I ricercatori dicono che il fumo passivo delle sigarette elettroniche contiene metalli tossici

Fumo passivo delle sigarette elettroniche

La storia in breve -

  • Anche se si è scoperto che nel vapore delle sigarette elettroniche sono presenti 10 volte meno particelle cancerogene rispetto al fumo delle sigarette convenzionali, si è rilevato che le sigarette elettroniche emettono livelli più elevati di alcuni metalli
  • Diverse ricerche hanno scoperto che il vapore della sigaretta elettronica contiene metalli tra cui stagno, rame, nichel e argento, perle di silicato e nanoparticelle, a volte in quantità maggiori rispetto a quelle a cui si potrebbe essere esposti al fumo di una sigaretta convenzionale
  • Il vapore passivo della sigaretta elettronica contiene almeno 10 prodotti chimici
  • La nicotina può servire come droga di passaggio, preparando il cervello a rispondere ad altre droghe, e l'effetto è lo stesso sia che provenga da sigarette convenzionali che o da sigarette elettroniche
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

Le sigarette al tabacco convenzionali contengono migliaia di sostanze tossiche, rilasciate (nei polmoni e nell'aria circostante) ad ogni tiro. Ormai, la maggior parte delle persone è consapevole che stare vicino a qualcuno che fuma una sigaretta non è molto meglio che fumarne una, da qui l'ondata di divieti di fumo che è stata messa in vigore in tutti i vari luoghi negli ultimi anni.

Le sigarette elettroniche, d'altra parte, sono ritenute un'alternativa più pulita e sicura al fumo tradizionale. Eppure, la maggior parte degli stati ne proibisce l'uso in gran parte dei luoghi pubblici che proibiscono il fumo tradizionale. È garantito? Le sigarette elettroniche fanno male quanto quelle al tabacco, anche per chi è vicino a un fumatore?

Anche se alcuni livelli di tossine sono ridotti nelle sigarette elettroniche, la ricerca mostra che ne esistono altre in concentrazioni ritenute "piuttosto alte" e potenzialmente pericolose per la salute.

Le sigarette elettroniche rilasciano metalli tossici nell'aria

In un nuovo studio condotto dai ricercatori della USC Biterbi, si è rilevato che le sigarette elettroniche avevano 10 volte minore quantità di particelle cancerogene nel vapore rispetto al fumo delle sigarette tradizionali.

Tuttavia, le sigarette elettroniche emettono maggiori livelli di alcuni metalli, tra cui nichel, zinco e argento. "Alcuni di questi metalli sono altamente tossici anche in quantità molto limitate", dichiara il ricercatore a capo dello studio, aggiungendo quanto segue:

"Le particelle metalliche probabilmente provengono dalla cartuccia delle stesse sigarette elettroniche, il che apre la possibilità che migliori standard di produzione dei dispositivi possano ridurre la quantità di metalli nel fumo.

Studi di questo tipo sono necessari per attuare misure normative efficaci. Le sigarette elettroniche sono così nuove che non sono ancora disponibili sufficienti ricerche a riguardo."

Tuttavia, ci sono stati altri studi per individuare metalli tossici, comprese le nanoparticelle, nel vapore della sigaretta elettronica. Uno studio ha trovato metalli come stagno, rame, nichel e argento, perle di silicato e nanoparticelle. E come nello studio descritto, in alcuni casi, come nel caso delle particelle di stagno, le quantità erano maggiori rispetto a quelle a cui si potrebbe essere esposti al fumo di una sigaretta convenzionale. I ricercatori hanno concluso che:

"L'aerosol del cartomizzatore di un produttore leader nel settore delle sigarette elettroniche conteneva metalli, perle di silicato e nanoparticelle. Saldature di scarsa qualità nelle giunture sembrano aver contribuito alla presenza di stagno nell'aerosol. Nei test di citotossicità, il liquido del cartomizzatore contenente particelle di stagno ha inibito l'aderenza e la sopravvivenza di hPF [fibroblasti polmonari umani].

Altri metalli probabilmente provenivano dai fili (rame, nichel e argento) e da altri componenti metallici utilizzati nei cartomizzatori, mentre le particelle di silicato sembravano provenire dagli stoppini in fibra di vetro.

Anche se le fibre esterne filtrano molte delle particelle di stagno, quantità significative di stagno, altri metalli e perle di silicato fuoriescono nell'aerosol e hanno come conseguenza l'esposizione all'uomo, in alcuni casi probabilmente superiore a quella di un fumatore convenzionale."

Gli effetti dell'esposizione a metalli tossici possono variare da sintomi lievi fino a malattie gravi. Poiché l'accumulo di metalli nel corpo è un processo che richiede tempo, i sintomi possono essere attribuiti ad altre cause e spesso le persone non si rendono conto di questa esposizione ai metalli fino a quando non è troppo tardi. Inoltre, una volta che i metalli sono presenti nel corpo possono causare danni irreversibili.

Sostanze chimiche cancerogene presenti anche nelle sigarette elettroniche

Un fumatore su cinque ha provato le sigarette elettroniche, probabilmente non sapendo che anche queste, proprio come quelle normali, possono contenere tossine che causano il cancro. Nel caso ti stia chiedendo come, esattamente, funzionano, quando fai un tiro di sigaretta elettronica una batteria riscalda un liquido.

Quel liquido contiene un aroma (come tabacco, mentolo, ciliegia, vaniglia o giava), un umettante (tipicamente glicole propilenico o glicerina vegetale) e, a volte, nicotina.

Nell'inalare, si ottiene una "dose" di nicotina aromatizzata senza le sostanze chimiche tipicamente prodotte dalla combustione del tabacco. Detto questo, stai comunque ricevendo una dose di sostanze chimiche.

Finora, la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha rilevato in una cartuccia di sigaretta elettronica un antigelo chimico potenzialmente letale chiamato dietilenglicole, insieme a nitrosammine specifiche del tabacco, che sono collegate al cancro.

Secondo la Americans for Nonsmorkers' Rights (ANR, Americani per i diritti dei non fumatori), il vapore passivo delle sigarette elettroniche contiene almeno 10 sostanze chimiche, elencate nella tabella seguente.

Acetaldeide

Benzene

Cadmio

Formaldeide

Isoprene

Piombo

Nickel

Nicotina

N-Nitrosonornicotine

Toluene

Per non parlare del fatto che molte delle sostanze chimiche contenute nelle sigarette elettroniche sono note per causare difficoltà respiratorie e malattie, e molte persone che hanno inalato i vapori di queste sigarette hanno segnalato problemi di respirazione, tosse, mal di gola, dolore toracico e reazioni allergiche come prurito e gonfiore delle labbra.

Sono stati riportati anche dolori al torace e problemi cardiovascolari. L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) di recente ha chiesto un aumento delle restrizioni sulle sigarette elettroniche, visti i rischi che si stanno materializzando. Il report ha sottolineato quanto segue:

"... Le prove esistenti dimostrano che l'aerosol delle sigarette elettroniche non è semplicemente "vapore acqueo", come spesso sostenuto nella commercializzazione di questi prodotti. Nonostante sia probabilmente meno tossica delle sigarette convenzionali, l'uso della sigaretta elettronica rappresenta una minaccia per gli adolescenti e i feti delle madri incinte che utilizzano questi dispositivi...

Le sigarette elettroniche aumentano anche l'esposizione dei non fumatori e di chi è in presenza di un fumatore di sigaretta elettronica alla nicotina e a una serie di sostanze tossiche..."

Le sigarette elettroniche potrebbero portare all'uso di sigarette convenzionali e altre droghe

Sono in discussione anche le pubblicità e le promozioni destinate ai giovani e ai non fumatori. Ci sono quasi 8.000 gusti di sigarette elettroniche, molti dei quali sono a base di frutta, caramelle o aromi di bevande alcoliche. Secondo l'OMS:

"... è presente la preoccupazione che [le sigarette elettroniche] serviranno da fase di passaggio per la dipendenza da nicotina e, infine, per il fumo, in particolare per i giovani. La sperimentazione con le sigarette elettroniche è in rapido aumento tra gli adolescenti, l'uso di sigarette elettroniche in questo gruppo è raddoppiato dal 2008 al 2012."

Secondo l'American Heart Association (AHA), la pubblicità delle sigarette elettroniche che raggiunge la popolazione giovanile è aumentata del 250 per cento dal 2011 al 2013, per raggiungere un totale di 24 milioni di giovani. L'AHA ha invitato la FDA statunitense a vietare la commercializzazione e la vendita di questi dispositivi ai giovani, e la FDA sta ultimando una proposta in tal senso.

Una nuova ricerca ha scoperto, infatti, che la nicotina può servire come droga di passaggio, attivando il cervello a rispondere ad altre droghe, come la cocaina, e l'effetto è lo stesso sia che provenga da sigarette convenzionali o da sigarette elettroniche. Su un articolo del New England Journal of Medicine, alcuni ricercatori spiegano:

"Anche se le sigarette elettroniche eliminano parte della morbilità associata al tabacco combustibile, esse e i prodotti correlati sono dispositivi che forniscono nicotina pura. Hanno gli stessi effetti sul cervello... e presentano lo stesso rischio di diventare dipendenti da altre droghe ed esperienze.

Anche se il tipico utente di sigaretta elettronica è stato descritto come un fumatore di lunga data che non è in grado di smettere di fumare, l'uso di sigarette elettroniche sta aumentando in modo esponenziale tra gli adolescenti e i giovani adulti. La nostra società deve preoccuparsi dell'effetto delle sigarette elettroniche sul cervello, soprattutto nei giovani, e del potenziale per la creazione di una nuova generazione di persone dipendenti dalla nicotina.

Gli effetti che abbiamo rilevato nei topi adulti sono probabilmente ancora più forti negli animali adolescenti. Iniziare con la nicotina ha dimostrato di portare ad un aumento dell'attività locomotoria indotta dalla cocaina e ad una maggiore autosomministrazione iniziale di cocaina tra i ratti adolescenti, ma non adulti.

Non è chiaro se le sigarette elettroniche si riveleranno una fase di passaggio all'uso di sigarette combustibili e droghe illecite, ma è chiaramente una possibilità. La nicotina agisce sul cervello come una droga di passaggio, e questo effetto è probabile che si verifichi se l'esposizione è dovuta al fumo di tabacco, al fumo passivo o alle sigarette elettroniche."

Il liquido delle sigarette elettroniche può essere letale

Il liquido della cartuccia per sigarette elettroniche contiene nicotina liquida altamente concentrata, per lo più a livelli compresi tra l'1,8% e il 2,4%.  Queste concentrazioni possono causare malori, ma raramente la morte, nei bambini, ma concentrazioni più elevate, come il 10% o il 7,2%, sono ampiamente disponibili su Internet.

A quei livelli, una dose letale per un adulto sarebbe meno di un cucchiaino. Ricordate, questi liquidi sono disponibili in gusti che ricordano le caramelle che attraggono i bambini, quindi devono essere conservati in un luogo sicuro per evitare un errore potenzialmente letale. Già ora, tuttavia, è riportato un aumento di avvelenamenti da sigaretta elettronica. Secondo il New York Times:

"Le segnalazioni di avvelenamenti accidentali, soprattutto tra i bambini, sono in ascesa. Dal 2011, sembra che ci sia stata una morte negli Stati Uniti, un suicidio da parte di un adulto che si è iniettato nicotina. Ma casi meno gravi hanno portato a chiamate ai centri di controllo per gli avvelenamenti. A livello nazionale, il numero di casi legati ai liquidi per sigarette elettroniche è salito a 1.351 nel 2013, un aumento del 300 per cento rispetto al 2012, e il numero è in procinto di raddoppiare quest'anno, secondo le informazioni del National Poison Data System. Dei casi del 2013, 365 sono stati indirizzati in ospedale, il triplo dell'anno precedente."

Se sospetti che il tuo bambino potrebbe aver consumato il liquido per la sigaretta elettronica, cerca subito aiuto medico (anche se si tratta solo di una piccola quantità). Segni di avvelenamento includono:

Bruciore alla bocca e alla gola

Pressione sanguigna alta o bassa

Battito cardiaco troppo lento o veloce

Nausea

Confusione

Vertigini

Debolezza

Salivazione eccessiva

Qual è il segreto per smettere di fumare?

Alcuni lettori mi hanno chiesto cosa ne penso delle sigarette elettroniche come strumento per smettere di fumare. Le sigarette elettroniche si sono dimostrate utili in alcuni individui che hanno deciso di smettere di fumare. Ti incoraggio a fare le tue ricerche sul prodotto che scegli di usare e di continuare con il tuo sforzo per smettere del tutto. Mia madre ha fumato per tutta la sua vita da adulta. Quando ha deciso di smettere, ha usato anche una sigaretta elettronica ricaricabile e l'ha trovata d'aiuto.

Tuttavia, credo che il "segreto" per smettere di fumare sia rimettersi prima in salute, il che renderà più semplice smettere. L'esercizio fisico è una parte importante del piano, perché, come dimostra la ricerca, le persone che iniziano a svolgere regolarmente allenamenti di forza riescono a smettere di fumare nel doppio dei casi rispetto alle persone che non si allenano. Mangiare in modo salutare è un altro aspetto fondamentale che non può essere ignorato. In breve, se vuoi smettere, ci sono tre trucchi di base da cui partire:

  1. Procurati un piano nutrizionale per iniziare a mangiare bene.
  2. Sviluppa un programma di esercizio completo. Sarà tuo alleato per combattere le malattie e smettere di fumare.
  3. Trova un modo di sfogarti che sia sano. Molti usano l'esercizio fisico, la meditazione o tecniche di rilassamento, questi sono ottimi modi. Io consiglio anche di inserire la Tecnica del rilascio emozionale (EFT), poiché può aiutare ad eliminare dei blocchi emotivi (potresti anche non essere cosciente di averli), ripristinando così l'equilibrio di mente e corpo e aiutandoti a spezzare la dipendenza ed evitare le voglie.

Una volta messe in pratica queste cose, allora puoi iniziare a pensare di smettere di fumare. Il metodo migliore sembra essere quello di smettere del tutto subito. Dai due terzi ai tre quarti di ex fumatori hanno smesso senza aiuti, il che dovrebbe darti un po' di incoraggiamento e motivazione, potresti essere tra loro.

Se hai bisogno di maggiore incoraggiamento... se smetti di fumare entro i 40 anni, più del 90% delle cause di mortalità in eccesso causate dal fumo continuo potrebbero essere evitate. E anche se hai più di 65 anni, smettere di fumare potrebbe ridurre il tuo rischio di morire per problemi cardiaci fino a raggiungere quello di un non fumatore nel giro di otto anni.