifica per capire come supportare il processo decisionale e le raccomandazioni che sto facendo per questa cura, includendo la letteratura che va dai trattamenti effettuati sugli umani con prodotti assunti per via orale come farmaci o prodotti naturali.

Così ho scoperto di questa molecola chiamata curcumina, fino ad arrivare al suo uso sugli animali e poi al suo uso in provette e piastre di Petri. Una delle cose sorprendenti della curcumina è che fornisce una potente attività antiinfiammatoria e può agire su molti target molecolari.

Nelle cellule ci sono molecole, e queste molecole interagiscono tra loro attraverso diversi percorsi o piste. Il traffico di quest'interazione, i segnali che vengono trasmessi in questo traffico di informazione delle molecole, presenta molti target diversi o complessi specifici molecolari."

Come illustrato dal Dott. LaValley, sia che le molecole di curcumina causino un aumento nel traffico o nell'attività di un target molecolare specifico, sia che provochino una riduzione/inibizione dell'attività, gli studi dimostrano ripetutamente che il risultato finale è una potente attività anti-tumorale. Inoltre, la curcumina non intacca negativamente le cellule sane, il che conferma che il suo bersaglio sono le cellule cancerogene. La ricerca suggerisce inoltre che essa agisce in sinergia con alcuni farmaci chemioterapici, incrementando l'eliminazione delle cellule tumorali.

La curcumina distrugge il cancro in diversi modi

C'è un'ampia letteratura fondata su dati comprovati che sostiene l'uso della curcumina contro tumori riguardanti qualsiasi nutriente, tra cui la vitamina D, che ha una base robusta. Curiosamente, questo include anche il metabolita della curcumina e i suoi derivati, anch'essi anti-cancerogeni.

La curcumina ha il potere di modulare l'attività e l'espressione genica, sia distruggendo le cellule cancerogene, sia promuovendo la sana funzione cellulare. Promuove inoltre l'anti-angiogenesi, ovvero può aiutare a prevenire lo sviluppo di nuovi vasi sanguigni necessari per la crescita delle cellule tumorali. Per quanto riguarda il suo effetto sui percorsi molecolari, la curcumina può intaccarne più di cento dopo essere entrata nella cellula. Più specificamente, si è scoperto che la curcumina:

Inibisce la proliferazione di cellule tumorali

Riduce l'infiammazione

Inibisce la trasformazione delle cellule da normali a tumorali

Inibisce la sintesi di proteine fondamentale nella formazione del cancro

Aiuta il corpo a distruggere le cellule mutate in tumore in modo da impedirne la diffusione al resto del corpo

Aiuta a prevenire lo sviluppo di nuovi vasi sanguigni necessari per la crescita delle cellule cancerogene (angiogenesi)

Perché la curcuma integrale è inefficace

Sfortunatamente, nonostante la curcuma integrale contenga curcumina, nella tradizionale spezia non ce n'è abbastanza per raggiungere risultati clinicamente rilevanti. La radice stessa della curcuma contiene solo il 3% di concentrazione di curcumina. Un altro grande limite della curcumina come agente terapeutico è che viene scarsamente assorbita. Quando assunta in forma grezza, si assorbe solo l'1% della curcumina disponibile.

"L'industria dei prodotti naturali ha sviluppato una concentrazione di curcumina standard del 95%", spiega il Dott. LaValley. "Inizialmente, anni fa, era questo che potevamo dare ai pazienti. Anche in quel caso, assumere una concentrazione del 95% in capsule per via orale significava assorbirne solo l'1%. Per ottenere nel flusso sanguigno una quantità di curcumina che potesse avere effetti terapeutici, le persone dovevano assumerne enormi quantità...

Facendo ricerche, ho scoperto un modo per risolvere il problema, per aumentarne drasticamente la biodisponibilità. In realtà è un processo molto semplice che consiste nel portare l'acqua a ebollizione, metterci le capsule o un po' di polvere (con un cucchiaino) e lasciare bollire dai 10 ai 12 minuti. In questo modo la quantità di curcumina dissolta nell'acqua aumenterà dall'1% a circa il 12%. Ora però questa quantità contiene un vasto numero di molecole di curcumina biodisponibili o assorbibili".

Tuttavia, anche se è certamente fattibile, in realtà è scomodo, e implica una grande attenzione nel cercare di non sporcare i vestiti e la cucina. È un problema così significativo che è stato denominato "sindrome della cucina gialla", perché è praticamente impossibile rimuovere le macchie. Infatti la curcuma è eccellente per la tintura dei tessuti, che possono essere colorati di giallo-arancio.

La convenienza e l'efficienza hanno portato negli ultimi anni a molti cambiamenti di forma della curcumina. Essendo una molecola amante del grasso o lipofila, molti preparati nuovi contengono ora qualche tipo di olio o grasso, il che ne aumenta l'assorbibilità e la biodisponibilità. Tipicamente, alcuni preparati permettono un assorbimento maggiore di sette o otto volte rispetto alla forma naturale in polvere con concentrazione del 95%.

Il legame tra cancro e resistenza all'insulina

Se sei in sovrappeso, o hai pressione e colesterolo alti, e/o il diabete, allora con ogni probabilità soffri di resistenza all'insulina e alla leptina. La resistenza all'insulina e alla leptina è un fattore molto comune tra i malati di cancro. A mio parere, una dieta chetogenica (con o senza digiuno intermittente) potrebbe essere una strategia di trattamento prudente per risolvere il problema alla radice. Una volta normalizzate insulina e leptina, se la ritieni un'alimentazione troppo restrittiva, non devi per forza continuare la dieta chetogenica.

"Concordo sul fatto che una dieta chetogenica sia davvero appropriata in molti casi, probabilmente quasi nella maggior parte dei casi", sostiene il Dott. LaValley. "Lo sappiamo forse da 80 anni, se non di più, che i tumori solidi, e alcuni tumori sanguigni, sono amanti dello zucchero. In altre parole sono dipendenti dallo zucchero.

Io uso [le] tomografie per dimostrare ai pazienti che c'è una prova obiettiva del fatto che i tumori nel corpo possono essere avidi di zucchero. Assumono zucchero molto più velocemente delle cellule sane regolari. Voglio che questo messaggio torni a casa con loro, per motivarli a cambiare la propria dieta e assumere quantità molto minori di carboidrati, in modo da portare il corpo a generare una scorta di molecole nutrienti aggiuntive chiamate chetoni...

Questo significa che cerchiamo di creare una pressione ostile antitumorale sulle cellule cancerogene, riducendo la quantità di zucchero pronta a essere assunta grazie alla limitazione di zucchero facilmente disponibile nella dieta, e compensando la riduzione nutritiva e [la riduzione] di zuccheri con l'aumento di grassi sani".

Eliminare le proteine potrebbe essere particolarmente utile per i malati di cancro

Sarebbe anche essere prudente valutare l'assunzione di proteine. Molti ingeriscono molte più proteine di quante necessarie per una salute ideale. La ragione è che in realtà il corpo può usare le proteine in eccesso (te ne servono un po') per stimolare la produzione di carboidrati. Le proteine in eccesso stimolano i percorsi del bersaglio della rapamicina nei mammiferi (mTOR), utili per la costruzione dei muscoli ma deleteri durante i trattamenti per il cancro, essendo l'mTOR un percorso che incrementa la proliferazione cellulare.

(Curiosamente, anche il farmaco Metformina, che possiede proprietà antitumorali, inibisce l'mTOR, ed è stato scoperto che la curcumina ha un effetto molto simile).

La formula che raccomando per valutare la quantità di proteine di cui hai bisogno nella tua alimentazione è stata elaborata dal Dott. Rosedale, che sostiene la necessità di un grammo di proteine di alta qualità per ogni chilogrammo di massa corporea magra, oppure circa mezzo grammo per mezzo chilo di massa corporea magra.

Ad esempio, se hai una massa corporea grassa del 20%, la tua massa magra sarà l'80% del peso totale del tuo corpo. Perciò, se pesi 90 kg dovrai assumere 72,7 grammi di proteine. Sei svolgi un esercizio fisico pesante o sei incinta, puoi aggiungere il 25% o altri 18 grammi per arrivare a un totale di 90 grammi al giorno.

+ Fonte e riferimenti