Dimentica gli antibiotici, gli steroidi e le medicine, liberati della muffa affamandola

Muffa

La storia in breve -

  • Le malattie causate dall'esposizione alla muffa sono un problema crescente di cui pochi sono a conoscenza, compresi molti medici, e possono svilupparsi in serie malattie croniche e una sindrome chiamata tossicosi da muffa mista
  • La maggior parte dei medici di primo soccorso non è formata per trattare l'avvelenamento da muffa, e il loro approccio si limita alla prescrizione di steroidi e pericolose medicine antimicotiche, molte delle quali sono tossiche per il fegato. Riprendersi da una malattia causata dalla muffa richiede un approccio integrativo sotto la guida di almeno un medico con una buona esperienza nel campo
  • L'aspetto più importante del recupero dalla tossicità della muffa è quello di affamare i funghi per farli uscire dal corpo con una dieta antimicotica, ed evitare cibi che potrebbero avere muffa o essere contaminati
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

Le malattie causate dall'esposizione alla muffa sono un problema crescente di cui pochi sono a conoscenza, compresi molti medici di primo soccorso.

Gli esperti di salute ambientale vedono numeri crescenti di individui con una complessa convergenza di sintomi che sono direttamente correlati all'esposizione alle muffe.

Questo è risultato nella proposta di un nuovo termine per descrivere questa sindrome multisfaccettata: Tossicosi da muffa mista.

Le informazioni corrette possono accorciare la strada della guarigione

Purtroppo, non esiste una formula precisa per ricostruire una salute perfetta se sei stato danneggiato dalla muffa o dalle sue tossine. Non esiste un pacchetto di interventi che possa funzionare per tutti. Il trattamento dipende da molti fattori, dal tipo di muffa a cui sei stato esposto, dalla durata dell'esposizione, dalla tua salute generale, le medicine, allergie, fattori genetici e molti altri fattori.

Il tuo migliore approccio è di trovare un medico ben informato che sia esperto in medicina ambientale. Insieme potete pensare ad un trattamento adeguato e personalizzato, basato sulla tua fisiologia e sulla tua situazione.

Detto questo, c'è molto da imparare da coloro che sono al lato opposto rispetto a ciò che stai vivendo. Trovando delle buone risorse e armandoti delle migliori informazioni, diminuirai la quantità di tempo speso a provare soluzioni sulla tua strada per la guarigione.

Inalatori nasali a base di steroidi e cortisone

Gli inalatori nasali a base di steroidi vengono prescritti molto comunemente per le sinusiti croniche. Dato che le persone ricevono un sollievo breve dai sintomi, a volte credono che il trattamento stia funzionando, almeno all'inizio.

Gli steroidi possono temporaneamente diminuire l'infiammazione, e ciò può farti sentire un po' meglio per un breve periodo di tempo. Tuttavia, sopprimono la risposta immunitaria. Se la tua risposta immunitaria è compromessa, allora l'infezione è incoraggiata, e questo fa sì che il problema sottostante si protragga.

Il fatto che gli steroidi sopprimano il tuo sistema immunitario non è un segreto. Basta leggere il foglietto illustrativo o il bugiardino per qualsiasi farmaco steroideo: avvisa che l'esposizione ad agenti patogeni come varicella o morbillo durante l'uso del farmaco potrebbe causare gravi complicazioni, anche la morte, a causa dell'immunosoppressione.

Doris Rapp, medico specialista ambientale e allergologo pediatrico, afferma che il cortisone (un farmaco steroideo) tende a permettere che le infezioni, che normalmente sarebbero confinate in una certa area del corpo, si diffondano in altre parti del corpo. Il dottor Rapp è preoccupato che ciò potrebbe avere implicazioni per i bambini che soffrono di asma.

L'asma, come la sinusite, ha spesso un'origine micotica che spesso non viene rilevata nei bambini e negli adulti, per cui spesso viene trattato in modo inappropriato dai medici. I medici in genere prescrivono inalatori a base di steroidi e cortisone se tu o il tuo bambino soffrite di asma. In effetti, negli Stati Uniti il cortisone è stato uno dei metodi "preferiti" per trattare l'asma fin dal 1976. E da allora, la mortalità dovuta all'asma è TRIPLICATA negli Stati Uniti.

L'ultima cosa che desideri se hai un'infezione micotica è reprimere l'abilità del corpo a combatterla! Tuttavia, è proprio quello che fanno queste medicine a base di steroidi.

Uso sconsiderato degli antibiotici

Gli antibiotici creano un ambiente intestinale adatto ai funghi. Oltre a uccidere i batteri cattivi, uccidono anche i batteri buoni e i lieviti che manterrebbero a bada le patologie micotiche. Senza questi batteri buoni, i funghi come le muffe riescono a diffondersi indisturbati.

Gli antibiotici (quelli che colpiscono i batteri) non uccideranno le muffe nelle cavità dei seni nasali. Quindi, se più del 90% delle infezioni al tratto respiratorio superiore è di origine micotica, e i medici le curano con antibiotici, ciò fa notare un enorme numero di infezioni che vengono curate in modo sbagliato.

Aggiungici un inalatore nasale a base di steroidi che sopprime la risposta immunitaria, e avrai la ricetta per un'infezione micotica che si può diffondere rapidamente nel corpo e che potrebbe diventare una tossicosi da muffe miste, che ti farà stare MOLTO male.

Antidepressivi: 'È tutto nella tua testa'

Le tossine micotiche possono influire sul cervello, e se succede, alterare il tuo stato emotivo. I sintomi neurologici sono comuni con la tossicità dovuta alle muffe.

Questo fenomeno, unito al fatto che l'esposizione alla muffa è spesso associata a disastri ambientali psicologicamente traumatici, come uragani e inondazioni, crea un quadro clinico complesso che a un medico poco pratico potrebbe apparire come sintomi di depressione, ansia o Disturbo Post Traumatico da Stress (PTSD).

Quindi, non è raro che le persone che soffrono di problemi di salute cronici relativi alle muffe ricevano una prescrizione di antidepressivi, come a dire che il problema 'è nella loro testa' e non ha una causa fisiologica.

Se i tuoi sintomi psicologici sono causati da esposizione micotica o chimica, un antidepressivo NON FARÀ NULLA per neutralizzare le tossine che causano i tuoi sintomi psicologici, tanto meno quelli fisici!

Gli antidepressivi possono fare più male che bene e possono avere seri effetti collaterali, per non parlare del fatto che non curano la causa scatenante.

Farmaci antimicotici... Addio fegato

Nel loro insieme, i farmaci antimicotici sono piuttosto tossici, soprattutto per il fegato. Per esempio, il farmaco Lamisil (terbinafina), usato per trattare i funghi delle unghie dei piedi, è così tossico che il produttore Navartis segnala sul bugiardino che il Lamisil ha portato a insufficienza epatica, necessità di trapianto e morte.

Il Lamisil può anche causare la perdita di gusto e olfatto, depressione, abbassamento dei globuli rossi, reazioni cutanee e lupus eritematoso (una malattia autoimmune). Tuttavia, è comunemente prescritto per i funghi alle dita dei piedi perché si concentra sul tessuto ungueale.

La nistatina è un altro antimicotico che viene usato sia oralmente che topicamente per la Candida incontrollata. Tuttavia, la nistatina viene mal assorbito dal tuo tratto gastrointestinale e non cura le infezioni da muffe o le malattie micotiche sistemiche.

Esistono molti altri antimicotici orali, oltre a un numero di antimicotici intravenosi che effetti collaterali ancora più spaventosi.

Il motivo per cui la maggior parte dei farmaci antimicotici sono così tossici ha a che vedere con la somiglianza tra le membrane cellulari del tuo corpo e le membrane cellulari dei funghi.

Gli antibiotici per i funghi attaccano le membrane cellulari dei funghi, e quando lo fanno, danneggiano anche le membrane cellulari umane. Sono tra i farmaci più pericolosi sul mercato ed è meglio evitarli. Chiaramente, i farmaci non sono una risposta se hai subito un avvelenamento da muffa.

Elimina i cibi che alimentano i funghi

Non mi sorprende che Kurt e Lee Ann Billings abbiano scoperto che l'intervento più benefico nel loro recupero è stato un cambiamento radicale nella dieta.

Ciò che hanno fatto è stato eliminare ogni cibo che alimenta la crescita fungina, ossia: zucchero e cibi a base di grano, e i carboidrati semplici. Eliminando latte, pane, cracker, pasta, cereali e quasi tutta la frutta, ma anche tutto ciò che viene prodotto con farina bianca, hanno letteralmente AFFAMATO le muffe eliminandole dal corpo.

I funghi, compresi i lieviti e le muffe, hanno bisogno di zucchero per crescere. Quindi ciò che mangi è davvero importante, dato che qualsiasi organismo che vive nel tuo corpo dipende dalla tua dieta per sostenersi. I funghi prolifereranno con una dieta ad alto contenuto di fruttosio, sucralosio (zucchero da tavola), lattosio (zucchero del latte) e altri zuccheri.

Non sono informazioni nuove. Le diete a basso contenuto di zucchero sono diffuse per la battaglia contro la Candida (dieta anti candida, o dieta della candida, ecc.), e le muffe proliferano in condizioni simili ai lieviti. Ha perfettamente senso che le persone con infezioni fungine inizino a riacquistare la salute quando iniziano ad eliminare il cibo che alimenta i funghi.

Lo zucchero reprime anche il sistema immunitario e contiene di per sé contaminazione da muffa, dunque queste sono due buone ragioni per evitarlo. Ma eliminare zucchero e cereali potrebbe non essere abbastanza.

10 cibi da evitare se sei sensibile alla muffa

Le persone che sono state esposte alle muffe tossiche possono diventare "sensibilizzate" in modo tale da reagire a una vasta gamma di agenti diversi presenti nel cibo e nell'ambiente, come se fossero allergici. Potrebbe volerci anche solo un minuto di esposizione per attivare l'insorgere dei sintomi. Quindi devi agire per eliminare il più possibile la muffa dal tuo ambiente, in modo da non respirare o mangiare funghi.

Ci sono diversi tipi di cibi che si dovrebbero evitare se sei sensibile alla muffa poiché sono soggetti a contaminazione. Come puoi vedere, molti di questi cibi nella top 10 sono cereali.

1. Bevande alcoliche — l'alcol è una micotossina di lieviti saccaromiceti e spesso contengono altre micotossine di frutta e cereali contenenti muffa

2. Grano e tutti i prodotti derivati

3. Segale

4. Noccioline — spesso contaminate con grande varietà di muffe, una di queste è l'aflatossina cancerogena

5. Semi di cotone e olio di semi di cotone

6. Mais — universalmente contaminato con diverse tossine micotiche

7. Orzo

8. Sorgo — usato in diversi prodotti a base di cereali e bevande alcoliche

9. Zucchero di canna e di barbabietola

10. Formaggio stagionato

Spesso nella produzione alimentare vengono utilizzati componenti fungini che non sono necessariamente elencati sull'etichetta. Per esempio, nella salsa di soia. La salsa di soia autentica è fermentata da un fungo, che è ciò che le conferisce il suo sapore caratteristico.

Se tuo il sistema immunitario è eccessivamente reattivo e sensibilizzato, qualcosa di simile può innescare una ricorrenza di malattia, poiché il corpo lo interpreta come un invasore esterno, e si torna al ciclo antigene-anticorpo che produce i sintomi.

In pratica, più rispetterai una dieta semplice a base di verdure biologiche fresche, carni biologiche magre e acqua fresca e pura mentre sei in via di recupero, e meno saranno i rischi di avere ulteriori reazioni per l'esposizione alle muffe. È saggio evitare di mangiare fuori dato che non puoi controllare ciò che viene messo nel tuo cibo a meno che non sia tu a prepararlo. Non puoi limitarti a saper leggere bene le etichette, devi diventare un "investigatore del cibo".

Per accelerare la guarigione potresti anche iniziare a bere centrifugati di verdure. I centrifugati o succhi aiutano ad alcalinizzare il corpo, e per la maggior parte, i funghi non crescono in ambiente alcalino. I succhi vengono assimilati molto velocemente dal sistema con poco impegno o energia da parte del tuo tratto digestivo, come un'infusione endovenosa di nutrienti genuini! I succhi dovrebbero essere consumati subito dopo la preparazione (entro 15 minuti, preferibilmente) poiché gli enzimi si degradano rapidamente.

Probiotici: il peggiore incubo delle muffe

Probabilmente l'integratore più importante per riprendersi da una malattia causata da muffe è un buon probiotico.

Il tuo tratto gastrointestinale è la prima linea di difesa contro la muffa e le sue tossine, e avere un tratto gastrointestinale popolato da flora benefica è cruciale per una funzione immunitaria ottimale. I probiotici aiutano a ripopolare il tuo tratto gastrointestinale con questi batteri benefici.

I batteri "buoni" ti aiutano a tenere a bada i batteri "cattivi" (e altri organismi come la muffa e i lieviti).

Senza una microflora adeguata, i funghi e altre tossine possono oltrepassare le pareti del tuo tratto intestinale ed entrare nel flusso sanguigno. Quando il tuo intestino è tossico, il resto del corpo lo segue poco dopo.

Percependo questa tossicità, il sistema immunitario reagisce aspramente, cercando disperatamente di superare questo assalto percepito, che si traduce in un'infiammazione sistemica.

E quando il tuo sangue è ricco di tossine, gli organi responsabili della sua pulizia (fegato, reni, pelle, linfonodi) si sovraccaricano e si possono verificare diversi problemi di salute, ed è ciò che vivono molte persone dopo un'intossicazione da muffa.

Il tuo sistema immunitario produce anticorpi per la muffa (l'antigeno). Se il sovraccarico è piuttosto grave, può verificarsi una "malattia sierica" che si presenta come una sindrome grave simile a un'influenza.

È importante ricordare che la catalisi della malattia è la flora batterica intestinale compromessa. È per questo che devi fare molta attenzione alla salute del tuo intestino e i probiotici di buona qualità sono un aiuto incredibile. Non mi stanco mai di ripeterlo.

Consigli finali

Ci sono senza dubbio molti altri agenti naturali utili e dovrai affidarti all'esperienza dei tuoi medici per trovare quelli adatti a te. Sarà necessario agire per tentativi. Il punto è che ESISTONO soluzioni se sospetti di essere stato intossicato dalle muffe. E come al solito, gli approcci naturali sono molto più sicuri e più efficaci nel ripristinare la salute che i farmaci antimicotici, antibiotici o steroidi, i quali rappresentano le scelte peggiori.

Ecco alcune strategie che consiglio caldamente di implementare nel tuo piano di recupero:

  • Kurt e Lee Ann Billings sostengono l'utilità del glutatione. Il glutatione è l'antiossidante più potente del tuo corpo ed è stato addirittura definito "maestro degli antiossidanti" perché massimizza l'attività di tutti gli altri antiossidanti. Il modo migliore per aumentare il livello di glutatione è consumare proteine del siero di latte di alta qualità. Dovrebbe essere pressato a freddo, non denaturato, derivato da vacche nutrite con erba, e privo di ormoni, prodotti chimici e zuccheri.
  • Anche i grassi Omega-3 sono molto importanti, provenienti da una miscela di fonti vegetali e animali. La migliore fonte di omega-3 a base animale proviene dall'olio di krill.
  • Estratto di foglie di carciofo — uno studio pubblicato sul Journal of Agricultural Food Chemistry nel 2004 ha scoperto che l'estratto di foglie di carciofo è tossico per molti tipi di funghi, comprese le muffe e i lieviti.
  • Vitamina D — la ricerca suggerisce che la vitamina D può prevenire le allergie alle muffe, quindi assicurati di avere livelli ottimali di vitamina D.
  • Purificazione dell'aria — per assicurarti di respirare l'aria più pulita possibile, ti consiglio di avvalerti di un sistema di purificazione dell'aria. L'aria può contenere muffa e spore di muffa, oltre ad altre particelle tossiche. I miei preferiti sono i sistemi di purificazione attiva che utilizzano bassi livelli di ozono.