Le verdure sono migliori delle medicine per i reni

i migliori cibi per la salute dei reni

La storia in breve -

  • Un nuovo studio ha rivelato che mangiare tre o quattro porzioni di verdura e frutta al giorno, piuttosto che prendere farmaci, può aiutare ad abbassare la pressione sanguigna e dimezzare i costi per i farmaci
  • La pressione sanguigna alta è la seconda causa più alta di insufficienza renale, ma gli alimenti sani, combinati con regolari esercizi di allenamento aerobico e di resistenza (forza) possono abbassare drasticamente la pressione sanguigna
  • Le lesioni renali acute e le malattie renali croniche sono le cause principali del malfunzionamento renale ed entrambe sono il risultato diretto di una pressione sanguigna alta
  • Aglio e cipolle, cavolo cappuccio e cavolo verde, tè verde e olio d'oliva sono alcuni degli alimenti che contengono elevate quantità di antiossidanti che possono aiutare a disintossicare i reni, oltre a migliorare la salute in molti altri modi
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

Poniamo che ti abbiano comunicato che soffri di una malattia renale. Sapendo che questi organi vitali rimuovono gli scarti e le tossine dal tuo corpo, stimolano la produzione di globuli rossi e regolano la pressione sanguigna, devi fare qualcosa il velocemente possibile.

È molto probabile che una delle prime cose che farà il dottore sarà prescriverti una cura farmacologica.

Ma un nuovo studio quinquennale è appena emerso rivelando che una delle cose migliori che puoi fare per i tuoi reni è mangiare tre o quattro porzioni di verdura e frutta al giorno. Non solo ti aiuterà a riacquistare la salute, ma potrebbe anche aiutarti a risparmiare sulle spese mediche, compresi i farmaci.

In effetti, consumare frutta e verdure sana potrebbe aiutarti a ridurre il costo dei farmaci fino al 50%.

Consumare gli alimenti giusti migliora la funzione renale

Ti starai chiedendo come funziona. Secondo lo studio dell'Università del Texas, inizia tutto con una modifica nell'alimentazione.

Alcuni cibi ti aiutano a gestire la pressione sanguigna meglio di altri e, allo stesso tempo, migliorare diversi altri aspetti della tua salute, contribuendo potenzialmente a una migliore pressione sanguigna sistolica.

Questo studio quinquennale ha dimostrato che un cambiamento positivo nella dieta diminuiva in modo più efficace la pressione sistolica dei soggetti che soffrivano di malattie renali rispetto a quelli che sceglievano i farmaci.

La U.S. News ha riportato che lo studio seguiva un numero ridotto di partecipanti con malattie renali, per cui i ricercatori hanno potuto confrontare i risultati del trattamento medico standard con l'intervento nutrizionale.

L'obiettivo degli scienziati era quello di determinare chi otteneva risultati migliori: le persone del gruppo dei farmaci o quelli del gruppo alimentare. I due fattori determinanti erano non solo quale migliorasse la pressione sanguigna in modo naturale, ma anche se l'uso o meno di cibo potesse fare la differenza nei costi.

Sai già il risultato. I cibi sani hanno avuto la meglio. I partecipanti allo studio hanno mostrato un miglioramento il primo anno e i costi dei farmaci si sono abbassati anno dopo anno, facendo risparmiare in media $153.000 al gruppo delle verdure nel corso dei cinque anni dello studio.

Il Dott. Nimrit Goraya, autore dello studio e direttore del programma di nefrologia al Baylor Scott & White Healthcare a Temple, Texas, ha detto che per le persone con malattie renali - o coloro che vogliono prevenirle - l'importanza di mangiare gli alimenti giusti piuttosto che accontentarsi di farmaci era "enorme". Altri studi dimostrano che l'assunzione di farmaci per la pressione sanguigna potrebbe aumentare il rischio di morte.

Verdure ed esercizio, scoperte incredibili per la pressione sanguigna

Un'analisi su 28 studi effettuata dall'Università di San Paolo, Brasile, che ha coinvolto più di 1.000 pazienti sottoposti a dialisi renali, ha restituito statistiche molto promettenti. Gli scienziati hanno scoperto che coloro che praticavano regolarmente sia l'allenamento aerobico che di resistenza (forza) abbassavano significativamente la pressione sanguigna.

Lona Sandon, direttrice del programma di nutrizione clinica presso la School of Health Professions della UT Southwestern di Dallas, ha notato che tre o quattro porzioni di verdura e frutta, a seconda del tipo, fanno la differenza:

"È incredibile ciò che possono fare la frutta e la verdura, insieme a un po' di esercizio. Le medicine per la pressione sanguigna hanno molti effetti collaterali che possono lasciare le persone con una sensazione di debolezza e altri problemi.

L'effetto collaterale della frutta e verdura, insieme all'esercizio, è una salute migliore. Quando le persone consumano cibi sani, modificano la loro salute. E, soprattutto, quando consumano le quantità consigliate che sono state fornite loro nello studio".

Pressione sanguigna alta: la seconda causa più frequente dell'insufficienza renale

Alcuni anni fa, i Centri statunitensi per il controllo delle malattie e la prevenzione hanno annunciato che erano in aumento i morti dovuti alla pressione sanguigna alta.

Molti non si rendono conto che i reni e il sistema circolatorio lavorano in sinergia per prevenire l'innalzamento della pressione sanguigna, ossia l'ipertensione. Come rivelato dalla American Heart Association, i danni ai reni dovuti all'alta pressione sanguigna si verificano in tre modi:

  • Primo, la pressione alta causa danni alle arterie. La grande quantità di vasi sanguigni e di arterie nei reni implicano grandi quantità di sangue che fluisce attraverso di essi, ma poiché questa malattia li indebolisce, non è possibile trasportate le quantità di sangue adeguate verso il tessuto renale.
  • Il sangue non filtra bene attraverso i reni danneggiati. I minuscoli nefroni che filtrano il sangue attraverso capillari ancora più piccoli, come i capelli, ma con danni ai reni, non ricevono l'ossigeno o le sostanze nutritive di cui hanno bisogno. Ormoni, acidi, sali e altri fluidi nel corpo non sono regolati.
  • Anche la pressione sanguigna non è regolata e non produce un ormone importante per l'autoregolazione, iniziando una spirale discendente. Altre arterie si bloccano e smettono di funzionare, causando insufficienza renale.

Tutto questo suona piuttosto triste, ma la cosa importante da ricordare è che questo di solito avviene gradualmente nell'arco di diversi anni e può essere evitato.

Negli Stati Uniti una persona su tre dai 65 anni in su ha una malattia renale cronica o CKD (Chronic kidney disease). La maggior parte non progredisce verso gli stadi avanzati perché cedono prima che la malattia renale arrivi allo stadio finale, anche se hanno raggiunto lo stadio 4 CKD, rivela uno studio del 2014 sulla rivista Clinical Practice.

Uno studio italiano ha scoperto che consumare solo 7 grammi di proteine al giorno ha portato ad una riduzione dell'insufficienza renale. Forse la cosa ancora più importante, è che è stata avanzata l'argomentazione secondo cui una dieta a basso contenuto proteico è di gran lunga preferibile a una dieta contenente proteine in eccesso. Detto questo, potresti dover ridurre la tua assunzione di proteine.

Tutto ciò di cui hai bisogno è mezzo grammo di proteine ogni 500 grammi di massa magra presente nel corpo. Il fruttosio dovrebbe essere consumato solo in piccole quantità, circa 25 grammi o 6 cucchiaini da tè, al giorno (anche se l'American Kidney Fund ne permetta da 40 a 50 grammi). DeVita, un sito di informazioni sui reni, dichiara:

"I ricercatori stanno scoprendo sempre più collegamenti tra le malattie croniche infiammatorie e i "super alimenti" che possono prevenire o proteggere dall'ossidazione indesiderata degli acidi grassi, una condizione che si verifica quando l'ossigeno nel corpo reagisce con i grassi nel sangue e nelle cellule.

L'ossidazione è un processo normale per la produzione di energia e per molte reazioni chimiche nel corpo, ma l'eccessiva ossidazione di grassi e colesterolo crea molecole note come radicali liberi che possono danneggiare le proteine, le membrane cellulari e i geni".

Oltre alle malattie renali, alcune delle malattie associate ai danni da radicali liberi includono cancro, morbo di Alzheimer, malattie cardiache e altre condizioni ricorrenti e degenerative. Ma gli alimenti contenenti antiossidanti possono aiutare a neutralizzare e proteggere l'organismo dai danni dei radicali liberi.

Gli alimenti che contengono fosforo tendono a promuovere la formazione di calcoli renali. Gli alimenti con elevate quantità di potassio, come le verdure e i semi, sono una buona scelta, se assunti con moderazione. Purtroppo, solo il 2% delle persone negli Stati Uniti riceve quantità adeguate di potassio, soprattutto perché la maggior parte tende a mangiare troppi alimenti processati.

I 15 migliori frutti, verdure e altri alimenti contenenti potenti antiossidanti per un sano equilibrio tra sodio, potassio e fosforo includono:

Peperoni rossi dolci

Cavolo, cavolfiore e cavolo verde

Asparagi, fagiolini e sedano

Aglio e cipolle

Funghi

Mele, pere, pesche e ciliegie

Cocomero

Mirtilli, fragole, lamponi e mirtilli rossi

Patate dolci

Tè verde

Noci e semi

Uva rossa e viola

Uova

Salmone selvaggio dell'Alaska

Olio di cocco e di oliva

Fai attenzione nel consumare i frutti di questa lista, in quanto possono facilmente spingerti oltre la quantità giornaliera consigliata di fruttosio. Così come esistono alimenti puliti e sani che aiutano il tuo corpo a mantenersi e a guarirsi da solo, esistono anche alimenti che dovresti evitare, specialmente se soffri di problemi renali.

Se bevi bibite gassate o altre bevande che contengono sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio o aspartame, smetti subito! Si tratta di sostanze chimiche che possono rovinare anche l'organismo più forte.

L'acqua pura è la bevanda migliore da immettere nel corpo, e se non hai già fatto questo cambiamento, ti sorprenderai per il tuo aspetto più salutare e il benessere generale che proverai. Daily Superfood Love dice:

"Seguendo uno stile di vita sano e mangiando gli alimenti giusti per la salute dei reni, essi rimarranno in forma per decenni. È stato dimostrato che il cibo ha ripetutamente invertito la tendenza in molti scenari, rallentando e persino arrestando ulteriori danni agli organi vitali.

Una dieta ricca di potenti superfood che eliminano i radicali liberi causati dall'ossidazione e da una minore infiammazione. Uno studio dopo l'altro, mostra che ciò che si mangia è importante sia per il tuo aspetto, che per il modo in cui ti senti, ma anche per rimanere in buona salute".

Un modo per monitorare i tuoi progressi è controllare il colore dell'urina, che dovrebbe essere giallo pallido. Se è più scura, dovresti bere più acqua.

Quali sono le cause dei malfunzionamenti renali?

Più di 26 milioni di persone negli Stati Uniti hanno malattie renali croniche. Secondo One Green Planet, le malattie renali contribuiscono ad altre malattie e problemi di salute:

"Le malattie renali sono fortemente legate ad altri importanti problemi di salute come il diabete, l'ipertensione (pressione alta) e le malattie cardiache. Molte persone che soffrono di obesità, malattie autoimmuni o infezioni del tratto urinario (UTI) possono anche sviluppare malattie renali nel corso della loro vita.

Ogni volta che il corpo viene sottoposto a uno sforzo generale, anche i reni subiscono un colpo importante. Segni comuni di problemi renali includono: minzione frequente, problemi a urinare, dolore, bruciore e sete costante".

Esistono due tipi di malfunzionamenti renali: uno è il danno acuto ai reni, l'altro è la malattia cronica dei reni.

Il danno acuto ai reni (AKI) si verifica quando vi è un'improvvisa riduzione di flusso sanguigno, portando all'insufficienza renale. In effetti, i due termini sono sinonimi. Una grave disidratazione, un incidente, un intervento chirurgico e persino un sovradosaggio cumulativo (o propositivo) di farmaci come l'acetaminofene, l'ibuprofene o il naprossene potrebbero provocarlo.

Un'infiammazione cronica, come quella che si verifica nei pazienti diabetici o cardiopatici, infezioni (come la sepsi), blocchi o reazioni allergiche possono anche causare insufficienza renale. Circa la metà dei pazienti affetti da AKI può essere trattata senza danni permanenti; il resto richiederà probabilmente un trapianto di rene o la dialisi, il che comporterà il filtraggio del sangue da una macchina.

I sintomi possono includere dolore, debolezza, stordimento, perdita di appetito, nausea e vomito, sete estrema e diminuzione della minzione. È interessante notare che i casi di insufficienza renale più acuta si verificano nelle persone che sono già state ricoverate per qualcos'altro.

La malattia cronica dei reni (CKD) si manifesta nel tempo, in genere aggravata dalla pressione sanguigna alta e dal diabete. Le persone che hanno assunto molti farmaci per un lungo periodo di tempo sono probabili candidati, così come coloro che abusano di droghe o alcool. Un'arteria renale bloccata può anche danneggiare irreparabilmente i reni.

Età, anomalie genetiche e malattie come il cancro possono influenzare questa condizione. I casi cronici possono coinvolgere i sintomi dell'AKI, fino al punto di scatenarne il non funzionamento. Alti livelli di fosfati nel sangue e bassi livelli di ferro potrebbero verificarsi in questa fase. La maggior parte degli operatori sanitari consigliano di mangiare molta verdura, evitare lo zucchero, bere quantità adeguate di acqua e praticare regolare esercizio fisico, che non solo farà bene ai reni, ma può apportare un profondo miglioramento della salute in generale.