3 alimenti che possono innescare un ictus

Carne affumicata

La storia in breve -

  • Fino all'80% degli ictus sono prevenibili. La dieta, il livello di vitamina D e l'esercizio fisico sono tre importanti fattori di stile di vita che hanno un'influenza diretta sul rischio individuale
  • La dieta gioca un ruolo cruciale nel ridurre il rischio di ictus. Gli alimenti da evitare, perché possono aumentare direttamente il rischio, includono alimenti trasformati contenenti grassi trans, carni affumicate o trasformate e bibite dietetiche
  • Prima di tagliare la carne rossa e il sale dalla dieta, temendo che questi alimenti possano aumentare il rischio di ictus, scopri come non tutte le carni e i sali sono creati uguali. Mentre alcune aumentano il rischio, altre varietà possono avere un effetto opposto e benefico
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

Secondo la National Stroke Association, l'ictus è la terza principale causa di morte e rappresenta una minaccia in rapida crescita per la salute, in particolare per le donne di mezza età. Il tipo più comune di ictus è chiamato "ictus ischemico", risultante da un'ostruzione in un vaso sanguigno che fornisce sangue al cervello. È probabile che dietro il sorprendente aumento degli ictus nelle donne ci siano diversi fattori, tra cui:

  • Aumento dei tassi di obesità (il punto vita delle donne è cresciuto di quasi 5 cm negli ultimi 10 anni)
  • Carenza di vitamina D causata dalla poca esposizione al sole. Evitare il sole aumenta anche il rischio di carenza di vitamina D sulfate deficiency, che può essere una causa alla base dell'accumulo di placca arteriosa (un fattore di rischio per l'ictus)
  • Un aumento della prevalenza di alti livelli di zucchero nel sangue

Gli ictus in genere si verificano senza ALCUN segnale di allarme

È per questo che la prevenzione è davvero importante. Semplicemente non ci saranno segnali di avvertimento che indichino che si sta andando verso un ictus in futuro... E una volta che si subisce un ictus, il danno, se si sopravvive, può essere assolutamente devastante.

Mi piace riferirmi alla maggior parte degli ictus come ad un attacco cerebrale, che è simile ad un attacco di cuore; l'unica differenza è che il coagulo di sangue blocca il flusso di sangue al cervello invece che al cuore. Di conseguenza, le cellule del cervello iniziano a morire. Naturalmente, più a lungo il cervello rimane senza ossigeno, maggiore è il rischio di danni cerebrali duraturi.

Questo è un settore in cui la medicina d'emergenza convenzionale eccelle, in quanto ci sono farmaci d'emergenza che possono effettivamente sciogliere un coagulo di sangue che sta bloccando il flusso di sangue al cervello e, se vengono somministrati abbastanza rapidamente, possono virtualmente invertire qualsiasi danno neurologico permanente.

Affinché sia efficace, in genere è necessario che il trattamento avvenga entro un'ora. Questo è chiaramente uno dei miracoli della scienza moderna, ma andrà tutto in fumo se non si affrontano le condizioni di fondo dopo l'ictus. Tuttavia, se noti uno di questi segni di ictus, dovresti farti aiutare subito:

  • Improvvisi problemi di deambulazione (vertigini, perdita di equilibrio, ecc.)
  • Confusione improvvisa
  • Intorpidimento o debolezza improvvisa (soprattutto su un solo lato del corpo)
  • Improvvisi problemi alla vista
  • Forte mal di testa improvviso

Per prevenire un ictus, la prima cosa da fare è curare la propria dieta

Chiaramente, in caso di ictus (e della maggior parte delle malattie), la prevenzione è la scelta migliore e la dieta gioca un ruolo FONDAMENTALE.

Un recente articolo apparso su Yahoo Health elenca cinque diversi alimenti che sono stati collegati ad un aumento del rischio di ictus. Concordo su tre dei cinque menzionati e li esaminerò di seguito. Gli altri due, cioè la carne rossa e il sale, necessitano di qualche chiarimento perché non tutte le carni e i sali sono uguali. Il diavolo si nasconde nei dettagli, come si dice, e questo è sicuramente qualcosa da tenere a mente prima di bandire tutte le carni rosse e il sale dalla tua dieta.

Carne rossa — credo che sia un grave errore mettere insieme TUTTE le carni rosse, perché le differenze tra la carne allevata in operazioni di alimentazione animale confinata (CAFO) e le carni allevate biologicamente, alimentate con erba, sono così ampie che è come parlare di due alimenti completamente diversi.

La carne di manzo biologica alimentata con erba NON è tipicamente associata a nessuno degli effetti nocivi per la salute che si vedono dalla carne di manzo CAFO, ma pochissimi ricercatori, per non parlare dei giornalisti, fanno questa distinzione.

Sale — per quanto riguarda il sale, non è possibile confrontare il sale lavorato utilizzato negli alimenti trasformati con il sale naturale e non raffinato. Quindi, se da un lato sono d'accordo sul fatto che stare lontani dagli alimenti trasformati ti aiuterà a ridurre il rischio di ictus e a migliorare la tua salute in generale, dall'altro è importante capire che non devi evitare TUTTO il sale, ma solo quello trasformato (pensa al normale sale da cucina).

Il sale naturale non raffinato, come il sale dell'Himalaya, è in realtà molto importante per una varietà di processi biologici, tra cui aiutare il rivestimento dei vasi sanguigni a regolare la pressione sanguigna, un effetto benefico, in contrapposizione a quello che favorisce la malattia.

Grassi trans: noti per aumentare il rischio di ictus

Qualsiasi alimento contenente grassi trans dovrebbe essere evitato se ti preoccupi per la tua salute. Questo include numerosi alimenti trasformati, come cracker, patatine fritte, la maggior parte dei prodotti da forno acquistati in negozio, e qualsiasi cibo fritto, solo per fare degli esempi. I grassi trans sono noti per promuovere l'infiammazione, che è una caratteristica della maggior parte delle malattie croniche e/o gravi, non solo ictus e malattie cardiache.

Le donne in particolare dovrebbero prestare attenzione a questo consiglio, poiché i tassi di ictus sono in aumento nelle donne di mezza età, e le scelte alimentari sbagliate sono probabilmente un colpevole significativo. In uno studio, pubblicato l'anno scorso, le donne in post-menopausa che consumavano la maggior quantità di grassi trans alimentari quotidianamente, aveva un 30% in più di incidenza di ictus ischemici.

Inoltre, bisogna capire che quasi tutti i giornalisti e gli "esperti" di salute faranno rientrare in questa categoria anche i grassi saturi, e questo sarebbe un grave errore, poiché i grassi saturi in quantità adeguate e non danneggiati dal calore sono in realtà un fattore di promozione della salute.

Attenzione alla carne affumicata e lavorata

Alcuni conservanti, come il nitrato di sodio e il nitrito che si trovano nelle carni affumicate e lavorate, sono risultati dannosi per i vasi sanguigni, il che potrebbe aumentare il rischio di ictus. Inoltre, i nitrati sono spesso convertiti in nitrosammine, che sono chiaramente associate all'aumento del rischio di alcuni tumori. Durante la più recente analisi di oltre 7.000 studi sulla dieta e sul cancro, eseguita dal World Cancer Research Fund, i ricercatori hanno concluso che nessuno dovrebbe mangiare carni lavorate per questo motivo.

Hot dog, pancetta, salame e altre carni lavorate possono anche:

  • Aumentare il rischio di diabete del 50 per cento
  • Diminuire la funzione polmonare
  • Aumentare il rischio di malattia polmonare ostruttiva cronica (BPCO)

Ti consiglio di ridurre al minimo questi alimenti nella tua dieta, se scegli di mangiarli. E, se ogni tanto mangi pancetta, salsiccia, prosciutto o qualsiasi altro prodotto a base di carne lavorata, segui queste linee guida che ti aiuteranno almeno a ridurre al minimo qualsiasi rischio per la tua salute:

  • Scegli carni biologiche alimentate con erba o allevate all'aperto
  • Cerca le varietà "non stagionate" che NON contengono nitrati
  • Seleziona le varietà che indicano 100% manzo, 100% pollo, ecc. Questo è l'unico modo per sapere che la carne proviene da una singola specie e non include sottoprodotti (come la pelle o il grasso di pollo)
  • Evita qualsiasi carne che contenga glutammato monosodico, sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio, conservanti, aromi artificiali o coloranti artificiali
  • L'ideale sarebbe acquistare salsicce e altre carni lavorate da un piccolo allevatore locale a cui chiedere informazioni sugli ingredienti

Le bibite dietetiche possono aumentare drasticamente il rischio di ictus

All'inizio di quest'anno, una ricerca presentata alla Conferenza internazionale sull'ictus dell'American Stroke Association ha dimostrato che le persone che bevono una sola bibita dietetica al giorno possono aumentare il rischio di ictus del 48%!

Secondo gli autori:

"Questo studio suggerisce che le bibite dietetiche non sono un sostituto ottimale per le bevande zuccherate e possono essere associate a un rischio maggiore di ictus, infarto del miocardio o morte vascolare rispetto alle bibite normali".

Anche se probabilmente saranno necessarie ulteriori ricerche per confermare questo potenziale legame, ci sono molte prove che dimostrano che i dolcificanti artificiali come l'aspartame e il sucralosio (Splenda) possono essere pericolosi per la salute. Credo che l'aspartame sia, di gran lunga, il dolcificante artificiale più pericoloso sul mercato.

Come la carenza di vitamina D aumenta il rischio di ictus

Secondo la ricerca presentata alle sessioni scientifiche annuali dell'American Heart Association (AHA) a Chicago, Illinois, nel novembre dello scorso anno, bassi livelli di vitamina D, il nutriente essenziale ottenuto dall'esposizione alla luce del sole, raddoppiano il rischio di ictus.

La vitamina D è l'unico substrato conosciuto per un potente ormone pleiotropico (cioè che produce effetti multipli) per la riparazione e la manutenzione dell'ormone seco-steroide che svolge molteplici funzioni di regolazione genica nel corpo. Ecco perché i benefici per la salute della vitamina D vanno dal miglioramento della funzione immunitaria alla riduzione significativa del rischio di cancro, al miglioramento della disintossicazione dal mercurio...

In sostanza funziona come una "chiave universale" per attivare la "biblioteca" del DNA all'interno di ogni cellula del corpo. Questa biblioteca del DNA cellulare contiene informazioni necessarie per affrontare praticamente ogni tipo di stimolo che la cellula può incontrare, da qui il motivo per cui la vitamina D funziona in così tanti tessuti diversi, e colpisce un gran numero di malattie e condizioni di salute diverse. Finora, gli scienziati hanno scoperto circa 3.000 geni che sono regolati dalla vitamina D.

Non solo è noto che la carenza di vitamina D aumenta il rischio di rigidità arteriosa, uno dei principali fattori di rischio per l'ictus, ma può anche:

  • Aumentare del 50 percento il rischio di diabete
  • Diminuire la funzione polmonare
  • Aumentare il rischio di malattia polmonare ostruttiva cronica (BPCO)

Altre linee guida per la prevenzione degli ictus

È importante rendersi conto che la grande maggioranza degli ictus - fino all'80 per cento, secondo la National Stroke Association - è prevenibile, quindi hai molto "da dire" sul fatto di diventare o meno una statistica.

Quindi, oltre ad evitare gli alimenti trasformati (soprattutto le carni affumicate e lavorate) e le bibite dietetiche, e ad assicurarsi che i tuoi livelli di vitamina D rientrino nell'intervallo terapeutico, cos'altro può aiutare ad abbassare il rischio di ictus? Convenzionalmente parlando, molti degli stessi fattori di rischio che aumentano il rischio di malattie cardiache aumentano anche il rischio di ictus, e questi includono fattori come ad esempio:

  • Pressione sanguigna alta
  • Obesità
  • Alti livelli di trigliceridi e omocisteina
  • Bassi livelli di colesterolo HDL (buono) e alti livelli di colesterolo LDL (cattivo)
  • Fumare

Quindi, come per il cuore, mangiare cibi non lavorati, preferibilmente biologici, fare esercizio fisico e mantenere un peso sano contribuirà a ridurre il rischio di ictus. Due ulteriori fattori di rischio che possono avere un impatto diretto sul tuo rischio di ictus, sono:

  • Malessere psicologico — Secondo uno studio del 2008 pubblicato su rivista Neurology, più si è stressati, maggiore è il rischio. I ricercatori hanno effettivamente scoperto che per ogni punto in meno che una persona ha ottenuto nella sua scala di benessere, il suo rischio di ictus è aumentato dell'11%. Non sorprende che il rapporto tra stress psicologico e ictus sia stato più pronunciato quando l'ictus è stato fatale.
  • Terapia ormonale sostitutiva (HRT) e pillole anticoncezionali — Se utilizzi un metodo di controllo delle nascite a base di ormoni (che sia la pillola, il cerotto, l'anello vaginale o l'impianto), è importante capire che stai assumendo progesterone sintetico ed estrogeni sintetici, qualcosa che chiaramente non è vantaggioso se vuoi mantenere una salute ottimale. Questi contraccettivi contengono gli stessi ormoni sintetici usati nella terapia ormonale sostitutiva (HRT), che presenta rischi ben documentati, tra cui un aumento del rischio di coaguli di sangue, ictus, infarto e cancro al seno.

Infine, può essere utile ricordare che la vitamina B3, o niacina, può aiutare a migliorare la funzione neurologica direttamente dopo un ictus. Quando ai ratti con ictus ischemico è stata somministrata della niacina, il loro cervello ha mostrato la crescita di nuovi vasi sanguigni, e la germinazione delle cellule nervose che ha notevolmente migliorato il risultato neurologico. Anche se questo probabilmente necessita di ulteriori studi, serve quale ennesimo potente esempio di come la nutrizione sia al centro di tutti i meccanismi di guarigione del corpo, anche quando si tratta di qualcosa di così grave come un ictus.

Ma il trattamento sicuramente più indicato per la riabilitazione dell'ictus acuto sarebbe l'ossigenoterapia iperbarica (HBOT). La ricerca ha dimostrato che l'HBOT aiuta il corpo a produrre e mobilitare le cellule staminali mesenchimali, che giocano un ruolo fondamentale nel tentativo del corpo di riparare i tessuti o le cellule danneggiate.

+ Fonte e riferimenti