L'aspartame sta cercando di tornare sulla scena

Zucchero velenoso

La storia in breve -

  • La PepsiCo ha sostituito l'aspartame nella Pepsi light con Splenda nel 2015 nello sforzo di riconquistare i clienti dubbiosi in merito agli effetti dell'aspartame sulla salute
  • Nel primo trimestre del 2016, le vendite di Pepsi light sono scese del 10,6%
  • Per recuperare il calo delle vendite, e compiacere i clienti che a quanto pare non amavano il sapore della Pepsi light priva di aspartame, l'azienda sta reintroducendo sul mercato la Pepsi light dolcificata con aspartame
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

Le bibite light vendono sempre meno a causa della crescente impopolarità dei dolcificanti artificiali come l'aspartame e il sucralosio (Splenda). PepsiCo ha persino sostituito l'aspartame nella Pepsi light con lo Splenda nel 2015 nel tentativo di riconquistare i clienti che erano dubbiosi dell'effetto dell'aspartame sulla salute, ma è chiaro che non ha funzionato.

All'epoca, PepsiCo disse che la richiesta principale tra i suoi clienti era quella di rimuovere l'aspartame dalla Pepsi light. Il vicepresidente senior dell'unità sapori della Pepsi, Seth Kaufman, ha dichiarato che "coloro che bevono cola light negli Stati Uniti ci hanno detto di volere una Pepsi light priva di aspartame".

Tuttavia, il consumo annuo pro capite di bevande analcoliche gassate nel 2015 è stato di 650 porzioni da 236 ml, il tasso più basso dal 1985, secondo un rapporto del gruppo di monitoraggio industriale Beverage Digest.

PepsiCo ha registrato il calo più forte, una perdita di volume di vendite del 3,1%, e il loro prodotto Pepsi light è stato particolarmente colpito duramente con un calo di quasi il 6%. Nel primo trimestre del 2016, le vendite di Pepsi light sono diminuite ancora di più, del 10,6%, secondo Beverage Digest.

Per salvare le loro vendite in calo e soddisfare i clienti che apparentemente non amavano il gusto della Pepsi light senza aspartame, l'azienda ha reintrodotto sul mercato "Diet Pepsi Classic Sweetener Blend" - cioè, Pepsi light addolcita con aspartame.

2 delle 3 varietà di Pepsi light contengono aspartame

La Pepsi light classica è tornata sul mercato nel settembre 2016 con una lattina celeste chiaro. La Pepsi light normale è venduta in una lattina argentata, ed è addolcita con Splenda.

C'è anche la Pepsi MAX, che viene venduta in una lattina nera, presentata come Pepsi Zero Zuccheri. Anche questa contiene aspartame.

Purtroppo, tutta questo rietichettatura e reintroduzione manca il punto, ossia: le bibite gassate non solo sono dannose per la salute - a prescindere da sapore o colore - ma anche che le bibite light con qualsiasi nome sono probabilmente ancora peggio.

L'aspartame potrebbe portare all'intolleranza al glucosio e al diabete

Molte persone sovrappeso o obese soffrono anche di pre-diabete o diabete di tipo 2, e di conseguenza preferiscono i dolcificanti artificiali allo zucchero, credendo di fare una scelta più salutare.

Tuttavia, alcuni studi hanno scoperto che i dolcificanti artificiali, compreso l'aspartame, potrebbero portare ad un aumento di peso e all'intolleranza al glucosio alterando il microbiota intestinale.

All'insaputa di molti, è stato scoperto che l'aspartame aumenta la fame rispetto al glucosio o all'acqua ed è associato ad una maggiore motivazione a mangiare (ancor più di altri dolcificanti artificiali come la saccarina o l'acesulfame potassio).

Per una sostanza spesso utilizzata nei prodotti "dietetici", il fatto che l'aspartame può effettivamente incrementare l'aumento di peso è incredibilmente fuorviante.

Un recente studio pubblicato sulla rivista Applied Physiology, Nutrition e Metabolism ha anche scoperto che il consumo di aspartame può essere associato ad una maggiore intolleranza al glucosio, in particolare per le persone obese. Secondo lo studio:

"Questo studio fornisce la prova che il consumo di aspartame può essere associato ad un maggiore rischio di diabete in individui con una maggiore adiposità. Secondo quanto riportato, l'aspartame è associato a cambiamenti nel microbiota intestinale, che sono associati a riduzioni della resistenza all'insulina nei roditori magri e obesi.

Osserviamo che l'aspartame era correlato ad un peggioramento significativo della tolleranza al glucosio per le persone con obesità..."

Non è solo l'aspartame ad essere problematico

Questa non è la prima volta che gli edulcoranti artificiali sono stati collegati a problemi metabolici. Secondo un'altra ricerca pubblicata su PLOS ONE:

"Il consumo regolare di bevande analcoliche dolcificate artificialmente è associato a disturbi della sindrome metabolica, tra cui obesità addominale, insulino-resistenza e/o ridotta tolleranza al glucosio, dislipidemia e ipertensione.

In particolare, il consumo giornaliero di bibite (principalmente dolcificato con N-a-L-aspartyl-L-fenilalanina metil estere, aspartame...), risulta aumentare il rischio relativo di diabete di tipo 2 e la sindrome metabolica rispettivamente del 67% e del 36%".

Eppure, non è solo l'aspartame ad essere legato a problemi di salute, quindi se pensi che limitarti a bere la bibita dietetica dolcificata con Splenda della PepsiCo sia più intelligente, stai facendo un errore. Come l'aspartame, anche lo Splenda influisce sulla risposta insulinica del tuo corpo.

Quando i partecipanti allo studio hanno bevuto una bevanda dolcificata con Splenda, i loro livelli di insulina sono aumentati di circa il 20% in più rispetto a quando hanno consumato solo acqua prima di assumere un test per il glucosio.

I livelli di zucchero nel sangue erano anche a livelli più alti, "quindi i dolcificanti artificiali sono stati correlati a un aumento di insulina nel sangue e di risposta al glucosio", hanno dichiarato i ricercatori, aggiungendo:

"Anche se abbiamo scoperto che il sucralosio influisce sulla risposta del glucosio e dell'insulina all'ingestione di glucosio, non conosciamo il meccanismo responsabile. Abbiamo dimostrato che il sucralosio sta avendo un effetto.

Nelle persone obese che non soffrono di diabete, abbiamo dimostrato che il sucralosio è più di qualcosa di dolce che si mette in bocca senza altre conseguenze. Il significato di tutto ciò per gli scenari di vita quotidiana è ancora sconosciuto, ma i nostri risultati sottolineano la necessità di ulteriori studi".

Non lasciarti ingannare: le bibite light non sono una scelta salutare

PepsiCo sta cercando disperatamente di conquistare una fetta di mercato che attualmente le manca, quella dei consumatori attenti alla salute. Riformulare la loro bibita light è solo uno dei suoi piani per raggiungere l'obiettivo.

Ironia della sorte, l'azienda, che ha speso più di Monsanto per sconfiggere la legislazione che richiede l'etichettatura statale e federale obbligatoria dei prodotti contenenti ingredienti geneticamente modificati (GE), ha anche in programma di rilasciare una linea di succhi di frutta Tropicana senza OGM.

Ma non lasciarti trarre in inganno. Nel caso della Pepsi light, possono chiamarla come vogliono e metterla in lattine di qualsiasi colore possano immaginare, ma non cambierà il fatto che è tra le peggiori bevande che puoi consumare per la tua salute.

L'aspartame potrebbe causare danni cerebrali e altri problemi di salute

Il novantadue per cento degli studi finanziati in modo indipendente ha rilevato che l'aspartame può causare effetti negativi, tra cui depressione e mal di testa. Uno studio ha anche scoperto che la somministrazione di aspartame ai ratti ha portato a metanolo rilevabile anche dopo 24 ore, che potrebbe essere responsabile dell'induzione di stress ossidativo nel cervello.

L'aspartame è composto da acido aspartico e fenilalanina. Ma la fenilalanina è stata modificata sinteticamente per portare un gruppo metilico, che fornisce la maggior parte della dolcezza.

Questo legame metilico della fenilalanina, chiamato estere metilico, è molto debole, il che permette al gruppo metilico della fenilalanina di rompersi facilmente e formare metanolo.

Quando l'aspartame è in forma liquida, si scompone in alcool metilico, o metanolo, che viene poi convertito in formaldeide e rappresenta la radice del problema dell'aspartame.

In breve, sia gli animali che gli esseri umani hanno piccole strutture chiamate perossisomi in ogni cellula. Ne hai un paio di centinaia in ogni cellula del tuo corpo e sono progettati per disintossicare una varietà di sostanze chimiche.

Gli esseri umani hanno lo stesso numero di perossisomi in cellule comparabili a quelle degli animali non umani, ma i perossisomi umani non possono convertire la formaldeide tossica in acido formico innocuo. La formaldeide è una nota sostanza cancerogena che causa danni alla retina, interferisce con la replicazione del DNA e può causare difetti di nascita.

Le bibite light potrebbero portarti a mangiare più cibo spazzatura

Le bibite light sono una truffa del tipo peggiore, perché coloro che le bevono in genere credono di fare un favore al proprio corpo tagliando alcune calorie.

Ma la ricerca mostra che i bevitori di bibite light possono successivamente "compensare" le calorie che non hanno consumato con la bibita mangiando successivamente nel corso della giornata cibi ad alto contenuto di zucchero, sodio e grassi. Possono anche sentirsi indotti a mangiare più cibo spazzatura perché la bevanda dietetica non ha soddisfatto il loro desiderio di calorie.

Gli adulti obesi sono stati i più colpiti e hanno avuto il più alto incremento di apporto calorico giornaliero da cibi malsani associati a bevande dietetiche, il che dimostra ancora una volta che le persone più propense a consumare dolcificanti artificiali sono anche tra quelle più suscettibili di essere danneggiate da loro.

Sei pronto ad abbandonare l'aspartame e gli altri dolcificanti artificiali?

In primo luogo, consiglio vivamente di provare una tecnica di psicologia energetica chiamata Turbo Tapping, che ha aiutato molti "dipendenti da bibite" ad abbandonare la loro abitudine, e dovrebbe funzionare per qualsiasi tipo di astinenza (compresa quella per le bibite dietetiche). Se senti ancora la voglia di bibite dopo aver provato il Turbo Tapping, potresti avere bisogno di fare delle modifiche alla tua dieta.

La scelta migliore e più economica in fatto di bevande è l'acqua di rubinetto filtrata. Consiglio vivamente di utilizzare un sistema di filtraggio dell'acqua di alta qualità, a meno che non sia possibile verificare la purezza dell'acqua. Seltzer o acqua minerale sono un'altra opzione, soprattutto se ti manca l'effervescenza delle bibite.

Aggiungere una spremuta di limone o lime è un modo per dare un po' di sapore e varietà, e molti bevitori di bibite trovano più facile abbandonare questa abitudine quando le sostituiscono con un po' di acqua frizzante. Tè e caffè non dolcificati possono essere una scelta salutare e puoi anche aggiungere della varietà alle tue scelte in fatto di bevande senza rovinarti la salute.