La dieta chetogenica, in combinazione con la restrizione calorica, offre una nuova speranza nella ricerca per un trattamento non tossico del cancro

dieta chetogenica e trattamento del cancro

La storia in breve -

  • Un crescente numero di ricerche suggerisce che la maggior parte dei cancri sono altamente reattivi alla chetosi terapeutica (uno stato fisiologico naturale indotto durante stati prolungati di abbassamento di glucosio), in combinazione con la restrizione calorica
  • Un modo per ottenere ciò è ricorrere a una dieta chetogenica che elimina tutti i carboidrati ad eccezione dei vegetali non amidacei, rimpiazzandoli con grandi quantità di grassi sani e adeguate quantità di proteine di alta qualità
  • Cellule sane hanno la flessibilità metabolica per adattarsi dall'usare il glucosio all'usare i corpi chetonici. Le cellule cancerogene invece non hanno questa flessibilità, per cui quando si eliminano i carboidrati, che sono metabolizzati nel glucosio, stai effettivamente affamando il cancro privandolo della sua fonte primaria di carburante
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

Il cancro è così comune ora che colpisce circa una persona su due e molti lo affronteranno ad un certo punto della loro vita, sia in prima persona che tramite un amico o un parente. Ricerche convincenti indicano che la risposta all'epidemia di cancro, tutt'oggi in espansione, potrebbe essere molto più vicina di quanto precedentemente immaginato, sotto forma di una dieta chetogenica.

Personalmente, credo che questo sia un aspetto assolutamente cruciale della prevenzione e del trattamento del cancro, per qualsiasi tipo di cancro si stia cercando di affrontare, e spero che un giorno sarà adottato come prima linea di trattamento dalla medicina tradizionale.

Una dieta chetogenica richiede l'eliminazione di tutti i carboidrati vegetali non amidacei, e la loro sostituzione con grandi quantità di grassi sani e basse o moderate quantità di proteine di alta qualità.

La premessa è che, dal momento che il cancro ha bisogno di glucosio per prosperare, e i carboidrati si trasformano in glucosio nel corpo, allora ridurre il livello di glucosio nel sangue attraverso una limitazione di carboidrati e proteine fa letteralmente morire di fame le cellule tumorali, portandole alla morte. Inoltre, il basso apporto proteico tende a ridurre al minimo il percorso mTOR che accelera la proliferazione cellulare e riduce la quantità di un particolare aminoacido, la glutammina, che è anche noto per attivare alcuni tipi di cancro.

Consiglio a tutti questo tipo di dieta, che siate malati di cancro o meno, perché vi aiuterà a passare dalla combustione dei carboidrati alla combustione dei grassi, il che vi aiuterà a ottimizzare il vostro peso e a prevenire praticamente tutte le malattie croniche degenerative.

La dieta chetogenica: un approccio eccellente alla prevenzione e al trattamento del cancro

Il Dott. Dominic D'Agostino è un ricercatore universitario presso la University of South Florida College of Medicine.

Tiene corsi di farmacologia molecolare e fisiologia ed è coinvolto in diversi studi di ricerca sui trattamenti metabolici per i disturbi neurologici come crisi epilettiche, Alzheimer, SLA e cancro, tutti metabolicamente collegati.

"Mi sono imbattuto nel lavoro di Thomas Seyfried", dice. "Ho trovato molti indizi che suggeriscono che il cancro è metabolicamente unico. Geneticamente, è molto eterogeneo. Ci sono una serie di diverse anomalie genetiche nelle cellule tumorali, ma una caratteristica è che aveva questo fenotipo metabolico ubiquitario, che era la glicolisi aerobica.

Anche in presenza di ossigeno, è stato dimostrato che le cellule tumorali continuano a pompare il lattato, suggerendo che stanno alimentando il loro metabolismo dall'eccessivo consumo di glucosio.

Dal mio punto di vista, l'unica ragione per cui le cellule tumorali starebbero pompando lattato e l'energia derivante dal glucosio ad un tasso così alto è dovuta al fatto che sono metabolicamente compromesse dalla carenza mitocondriale".

Una crescente quantità di prove suggerisce che il cancro è reattivo alla chetosi terapeutica, uno stato fisiologico naturale indotto durante stati prolungati di abbassamento di glucosio. La chetosi nutrizionale comprende la restrizione di carboidrati al fine di diminuire la disponibilità di glucosio. La restrizione di carboidrati aumenta anche la produzione di corpi chetonici da parte del fegato. Quasi tutte le tue cellule normali hanno la flessibilità di adattarsi rapidamente all'uso dei corpi chetonici per alimentare il corpo, usandoli al posto del glucosio, ma le cellule cancerogene non hanno questa flessibilità metabolica. Per cui, muoiono effettivamente di fame mentre tutte le tue normali cellule funzionano più efficacemente di prima.

Un altro fattore chiave per la prevenzione e il trattamento del cancro: La restrizione calorica

Quando limiti i carboidrati previeni l'insorgere di picchi di zucchero nel sangue, di insulina e di IGF-1. Questi picchi in realtà sono altamente pro-infiammazione, possono attivare gli oncogeni (geni che contribuiscono alla trasformazione delle normali cellule in cellule cancerogene), e aumentano sia la proliferazione di cellule cancerogene che i processi metastatici.

Ma ecco un fattore fondamentale: Nonostante la restrizione dei carboidrati ridurrà questi picchi, non avrà un impatto significativo sui livelli base di glucosio nel sangue, a meno che non si limiti anche l'assunzione di calorie e proteine. Quindi, per la prevenzione e il trattamento del cancro, la restrizione dei carboidrati deve essere combinata con la restrizione calorica e con una moderata restrizione di proteine al fine di "affamare" efficacemente le cellule cancerogene privandole del loro alimento preferito (glucosio e glutammina).

"La dieta chetogenica è, penso, una buonissima strategia per rendere tollerabile la restrizione calorica", dice il Dott. D'Agostino. "Perché quando il tuo cervello ha particolarmente voglia di glucosio, e, diciamo, per esempio, che inizi una dieta con restrizione calorica, ma con alto contenuto di carboidrati, stai ancora avendo fluttuazioni nel glucosio sanguigno. Il cervello attraversa questi periodi intermittenti di privazione da glucosio e diventa affamato. Non è una bella sensazione.

La chetosi nutrizionale, che si verifica con la restrizione di carboidrati ed è amplificata dalla restrizione calorica, forza lo spostamento fisiologico da un metabolismo basato sul glucosio a un metabolismo basato sugli acidi grassi e i chetoni. Quando il tuo corpo è, per così dire, cheto-adattato, il metabolismo della tua energia cerebrale è più stabile e di conseguenza è più stabile anche l'umore. Potrebbe volerci qualche settimana per adattarsi fisiologicamente a ciò. Ma la chetosi nutrizionale può essere mantenuta e sostenuta con la restrizione dei carboidrati ed è amplificata dalla restrizione calorica.

Il totale delle calorie deve davvero essere diminuito, e così anche le proteine. Le proteine sono glucogeniche. Sono presenti degli aminoacidi glucogenici nelle proteine. Se, poniamo, la proteina è, ad esempio, due o tre grammi per chilogrammo al giorno, probabilmente si alimenta attraverso la via gluconeogenica e contribuisce alla glutaminolisi. Sarà difficile esaurire i tuoi depositi di glicogeno, che è necessario per attiva la chetogenesi nel fegato".

Qual è la quantità consigliabile di proteina?

Quindi, per riassumere quanto detto, per mantenere e sostenere la chetosi nutrizionale, è necessario diminuire sia i carboidrati che le proteine. Ma qual è la quantità giusta di proteine, e quando sono troppe?

Come dice il Dott. D'Agostino, mangiare da due a tre grammi di proteine per chilogrammo di peso corporeo - che per alcuni significa 100-300 grammi di proteine al giorno - è un enorme sovraccarico. Molti bodybuilder consumeranno queste quantità, e anche molti non atleti. L'industria del bodybuilding ha promosso l'idea che sono necessarie tonnellate di proteine per costruire i muscoli ma, come spiega il Dott. D'Agostino, se si limitano le proteine e si sostituiscono sia le proteine perse che i carboidrati con grassi sani, l'aumento dei chetoni nel sangue avrà un effetto di risparmio proteico, o anti-catabolico.

"Ti aiuterà a preservare la massa magra, ma anche la performance fisica durante un deficit calorico. È per questo che la dieta chetogenica è una strategia efficace per perdere peso e mantenere i muscoli, soprattutto se è integrata con esercizio di resistenza o qualche tipo di attività fisica," dice.

Però qui bisogna prendere in considerazione anche il tuo obiettivo finale. Lo scopo di un bodybuilder per intraprendere una dieta chetogenica sarà diverso da chi ha il cancro o soffre di crisi epilettiche. In quest'ultimo caso, è necessario essere molto più severi nella riduzione delle proteine per ottenere e mantenere la chetosi.

Personalmente, sono incuriosito dal concetto promosso da uno dei miei mentori, il Dott. Ron Rosedale, che sostiene di limitare le proteine a un grammo per chilogrammo di massa magra corporea. In genere, per una persona come me, ciò equivale a circa 50-70 grammi di proteine al giorno. La ragione per cui promuove così tanto questa idea è a causa dell'effetto stimolante che le proteine (aminoacidi a catena ramificata in particolare) hanno sul bersaglio della rapamicina (mTOR) dei mammiferi, un percorso che sembra essere in gran parte responsabile della patologia vista nella crescita del cancro.

Quando si riducono le proteine a ciò di cui il corpo ha bisogno, lo mTOR rimane inibito, il che aiuta a ridurre le possibilità di crescita del cancro.

"Sono d'accordo nel dire che lo mTOR è un segnale importante quando si ha il cancro", dice il Dott. D'Agostino. "L'aminoacido leucina è un potente attivatore del percorso mTOR, e stimola la sintesi della proteina del muscolo scheletrico. Ora, se una normale persona sana consumasse boli di leucina [un aminoacido a catena ramificata], diciamo cinque grammi un paio di volte al giorno, cosa che fanno molti bodybuilder e atleti, potrebbe questo fattore migliorare la crescita del cancro?

È una domanda interessante, e su cui sto eseguendo delle ricerche. Stiamo per partire con uno studio in cui somministriamo grandi dosi di aminoacidi a catena ramificata in modelli metastatici di cancro. La mia opinione è che gli aminoacidi a catena ramificata, che attivano lo mTOR, in una normale persona sana non sono controproducenti. Non aumentano la suscettibilità al cancro di una persona e possono persino prevenire il deterioramento muscolare (per esempio: cachessia) associato al cancro".

La 'carne' della dieta chetogenica: I GRASSI

La maggior parte delle persone che seguono una dieta chetogenica limitano inavvertitamente le loro calorie senza effettivamente raccogliere i benefici metabolici di un deficit calorico, che includono riduzioni del glucosio nel sangue, insulina e trigliceridi. La ragione di questo è che non sostituiscono i carboidrati (e le proteine) che hanno eliminato con quantità sufficienti di grassi sani.

"Paradossalmente, quando si consumano più grassi, i grassi nel sangue scendono, a causa di un deficit calorico, e l'HDL [il cosiddetto colesterolo buono] sale. Quasi tutti quelli che vedo intraprendere queste diete chetogeniche ad alto contenuto di grassi hanno migliorato i livelli di HDL", dice il Dott. D'Agostino.

Ora, quando diciamo aumentare il grasso, non stiamo parlando dei grassi più comunemente consumati dalle persone, che sono principalmente oli vegetali altamente trasformati, pieni di grassi omega-6, o grassi trans trovati nelle patatine fritte e nelle ciambelle. Stiamo parlando di grassi di alta qualità come avocado, burro, olio di cocco, noci di macadamia e olive. Questi tipi di grassi, che il Dott. Rosedale ritiene siano metabolicamente neutri perché non tendono ad innescare eventi ormonali di segnalazione come la leptina, l'insulina e il percorso mTOR.

"Credo che molti di questi grassi possano essere usati al posto delle proteine. E i grassi risparmiano molte proteine, riducendo il bisogno di proteine", dice il Dott. D'Agostino.

Occorre tenere presente che, mentre una dieta chetogenica tradizionale richiede un bel po' di latticini, questi possono essere effettivamente problematici e possono prevenire molti dei benefici per la salute che si possono ottenere dalla dieta chetogenica descritta da D'Agostino e Seyfried. Il lattosio è uno zucchero a base di galattosio e glucosio che si trova nel latte, che costituisce dal due all'otto per cento del peso del latte. Questi zuccheri extra possono essere problematici quando si cerca di perdere peso o di trattare il cancro, anche se deriva da fonti biologiche integrali. Il grasso dei latticini è accettabile (per esempio: la panna acida, il burro, ecc.) ma gli alimenti con grandi quantità di proteine del latte o lattosio dovrebbero essere ridotte o evitate.

Perché diventare una persona che brucia grassi

Il corpo può bruciare due tipi di carburante: grassi e carboidrati. Nella mia stima, sospetto che il 99% degli americani sia abituato a bruciare carboidrati come combustibile primario. È importante rendersi conto che quando il corpo è abituato a bruciare carboidrati diventa piuttosto rigido, metabolicamente parlando. Senza dubbio, il corpo chiederà a gran voce di ricevere cibo ogni due o tre ore. Tuttavia, i morsi della fame di questo genere scompaiono una volta che ci si è abituati ai grassi. Poi potrai trascorrere un'intera giornata senza avere fame, perché avrai più grasso nel corpo da bruciare rispetto al glucosio.

Quindi, come si raggiunge questo cambiamento metabolico?

Nella mia esperienza, il digiuno intermittente, in cui si limita gradualmente la finestra di tempo in cui si consuma del cibo fino a raggiungere un intervallo da 6 a 8 ore, è uno dei modi più efficaci per eseguire questa transizione.

"Secondo me, da un punto di vista pratico, la cosa importante è: cosa seguirà una persona? Dalla mia prospettiva, il problema più grande in questo caso è il seguire una regola. Seguire una strategia alimentare che rende possibile e tollerabile la restrizione calorica. E tu sai che la restrizione di carboidrati, una dieta ad alto contenuto di grassi e il digiuno intermittente sono un modo per raggiungere l'obiettivo", dice il Dott. D'Agostino.

"Ci sono molti vantaggi in questo schema di digiuno intermittente. Penso che sia una buona strategia quella di promuovere la salute metabolica e di mantenere la chetosi nutrizionale, se ci si può adattare. In alcuni stili di vita le persone non riescono ad abituarcisi rapidamente. Ma ho scoperto che molti possono farlo se ci provano per almeno qualche settimana. Tanti fanno resistenza. Anche se ci sono alcuni che fanno resistenza, una volta provata rimangono stupiti da quanto si sentono bene".

Tuttavia, non è una strada ideale per tutti. Come regola generale, il digiuno intermittente è controindicato per:

  • Gli atleti di alto livello
  • Donne in gravidanza
  • Chi soffre di stress surrenale
  • Ha già un BMI basso (< 19)

La dieta chetogenica per una salute ottimale e la prevenzione delle malattie

Credo fermamente che la dieta chetogenica possa essere una strategia incredibilmente benefica per ottimizzare la salute e la prevenzione delle malattie e come piano di trattamento, anche per il cancro. È già una prima linea di trattamento consolidato per molti disturbi che causano epilessia. Nonostante la maggior parte delle cellule del tuo corpo ha la flessibilità metabolica per utilizzare grassi o zuccheri come carburante, le cellule tumorali differiscono in quanto non possono utilizzare grassi (chetoni) per sopravvivere: hanno bisogno di glucosio e di un ambiente a basso contenuto di ossigeno.

Già nel 1930 il Dott. Otto Warburg ricevette il Premio Nobel per aver scoperto che lo zucchero è il primo sostrato di carburante per le cellule cancerogene. Il così detto "Effetto Warburg" nelle cellule cancerogene è alla base della tomografia a emissione di positroni (18-FDG PET), una tecnica di imaging medica per visualizzare il cancro. Gli oncologi hanno ignorato questa informazione vitale per più di 80 anni e non la usano terapeuticamente, il che dal mio punto di vita è solo una riprovevole negligenza... Tante persone soffrono inutilmente perché non hanno accesso a questa semplice strategia nutrizionale terapeutica, che, in poche parole, sfrutta questo differenziale metabolico intrinseco tra cellule sane e cancerose.

Il tuo corpo ha una riserva limitata di zucchero, immagazzinato sotto forma di glicogeno, tipicamente nei muscoli e nel fegato. Queste riserve di glicogeno vengono esaurite in circa 12 ore e, a quel punto, il corpo deve iniziare a bruciare i grassi. Questo è uno dei fattori che rende il digiuno intermittente così benefico, perché non mangiando per 12-18 ore o più ogni giorno, il corpo entra in questa modalità brucia grassi. Anche se la fame frequente è un problema importante per la maggior parte delle persone che dipendono dal bruciare carboidrati per l'energia, i bruciatori di grassi possono andare avanti tutto il giorno, o un certo numero di giorni, se necessario, senza cibo, dal momento che la maggior parte di noi ha grassi in abbondanza da utilizzare e da trasformare in energia.

Nonostante molti possano comunque mangiare alcuni carboidrati, insieme a quantità moderate di proteine di alta qualità, coloro che soffrono di cancro devono limitarsi di più. I pazienti che soffrono di cancro devono anche combinare una dieta chetogenica con restrizione calorica per raggiungere lo smaltimento del glucosio che affamerà in modo efficace le cellule cancerogene. Una ricerca recente ha mostrato che aggiungere un trattamento con ossigeno iperbarico riduce drammaticamente la crescita del cancro e diminuisce i tumori. In conclusione, non trovo che ci siano aspetti negativi nel mangiare in questo modo, ed è per questo che lo consiglio a tutti.