L'astaxantina aiuta ad alleviare la tempesta di citochine

Trattamento anti-tempesta di citochine

La storia in breve -

  • Parte di ciò che rende il COVID-19 una malattia così pericolosa nei casi più gravi è perché può innescare una reazione di tempesta di citochine che porta a sepsi, insufficienza di organi e morte
  • L'astaxantina, un potente integratore antiossidante derivato dalle microalghe, ha molti effetti sulla salute che la rendono un candidato ideale come terapia aggiuntiva contro il COVID-19
  • L'astaxantina è un potente antiossidante, potenziatore immunitario, antinfiammatorio, neuroprotettore e immunomodulatore con effetti antibatterici e anti-apoptotici
  • L'astaxantina blocca il danno ossidativo al DNA, riduce la proteina C reattiva e altri biomarcatori dell'infiammazione, inibisce la morte cellulare nelle cellule epiteliali alveolari, modula la risposta immunitaria e molto altro
  • Gli studi hanno dimostrato che allevia le tempeste di citochine, il danno polmonare acuto, la sindrome respiratoria acuta e la sepsi, tutti comuni in caso di infezione da COVID-19 grave
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

Parte di ciò che rende il COVID-19 una malattia così pericolosa nei casi più gravi è perché può innescare una reazione di tempesta di citochine che porta a sepsi, insufficienza degli organi e morte.

Ho scritto una serie di articoli che parlano di una varietà di integratori naturali noti per inattivare virus, calmare l'infiammazione e regolare il processo infiammatorio. Tra gli esempi vi sono vitamina C, melatonina e radice di liquirizia.

Il blocco della tempesta di citochine è cruciale

Più di recente, l'articolo "COVID-19: Potential of Microalgae Derived Natural Astaxanthin as Adjunctive Supplement in Alleviating Cytokine Storm", pubblicato il 21 aprile 2020, sul sito web della biblioteca di ricerca SSRN, affronta l'uso dell'astaxantina, un potente integratore antiossidante derivato da microalghe. Secondo gli autori:

"Esistono prove logiche e pre-cliniche di efficacia ed evidenze di sicurezza dall'uso a lungo termine di altre indicazioni per giustificare la possibile inclusione di astaxantina naturale come coadiuvante in combinazione con la terapia con farmaci antivirali primari gioverà enormemente ai pazienti COVID-19 migliorando la loro salute e riducendo i tempi di recupero...

Clinicamente, l'astaxantina naturale ha mostrato diversi benefici con un'eccellente sicurezza e ha riferito di bloccare il danno ossidativo al DNA, la proteina C-reattiva ridotta (CRP) e altri biomarcatori dell'infiammazione. Precedenti studi hanno riferito che l'astaxantina naturale esercita effetti positivi nell'alleviare la tempesta di citochine, lesioni polmonari acute, sindrome respiratoria acuta, ecc...

Le attuali conoscenze basate su evidenze accumulate suggeriscono che la SARS-CoV-2 induce una potenziale risposta infiammatoria amplificata a conseguenze sequenziali di ALI [danno polmonare acuto], ARDS [sindrome da distress respiratorio acuto], fino a una terribile conseguenza pericolosa per la vita di potenziale shock settico con elevata espressione di geni infiammatori correlati con inevitabili infezioni secondarie, piuttosto che aumento della carica virale...

L'attenuazione della tempesta di citochine, con indirizzamento dei passaggi chiave del processo, può fornire risultati migliori... Shi et al. hanno suggerito un approccio in due fasi per i potenziali trattamenti dei pazienti con COVID-19: la prima fase protettiva basata sulla difesa immunitaria per i casi di COVID-19 non gravi e la seconda fase dannosa guidata dall'infiammazione per i pazienti con COVID-19 gravi.

Zhang et al. hanno presentato una revisione critica... affermando che il blocco della tempesta di citochine al momento giusto seguito dall'avvio della terapia anti-infiammatoria è molto critico per ridurre il tasso di decessi... Una gamma di antiossidanti come integratori offrirà una finestra di rapido recupero dei pazienti riducendo gli effetti collaterali post trattamento".

Razionale per l'utilizzo di astaxantina

L'articolo sull'astaxantina cita la ricerca che mostra che l'astaxantina "può svolgere un ruolo importante nella regolazione dell'immunità e dell'eziologia della malattia" grazie alla sua attività poliedrica. Non solo è un potente antiossidante, ma è anche un potenziatore immunitario, antinfiammatorio, neuroprotettore, immunomodulatore, antibatterico e anti-apoptotico. In termini di potere antiossidante, è ritenuto il più potente a dispozione. Come notato nell'articolo sull'astaxantina:

"È stato riferito che l'attività antiossidante dell'astaxantina supera di gran lunga gli antiossidanti esistenti con una capacità di lavaggio dei ROS di 6000 volte quella della vitamina C, 800 volte quella del coenzima Q10, 550 volte quella della vitamina E, 200 volte quella dei polifenoli, 150 volte quella di antociani e 75 volte quello dell'acido α-lipoico".

È importante sottolineare che, come spiegato in questo documento, l'astaxantina ha una struttura molecolare davvero unica che gli permette di penetrare nella membrana a doppio strato delle cellule. La capacità di estinguere le specie reattive dell'ossigeno (ROS) e i radicali liberi negli strati interno ed esterno della membrana cellulare consente di fornire una protezione superiore contro lo stress ossidativo, rispetto ad altri antiossidanti.

La vitamina E e il beta carotene, ad esempio, funzionano solo nella parte interna della membrana e la vitamina C funziona solo nella parte esterna. Inoltre:

"L'effetto antiossidativo dell'astaxantina coopera con le sue azioni antinfiammatorie mediante la regolazione degli enzimi antiossidanti (ad esempio superossido dismutasi) e gli enzimi pro-ossidativi di down-regolazione (ad esempio ossido nitrico sintetasi).

L'astaxantina è anche nota per proteggere le cellule beta del pancreas riducendo lo stress ossidativo e la tossicità dello zucchero, migliora i livelli di adiponectina e HDL e migliora il flusso sanguigno e la circolazione", affermano gli autori, aggiungendo:

"Prove crescenti indicano che la disregolazione delle citochine nell'infiammazione acuta è il passo più importante nel mediare, amplificare e perpetuare il processo di sepsi o ALI...

L'eccessivo rilascio di varie citochine pro-infiammatorie, tra cui principalmente TNF-α, IL-6, IL-1β, IL-12 e IL-8, avvia rapidamente una risposta infiammatoria sistemica che porta alla simulazione della risposta immunitaria adattiva e alla tempesta di citochine risultante in una lesione cellulare acuta che genera sepsi o ALI.

Queste osservazioni, insieme alle sempre crescenti osservazioni relative al COVID-19, suggeriscono fortemente che il processo infiammatorio coinvolge in associazione all'ARDS anche ALI e sepsi correlate.

Ciò garantisce che i trattamenti antiossidanti e antinfiammatori efficaci debbano essere strategicamente somministrati per il trattamento di pazienti COVID-19...

I candidati antinfiammatori/antiossidanti per intervenire sull'eccessiva produzione di citochine, tra cui IL6 e TNF-α, possono essere una strategia promettente per la prevenzione e il trattamento dell'ALI e della sepsi correlati all'ARDS indotta da COVID-19”.

Secondo gli autori, l'astaxantina può essere adatta in modo univoco a questo compito. L'astaxantina, "con la sua comprovata attività anti-infiammatoria e anti-ossidante sostenuta da molteplici studi preclinici e umani e con il suo straordinario profilo di sicurezza può essere uno dei candidati più promettenti da provare contro il COVID-19", affermano.

Come l'astaxantina può inibire il danno da SARS-CoV-2

Gli autori ritengono che l'astaxantina possa aiutare a ridurre al minimo l'impatto dell'infezione da SARS-CoV-2:

Inibendo il fattore nucleare kappa-B (NF-kB), una via di segnalazione della trascrizione coinvolta nella risposta immunitaria innata. Ciò riduce il rapporto fenotipo dei macrofagi M1/M2, che è una parte importante della riduzione dei livelli di citochine infiammatorie.

NF-kB è anche un mediatore dell'infiammazione nella lesione polmonare acuta e, secondo gli autori, "precedenti studi hanno riferito che l'effetto antinfiammatorio dell'astaxantina comporta la soppressione dell'attivazione di NFkB nelle ARDS"

Inibizione della produzione di IL6, colpevole principale di sepsi, danno polmonare acuto e ARDS

Inibizione della produzione di TNF-alfa, che riduce i livelli di diverse citochine proinfiammatorie

Inibizione dell'apoptosi (morte cellulare) nelle cellule epiteliali alveolari

Aumento del Sirtuin 1 (SIRT1), che secondo gli autori "può svolgere un ruolo vitale nella corretta regolazione del SIRT1 per attenuare il danno polmonare e l'infiammazione" nel danno polmonare acuto indotto da sepsi

Inibizione della via di segnalazione del recettore Toll-like 4 (TLR 4), che riduce la risposta pro-infiammatoria. Come osservato dagli autori, "i TLR sono un gruppo di recettori di riconoscimento dei modelli che svolgono un ruolo critico nel sistema immunitario innato"

Diminuzione del gonfiore della parete alveolare

Inibizione significativa del fluido di lavaggio alveolare bronchiale nella lesione polmonare acuta e soppressione dell'edema polmonare

Riduzione del declino degli alveoli polmonari nel tessuto polmonare

Modulazione della risposta immunitaria stimolando la proliferazione dei linfociti (un tipo di globuli bianchi coinvolti nella lotta alle infezioni), aumentando la citotossicità delle cellule killer naturali e aumentando il numero di cellule T e cellule B (due componenti principali della risposta immunitaria adattativa)

Inflammasoma del recettore 3 (NLRP3) simile a NOD-down-regolazione - che fa parte della risposta immunitaria innata durante l'infezione polmonare - la sua apoptosi a valle e la risposta infiammatoria

Riduzione della proteina C-reattiva, un marcatore dell'infiammazione

Il seguente grafico illustra e sintetizza gli effetti benefici dell'astaxantina e come può aiutare a placare la risposta alla tempesta di citochine responsabile di sepsi, danno polmonare acuto, ARDS e disturbi multiorganici spesso osservati in pazienti con grave malattia COVID-19. Secondo gli autori:

"Nel loro insieme, ipotizziamo che le implicazioni dell'astaxantina come contromisura aggiuntiva nel trattamento del COVID-19 possano esercitare un duplice scopo sia come composto antiossidante che antinfiammatorio con i risultati benefici di ridurre la mortalità e di consentire un recupero rapido..."

Astaxantina, uno dei più potenti antiossidanti della natura

In breve, con l'astaxantina si spuntano molte importanti caselle con riguardo al miglioramento dalla malattia dovuta a COVID-19, tra cui la regolazione della risposta immunitaria e il miglioramento delle risposte immunitarie sia mediate dalle cellule che umorali, nonché la protezione simultanea contro il danno ossidativo e l'infiammazione.

Oltre ad essere potenzialmente utile contro il COVID-19 e altre malattie respiratorie, l'astaxantina ha anche dimostrato di offrire benefici per la salute ad ampio spettro e a livello di sistema, proteggendo dalle radiazioni e promuovendo la salute di pelle, occhi, cervello e cuore.