Le ricerche dimostrano che il grasso bruno sano regola i livelli di zuccheri nel sangue

Dieta

La storia in breve -

  • Le persone con livelli maggiori di grasso bruno hanno un metabolismo più veloce, un miglior controllo della glicemia e una migliore sensibilità all'insulina dopo essere state esposte a temperature fredde
  • Il grasso bruno genera calore aiutandoti a bruciare calorie, e per questo lo stanno analizzando come strumento per perdere peso, ottenere un metabolismo sano e molto altro ancora
  • Più grasso bruno hai, o più è attivo il tuo grasso bruno, meglio è, perché c'è una correlazione diretta tra l'attivazione del grasso bruno e i valori metabolici di una buona salute
  • Gli scienziati hanno ripetutamente dimostrato di poter attivare il grasso bruno negli adulti esponendoli a temperature fredde; anche l'esercizio fisico può aiutare ad aumentare il grasso bruno
  • Consumare melatonina stimola l'apparizione di grasso "beige", un altro tipo di grasso che genera calore simile al grasso bruno
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

La percentuale di grasso corporeo è uno strumento utile per verificare se sei in salute o hai una disfunzione metabolica, e i livelli più bassi (fino a un certo punto) sono generalmente associati a migliori condizioni sanitarie. Con questo ci riferiamo al grasso bianco (quello che si accumula dove meno lo vorresti).

Il grasso bruno è più importante negli animali appena nati (compresi i bambini), in cui la sua funzione principale è generare calore corporeo, aiutando i neonati a regolare le proprie temperature.

È qui che le cose si fanno interessanti... Il grasso bruno genera calore bruciando calorie, e per questo lo stanno analizzando come strumento per perdere peso, ottenere un metabolismo sano e molto, molto altro ancora.

In più, una ricerca più recente ha rivelato che non solo gli adulti hanno una percentuale di grasso bruno, ma esso sembra avere funzioni fisiologiche che vanno oltre la generazione di calorie. Solo ora si stanno cominciando ad esplorare queste funzioni...

Il grasso bruno potrebbe aiutare a regolare i livelli di zuccheri nel sangue

Uno degli ultimi studi sul grasso bruno ha dimostrato che le persone con livelli più alti hanno un metabolismo più veloce, un miglior controllo della glicemia e una maggiore sensibilità all'insulina. Nello studio, sette su 12 partecipanti presentavano "alti quozienti di grasso bruno", e gli altri cinque presentavano livelli bassi.

Comunque, questo in sé e per sé non portava benefici, poiché il grasso bruno deve essere attivato per offrire risultati. Un modo noto per farlo è tramite l'esposizione a temperature fredde. Gli uomini nello studio sono stati esposti a temperature leggermente fredde fino a otto ore per attivare il grasso bruno.

Quelli con i livelli maggiori di grasso bruno hanno quindi mostrato un aumento del metabolismo a riposo, della sensibilità all'insulina e dell'elaborazione del glucosio, e i ricercatori affermano che il grasso bruno potrebbe agire da tessuto anti-diabetico negli esseri umani. Uno degli autori dello studio ha sottolineato:

"Abbiamo dimostrato che l'esposizione al freddo lieve aumentava il dispendio energetico dell'intero corpo, aumentava l'eliminazione del glucosio dalla circolazione e migliorava la sensibilità all'insulina negli uomini che avevano una quantità significativa di depositi di tessuto adiposo bruno".

La diminuzione di grasso bruno potrebbe causare l'aumento di peso di mezza età

Quando invecchi, l'attività termogenica del grasso bruno diminuisce, come è accaduto con i topi in uno studio rivelatore pubblicato sul FASEB Journal. I topi che avevano un gene noto come recettore del fattore di attivazione delle piastrine (PAFR) fuori uso, con l'età sono diventati molto più obesi rispetto ai topi di controllo normali.

Il gene PAFR è responsabile dell'infiammazione e del trasferimento del grasso, e si ritiene che la sua disattivazione abbia compromesso la funzione del grasso bruno, facendo diventare i topi obesi velocemente. Probabilmente questo "cedimento" del grasso bruno è la ragione fondamentale per cui quando si invecchia si tende a prendere peso. Il caporedattore del FASEB Journal ha evidenziato:

"Un disturbo comune è costituito dal fatto che le persone anziane devono fare il doppio dello sforzo con la dieta e l'esercizio fisico per ottenere la metà dei risultati dei giovani. Ora abbiamo le idee più chiare sul perché sia così: quando invecchiamo il nostro grasso bruno smette di funzionare".

Esiste anche un altro tipo di grasso, noto come beige, talvolta usato interscambiabilmente con quello bruno. Anche se i due sembrano simili, è probabile che i due abbiano funzioni benefiche diverse per il corpo, e stiamo iniziando solo ora a scoprirle. Come riportato dalla rivista Nature Medicine:

"Una domanda chiara è se le cellule grasse brune e beige abbiano funzioni diverse. Ancora non abbiamo una risposta a questo dubbio perché non sono stati fatti studi approfonditi. Comunque, uno studio recente ha suggerito che gli adipociti bruni e e beige adeguatamente stimolati... hanno capacità termogeniche simili.

... A parte la termogenesi, è molto probabile che gli adipociti beige e bruni abbiano funzioni tipo-specifiche di altri tipi di cellule che ancora non sono state studiate. Ad esempio, gli adipociti beige possono secernere alcuni fattori che influenzano la funzione WAT (cioè del tessuto adiposo bianco, o grasso bianco), il metabolismo sistemico o entrambi".

Le caratteristiche delle persone con più grasso bruno

Ora si pensa che praticamente tutti abbiano una piccola quantità di grasso bruno nel corpo, ma alcuni gruppi di persone tendono ad averne più di altri. Più grasso bruno hai, o più è attivo il tuo grasso bruno, meglio è, perché c'è una correlazione diretta tra l'attivazione del grasso bruno e i valori metabolici di una buona salute. Ad esempio:

  • Le persone snelle hanno più grasso bruno degli obesi
  • I giovani hanno più grasso bruno dei vecchi
  • Le persone con normali livelli glicemici hanno più grasso bruno di quelle con una glicemia alta

Anche le donne tendono ad avere più grasso bruno degli uomini, e le persone che assumono farmaci beta-bloccanti per la pressione alta hanno un grasso bruno meno attivo. Quest'ultimo caso potrebbe essere spiegato dal fatto che le catecolamine, ormoni rilasciati come parte della naturale risposta "attacco o fuga" del corpo, sono note per attivare il grasso bruno, ma i beta-bloccanti bloccano le catecolamine, sopprimendo in tal modo l'attivazione del grasso bruno benefico.

3 metodi naturali per aumentare i livelli di grasso bruno (e beige)

Visti i benefici emergenti del grasso bruno, forse ti stai chiedendo come puoi ottenerne di più.

I ricercatori sono entusiasti del potenziale che può avere un intervento medico che possa aiutare le persone a sviluppare più grasso bruno, ma io ci andrei piano con qualsiasi soluzione sotto forma di pillola. Invece, suggerirei di provare alcuni dei metodi non invasivi che sono stati scoperti per promuovere la produzione di grasso bruno e la sua attivazione.

1. Esposizione al freddo — Gli scienziati hanno dimostrato più e più volte di poter attivare il grasso bruno negli adulti esponendoli a temperature fredde. In uno studio, quando erano al freddo gli uomini bruciavano più calorie e perdevano grasso bianco, cioè quello che provoca obesità. Secondo l'autore dello studio:

"...il metabolismo nel grasso bruno aumenta davvero quando gli esseri umani adulti sono esposti al freddo. Ciò incrementa la possibilità che la combustione di calorie nel grasso bruno possa essere importante per il nostro metabolismo e, allo stesso modo, che l'assenza di grasso bruno possa aumentare la tendenza all'obesità..."

Una ricerca svedese pubblicata nel 2009 ha anche scoperto che le temperature fredde aumentavano l'attività nelle regioni di grasso bruno dei soggetti. L'assorbimento del glucosio indotto dal freddo è aumentato di 15 volte!

Sulla base dei modelli animali, i ricercatori hanno stimato che anche solo 50 grammi di grasso bruno (meno di quanto ne hanno la maggior parte dei volontari degli studi) potrebbero bruciare circa il 20% dell'apporto calorico giornaliero, e anche di più se "stimolati". Tim Ferriss, autore di The Four-Hour Work Week, ha dato i seguenti suggerimenti per farlo (sono da facili a molto difficili):

  • Metti un impacco di ghiaccio sulla parte superiore della schiena e sulla parte superiore del torace per 30 minuti al giorno (puoi farlo per esempio rilassandoti davanti alla TV)
  • Bevi circa 500 ml di acqua fredda ogni mattina
  • Fai la doccia con acqua fredda
  • Immergiti in acqua fredda fino al girovita per dieci minuti, tre volte a settimana (semplicemente riempi la vasca da bagno con acqua fredda o cubetti di ghiaccio)

2. Esercizio fisico — In uno studio sui ratti, gli animali trasformavano il grasso bianco in grasso bruno semplicemente facendo esercizio. Lo studio, pubblicato sulla rivista Disease Models and Mechanism, ha rilevato che durante l'esercizio i muscoli degli animali rilasciavano un enzima chiamato irisina, che innescava la conversione delle cellule grasse bianche in cellule brune.

Non era ancora sicuro se per gli esseri umani sarebbe stato lo stesso... fino a quando gli studi preliminari presentati alla riunione annuale del 2013 dell'American Diabetes Association non hanno dimostrato che sia i topi che gli uomini avevano sperimentato un "imbrunimento" benefico del grasso dopo l'esercizio fisico. Negli uomini, i benefici sono stati riscontrati dopo 12 settimane di allenamento con una cyclette. Uno dei ricercatori, un borsista del Joslin Diabetes Center, ha detto:

"I nostri risultati hanno dimostrato che l'esercizio fisico non ha solo effetti benefici sui muscoli, ma anche sui grassi ... È chiaro che quando il grasso viene allenato, diventa più bruno e più metabolicamente attivo. Pensiamo che il grasso più sano rilasci dei fattori nel flusso sanguigno che agiscono sugli altri tessuti".

3. Melatonina — Il consumo di melatonina stimola la comparsa di grasso "beige", il che, secondo i ricercatori di uno studio, spiega perché la melatonina aiuta a controllare il peso corporeo, oltre ad avere benefici metabolici. Lo Science Daily ha riportato:

"Lo studio... ha dimostrato che la somministrazione cronica di melatonina sensibilizza l'effetto termogenico dell'esposizione al freddo, aumenta l'effetto termogenico dell'esercizio e, quindi, costituisce un'eccellente terapia contro l'obesità. Il fatto è che una delle differenze chiave tra il "grasso beige" (che compare quando si somministra melatonina) e il "grasso bianco", è che i mitocondri delle cellule "grasse beige" esprimono livelli di proteina UCP1, che brucia calorie e genera calore".

È stato anche ampiamente dimostrato che la mancanza di sonno è legata all'obesità e, se non dormi abbastanza, c'è una buona probabilità che la produzione di melatonina non basti. I disordini dei livelli di melatonina causati dalla mancanza di sonno (e dall'esposizione alla luce durante la notte) possono essere un motivo in più per cui i disturbi del sonno portano ad un aumento di peso, e questo potrebbe avere impatti di vasta portata sulla salute. Probabilmente non è saggio assumere integratori di melatonina per ottenere questo effetto, ma è molto meglio stimolare la produzione di melatonina nei modi discussi in molti articoli precedenti.

Le proteine da shock termico e la connessione con la sauna

Le proteine da shock termico (HSP, Heat-Shock Proteins) sono utilizzate dalle cellule per contrastare stimoli potenzialmente dannosi. Quando una cellula è esposta a un ambiente ostile, il DNA si separa in alcune zone e inizia a leggere il codice genetico per produrre queste proteine dello stress. In realtà le HSP sono benefiche, e aiutano sia a prevenire che a riparare il danneggiamento delle proteine. Le proteine da shock termico sono indotte dal calore, ed è anche per questo che la sauna è così benefica.

Comunque, una ricerca affascinante suggerisce che le proteine da shock termico siano indotte anche dal freddo. In uno studio animale, l'esposizione al freddo ha indotto l'espressione di HSP nel grasso bruno, ma ancora non sappiamo cosa questo implichi. Si ritiene che l'espressione delle proteine da shock termico indotta dal freddo possa facilitare la termogenesi del grasso bruno e, molto più in generale, che esporre il corpo a quantità ragionevoli di stress sia da freddo che da caldo possa effettivamente essere benefico.