Aspartame e peso in eccesso durante la gravidanza mettono il bambino a rischio di obesità

aumento di peso in gravidanza

La storia in breve -

  • I bambini nati da donne che hanno consumato dolcificanti artificiali durante la gravidanza hanno il doppio del rischio di essere sovrappeso ad un anno
  • Il dolcificante artificiale, aspartame, è ben lontano dall'essere un alimento "dietetico"; anzi, aumenta il rischio di obesità
  • Prendere troppo peso durante la gravidanza aumenta il rischio di obesità per il tuo bambino, che a sua volta aumenta il rischio di gravi problemi di salute nel corso della sua vita
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

Le decisioni che prendi prima che il bambino sia nato hanno un impatto significativo sulla sua salute negli anni a venire. È solo di recente che i ricercatori hanno iniziato a capire bene la complessità dietro il genoma umano e fino a che punto si esprime per generazioni future.

Il materiale genetico sia della madre che del padre hanno un impatto sulla salute della loro prole, compresa la probabilità che il bambino possa soffrire di obesità nel corso della sua vita. Ogni anno, gli scienziati scoprono nuove informazioni che collegano la salute con un impatto transgenerazionale.

Nuove ricerche hanno anche collegato l'impatto dell'aumento di peso in gravidanza con il peso futuro del tuo bambino, anche quando il tuo piccolo nasce in una fascia di peso normale.

Inoltre, le ricerche dimostrano che il consumo di dolcificanti artificiali durante la gravidanza può anche influenzare il peso futuro del bambino. Le scelte che le donne fanno durante la gravidanza continuano a seguire il bambino per tutta la vita.

Consumare dolcificanti artificiali durante la gravidanza potrebbe influenzare il peso del tuo bambino

L'uso di dolcificanti artificiali è aumentato molto negli ultimi dieci anni. Tra il 1991 e il 2007, l'uso di dolcificanti artificiali è quasi raddoppiato.

In precedenza, studi su animali hanno suggerito che consumare dolcificanti artificiali in gravidanza avrebbe posto la prole a rischio di obesità. Fino a poco tempo fa, non esistevano studi umani che dimostrassero lo stesso effetto.

La ricerca condotta da Meghan Azad, Ph.D. dell'Università di Manitoba ha esaminato l'associazione tra le madri che hanno bevuto bibite dietetiche dolcificate con dolcificanti artificiali, come NutraSweet, Splenda e Equal, e l'effetto sull'indice di massa corporea del bambino (IMC) nel primo anno dopo la nascita.

Più di 3000 donne hanno partecipato allo studio. Bere bibite dietetiche ogni giorno sembrava raddoppiare il rischio che il neonato fosse in sovrappeso al raggiungimento di 1 anno di età. Non hanno trovato un'associazione comparabile con il consumo di bevande dolcificate con il normale zucchero bianco.

I ricercatori non hanno potuto collegare l'aumento del rischio di obesità nel bambino con altri fattori di rischio di obesità, come il peso della madre, la qualità della dieta e l'apporto calorico totale. Gli autori, citati su ScienceDaily, hanno concluso:

"A quanto sappiamo, i nostri risultati forniscono la prima prova umana che il consumo di dolcificanti artificiali durante la gravidanza può aumentare il rischio di sovrappeso nella prima infanzia.

Data l'attuale epidemia di obesità infantile e il diffuso consumo di dolcificanti artificiali, sono necessarie ulteriori ricerche per replicare le nostre scoperte in altre categorie, valutare specifici NNS (dolcificanti non nutritivi) e risultati a lungo termine nonché studiare i meccanismi biologici sottostanti".

Come viene scomposto l'aspartame nel corpo

L'aspartame è una sostanza dolce usata principalmente nelle bevande ipocaloriche. È stato scoperto per caso quando il chimico James Schlatter stava lavorando su un farmaco per il trattamento delle ulcere. Originariamente venduto con il marchio NutraSweet, oggi è anche il dolcificante artificiale in Equal, Equal Spoonful e Equal Measure.

L'aspartame stimola le papille gustative allo stesso modo dello zucchero, ma con differenze significative. Si crea combinando due diversi aminoacidi, con un idrocarburo attaccato per aggiungere dolcezza.

Una volta all'interno dell'apparato digerente, si scompone in due aminoacidi, la fenilalanina e l'acido aspartico, e il metanolo, una molecola alcolica. L'acido aspartico nell'aspartame è stato alterato sinteticamente per trasportare la molecola del metanolo, l'idrocarburo responsabile della dolcezza del prodotto chimico.

Dato che il metanolo non è legato a una molecola fibrosa come lo è nella frutta e nella verdura, non viene trasportato fuori dal corpo in modo sicuro ma viene piuttosto convertito da un enzima in formaldeide.

Influenza dell'aspartame sul peso

L'aspartame non ha solo un'influenza sul profilo genetico del bambino in crescita, ma anche sull'aumento di peso e sul rischio di obesità che il bambino corre dopo la nascita, indipendentemente dal suo peso alla nascita o dal tuo peso.

Diversi studi hanno dimostrato l'effetto dei dolcificanti artificiali sull'appetito e sull'aumento di peso. L'aspartame, e altri dolcificanti artificiali, in realtà stimolano l'appetito, aumentano il desiderio di carboidrati e stimolano il corpo a immagazzinare più grassi.

Questi effetti sono innescati dal modo in cui il tuo corpo metabolizza e reagisce all'aspartame. Normalmente, quando si mangia qualcosa di dolce il cervello rilascia dopamina, attivando il centro di ricompensa del cervello. Questo innesca anche il rilascio di leptina, un altro ormone, che dice al cervello quando si è sazi.

L'aspartame stimola il rilascio di dopamina, ma poiché è un dolcificante senza calorie, il corpo non rilascia leptina e raramente ci si sente pieni o soddisfatti. Questo aumenta il desiderio di carboidrati, aumentando il rischio di aumento di peso.

Aspartame nell'intestino

Un altro aspetto che influisce sul mantenimento del peso è il modo in cui l'aspartame agisce sul microbioma intestinale. In uno studio pubblicato su Nature, i ricercatori hanno dimostrato che l'assunzione di aspartame nella loro popolazione di ricerca ha portato a un cambiamento nel microbioma intestinale e a una ridotta sensibilità all'insulina.

Anche una bassa dose di aspartame può influenzare il microbioma e modificare la sensibilità all'insulina. Questi cambiamenti influenzano la capacità di mantenere il peso e aumentano il rischio di obesità prima della gravidanza e possono anche portare a un aumento di peso in gravidanza.

Aumento di peso in gravidanza

In studi passati, i ricercatori hanno collegato un maggiore aumento di peso durante la gravidanza ad un maggiore rischio di avere un neonato sovrappeso. Tuttavia, uno studio in corso, con queste informazioni, ha fatto un passo avanti, dimostrando che l'aumento di peso durante la gravidanza è legato al rischio di obesità del bambino, anche se nasce con un peso normale.

Questo studio ha seguito più di 13.000 bambini di peso normale per 10 anni. Alla fine dello studio, circa il 49% era in sovrappeso e il 29% era obeso in un periodo compreso tra i 2 e i 10 anni. L'autore principale dello studio, la dott.ssa Teresa Hillier del Kaiser Permanente Center for Health Research di Portland, Oregon e Honolulu, Hawaii, ha dichiarato:

"Si crede che tutti i neonati di peso normale abbiamo lo stesso rischio di diventare obesi da bambini e da adulti. Questo studio dimostra che non è vero".

Rischi a lungo termine dell'obesità infantile

Gli effetti dell'obesità infantile possono protrarsi fino all'età adulta. Secondo uno studio dell'Università del Colorado Cancer Center, l'obesità infantile può avere effetti negativi sulla salute del tuo bambino indipendentemente dall'obesità in età adulta. I ricercatori teorizzano che se il tuo bambino è sovrappeso e perde peso da adulto, quegli effetti negativi per la salute continueranno a perseguitarlo. L'obesità infantile è stata correlata a:

Sindrome metabolica

Malattie cardiovascolari

Diabete di tipo II

Complicazioni della retina e renali dovute al diabete

Steatosi epatica non alcolica (NAFLD)

Apnea nel sonno

Sindrome dell'ovaio policistico

Sterilità

Asma

Complicazioni ortopediche

Malattie psichiatriche

Maggiori probabilità di essere affetti da alcuni tipi di cancro

Cosa fare per prevenire l'obesità infantile

Come succede per molti altri problemi di salute, è più facile prevenire la condizione che curarne gli effetti. L'obesità infantile è più che raddoppiata nell'infanzia e quadruplicata negli adolescenti dal 1985. Anche se hai preso troppo peso durante la gravidanza o hai iniziato la gravidanza in sovrappeso, puoi comunque adottare misure specifiche per ridurre le probabilità che il tuo bambino soffra di obesità. Hiller consiglia:

"Può allattare il suo bambino; gli studi dimostrano che i bambini allattati al seno hanno meno probabilità di diventare obesi e abbiamo anche scoperto che l'allattamento al seno ha ridotto l'obesità infantile in un piccolo sottocampione del nostro studio. Può anche nutrire il suo bambino con alimenti sani e ricevere consigli nutrizionali su cosa dare da mangiare al suo bambino, soprattutto quando si tratta di iniziare a mangiare cibi solidi, e può assicurarsi che lei e il suo bambino facciano molto esercizio fisico".

L'integrazione di queste raccomandazioni nella vita quotidiana quando si è incinta può ridurre il rischio di obesità per te e il tuo bambino.

1. Elimina i dolcificanti artificiali — Elimina i cibi e le bevande che contengono qualsiasi dolcificante artificiale. Leggi le etichette degli alimenti, degli snack e delle bevande che acquisti. Cerca di mangiare più cibi genuini durante il giorno. Presta attenzione alle mentine e ad altre caramelle che potrebbero contenere dolcificanti artificiali.

2. Bevi acqua — L'idratazione è importante per la tua salute e quella del tuo bambino. Non limitarti a bere una determinata quantità di acqua al giorno poiché il fabbisogno di liquidi cambia con il crescere del tuo bambino. Invece, fai affidamento sul colore della tua urina. Quando sei completamente idratata l'urina sarà giallo chiaro e non avrà nessun odore forte.

3. Aumenta le fibre — Uno dei benefici di mangiare cibi ricchi di fibre è che puoi facilmente ridurre la quantità di carboidrati che consumi. Il numero che conta è quello dei carboidrati netti. Si calcola prendendo il totale di carboidrati in grammi mangiati in un giorno e sottraendo la quantità di fibre in grammi. Il risultato darà il numero di carboidrati netti.

Inoltre, una dieta ricca di fibre potrebbe aiutarti a ridurre il rischio di costipazione durante la gravidanza e aumentare il processo digestivo. Cerca di includere da 40 a 50 grammi di fibre (sia da fonti solubili che insolubili) per ogni 1000 calorie di cibo mangiato al giorno.

4. Riduci il fruttosio — Il fruttosio è zucchero presente nella frutta e in molti alimenti e bevande lavorate. Potresti avere familiarità con il termine "sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio" (HFCS) usato per addolcire alcuni alimenti. Lo HFCS aumenterà i trigliceridi e le lipoproteine a bassa densità (LDL), nonché l'insulino resistenza, il rischio di diabete gestazionale e la quantità di grasso immagazzinata del corpo.

Anche consumando lo stesso numero di calorie con lo HFCS, il glucosio, proteine o grassi, l'effetto metabolico sul corpo sarà del tutto diverso se consumi quantità eccessive di fruttosio.

5. Allenati — Fare esercizio fisico durante la gravidanza è importante per la salute sia durante che dopo il parto. Il travaglio è un esercizio intensivo, che il tuo corpo sarà in grado di affrontare meglio se ti alleni durante la gravidanza. L'esercizio fisico aiuterà anche a controllare l'appetito e a normalizzare i livelli di insulina, aiutandoti a controllare il tuo peso.

6. Ricondiziona il cervello — Una delle cose importanti che puoi fare durante la gravidanza è aiutare a ricondizionare il tuo cervello agli alimenti di cui hai bisogno per mantenere una gravidanza sana. I produttori definiscono un "punto di beatitudine" negli alimenti. Si tratta della combinazione "magica" di zucchero e altri ingredienti aggiunti agli alimenti lavorati per aumentarne l'appetitibilità senza avere un sapore troppo aggressivo.

Lo zucchero innesca naturalmente la produzione nel cervello delle stesse sostanze chimiche delle droghe oppiacee, rendendolo una droga che per alcune persone crea dipendenza come la cocaina.

Un modo per riprogrammare il cervello è quello di usare le Tecniche di liberazione emozionale (EFT). Si tratta di un semplice metodo che usa i principi dell'agopuntura senza gli aghi o, a volte, senza bisogno di un medico. È davvero semplice, puoi impararle e usarle a casa.

Quando il sistema energetico del corpo viene interrotto da carboidrati, zuccheri, alimenti trasformati e dolciumi in una tipica dieta occidentale, è probabile che si verifichino distrazioni e voglie. Questo può portare all'alimentazione emotiva e all'aumento di peso. Al contrario, usa l'EFT per ridurre le voglie e raggiungere un peso più normale durante la gravidanza e non solo.

+ Fonte e riferimenti