In che modo gli OGM e il glifosato influiscono sulla biologia del suolo

suolo ogm

La storia in breve -

  • Il glifosato interrompe la sintesi degli aminoacidi e a ciò fa seguito l'inibizione della sintesi proteica necessaria per la crescita delle piante. Quando questo accade, la pianta diventa più suscettibile agli agenti patogeni nel terreno
  • Il glifosato funge anche da chelante minerale e minerali come zinco, rame e manganese fungono da cofattori in molti enzimi. Questa soppressione minerale predispone la pianta a malattie
  • Quando i minerali si legano al glifosato nella pianta, non saranno disponibili per il tuo corpo quando mangerai l'alimento. Invece, quei minerali saranno escreti o immagazzinati nel tuo corpo insieme al glifosato
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

Robert Kremer, Phd., coautore del libro Principles in Weed Management, è uno scienziato del suolo e professore di microbiologia del suolo presso l'Università del Missouri. Recentemente ha lasciato per pensionamento il suo posto presso il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA), dove ha lavorato come microbiologo per 32 anni.

Ha condotto ricerche dal 1997 sulle colture geneticamente modificate (OGM) e in questa intervista rivela come le colture OGM e il glifosato hanno un impatto sull'ecologia e la biologia del suolo.

Il Roundup causa l'accumulo di agenti patogeni su sistemi delle radici

Prima dell'avvento delle colture geneticamente modificate (OGM), i suoi progetti di ricerca erano incentrati sulle interazioni di piante e microrganismi nel suolo.

Era noto che uno dei meccanismi secondari di azione del glifosato era che tendeva a infettare la pianta con agenti patogeni opportunistici del suolo.

Quando nel 1996 uscirono le prime piante transgeniche, il team di Kremer decise di indagare se l'uso del glifosato su semi di soia geneticamente modificati (OGM) potesse attirare alcuni patogeni del suolo come Fusarium.

Spesso sono considerate un patogeno, ma diverse specie del genere Fusarium possono essere utili nell'ambiente, poiché mediano la decomposizione delle sostanze organiche nel suolo.

Altre specie sono opportunistiche e, nelle giuste condizioni, attaccheranno la pianta e diventeranno patogeni (infettivi) in quelle circostanze.

Ciò che hanno scoperto è che dopo l'applicazione del Roundup (il cui principio attivo è il glifosato), durante la stagione si è sempre verificato un accumulo di Fusarium nel terreno sui sistemi di radici di soia e mais.

"Quando vedi quella quantità di Fusarium che si accumula su un apparato di radici, bisogna sospettare che ci sia un potenziale di sviluppo di malattie in condizioni ideali", dice Kremer.

"Per quanto riguarda soia e mais, abbiamo identificato quattro o cinque specie principali. Abbiamo trovato specie patogene che causano malattie in solo il 10-20 percento dei campioni di radice analizzati.

Uno è l'agente causale della sindrome della morte improvvisa nella soia, che provoca un appassimento e un marciume radicale, principalmente in condizioni di terreno umido.

Da tale fatto, la nostra principale conclusione è stata che queste varietà di soia, a causa della loro modificazione genetica e del trattamento con glifosato, hanno creato un ambiente del suolo molto favorevole alla proliferazione di Fusarium, contribuendo così a che la malattia si potesse sviluppare rapidamente in condizioni ottimali a tal fine.

Questo perché gli inoculi necessari per la progressione della malattia si creano già sulle radici e sono pronti a infettare quando le condizioni lo consentono, mentre la soia non transgenica non ha mostrato quel potenziale di malattia".

Come il glifosato interrompe la crescita delle piante

Come descritto da Kremer, il principale modo di agire del glifosato è quello di interrompere la sintesi degli aminoacidi e a ciò fa seguito l'inibizione della sintesi proteica necessaria per la crescita delle piante.

Una modalità di azione complementare è che quando ciò accade, fa sì che la pianta sia più sensibile ai microbi (e agli eventuali agenti patogeni) nel terreno.

La ragione di ciò è perché gli aminoacidi sono anche elementi costitutivi di altri composti che hanno funzioni difensive contro i patogeni del suolo, come il Fusarium. Di conseguenza, la pianta diventa più suscettibile agli attacchi e alle infezioni da molti microrganismi nel terreno.

Il glifosato funge anche da chelante minerale e minerali come zinco, rame e manganese che sono cofattori essenziali in molti enzimi vegetali e umani.

La chelazione o la rimozione di questi minerali dalle piante è in gran parte responsabile della compromissione della loro sintesi proteica, perché gli enzimi coinvolti nelle sintesi richiedono che i minerali funzionino. Questo quindi predispone la pianta all'attacco.

Il glifosato è sistemico ed è parte del problema

Spesso pensiamo al glifosato semplicemente come un erbicida applicato localmente, ma è importante rendersi conto che una delle proprietà del glifosato è che quando entra in una pianta, diventa sistemico, e non può essere lavato via come molti altri erbicidi.

Si integra in ogni cellula della pianta, in particolare nelle cellule a crescita più rapida. Come spiegato da Kremer:

"Si diffonde in tutta la pianta, principalmente verso i punti di crescita della pianta, il tessuto meristematico, e uno dei punti di crescita più attivi nella pianta sono le giovani punte delle radici.

Molto del glifosato applicato alla pianta passa attraverso la pianta. Si dirige ai meristemi e ai semi in via di sviluppo. Ma molto viene trasportato alle radici, e gran parte di ciò passa attraverso la radice e penetra nel suolo...

Quando il glifosato viene rilasciato lì... contatterà i nutrienti presenti nella soluzione del suolo e li chelerà o li immobilizzerà, legandoli e rendendoli non disponibili per la pianta.

I nutrienti diventano anche non disponibili per i microrganismi benefici che si trovano nella rizosfera. Non sono in grado di acquisire quei micronutrienti. Si ha un duplice effetto qui.

Vi è un effetto sulla pianta in cui non è possibile assumere questi nutrienti essenziali per mediare le reazioni degli enzimi, dove sono necessari quei micronutrienti.

Inoltre, neanche i microrganismi che hanno enzimi a quelli delle piante non riescono a raggiungere il loro metabolismo".

Una volta legati dal glifosato, anche i micronutrienti sono resi non disponibili per il tuo corpo

È interessante notare che, se si esegue un'analisi dei tessuti di una pianta OGM alla ricerca di micronutrienti, il test potrebbe rivelare che sono presenti quantità sufficienti di manganese e altri minerali. Tuttavia, l'analisi dei tessuti non potrà dirti quanto di questo manganese è legato e quindi reso non disponibile dal glifosato nella pianta...

Inoltre, se i minerali sono legati al glifosato nella pianta, non c'è modo per il tuo corpo di dissociare quel legame per rendere disponibili i nutrienti quando mangi l'alimento. Invece, quei minerali saranno semplicemente escreti, o peggio, immagazzinati nel tuo corpo insieme al glifosato.

A peggiorare le cose, formulazioni di glifosato come il Roundup sono sinergicamente ancora più tossicche del glifosato stesso. Ad esempio, i prodotti chimici per tensioattivi interrompono le membrane cellulari nella pianta, rendendo molto più semplice l'assorbimento di altri prodotti chimici come il glifosato, e quindi più rischioso.

Gli svantaggi del "disseccamento" del glifosato nell'agricoltura conservativa

Alcuni agricoltori per l'agricoltura sostenibile usano il Roundup in quella che viene chiamata una "operazione di disseccamento" in primavera per eliminare eventuali erbacce e vegetazione nel campo prima della semina. L'agricoltura conservativa presenta molti vantaggi, poiché la lavorazione del terreno decima molti microbi benefici del suolo, in particolare il fungo micorrizico e contribuisce alla massiccia perdita di terriccio. Tuttavia, la sterilizzazione del suolo in questo modo presenta notevoli inconvenienti a lungo termine e, se un agricoltore non è attento, può anche perdere il raccolto.

Come spiegato da Kremer:

"Il disseccamento è spesso usato come pre-trattamento nell'agricoltura conservativa. Quando ciò accade, qualsiasi vegetazione avrà una scarica di attività microbica nella zona della radice. Questo è il motivo per cui si raccomanda agli agricoltori di attendere almeno una settimana o 10 giorni affinché il flusso di potenziali microbi patogeni nel terreno raggiunga il picco e muoia.

Allora potrai piantare il tuo raccolto senza il rischio che questa comunità microbica sbilanciata attacchi la piantina del tuo nuovo raccolto. Questo è un vero problema. Ho conosciuto personalmente alcuni agricoltori che non riuscivano ad attendere. Piantano subito dopo il disseccamento e lo pagano in seguito con l'aspetto del proprio raccolto, perché influisce sulla loro crescita precoce".

Puoi pensarlo in modo simile all'applicazione clinica di un antibiotico per una malattia grave. In questo caso, il glifosato non viene applicato per trattare una malattia; è solo un processo agricolo. Tuttavia, sta uccidendo il microbioma del suolo proprio come un antibiotico uccide il microbioma nell'intestino e ha effetti collaterali quasi identici. Riduce la capacità del suolo di nutrire le piante e resistere ai parassiti.

L'attività residua, in entrambi i casi, può durare per un po', non solo per alcuni giorni. Certo, l'equilibrio batterico inizierà a migliorare, ma lascia comunque una comunità microbica sbilanciata in futuro. E ci sono molti componenti della comunità microbica che prosperano effettivamente con il glifosato. Il Fusarium è uno di questi, e molti di loro non sono benefici.

Gli OGM hanno portato ad un aumento degli erbicidi e di altri prodotti chimici agricoli

Una giustificazione che l'industria della tecnologia chimica ha usato per promuovere e supportare l'uso delle colture OGM è che diminuirebbero la necessità di pesticidi. In realtà, la resistenza delle erbacce alla sostanza chimica ha portato a un costante aumento di utilizzo. Si stima che circa 60 milioni di acri di terreni agricoli siano ora invasi da erbe infestanti resistenti al glifosato.

Anche se gli agricoltori applicano la rotazione delle colture tra mais e soia, la maggior parte coltiva versioni con Roundup di entrambe le specie. In altre parole, queste colture tollerano le applicazioni di Roundup per il controllo delle infestanti. Quindi, anche se il raccolto cambia, hai un'applicazione continua di Roundup anno dopo anno. Spesso, il Roundup viene utilizzato in un trattamento di disseccamento, e poi si ha l'applicazione di Roundup durante la stagione, probabilmente più di una volta.

"Invece di scegliere colture diverse che non sono disposte al Roundup, il pensiero era: "Bene, progettiamo il raccolto per resistere ad altri erbicidi che possono uccidere le erbacce resistenti al Roundup". Sì, avremo colture resistenti ad almeno due o tre diversi erbicidi, incluso il glifosato. Gli altri erbicidi possono essere acido 2,4-diclorofenossiacetico (2,4-D) e dicamba. Questi servono ad eliminare le erbacce resistenti al glifosato.

Ma sappiamo già che con il 2,4-D e il dicamba, ci sono erbe infestanti che si sono dimostrate resistenti anche a quella classe di composti. È solo una questione di tempo prima che quelle erbacce siano resistenti a forse tre diversi erbicidi. Sappiamo che ci sono alcune erbacce resistenti a cinque diversi erbicidi. È già previsto che ciò è destinato ad accadere", dice Kremer.

Sempre più sostanze chimiche vengono utilizzate per controllare le malattie associate alla soia e al mais. Quando uscirono i primi semi di soia transgenici, il seme non fu mai trattato con insetticidi o fungicidi. Ora non puoi acquistare semi Roundup Ready senza averli trattati con almeno un insetticida e un fungicida per controllare i parassiti previsti. Quindi gli agricoltori non possono più acquistare semi "puliti"; certamente non dalla Monsanto. E questo cocktail di sostanze chimiche viene infine trasferito nella pianta e consumato da bestiame e esseri umani.

Per rigenerare il suolo, abbiamo bisogno di un nuovo sistema agricolo

Secondo Kremer, dopo anni di coltivazione di mais e soia OGM, molti agricoltori stanno notando un calo della produttività, che è di nuovo l'esatto contrario delle promesse della Monsanto. E la ragione di questo declino è direttamente collegata al declino della salute del suolo. Come notato da Kremer:

"Quello che è successo, principalmente con l'agricoltura industriale, è che utilizzando il glifosato e le varietà transgeniche [di piante] e tutti i fertilizzanti chimici che stiamo producendo, abbiamo ridotto la materia organica del suolo, che è la chiave per la salute del suolo, perché influenza tutte le proprietà del suolo".

Come prevedibile, anche molti nutrienti, in particolare i livelli di micronutrienti, sono diminuiti nel nostro cibo. Come risultato di queste conseguenze negative, un numero crescente di agricoltori è pronto per il cambiamento e molti ora vogliono tornare alle colture non OGM. Questa è certamente parte della risposta, ma non è la soluzione totale. Il suolo deve essere attivamente rigenerato con processi adeguati. Non è sufficiente passare a semi non OGM.

L'utilizzo di colture di copertura è una parte importante della soluzione, poiché aiuta a costruire la materia organica nel suolo e a scomporre le compattazioni e consente una migliore infiltrazione di acqua e aria sotto la superficie del suolo, favorendo la prosperità dei microrganismi benefici. L'incorporazione di una gestione olistica del bestiame è un altro componente chiave.

"Penso che ci siano molte opportunità di adottare questa soluzione", dice il dottor Kremer. "Conosco alcuni agricoltori che lo stanno già facendo. E se potessimo avere gli animali da pascolo che elaborano sul terreno quel materiale vegetativo e depositano la materia organica in giro, si contribuirebbe molto a ravvivare e a riparare questi terreni. Il problema più grande è che abbiamo questa separazione tra i vari tipi di agricoltura.

La maggior parte delle operazioni di alimentazione di animali confinati (CAFO) si trovano ad ovest e spediamo tutto il nostro grano in quei territori. Stiamo portando via i nutrienti da qui e nell'ovest ci sono enormi pile di letame [che dovrebbero trovarsi sul terreno]... Penso che la domanda di carne che non sia alimentata con le colture OGM stia crescendo, e credo che vedremo più produttori locali e forse operazioni di allevamento locali dove abbiamo bestiame e maiali nutriti con erba.

Potremmo vedere una svolta in tal senso, poiché la maggior parte di quelle grandi operazioni di alimentazione utilizzano ovviamente il mais e la soia delle materie prime, che sono Roundup Ready. Penso che ci sarà un punto in cui vedremo arrivare questo cambiamento. Avremo un sistema completo e sostenibile con bestiame e cereali in crescita nello stesso paesaggio".