Le strategie nutrizionali e naturali offrono speranza contro il COVID-19

Alto dosaggio di vitamina C

La storia in breve -

  • L'unica vera difesa contro il COVID-19 è il tuo sistema immunitario, che funziona meglio se nutrito correttamente. Cambiare la dieta è una soluzione di buon senso a lungo termine, ma una strategia di risposta rapida sarebbe quella di utilizzare la vitamina C
  • La vitamina C rafforza il sistema immunitario e uccide i patogeni, compresi i virus, se assunta in dosi elevate
  • Altri importanti nutrienti che potenziano il sistema immunitario sono vitamina D, magnesio e zinco
  • Un medico coreano che sta dando ai pazienti e al personale ospedaliero 100.000 UI di vitamina D e 20-24 grammi di vitamina C per via endovenosa riferisce che i pazienti con infezione da virus guariscono nel giro di pochi giorni
  • Se possiedi una sauna, ora è il momento di utilizzarla regolarmente. Aumentando la temperatura corporea interna, che è ciò che accade quando si ha la febbre, il corpo diventa più efficiente nell'uccidere i patogeni
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

In questa intervista, il Dott. Andrew Saul, già avuto tra noi come ospite, caporedattore di Orthomolecular Medicine News Service, esamina ciò che attualmente sappiamo sulla vitamina C (acido ascorbico) per la prevenzione e il trattamento del nuovo coronavirus COVID-19.

Come notato da Saul, molte delle informazioni sulla vitamina C per il coronavirus stanno attualmente provenendo dalla Cina. Nel frattempo, negli Stati Uniti, molti consigli nutrizionali vengono censurati e etichettati come "fake news".

L'immunità naturale è permanente, l'immunità artificiale no

A mio avviso, i media hanno presentato una visione incredibilmente distorta di questa pandemia, creando inutili paure. Il mondo intero ora si sta rapidamente dirigendo verso il collasso economico e la domanda è perché, visto come il bilancio delle vittime non sembri giustificarlo.

Molto probabilmente, finiremo per avere un vaccino contro il COVID-19 che verrà aggiunto all'elenco delle vaccinazioni annuali obbligatorie. Il problema è che anche se il vaccino funziona bene, conferirà un'immunità limitata a un virus che, in ogni caso, muterà. Lo sviluppo dell'immunità naturale è molto più ideale. Come notato da Saul:

"Quando hai un'esposizione naturale, sia che ti ammali o no, non solo hai l'immunità a quel [ceppo virale], ma hai un'ampia immunità applicabile a più virus in generale. Non c'è niente come l'essere malati per non ammalarsi, il che suona un po' strano ma è così che funziona il corpo umano.

Quando eravamo bambini abbiamo avuto il morbillo, gli orecchioni, la varicella, e tutto il resto. Stavamo a casa per due settimane, guardavamo la TV, tornavamo a scuola ed eravamo immuni a vita...

Il punto è che l'immunità naturale ti protegge davvero molto bene e il tuo sistema immunitario è l'unico modo per combattere qualsiasi virus. Quindi il modo per rendere forte il sistema immunitario non è purtroppo quello di vaccinarlo o di sottoporlo a farmaci".

Il motivo per cui il recupero dall'infezione conferisce immunità per tutta la vita mentre la vaccinazione no ha a che fare con il fatto che il sistema immunitario ha due rami - quello cellulare (cellule T) e quello umorale (cellule B) - ed entrambi devono essere attivati per garantire l'immunità a lungo termine.

Quando ricevi un vaccino, stimoli solo la tua immunità umorale, le cellule B. Le cellule T non vengono stimolate. Quindi, per quanto possa sembrare spaventoso, la cosa migliore è prendere l'infezione e avere un sistema immunitario forte che ci difenda da essa, in modo da non mostrare nemmeno alcun sintomo.

Il COVID-19 è un virus molto brutto che può causare molti danni, ma la maggior parte delle persone, e penso che probabilmente più del 98% delle persone infette, non morirà o subirà danni a lungo termine.

"Sono d'accordo," afferma Saul, "perché saremo automaticamente esposti ad esso e molte persone non mostreranno sintomi. Alcune persone presenteranno casi leggeri; infatti, un bel po' di persone che lo contrarranno, avranno sintomi leggeri... Il pericolo è l'escalation di SARS e polmonite, e questa è la più grande minaccia per le persone immunodepresse e gli anziani. Ed è in questi gruppi che si registrano le vittime; questa è la preoccupazione più grande".

La vitamina C aumenta l'immunità e inverte la polmonite virale

Per ora, l'unica vera difesa contro il COVID-19 è il tuo sistema immunitario. Non esiste un vaccino e anche se ne trovassero uno in breve tempo, occorre prestare cautela, in quanto non avremmo prove di efficacia o sicurezza.

"Il tuo sistema immunitario è infinitamente adattabile. È così che ci ha fatto la natura", osserva Saul. "Tuttavia, il tuo sistema immunitario funziona meglio quando viene nutrito correttamente". Cambiare la dieta è una soluzione più a lungo termine, ma una strategia di risposta rapida sarebbe quella di utilizzare la vitamina C.

"La vitamina C rafforzerà il tuo sistema immunitario. Questo si trova in ogni libro di nutrizione che sia stato scritto, quindi iniziamo così" dice Saul. "La RDA negli Stati Uniti è di circa 90 milligrammi; in Corea e Cina è di 100 mg; nel Regno Unito è appena di 40 mg al giorno e a volte non assumiamo nemmeno questa quantità.

Gli studi hanno dimostrato che anche 200 mg di vitamina C al giorno riducono il tasso di mortalità negli anziani con polmonite grave dell'80%. Gli studi hanno dimostrato che i bambini con polmonite, quando assumono 200 milligrammi di vitamina C - l'equivalente per gli adulti di 2.000-3.000 mg - hanno un miglioramento dei livelli di ossigeno in meno di un giorno. La mortalità diminuisce e la durata e la gravità della malattia sono inferiori.

Ora, non è il coronavirus in sé che di fatto uccide le persone, è la polmonite e la SARS, la grave sindrome respiratoria acuta, che può seguire. La maggior parte delle persone che contraggono il coronavirus avrà un caso lieve; alcuni avranno il virus e non avranno alcun sintomo. Non sappiamo nemmeno quante persone l'abbiano contratto, perché non hanno sintomi.

Chi contrae il COVID-19 e svilupperà sintomi, avrà l'influenza e sarà una brutta influenza, sarà davvero brutta. Le persone avranno i sintomi della malattia per una settimana o due. Le persone a rischio di morte sono i più anziani e gli immunodepressi.

I media ci girano intorno, ma è da qui che dobbiamo cominciare, perché la paura si basa sulla morte. E quando assumiamo anche solo una piccola quantità di vitamina C, il nostro rischio di morire anche nei casi più gravi diminuisce.

È la polmonite e la SARS che uccidono le persone e la vitamina C è nota per essere efficace contro la polmonite virale fin dagli anni '40, quando il Dott. Frederick Robert Klenner pubblicò una serie di articoli e fu in grado di invertire la polmonite virale in 72 ore. Ora, Klenner era un medico toracico certificato. Era uno specialista e ha pubblicato oltre 20 articoli su questo argomento. I media hanno taciuto su questa terapia".

Sul dosaggio della vitamina C

Più recentemente, il Dott. Paul Marik ha mostrato che un protocollo di vitamina C per via endovenosa (IV) con idrocortisone e tiamina (vitamina B1) migliora notevolmente i tassi di sopravvivenza nei pazienti con sepsi. Poiché la sepsi è uno dei motivi per cui le persone muoiono a causa dell'infezione da COVID-19, il protocollo di vitamina C di Marik può fare molto per salvare la vita delle persone in questa pandemia.

Tale protocollo richiede 1.500 mg di acido ascorbico ogni sei ore e appare estremamente efficace. Tuttavia, consiglierei di assumere dosi ancora più elevate usando la vitamina liposomiale C se la si sta assumendo per via orale. La vitamina liposomiale C ti consentirà di assumere dosaggi molto più elevati senza soffrire di feci a bassa consistenza.

Puoi assumere senza problemi fino a 100 grammi di vitamina C liposomiale e raggiungere livelli ematici molto elevati, equivalenti o superiori alla vitamina endovenosa C. Lo considero, però, un trattamento intenso.

Sconsiglio alle persone di assumere dosi eccessive di vitamina C su base regolare se non sono effettivamente malati, perché è essenzialmente un farmaco, o almeno funziona come tale. Saul aggiunge:

"Quello che suggerisco, da circa 44 anni di vita professionale, è assumere vitamina C a sufficienza per non avere sintomi e, quando stai bene, non è molta. Conoscevo una signora che assumeva 500 mg di vitamina C al giorno e stava bene. [Un'altra persona] con sensibilità chimica multipla, aveva bisogno di 35.000 mg al giorno. Una quantità minore e non stava bene...

E, già che siamo [su questo argomento], una bella notizia incoraggiante di beneficenza è che le Dutch State Mines o DSM dei Paesi Bassi hanno donato 50 tonnellate di vitamina C [alla città di] Wuhan [in Cina], per un totale 106 milioni compresse di vitamina C. E in Cina stanno conducendo tre studi sull'uso di vitamina C ad alte dosi come terapia, concentrandosi principalmente sulle persone in terapia intensiva.

Sono in contatto con il Dott. Richard Cheng. Cheng è un medico cinese-americano... Era a Shanghai per il capodanno cinese in visita alla sua famiglia quando tutto questo è esploso.

Quindi, Cheng è rimasto in Cina e ha parlato con ospedali e medici cinesi che stanno dimostrando un grande interesse nell'uso della vitamina C come prevenzione e cura. È stata così efficace che il governo di Shanghai ha emesso raccomandazioni ufficiali secondo cui la vitamina C dovrebbe essere usata per il trattamento del COVID-19.

Stanno testando fino a 24.000 mg al giorno per via endovenosa. Alcuni di noi pensano che sia un dosaggio un po' basso per chi si trova in terapia intensiva. Vorrei vedere il risultato con 50.000 mg al giorno e c'è un medico... che ha somministrato 50.000 mg [a] un bel po' di persone e stiamo ricevendo sempre più segnalazioni.

Lo stanno facendo anche in Corea. Proprio nel centro dell'epidemia in Corea siamo in contatto con un medico che ha un piccolo ospedale e ha somministrato una singola dose di vitamina D (una dose piuttosto elevata di circa 100.000 unità per ogni paziente e ogni membro dello staff) e anche circa 20-24 grammi (24.000 mg) di vitamina C per via endovenosa. E sta riferendo che queste persone stanno guarendo nel giro di pochi giorni".

La vitamina C ad alto dosaggio uccide i virus

Secondo Saul, la vitamina C a dosi estremamente elevate è un antivirale, uccide davvero i virus, ma per raggiungere tale quantità, in genere è necessaria un'assunzione endovenosa. Quindi, come uccide i virus? Alcuni credono che il potenziale antivirale della vitamina C sia il risultato della sua attività antinfiammatoria.

L'infiammazione contribuisce alla massiccia cascata di citochine che alla fine può essere letale. Però, non è tutto. Saul spiega:

"Il Dott. Robert Fulton Cathcart, medico in California, è molto più ben informato di me, quindi mi rivolgo sempre a lui. E Cathcart ha scritto nei suoi articoli - alcuni dei quali ho pubblicato su doctoryourself.com in modo che le persone possano leggerli - [che] la vitamina C è uno scavenger di radicali liberi senza limiti di velocità...

Lui e il Dott. Thomas E. Levy sottolineano anche... che la vitamina C dona elettroni e riduce i radicali liberi, e questo è principalmente ciò che sta succedendo. Ora, ci sono comunque delle eccezioni. Quando la vitamina C entra in una cellula cancerosa, agisce come se fosse un pro-ossidante e questo è dovuto alla reazione di Fenton. Ho controllato: è così.

E la vitamina C ucciderà una cellula cancerosa perché le cellule tumorali sono diverse. Assorbono la vitamina C perché è molto simile al glucosio, ha quasi le stesse dimensioni... Con i virus, il principio è lo stesso. L'opinione di Cathcart è che basta semplicemente inserire la vitamina C per fornire gli elettroni per ridurre i radicali liberi, e questo è quanto Cathcart e Levy sostengono sulla funzione della vitamina C (a dosi molto elevate) come antivirale.

A dosi modeste, dosi normali presenti negli integratori... la vitamina C rafforza il sistema immunitario perché i globuli bianchi ne hanno bisogno per funzionare. I globuli bianchi contengono molta vitamina C... Quindi, la vitamina C è nota per rinforzare direttamente il sistema immunitario attraverso i globuli bianchi".

L'importanza della vitamina D

Un altro nutriente cruciale che potrebbe essere ancora più importante della vitamina C è la vitamina D. Anche qui il dosaggio necessario varia da persona a persona e dipende in gran parte dalla quantità di esposizione al sole che si ottiene regolarmente.

Non assumo vitamina D orale da oltre un decennio, ma il mio livello è di circa 70 nanogrammi per millilitro, grazie alle passeggiate quotidiane al sole indossando nient'altro che un cappello e dei pantaloncini. Quindi, il modo migliore per determinare il dosaggio personale è sottoporsi al test e assumere qualsiasi dosaggio necessario per mantenere un livello di vitamina D tra 60 ng/mL e 80 ng/mL per tutto l'anno.

Anche se non esistono studi clinici che indagano specificamente sulla vitamina D per il coronavirus, ci sono molti dati che dimostrano che è un componente importante nella prevenzione e nel trattamento dell'influenza e delle infezioni del tratto respiratorio superiore.

Anche se la vitamina D non sembra avere un effetto diretto sul virus stesso, rafforza la funzione immunitaria, permettendo così all'organismo ospitante di combattere il virus in modo più efficace. Sopprime anche il processo infiammatorio. Presi insieme, questo potrebbe rendere la vitamina D molto utile contro il COVID-19.

Alcuni studi hanno anche dimostrato che c'è un'apparente associazione tra bassi livelli di vitamina D e la suscettibilità alle infezioni virali come l'influenza. In un'analisi di GrassrootsHealth, le persone con un livello di vitamina D di almeno 40 ng/mL hanno ridotto il rischio di raffreddori del 15% e di influenza del 41%, rispetto a quelle con un livello inferiore a 20 ng/mL.

Pastiglie di zinco per curare mal di gola e raffreddori

È probabile che tu sappia che le pastiglie di zinco sono consigliate quando hai il raffreddore o il mal di gola.

"Proprio ieri sera - di nuovo, è il 17 marzo - CBS Evening News a Chicago, nell'Illinois, ha trasmesso un breve segmento sulla prevenzione nutrizionale del coronavirus, raccomandando di assumere vitamina D, vitamina C e zinco. Quindi, dopo sette settimane, abbiamo finalmente superato l'accusa di fare falsa informazione e di diffondere fake news, e ora è su CBS".

Sorprendentemente, i media sfoggiano medici di spicco dicendo che è impossibile rafforzare il sistema immunitario per sconfiggere questo virus. È difficile immaginare che questo tipo di ignoranza sia ancora prevalente nel nostro sistema medico e che tali persone possano cavarsela criticando coloro che offrono prove contrarie.