Come fai a sapere se bevi abbastanza acqua?

Bere acqua

La storia in breve -

  • Quando il corpo perde dall'uno al due percento del suo contenuto totale di acqua, segnala i suoi bisogni facendoti venire sete
  • Oltre ad ascoltare la tua sete, una buona regola generale è osservare il colore delle urine. Bevi abbastanza acqua da trasformare l'urina in un colore giallo chiaro
  • Anche la frequenza di urinazione può essere usata per giudicare la tua assunzione d'acqua. Se la tua urina è poca o non vai in bagno per diverse ore, anche questo significa che devi bere di più
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

Durante la giornata, il tuo corpo perde acqua attraverso le urine e le ghiandole sudoripare, anche quando non sudi volutamente. Di conseguenza, devi reintegrare questo fluido costantemente, e le bevande analcoliche non contano...

Il caffè e le bevande gassate contengono tipicamente molta caffeina, che agisce come diuretico disidratandoti. Ancora peggio le bevande gassate, i succhi di frutta e altre bevande zuccherate sono tra le fonti principali di fruttosio, che non farà altro che peggiorare la tua salute.

Lo stesso vale per le bevande con dolcificanti artificiali. La chiave quindi è bere acqua pura. Ma quanta acqua devi bere al giorno? Anche se una linea guida spesso ripetuta dice che dovresti bere otto bicchieri d'acqua al giorno, potrebbe essere troppo per alcuni e non abbastanza per altri.

Il tuo fabbisogno d'acqua può anche variare drasticamente da un giorno all'altro in base a una serie di fattori, come il livello di attività e le condizioni meteorologiche.

Per fortuna, il tuo corpo è dotato di un meccanismo che ti dice quando devi rifornire le riserve d'acqua. Si chiama sete. E c'è anche un modo semplice per valutare se hai bisogno di bere più acqua, pur non avendo sete.

Come leggere i segnali del fabbisogno corporeo di acqua

Quando il corpo perde dall'uno al due percento del suo contenuto totale di acqua, segnala i suoi bisogni facendoti venire sete. Usare la sete come guida per capire quanta acqua devi bere è un buon modo per garantire la soddisfazione delle tue necessità individuali giorno dopo giorno.

Tuttavia, quando il meccanismo della sete entra in azione, potresti già essere un po' disidratato. La maggior parte degli studi mostra che circa 2/3 della popolazione è disidratata e ha bisogno di bere più acqua.

Questo è particolarmente vero per gli anziani. Pertanto, è saggio imparare anche alcuni degli altri segnali inviati dal corpo, più velati, che indicano che devi bere più acqua, che includono:

  • Affaticamento e/o cambiamenti d'umore
  • Avere fame anche quando hai mangiato da poco
  • Mal di schiena o dolori articolari
  • Pelle spenta e secca e/o rughe pronunciate
  • Urinazione sporadica; urina scura e concentrata e/o stitichezza

Il colore delle urine è un indicatore importante

Oltre ad ascoltare la sete, una buona regola è osservare il colore della tua urina. Dovresti bere abbastanza acqua da trasformare le tue urine in un colore giallo chiaro.

L'urina di colore scuro è segno che i tuoi reni stanno trattenendo i liquidi per preservare le funzioni corporee, il che include la disintossicazione. Di conseguenza, l'urina sembrerà molto concentrata e scura. Potresti anche urinare meno spesso, per la stessa ragione.

Dal momento che con l'età il meccanismo della sete tende a diventare meno efficiente, gli anziani devono prestare maggiore attenzione al colore delle loro urine per assicurarsi un'adeguata assunzione di acqua.

Tieni a mente che la riboflavina (la vitamina B2, che si trova anche nella maggior parte dei multi-vitaminici) trasformerà l'urina in un giallo brillante, quasi fluorescente. Quindi se stai assumendo integratori contenenti vitamina B2, potrebbe essere più difficile giudicare il colore della tua urina.

Anche la frequenza di urinazione può essere usata per giudicare la tua assunzione d'acqua. In media una persona sana urina tra le sette o le otto volte al giorno. Se la tua urina è scarsa o non vai in bagno per diverse ore, anche questo significa che non bevi abbastanza.

I sintomi della disidratazione cronica

I sintomi principali della disidratazione sono: sete, pelle secca, urina di colore scuro e stanchezza. Tuttavia ci sono tanti sintomi comunemente sottovalutati che potrebbero suggerire che soffri più o meno di disidratazione cronica. Tali sintomi includono:

  • Disturbi digestivi come bruciore di stomaco e stitichezza
  • Confusione e/o ansia
  • Infezioni del tratto urinario
  • Invecchiamento precoce
  • Colesterolo alto

Perché non consiglio l'acqua imbottigliata

Anche se bere acqua aiuta a eliminare le tossine, più si beve acqua non filtrata, più si consumano inquinanti... La maggior parte dell'acqua di rubinetto contiene una serie di contaminanti pericolosi, tra cui fluoruro, sottoprodotti della disinfezione, prodotti chimici, radiazioni, metalli pesanti e farmaci.

Inoltre, stai attento quando ti lavi nell'acqua non filtrata, perché puoi facilmente assorbire più tossine respirando in una doccia calda rispetto a quando bevi acqua del rubinetto tutto il giorno.

L'anno scorso, gli scienziati federali hanno riferito di aver trovato tracce di 18 contaminanti non regolamentati in un terzo dei campioni di acqua raccolti da 25 aziende municipalizzate negli Stati Uniti, tra cui composti perfluorinati come il PFOA. Quindi oltre ad assicurarti di bere abbastanza, un'altra considerazione molto importante è il tipo di acqua che bevi.

Molti prendono istintivamente acqua in bottiglia, ma sono molti i motivi per evitare questa opzione. Bere da bottiglie d'acqua in plastica può comportare seri rischi per la salute per via di sostanze chimiche industriali come il bisfenolo-A e il bisfenolo-S (BPA/BPS), così come gli ftalati, che fuoriescono dalla plastica stessa nel contenuto della bottiglia.

Il BPA e il BPS sono sostanze chimiche che simulano gli estrogeni associate a difetti della nascita, problemi di apprendimento e comportamentali, disfunzioni immunitarie e cancro alla prostata e al seno. Gli ftalati sono inoltre interferenti endocrini e sono stati associati a una vasta gamma di effetti sullo sviluppo e sulla riproduzione, oltre che al cancro del fegato.

Inoltre, l'acqua in bottiglia costa circa 1.900 volte il prezzo dell'acqua normale, e può o non può aver ricevuto alcun trattamento aggiuntivo. Gli studi hanno dimostrato che il 40 per cento dell'acqua in bottiglia è in realtà normale acqua di rubinetto con nessun trattamento di filtraggio aggiuntivo. Mentre l'Ente per la Protezione Ambientale (EPA) richiede vasti approvvigionamenti d'acqua pubblici per testare i contaminanti più volte al giorno, la Food and Drug Administration (FDA) richiede che gli imbottigliatori privati testino i contaminanti solo una volta alla settimana, una volta all'anno o una volta ogni quattro anni, a seconda del contaminante.

Un test indipendente condotto dall'Environmental Working Group (EWG) nel 2011 ha rivelato 38 contaminanti di basso livello nell'acqua in bottiglia. Ciascuno dei 10 marchi testati conteneva una media di otto sostanze chimiche. Sono stati rilevati sottoprodotti della disinfezione (DBP), caffeina, paracetamolo, nitrato, prodotti chimici industriali, arsenico e batteri. Di solito sia nell'acqua del rubinetto che nell'acqua imbottigliata filtrata c'è anche il fluoro.

Molti marchi di acqua in bottiglia in realtà insistono ad aggiungere il fluoro nell'acqua, quindi se stai bevendo acqua in bottiglia, assicurati che sia privo di fluoro. Infine, ma non per importanza, le bottiglie di plastica causano enormi problemi ambientali per il volume di rifiuti di plastica che creano, per la mancanza di un'adeguata capacità di riciclaggio della plastica, e per la quantità di petrolio necessaria per fabbricarle.

I benefici sulla salute dell'"Acqua Viva"

La soluzione a tutti questi problemi di salute e ambientali è ridurre al minimo o eliminare l'uso di bottiglie d'acqua in plastica. La scelta più economica ed ecologica che puoi fare è acquistare e installare un filtro per l'acqua in casa tua. E, al posto delle bottiglie di plastica, usare bottiglie di vetro riutilizzabili, che hanno un impatto ecologico molto più piccolo.

L'acqua migliore, comunque, proviene da una sorgente naturale. Io consiglio di non bere acqua distillata su base regolare. È troppo acida e non è consigliata per un uso prolungato, sebbene possa essere utile per scopi di disintossicazione temporanea. Il pH ideale dell'acqua dovrebbe essere tra 6,5 e 7,5, cioè neutro. Quello che ti serve è acqua pura che sia pulita, abbia un pH equilibrato e sia "viva".

L'acqua di sorgente di montagna è l'ideale. Non solo ha un pH sano, ma è anche "strutturata" in un modo del tutto compreso. Ho intervistato il Dott. Gerald Pollack su questo argomento. Quando si tratta di comprendere la fisica dell'acqua e cosa significa per la tua salute, è uno dei ricercatori più importanti al mondo. Il suo libro, La quarta fase dell'acqua: Oltre la forma liquida, solida e gassosa, spiega in maniera chiara la teoria della quarta fase dell'acqua, a dir poco rivoluzionaria.

La quarta fase dell'acqua è, in parole povere, acqua viva. Viene chiamata EZ water, (dove EZ sta per "zona di esclusione") ed ha una carica negativa. Quest'acqua può trattenere e rilasciare energia, proprio come una batteria. È il tipo di acqua contenuta nelle tue cellule; anche i tuoi tessuti extracellulari sono pieni di acqua EZ, motivo per cui lo studioso ritiene che per una salute ideale è importantissimo bere acqua strutturata.

Io bevo quasi esclusivamente acqua vorticizzata perché sono diventato un grande fan di Viktor Schauberger, che ha svolto un lavoro pionieristico sul vortice circa un secolo fa. Il Dott. Pollack conferma che creando un vortice in un bicchiere d'acqua gli si dà più energia, aumentando così l'EZ. L'acqua proveniente da fonti profonde, come l'acqua di sorgenti profonde, è una scelta eccellente perché l'acqua EZ si crea anche sotto pressione.

FindaSpring.com è un'ottima risorsa che può aiutarti a trovare una sorgente naturale nelle vicinanze. Come vantaggio extra, raccogliere acqua di sorgente è generalmente gratis, basta portare le proprie brocche. Io consiglio l'uso di brocche di vetro anziché di plastica, per tutti i motivi discussi in precedenza.

Additivi sani per un tocco di sapore

Anche se sempre più persone stanno diventando consapevoli dei pericoli per la salute delle bevande gassate, l'industria delle bevande ha creato una nuova generazione di bevande "salutari", le cosiddette acque "funzionali" e arricchite, integrate con qualsiasi cosa, da vitamine e minerali a elettroliti, a ossigeno, fibre e anche proteine.

Ma se dai un'occhiata più da vicino alle etichette, scoprirai che ti stanno dando un sacco di ingredienti poco raccomandabili, molti in grado di gettare il tuo metabolismo, gli ormoni e altri processi fisiologici nel caos. Molte contengono un carico di zuccheri, il che non le rende migliori delle bibite gassate...

Per le occasioni in cui vuoi un tocco di sapore, aggiungi semplicemente del succo di limone o di lime alla tua acqua. Come evidenziato in un precedente articolo dell'Huffington Post, l'acqua di limone ha più di una dozzina di benefici per la salute, dall'alleviare la stitichezza e le infezioni del tratto urinario, al potenziamento del sistema immunitario, alla pulizia del fegato e al miglioramento della pelle.

Anche un cetriolo a fette può dare un tocco rinfrescante. Se vuoi un tocco di dolcezza, aggiungi un po' di stevia naturale o di monk fruit, che sono tra i sostituti dello zucchero più sicuri. In alternativa, è sufficiente aggiungere una goccia o due di estratto di menta piperita naturale o alcune foglie di menta tritate dal tuo orto.

Se desideri una "bevanda sportiva" di tipo elettrolita, prova l'acqua di cocco, che è una fonte naturale ricca di potassio ed elettroliti. Cercane una senza additivi. Oppure scegli una noce di cocco fresca e giovane e raccoglila tu stesso.

Per una salute ideale, hai bisogno di acqua pura, e che sia abbastanza

Non c'è dubbio che per una salute ideale hai bisogno di acqua pura. Semplicemente sostituire tutte le bevande zuccherate e imbottigliate che ti concedi con acqua pura può fare molto per migliorare la tua salute e il tuo peso. La quantità, tuttavia, è una cosa che devi perfezionare in base alle circostanze individuali.

Ricordati di ascoltare il tuo corpo. La sete è un segnale lampante del fatto che è ora di rifornire i tuoi liquidi. Stanchezza e malumore possono anche indicare che è necessario bere più acqua. Probabilmente il modo migliore per misurare il fabbisogno d'acqua è osservare il colore della tua urina e la frequenza con cui vai in bagno. In media, un numero sano di visite al bagno è di circa sette o otto al giorno, e il colore dell'urina dovrebbe essere un giallo chiaro e pallido.