Ti sei mai chiesto perché l'omeopatia funziona?

Cos'è l'omeopatia?

La storia in breve -

  • Uno dei modi in cui funziona l'omeopatia è che offre aiuto nell'equilibrare l'energia del tuo corpo, o chi, come viene chiamata nella medicina tradizionale cinese
  • Le soluzioni omeopatiche contengono minuscole dosi di piante, minerali, prodotti animali o altri composti che causano sintomi simili a quelli che si stanno già sperimentando
  • Uno studio ha rilevato che le persone allergiche che hanno ricevuto un trattamento omeopatico hanno avuto un miglioramento del 28% nella capacità respiratoria per via nasale mentre quelli nel gruppo placebo hanno avuto soltanto un miglioramento del 3%
  • È necessario un medico molto capace per sviluppare rimedi omeopatici efficaci. Se consideri di avvalerti dell'omeopatia, assicurati di trovare un medico con una vasta conoscenza
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

Il Dott. LaValley pratica Medicina integrativa e complementare come medico qualificato ad Austin, Texas, e in Nuova Scozia, Canada, dal 1988.

È un membro della American Medical Association (AMA), della Texas Medical Association (TMA), della Travis County Medical Society (TCMS) ad Austin, della Canadian Medical Association (CMA), e dei Doctors Nova Scotia. È stato anche direttore della Complementary Medicine Section della sede in Nuova Scozia del CMA dal 1994, ed è stato membro del Complementary Medicine Expert Advisory Committee per del Federal Health Canada Natural Health Products Directorate dal 1997 al 2004.

Il Dott. LaValley è riuscito ad adattare e incorporare le teorie della medicina tradizionale cinese per ripristinare la salute ottimale equilibrando il chi, usando rimedi omeopatici e screening elettrodermico.

Uno dei modi in cui funziona l'omeopatia è che offre aiuto nell'equilibrare l'energia del tuo corpo, o chi, come viene chiamata nella medicina tradizionale cinese. Questa energia circola nel tuo corpo lungo meridiani specifici, e quando questa circolazione viene interrotta (puoi fare un test usando lo screening elettrodermico), può verificarsi una malattia.

Le soluzioni omeopatiche di per sé contengono minuscole dosi di piante, minerali, prodotti animali, o altri composti che causano sintomi simili a quelli che stai già provando. I rimedi sono stati diluiti diverse volte, e l'idea è che la sostanza stimolerà i poteri curativi del tuo corpo.

Nel farlo, tuttavia, il trattamento potrebbe far risvegliare alcuni sintomi.

Potresti sentirti peggio quando inizi la cura omeopatica

E questo spesso fa sì che le persone si chiedano se il trattamento stia funzionando. Secondo il Dott. LaValley, che è molto esperto nell'arte di curare con l'omeopatia, sentirsi peggio è in realtà un segno che la soluzione sta facendo il suo lavoro. È nota come "reazione curativa".

La reazione curativa si verifica perché mentre l'energia del tuo corpo si stabilizza, l'accumulo di quelli noti come prodotti di deposito (il modo usato dal tuo corpo per provare a "sigillare" all'esterno uno stato attivo di malattia per evitare che causi problemi) diventa mobile. Circolando nel tuo sistema, provocano una risposta infiammatoria che può farti stare male o può causarti dolori.

Come fare a sapere che si tratta di una reazione curativa?

Questa è la domanda che si fa la maggior parte delle persone quando scoprono della reazione curativa. Come fai a sapere che si tratta di un miglioramento, piuttosto che di un peggioramento?

Si interrompe il trattamento.

Se è una risposta curativa, ti sentirai meglio. Se è un peggioramento del tuo problema di salute, continuerai a sentirti male.

"Se si tratta di una risposta curativa", dice il Dott. LaValley, "dovresti prevedere quel peggioramento, che quell'infiammazione risolverà [con l'interruzione del trattamento]. Se effettivamente non si tratta di una risposta curativa, e il paziente ha avuto solo una brutta giornata... e se continua a sentirsi male, allora è probabile che fosse la malattia a causare i sintomi e non la risposta curativa".

Il Dott. LaValley suggerisce di iniziare ad aumentare lentamente e gradualmente la dose ogni volta che provi un rimedio omeopatico, finché i sintomi non iniziano a peggiorare. Quando succede, interrompi la cura, lascia che il corpo si ripristini, e poi inizia di nuovo con una dose che sia di un incremento inferiore rispetto a quella usata quando sono peggiorati i sintomi.

Prima o poi, il tuo sistema immunitario entrerà in quella chiamata risposta "antinfiammatoria", e questo ti aiuterà a mantenere l'omeostasi.

Cosa dice la scienza sull'omeopatia?

Numerosi studi hanno provato che l'omeopatia può effettivamente avere dei benefici. Uno studio pubblicato sul British Medical Journal, per esempio, ha scoperto che le persone con allergie che hanno ricevuto una cura omeopatica avevano un miglioramento del 28% del flusso d'aria nelle vie aeree nasali, mentre il gruppo placebo ha avuto un miglioramento solamente del 3%.

Un'ottima risorsa per chi desidera scoprire di più sull'omeopatia è Impossible Cure: The Promise of Homeopathy di Amy Lansky. Il libro presenta un resoconto approfondito su storia, filosofia e pratica dell'omeopatia, nonché decine di testimonianze sul potere dell'omeopatia nella cura di diversi problemi di salute, tra cui l'autismo di suo figlio.

Tieni a mente però che è necessario un medico ben preparato per sviluppare rimedi omeopatici efficaci. Il Dott. LaValley, che è un medico, ha impiegato decenni per arrivare dov'è oggi. Quindi se stai prendendo in considerazione l'omeopatia, assicurati di trovare un medico estremamente preparato.

Io credo fermamente nella medicina energetica e personalmente la userò sempre preferendola alle modalità convenzionali, ma ti invito a prendere coscienza del fatto che dovrebbe essere usata per supportare il tuo stile di vita sano, non come rimedio sostitutivo.