La vitamina K è associata a una migliore salute vascolare e a meno vene varicose

Vene varicose

La storia in breve -

  • I fattori di rischio per lo sviluppo delle vene varicose sono età, obesità e/o gravidanze multiple, mancanza di attività fisica, tendenza a stare in piedi o predisposizione genetica, e anomalie del tessuto connettivo
  • Livelli inadeguati di vitamina K possono ridurre l'attività della proteina GLA di matrice (MGP), che a sua volta è stata identificata come essenziale per lo sviluppo della varicosi. Poiché la vitamina K è necessaria per attivare la MGP, si ritiene che una dieta con un'adeguata quantità di vitamina K sia un prerequisito per la prevenzione delle vene varicose
  • La vitamina K1 si trova nelle verdure a foglia verde, come la lattuga, i broccoli e gli spinaci e rappresenta circa il 90% dell'apporto di vitamina K nei cibi occidentali
  • Le vitamine K2 comprendono diversi menachinoni e si trovano in prodotti alimentari fermentati come formaggio e natto
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

Le vene varicose (quelle escrescenze antiestetiche e dolorose che compaiono sulle gambe quando il sangue si accumula nelle vene) sono una realtà per totale di persone tra il 5 e il 30% della popolazione adulta, e in confronto agli uomini le donne hanno una probabilità tre volte maggiore di sviluppare la varicosi.

La varicosi, anche nota come vene varicose, secondo un nuovo studio del "Journal of Vascular Research", può essere attribuibile ad una carenza di vitamina K.

Livelli inadeguati di vitamina K possono ridurre l'attività della proteina GLA di matrice (MGP), che a sua volta è stata identificata come un fattore fondamentale dello sviluppo della varicosi.

Poiché la vitamina K serve ad attivare la MGP, si ritiene che un'adeguata quantità di vitamina K sia un prerequisito per la prevenzione delle vene varicose.

Ci sono due forme di vitamina K:

  1. K1 (fillochinone, anche noto come fitomenadione)
  2. K2 (menachinone)

La vitamina K3 è una variante sintetica della vitamina, non consigliata per il consumo umano

La vitamina K1 si trova nelle verdure a foglia verde, tra cui la lattuga, i broccoli e gli spinaci, e rappresenta circa il 90% dell'apporto di vitamina K nella dieta occidentale.

Le vitamine K2 includono diversi menachinoni (MK-n, in cui "n" è il numero di catene laterali preniliche), come la MK-4 che si trova nelle carni; le MK-7, MK-8 e MK-9 si trovano in prodotti alimentari fermentati come il formaggio e il natto.

Come si prevengono le vene varicose?

Fattori di rischio per lo sviluppo delle vene varicose includono:

  • Età
  • Obesità e/o gravidanze multiple
  • Mancanza di attività fisica
  • Lavori in cui si sta in piedi
  • Predisposizione genetica, e anomalie del tessuto connettivo

Il nome del gioco qui è per lo più prevenzione. Ad esempio, potresti non realizzare che accavallare sempre le gambe contribuirà allo sviluppo di vene varicose. Altri fattori importanti, ma facilmente reversibili, sono la mancanza di attività fisica come il camminare e la stitichezza.

La tua dieta è una fonte fondamentale di "medicina" preventiva.

I cibi fermentati, come il natto, hanno in genere la più alta concentrazione di vitamina K presente nell'alimentazione umana e possono fornire quotidianamente diversi milligrammi di vitamina K2. Questo livello supera di gran lunga quello contenuto nelle verdure a foglia verde.

Ad esempio, la concentrazione di vitamina K2 dopo il consumo di natto si è rivelata essere circa 10 volte superiore a quella di vitamina K1 dopo aver mangiato spinaci. Purtroppo, la maggior parte delle persone non mangiano molti cibi fermentati.

La vitamina K2 viene sintetizzata dai batteri intestinali e viene assorbita dall'intestino tenue distale. Ricorda che l'assunzione di antibiotici ostacola l'assorbimento di vitamina K2.

La vitamina K1 si trova tipicamente nelle verdure a foglia verde scuro. La seguente tabella elenca alcune fonti vegetali di vitamina K che dovresti valutare di aggiungere alla tua dieta:

Alimento Vitamina K*

Cavoli neri

440

Spinaci

380

Insalata mista

315

Kale

270

Broccoli

180

Cavoletti di Bruxelles

177

Cavolfiori

145

Olio di oliva

55

Asparagi

60

Okra

40

Fagiolini

33

Lenticchie

22

Vitamina K: la vitamina dimenticata

La vitamina K è una vitamina liposolubile ben nota soprattutto per l'importante ruolo che svolge nella coagulazione del sangue. Tuttavia, la vitamina K è anche assolutamente essenziale nella costruzione di ossa forti, perché funge da "colla" biologica che aiuta ad attaccare il calcio alla matrice ossea.

Alcuni studi hanno effettivamente dimostrato che la vitamina K è equivalente ai farmaci per l'osteoporosi di tipo Fosamax.

La vitamina K è anche vitale per la prevenzione delle malattie cardiache, perché aiuta a prevenire l'indurimento delle arterie, un comune fattore di rischio nella malattia coronarica e nell'insufficienza cardiaca.

Altri effetti benefici della vitamina K includono:

  • È utile contro il morbo di Alzheimer.
  • A livello topico la vitamina K aiuta a ridurre i lividi.
  • La carenza di vitamina K può interferire con il rilascio di insulina e con la regolazione dello zucchero nel sangue in modo simile al diabete.
  • Può avere proprietà antiossidanti.
  • È benefica nel trattamento del cancro, tra cui quello ai polmoni e al fegato.

La vitamina K è una vitamina liposolubile. È importante evidenziarlo, perché significa che per assorbire questa vitamina servono cibi grassi. Un modo semplice per farlo è aggiungere le gocce di vitamina K liquida da me consigliate, direttamente nell'olio di pesce o nell'olio di krill.

Questo assicurerà che la vitamina K sia ben assorbita nel corpo. In alternativa, puoi aggiungerle a qualsiasi altro alimento che contenga grassi sani.

Ti serve un integratore di vitamina K?

La vitamina K1 a base vegetale (fillochinone) e la vitamina K2 prodotta dal batterio (menachinone) sono così importanti che, anche se di solito non consiglio di aggiungere integratori alla dieta, la vitamina K è uno dei pochi integratori che potreste voler prendere in considerazione, soprattutto se hai (o la tua famiglia ha) una storia di osteoporosi o malattie cardiache.

Le seguenti condizioni potrebbero aumentare il rischio di carenza di vitamina K:

  • Seguire un'alimentazione povera o limitata.
  • Malattia di Chron, colite ulcerosa, celiachia e altre condizioni che interferiscono con l'assorbimento dei nutrienti.
  • Le malattie del fegato interferiscono con l'immagazzinamento di vitamina K.
  • Assumere farmaci come antibiotici ad ampio spettro, farmaci per il colesterolo e aspirine.

La mia raccomandazione è di assumere 3.000 mcg di vitamina K al giorno. In caso di gravidanza o allattamento, evita di assumere integratori di vitamina K che superano la dose giornaliera raccomandata (65 mcg), a meno che non sia specificamente raccomandato e monitorato dal medico.

Se hai sperimentato un ictus o un arresto cardiaco, o sei incline alla coagulazione del sangue, non assumere vitamina K senza consultare prima il medico.