Questo grasso compromette il sistema immunitario e aumenta il rischio di COVID

La degenerazione maculare è causata da una cattiva alimentazione?

La storia in breve -

  • Tra il 1851 e il 1930 non vi furono più di circa 50 casi segnalati di degenerazione maculare legata all'età (AMD) nella letteratura medica. A partire dal 2020, circa 196 milioni di persone in tutto il mondo soffrono di AMD
  • Ci sono prove convincenti che la AMD non è causata dall'invecchiamento o dalla genetica ma da alimenti trasformati
  • I quattro ingredienti tossici negli alimenti trasformati che causano la maggior parte dei problemi cronici di salute sono farina di grano raffinata, zuccheri aggiunti raffinati, oli vegetali polinsaturi e grassi trans
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

In questa intervista, il dott. Chris Knobbe, oculista, discute alcune delle informazioni rivelatrici che si trovano nel suo libro, "Ancestral Dietary Strategy to Prevent and Treat Macular Degeneration" (Strategia dietetica ancestrale per prevenire e curare la degenerazione maculare).

Knobbe è fondatore e presidente della Cure AMD Foundation, un'organizzazione no profit dedicata alla prevenzione della degenerazione maculare legata all'età (AMD), che è la prima causa di cecità tra gli anziani. Il suo libro è un trattato completo sulla progressione storica della AMD e fornisce prove convincenti che questa è una malattia causata da alimenti trasformati.

"Sono alimenti artificiali, trasformati, carenti di nutrienti e tossici che stanno alimentando tutte le malattie croniche" dice. "Stanno causando malattie cardiache, ictus, ipertensione, cancro, sindrome metabolica, obesità [e] degenerazione maculare...

Quando dico alimenti trasformati, artificiali, carenti di nutrienti, tossici o trasformati, si tratta solo di quattro cose. È davvero piuttosto semplice. Sono i cibi carenti di nutrienti a essere raffinati: farina di frumento, zuccheri aggiunti raffinati, oli vegetali polinsaturi e grassi trans”.

Anche se non abbiamo parlato di questi problemi dietetici e del loro collegamento con il rischio di COVID-19 perché l'intervista è stata fatta prima di marzo, è comunque molto rilevante. Ora sappiamo che mangiare cibi trasformati, in particolare oli vegetali, farà aumentare la resistenza all'insulina e l'inflessibilità metabolica, che è uno dei due maggiori fattori di rischio per il COVID-19, l'altro è l'insufficienza di vitamina D.

Oli vegetali responsabili dell'emergenza di malattie cardiache

Farina raffinata, zucchero, grassi trans e oli vegetali sono aggiunte relativamente recenti alla nostra offerta alimentare. Lo zucchero raffinato esiste da alcune centinaia di anni, ma è stato consumato in quantità molto basse fino alla fine del XIX secolo. Gli oli vegetali sono emersi dopo la guerra civile americana. La farina di grano bianco raffinata è nata nel 1880 e i grassi trans nel 1911.

"Questi alimenti sono quelli che stanno determinando quasi tutte le nostre malattie croniche metaboliche e degenerative", dice Knobbe. “Negli ultimi due anni, ho analizzato davvero profondamente la storia della maggior parte di queste malattie croniche. Ad esempio, le malattie cardiache erano un'estrema rarità medica nel XIX secolo.”

La dieta ha aumentato l'incidenza di cancro e diabete

Knobbe analizza anche i dati storici sul cancro. Delle 942 persone che morirono nel 1811 a Boston, solo cinque morirono di cancro. 1 morto su 188. Nel 1900, il cancro ha ucciso 1 persona su 17. Oggi, il cancro rappresenta il 31,2% dei decessi negli Stati Uniti, o, in altre parole, quasi 1 su 3.

Si può vedere la stessa crescita esponenziale nel diabete di tipo 2. Nel diciannovesimo secolo, qualsiasi forma di diabete era estremamente rara. Uno dei primi studi sul diabete fu pubblicato nel 1935. Nel 1935-1936, lo 0,37% degli americani aveva il diabete. Nel 2015, l'incidenza è aumentata al 9,4%. È un aumento di 25 volte in 80 anni.

La situazione potrebbe in realtà essere anche peggiore di questa, però, perché il tasso del 9,4% si riferisce a diabete clinico in piena regola. Se aggiungi prediabete e insulino-resistenza, ne sono colpiti circa 9 americani su 10. Secondo i recenti dati NHANES, l'87,8% degli americani non è sano sulla base di cinque parametri di salute metabolica, quindi praticamente l'intera popolazione è a rischio e si dirige verso il diabete di tipo 2.

Aumento scioccante nella prevalenza di AMD

La degenerazione maculare divenne rilevabile in seguito all'invenzione dell'oftalmoscopio nel 1851. L'oftalmoscopio era ampiamente utilizzato già dal 1880. Nel 1900, ce n'erano 140 versioni disponibili. Al 1914, c'erano oltre 200 versioni di oftalmoscopio in uso in tutto il mondo.

Tuttavia, tra il 1851 e il 1930, non vi furono più di 50 casi di AMD riportati in tutta la letteratura medica del mondo. Era praticamente sconosciuto. La prevalenza iniziò ad aumentare negli anni '30 e, nel 1975, circa 4,5 milioni di americani improvvisamente ebbero una degenerazione maculare. Al 1994, ce n'erano 15 milioni e, al 2020, le stime hanno portato la prevalenza mondiale a 196 milioni. Tra altri 20 anni, si prevede che raggiungerà i 288 milioni.

“Ho fatto la stessa cosa con la sindrome metabolica e con la miopia. Tutti seguono essenzialmente lo stesso percorso. Vediamo che tutti questi vanno dalla rarità nel 19° e all'inizio del 20° secolo a numeri sconcertanti oggi, e la prevalenza continua ad aumentare", afferma Knobbe.

La disfunzione metabolica è un denominatore comune

Il comune denominatore condiviso da tutte queste malattie è la disfunzione mitocondriale causata da alimenti trasformati. Spero che questo sappia ispirarti e motivarti a cambiare le tue abitudini alimentari. Una volta che ti rendi conto di cosa ti stanno facendo questi alimenti a livello molecolare, sarai più entusiasta delle scelte sane.

“Nel 1900, quando tutti erano sani, il 99% dei grassi aggiunti nella dieta erano grassi animali: strutto, burro e sego di manzo. Ma entro il 2005, 105 anni dopo, l'86% dei grassi aggiunti nella dieta degli americani è derivato dall'olio vegetale. Sono inclusi oli vegetali, sostituti della margarina [e] del burro. In definitiva, tutti quelli provengono da questi oli vegetali pericolosi che non forniscono vitamine liposolubili sane e sono straordinariamente tossici.

Ciò che ora capiamo è che è la disfunzione mitocondriale che lega tutte queste malattie croniche: malattie cardiache, cancro, ictus, ipertensione, obesità, sindrome metabolica, degenerazione maculare...

Quando consumi tanti di questi oli di semi commestibili, oli vegetali o omega-6 - è la stessa cosa - allora quegli oli, quegli omega-6, si ossidano e si scompongono in aldeidi tossiche. Quindi, quando proviamo a metabolizzarli, quando proviamo a bruciarli come combustibile, oppure li immagazziniamo, ciò che accade è che creano una catastrofica cascata di perossidazione.

Causano ovunque nel mondo ossidazione di grassi, proteine [e] carboidrati nelle cellule e nelle membrane cellulari. In definitiva, danneggia una molecola chiamata cardiolipina... un fosfolipide nei mitocondri. È un'impalcatura da cui dipende la catena di trasporto degli elettroni dei mitocondri. Quando la cardiolipina viene alterata... la danneggia.

Quello che succede è che i mitocondri non sono più in grado di sostenere un gradiente di protoni. Perdono quel gradiente di protoni e questo provoca perdita di energia. I mitocondri si ammalano; non producono energia correttamente. Bene, senza energia, tutto inizia a funzionare male. Una delle prime cose che succede è che non puoi bruciare correttamente i grassi come carburante e diventi più dipendente dai carboidrati".

La cardiolipina si trova solo nella membrana mitocondriale interna. Nella conferenza qui sopra, Knobbe illustra la catena di eventi che provocano disfunzione mitocondriale.

La dieta ad alto contenuto di PUFA innesca una cascata di perossidazione catastrofica

Paradossalmente, la molecola della cardiolipina dipende dall'acido linoleico e l'acido linoleico è l'omega-6 primario nelle nostre diete. Tuttavia, in una dieta ad alto contenuto di acido linoleico, l'acido linoleico nella molecola della cardiolipina finisce per essere distrutto.

Un'altra importante variabile qui è l'influenza della carnosina, un dipeptide - due aminoacidi messi insieme - costituito da beta-alanina e istidina. La carnosina si trova solo prodotti di origine animale. Funge da spazzino per gruppi carbonilici reattivi, intermediari che continuano a formare prodotti finali di lipoxidazione avanzati e prodotti finali di emulsificazione.

Se riesci ad afferrare questi carbonili prima che attacchino proteine e grassi, puoi essenzialmente fermare il circolo vizioso con conseguente perossidazione catastrofica. Questo è un altro motivo per cui non consiglio diete che escludano prodotti animali e carne, poiché abbassano il livello di carnosina, un nutriente molto importante per limitare i danni causati dai prodotti dell'ossidazione. È anche importante per la funzione mitocondriale.

Aldeidi tossiche

Knobbe ha studiato le aldeidi tossiche risultanti da questi grassi omega-6. Quando consumi un grasso omega-6, prima reagisce con un radicale ossidrile o perossido, producendo un idrossido ossido lipidico. Questo idroperossido lipidico degenera rapidamente in aldeidi tossiche, di cui esistono molti tipi.

Tra gli esempi vi sono 4-idrossinonenale (4-HNE) e malondialdeide (MDA), nonché metaboliti ossidati dell'acido linoleico come 9-HODE, 13-HODE, carbossietilpirrolo e acroleina.

Knobbe sottolinea anche cosa si perde quando si mangiano oli vegetali, vale a dire vitamine liposolubili. Grassi animali come lardo, burro e sego di manzo forniscono non solo grassi sani ma anche vitamine essenziali come le vitamine A, D e K2. "Ammettiamolo, la carne è il cibo più densamente nutriente che la maggior parte degli Stati Uniti abbia mai mangiato", dice Knobbe.

Uno dei vantaggi del consumo di carne è ricca di carnosina, la quale è un dipeptide costituito da beta-alanina e istidina. Questo è un formidabile agente di lavaggio per i prodotti avanzati della perossidazione (ALE) come i grassi discussi sopra.

Se stai escludendo la carne dalla tua dieta e consumi grandi quantità di oli industriali, ti stai preparando ad un disastro metabolico. Senza dubbio, bassa carnosina e aldeidi elevati sono una prescrizione di morte prematura per malattia cronica. Almeno sarebbe saggio assumere un integratore di carnosina o beta-alanina.

Il tuo corpo può recuperare

La buona notizia è che puoi recuperare la tua salute eliminando questi oli malsani ricchi di omega-6 dalla tua dieta - essenzialmente abbandonando gli alimenti trasformati - ma la cattiva notizia è che hanno un'emivita piuttosto lunga.

Secondo Knobbe, i grassi polinsaturi derivati da oli vegetali, oli di semi e grassi trans sono per lo più immagazzinati (invece di essere usati per il carburante) e hanno un'emivita da 600 a 680 giorni. Ciò significa che ci vorranno alcuni anni per svuotare le riserve di questi grassi omega-6 dannosi.

"Ho smesso di consumare questi grassi nel 2011", afferma Knobbe, "e penso che abbia dovuto attendere il 2015 o il 2016 prima di iniziare ad avere una salute molto migliore. Ma ora, a 59 anni, posso sollevare pesi, correre, salire le scale.

Faccio molte delle cose che potevo fare quando avevo 20 anni. Nel 2011 non ero così. Ero diretto al disastro assoluto. Voglio dire, forse non sarei nemmeno vivo oggi se non avessi iniziato a capire tutto questo e cambiato la mia dieta".

Nell'intervista, Knobbe discute anche di come la sua artrite fosse stata ricollegata agli ossalati, che si trovano esclusivamente nelle piante. Ironia della sorte, molti degli alimenti vegetali che sono elogiati per la loro salubrità hanno le più alte quantità di ossalati e possono provocare il caos in chi ha artrite o altre condizioni autoimmuni.

"Gli ossalati possono precipitare in articolazioni, tendini, muscoli, forse arterie e guidare tutti i tipi di infiammazione cronica, quindi l'artrite, le mialgie, la sindrome da affaticamento cronico, la fibromialgia... tutti questi disturbi possono essere esasperati dagli ossalati", lui dice.

“Nel 2011, quando avevo 50 anni, la mia artrite era davvero grave. Ero in una condizione devastata... [Il Dott. Mercola] mi ha presentato a Sally K. Norton, che è forse l'esperto mondiale in questo settore. Ora... sto cambiando la mia dieta per ridurre gli ossalati e sto facendo sempre meglio. Credo davvero che potrebbe non passare molto tempo prima che io sia libero dall'artrite...

Forse mangiavo circa 250-500 g di spinaci in insalata tre o quattro volte alla settimana. Sono dosi massicce [di ossalati]. La maggior parte delle persone non dovrebbe assumere più di 150 milligrammi di ossalati in un giorno. Molti giorni, ne assumevo da 1 a 1,5 grammi, quindi forse circa 10 volte di più di quanto raccomandato.

Nel corso dei decenni accumuli questi [ossalati]. Sono immagazzinati nei tessuti. La buona notizia è che sono solubili in acqua e possono uscire di nuovo, ma anche questo può richiedere anni. Quindi, a quanto pare, mi sto lentamente riprendendo, è quasi come liberarsi degli oli polinsaturi nel proprio corpo. Accadrà, ma non dall'oggi al domani".

Degenerazione maculare fortemente legata alla dieta di alimenti trasformati

Oltre a migliorare la tua salute generale ed evitare malattie croniche come il diabete di tipo 2 e le malattie cardiache, anche evitare zuccheri, farina di frumento raffinata, oli vegetali e grassi trans è cruciale per la prevenzione dell'AMD. Knobbe esamina la ricerca che mostra i collegamenti tra una dieta alimentare trasformata e l'AMD.

Nella Nigeria rurale sudoccidentale, lo 0,1% della popolazione adulta di età superiore ai 50 anni presenta degenerazione maculare. A sole 240 miglia di distanza a Onitsha, in Nigeria, la prevalenza è del 3,2%. La differenza tra queste due popolazioni è il loro approvvigionamento alimentare.

Le persone nella Nigeria rurale sudoccidentale non hanno accesso agli alimenti trasformati. Vivono di cibi tradizionali autoctoni. Le persone di Onitsha, in Nigeria, hanno accesso ai cibi trasformati, ma in quantità molto inferiori a quelle che si ottengono negli Stati Uniti.

Le Barbados, nel frattempo, hanno un tasso di degenerazione maculare del 24,3%, 243 volte superiore rispetto agli africani della Nigeria rurale sudoccidentale. Ciò che emerge sulle Barbados è il fatto che sono note ai ricercatori di nutrizione di tutto il mondo come una Mecca per i cibi trasformati. Importano quasi tutto il loro cibo.

“Tu ed io sappiamo cosa significa questo. Significa che è tutto zucchero, farina raffinata e oli vegetali. Questi alimenti possono essere confezionati e spediti attraverso i continenti, le persone possono consumarli mesi dopo e si chiama ancora cibo", nota Knobbe.

"Questo è ciò che queste persone mangiano e hanno un "profilo mondiale" di malattie metaboliche nelle Barbados, sindrome metabolica, obesità, malattie cardiache, cancro, diabete di tipo 2 e prevalenza della degenerazione maculare del 24,3%, 243 volte maggiore rispetto agli africani del sud-ovest rurale della Nigeria, dove non si possono avere alimenti trasformati.

Tutte e tre le [popolazioni hanno] la stessa eredità dell'Africa occidentale. Come possiamo in qualche modo concludere che è colpa dell'invecchiamento e della genetica, che è oggi creduto il principale sistema a cui si deve la degenerazione maculare?

... Analogamente, nel 1969, la prevalenza della degenerazione maculare della Nuova Zelanda per le persone con più di 50 anni era dell'1,3%. Nel 2014, la prevalenza della degenerazione maculare nelle persone di età superiore ai 45 anni era del 10,3%. È un aumento di otto volte...

La [assunzione di] olio vegetale nel 1960 era inferiore a 1 grammo al giorno. Dal 1991 in poi, era di circa 20 grammi al giorno. Quindi, ancora una volta, vediamo un enorme aumento degli oli vegetali e vediamo un massiccio aumento della prevalenza della degenerazione maculare”.