Cosa fa l'ansia al tuo cervello e cosa puoi farci

Persona ansiosa

La storia in breve -

  • L'ansia di breve durata è una reazione naturale, ma l'ansia persistente porta a sensazioni di paura e apprensione anche in situazioni non pericolose
  • Alcune persone sono così abituate all'ansia che non si rendono conto che ci sia un problema e semplicemente soffrono in silenzio
  • Cerca un trattamento per l'ansia è fondamentale; le alternative senza farmaci includono l'esercizio fisico, la tecnica del rilascio emozionale (EFT, Emotional Freedom Technique) e l'ottimizzazione della flora intestinale attraverso la dieta
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

L'ansia è una reazione naturale e normale a potenziali minacce, che mette il corpo in un elevato stato di consapevolezza.

Quando viene avvertita in maniera adeguata, l'ansia è benefica e può tenerti al sicuro... L'ansia che puoi sentire mentre fai un'escursione sull'orlo di un precipizio, ad esempio, ti farà essere più attento e deciso nei movimenti.

Per milioni di adulti, però, l'ansia può presentarsi anche quando non c'è una minaccia reale, provocando stress non necessario e sofferenza emotiva. Anche se molte persone credono che l'ansia e lo stress siano la stessa cosa, l'ansia persistente può provocare un'esperienza molto diversa nel cervello.

L'ansia nel cervello: cosa succede quando l'ansia attacca?

L'ansia in effetti provoca la stessa reazione "attacco o fuga" messa in moto dallo stress, e quindi, come lo stress, l'ansia può scatenare un'inondazione di ormoni dello stress come il cortisolo, progettati per migliorare la tua velocità, i riflessi, la frequenza cardiaca e la circolazione. Ad ogni modo, lo stress può manifestarsi con sensazioni di rabbia, tristezza, o addirittura felicità e frenesia.

L'ansia, invece, implica praticamente sempre una sensazione di paura, timore o apprensione. E anche se lo stress può essere provocato da una fonte esterna (come una discussione con il proprio coniuge), l'ansia tende ad essere una reazione interna.

Inoltre, l'ansia di breve durata può coincidere con un evento stressante (ad esempio parlare in pubblico), ma un disturbo dell'ansia durerà per mesi anche quando non c'è un motivo chiaro per essere ansiosi. Anche se le cause esatte dei disturbi dell'ansia sono sconosciute, il cervello è direttamente coinvolto.

L'Istituto Nazionale di Salute Mentale spiega:

"alcune zone del cervello sono le principali parti interessate nella produzione di paura e ansia...gli scienziati hanno scoperto che l'amigdala e l'ippocampo giocano ruoli significativi nella maggior parte dei disturbi d'ansia.

L'amigdala è una struttura a forma di mandorla che si trova nelle profondità del cervello, e si crede che sia il centro delle comunicazioni tra le parti del cervello che elaborano i segnali sensoriali in entrata e le parti che interpretano questi segnali. Essa può mettere in guarda il resto del cervello sulla presenza di una minaccia, e scatenare una reazione d'ansia o paura.

Le memorie emotive conservate nella parte centrale dell'amigdala sono coinvolte nei disturbi d'ansia che generano paure molto diverse tra loro, come la paura dei cani, dei ragni, o di volare. L'ippocampo è la parte del cervello che codifica gli eventi pericolosi in ricordi".

Il tuo cervello può diventare incline all'ansia

Si pensa che i disturbi d'ansia possano risultare da una combinazione di natura (i tuoi tratti genetici) e cultura (l'ambiente in cui vivi). Ad esempio, se cresci in un ambiente con grida e abusi frequenti.

Potrebbe renderti incline a stare attento alle potenziali minacce, anche quando non ci sono più. In un certo senso, il tuo cervello diventa "incline" all'ansia, tanto che ogni evento o emozione potenzialmente indesiderata diventa motivo di allarme.

Peggio ancora, alcune persone sono così abituate all'ansia che non si rendono conto che ci sia un problema, e semplicemente soffrono in silenzio. Quando le sensazioni d'ansia si intensificano, possono portare a isolamento sociale, sintomi fisici, e problemi legati alla salute mentale, come la depressione.

Nonostante ciò, si stima che solo un terzo delle persone affette da disturbi d'ansia è sottoposto a trattamento, altamente raccomandato se lotti con l'ansia (ma ricorda che "trattamento" non vuol dire per forza medicinali).

Purtroppo, la maggior parte delle persone che soffrono d'ansia o non fa nulla o ricorre a farmaci, molti dei quali inefficaci e in grado di devastare ancora di più la tua salute e sanità mentale. Farmaci comunemente prescritti includono medicinali a base di benzodiazepina, come l'Ativan, lo Xanax e il Valium.

Essi rilasciano un effetto calmante potenziando l'azione di un neurotrasmettitore noto come acido gamma-amminobutirrico (GABA), così come fanno gli oppioidi (eroina) e i cannabinoidi (cannabis). Ciò a sua volta attiva l'ormone della gratificazione, la dopamina, nel cervello.

Visto che i "percorsi della ricompensa" sono usati da entrambi i tipi di droga, anche questi farmaci possono provocare dipendenza e causare effetti collaterali come perdita della memoria, frattura dell'anca, diminuzione dei livelli di attenzione, e stordimento.

Ironicamente, i sintomi dell'abbandono di molti di questi ansiolitici includono estremi stati d'ansia, alcuni dei quali di gran lunga peggiori dei sintomi originali che avevano inizialmente portato alla terapia.

Se hai una tendenza all'ansia, prova la EFT

Le tecniche della psicologia energetica, come la tecnica del rilascio emozionale (EFT), possono essere molto efficaci nell'aiutarti a riprogrammare davvero le reazioni del tuo corpo ai fattori stressanti inevitabili della vita quotidiana.

Questo include sia fattori stressanti reali che immaginari, i quali possono essere notevoli fonti d'ansia. La EFT fu sviluppata negli anni '90 da Gary Craig, un ingegnere specializzato in guarigione e automiglioramento. È simile all'agopuntura, basata sull'idea che l'energia vitale scorre nel corpo lungo vie invisibili note come meridiani.

La EFT stimola diversi punti dei meridiani energetici nel corpo attraverso dei colpetti con le dita, e la comunicazione contemporanea di affermazioni verbali positive e personalizzate.

Si può eseguire da soli o sotto la supervisione di un terapista qualificato, sia di persone che attraverso servizi di video online, come Skype, FaceTime o Google Hangouts. In questo modo, il tuo corpo elimina le "cicatrici" emotive e riprogramma il modo in cui risponde agli agenti stressanti emotivi.

Visto che questi agenti stressanti sono di solito legati a problemi fisici, le malattie di molte persone e altri sintomi possono anche migliorare o sparire. Se hai un problema serio, in genere è meglio consultare direttamente un professionista della EFT, altrimenti potresti non ricavarne il sollievo necessario.

Nel seguente video, la terapista della EFT Julie Schiffman discute la EFT per il sollievo dello stress e dell'ansia. Cerca di ricordare che, anche se tutti possono imparare a seguire la EFT a casa, il trattamento autonomo per problemi gravi come l'ansia persistente è pericoloso e sconsigliato.

È pericoloso in quanto ti permetterà di concludere erroneamente che la EFT non funziona, anche se non potrebbe esserci qualcosa di più falso. Per questioni serie e complesse hai bisogno che qualcuno ti guidi attraverso il processo, perché di solito ci vogliono anni di addestramento per sviluppare le capacità di identificare e alleviare problemi ben radicati e significativi.

Il fattore principale dell'ansia che quasi nessuno conosce

Le prove scientifiche mostrano sempre di più che nutrire la flora intestinale con i batteri benefici noti come probiotici è estremamente importante per la corretta funzione cerebrale, che include il benessere psicologico e il controllo dell'umore. Potrebbe sembrare strano che i batteri intestinali possano influenzare emozioni come l'ansia, ma è esattamente ciò che la ricerca testimonia.

È stato dimostrato che il probiotico noto come Bifidobacterium longum NCC3001, per esempio, normalizza i comportamenti ansiosi nei ratti affetti da colite infettiva.

Se vogliamo tradurre alla lettera, hai due cervelli, uno nel cranio e uno nello stomaco (il cosiddetto "sistema nervoso enterico"), ed entrambi necessitano del proprio nutrimento vitale. In realtà lo stomaco e l'intestino lavorano in coppia, influenzandosi a vicenda. Ecco perché la salute intestinale può avere tanta influenza sulla salute mentale, e viceversa; ed è sempre per questo che la tua alimentazione è così strettamente collegata alla salute mentale.

Una ricerca precedente dimostrò poi che il probiotico Lactobacillus rhamnosus aveva un effetto marcato sui livelli di GABA (un neurotrasmettitore inibitore significativamente coinvolto nella regolazione di molti processi fisiologici e psicologici) in alcune regioni cerebrali, e riduceva l'ormone indotto dallo stress corticosterone, provocando una riduzione dei comportamenti dell'ansia e della depressione.

Perciò ottimizzare la flora intestinali con batteri benefici è una strategia davvero molto utile. Si fa eliminando zuccheri e cibi trasformati e mangiando molte verdure non amidacee, evitando oli vegetali processati, e assumendo grassi sani. In più, mangiare verdure fermentate in abbondanza o probiotici ad alta potenza sarebbe utile a ripristinare una flora intestinale sana.

La tua alimentazione ha un ruolo importante nella salute mentale

Se soffri d'ansia, sarebbe saggio valutare di nutrire la flora intestinale, e il modo migliore per farlo è consumare regolarmente cibi fermentati tradizionalmente, perché sono naturalmente ricchi di batteri benefici. Le versioni pastorizzate NON avranno gli stessi benefici, perché il processo di pastorizzazione distrugge molti, se non tutti, i probiotici presenti in natura.

Perciò dovrai cercare cibi fermentati tradizionalmente e non pastorizzati, come le verdure fermentate, o farli tu stesso. Se non mangi regolarmente questo tipo di alimenti, allora un integratore probiotico di alta qualità può aiutarti a colmare questa mancanza e dare al tuo intestino i batteri benefici di cui ha bisogno. Questa è la prima parte dell'equazione.

La seconda parte dell'ottimizzazione della flora intestinale consiste nell'evitare i molti fattori che possono portare a uno squilibrio dei batteri, come mangiare zuccheri, grassi raffinati e altri cibi trasformati, o assumere antibiotici.

In più, la tua dieta dovrebbe includere una fonte d'alta qualità di grassi omega 3 animali, come l'olio di krill. I grassi omega 3 EPA e DHA giocano un ruolo importante nel benessere emotivo, e una ricerca ha dimostrato una drastica riduzione del 20% dell'ansia tra studenti di medicina che assumevano omega 3.

Spesso l'esercizio fisico è utile se soffri d'ansia

Alcuni psicologi credono ciecamente che l'esercizio fisico sia una forma principale di trattamento per depressione, ansia e altri disturbi dell'umore. La ricerca ha dimostrato ripetutamente che i pazienti che svolgono un esercizio fisico regolare riscontrano miglioramenti nell'umore, paragonabili a quelli derivati dai medicinali.

I risultati sono davvero incredibili se si considera che l'esercizio è praticamente gratis e può fornire anche tanti altri benefici sulla salute. I benefici sull'umore si manifestano sia che l'esercizio sia volontario o forzato, perciò anche se senti di dover allenarti, diciamo per motivi di salute, ci sono buone probabilità che ne trarrai comunque giovamento.

Oltre alla nascita di nuovi neuroni, tra cui quelli che rilasciano il neurotrasmettitore calmante GABA, l'esercizio migliora i livelli di sostanze chimiche cerebrali potenti come la serotonina, la dopamina e la norepinefrina, che possono aiutare a stabilizzare alcuni effetti dello stress. Alcuni sportivi appassionati dopo l'allenamento sentono anche una sensazione di euforia, spesso chiamata "sballo del corridore". Una volta che hai sperimentato quanto bene ti faccia sentire l'aumento della frequenza cardiaca e il movimento del corpo, può provocare dipendenza, ma in senso positivo.

Se stai lottando con l'ansia, non può davvero essere un errore iniziare un programma d'esercizio comprensivo: probabilmente qualsiasi forma di attività fisica ha effetti positivi, specialmente se è abbastanza stimolante. Detto questo, i ricercatori della Duke University hanno recentemente pubblicato una revisione di oltre 100 studi che sostenevano che lo yoga fosse particolarmente benefico per la salute mentale, ma personalmente consiglio anche di praticare un allenamento a intervalli ad alta intensità come il Peak Fitness, e allenamenti di resistenza, oltre che esercizi per la flessibilità e la costruzione del core come lo yoga o il Foundation Training.

L'ansia può essere paralizzante ma puoi comunque prendere il controllo della tua salute

I disturbi d'ansia possono essere debilitanti, e in alcuni casi richiedono una guida, un'assistenza e un trattamento professionale. Due trattamenti convenzionali per i disturbi d'ansia che si sono rivelati efficaci per molte persone sono la psicoterapia e la terapia comportamentale. La terapia comportamentale consiste nell'individuazione del problema attraverso degli esercizi di respirazioni, ed esposizioni di volta in volta maggiori a ciò che provoca l'ansia.

D'altro canto, la terapia cognitivo-comportamentale è pensata per aiutarti ad affrontare più efficacemente le situazioni che ti riempiono d'ansia. Ad ogni modo, utilizzando le strategie menzionate sopra, tra cui l'esercizio fisico, la EFT e i cambiamenti alimentari, spesso puoi insegnare al tuo corpo come rimanere in allerta e allo stesso tempo rilassarsi, il che ti aiuterà a fortificare i meccanismi di difesa intrinseci per quando affronterai le situazioni stressanti che scatenano i tuoi sintomi ansiosi.

Se ne hai bisogno, ti prego di cercare supporto professionale, e anche di non sottovalutare le tue capacità di prendere decisioni positive, che spesso cambiano la vita, per aiutarti a riprendere il controllo della tua salute.