Cosa succede al tuo corpo durante un attacco di cuore?

Attacco di cuore

La storia in breve -

  • Secondo l'American Heart Association, un attacco cardiaco può verificarsi quando l'apporto di sangue non può raggiungere il cuore a causa di arterie cardiache ristrette, condizione comunemente nota come cardiopatia ischemica
  • Alcuni possono manifestare sintomi lievi o del tutto assenti di infarto. Questo si chiama attacco cardiaco silenzioso. Succede soprattutto alle persone diabetiche
  • I pazienti con attacco cardiaco affermano che il dolore che hanno provato è stato come una morsa che stringeva il petto e può durare da alcuni minuti a molte ore
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

Un infarto può colpire all'improvviso. I suoi sintomi sono abbastanza comuni e molte persone inizialmente non si rendono conto di averne già uno in corso. A volte, potrebbe presentarsi UN SOLO sintomo e questo rende ancora più difficile diagnosticare l'attacco di cuore.

Ma cosa succede veramente quando hai un infarto? Continua a leggere per saperne di più.

Che cos'è un attacco di cuore?

Il cuore è un organo straordinario che può ancora funzionare anche quando è staccato dal corpo, purché abbia un adeguato apporto di ossigeno. Deve funzionare incessantemente per pompare il sangue in tutto il corpo.

È fondamentale che il tuo cuore riceva sangue ossigenato a sufficienza e il muscolo cardiaco può morire se ne riceve una quantità insufficiente. La perdita di afflusso di sangue può verificarsi quando la placca si accumula nelle arterie coronariche e blocca il flusso di sangue al cuore. La placca è composta da colesterolo, sostanze grasse, rifiuti cellulari, calcio e fibrina.

Quando la placca si accumula nelle arterie coronariche, può provocare spasmo dell'arteria coronaria o aterosclerosi, che è il rafforzamento o l'indurimento dei muscoli cardiaci e può provocare un coagulo di sangue quando la placca si rompe. L'aterosclerosi può portare alla malattia coronaria, che può scatenare un infarto.

Secondo l'American Heart Association, un attacco cardiaco può verificarsi anche quando l'afflusso di sangue non può raggiungere il cuore a causa di arterie cardiache ristrette, condizione comunemente nota come cardiopatia ischemica.

Differenza tra un infarto e un arresto cardiaco

È importante conoscere la differenza tra un infarto e un arresto cardiaco, perché le persone hanno spesso l'impressione errata che siano la stessa cosa. L'arresto cardiaco si verifica a causa di un malfunzionamento elettrico del cuore, che provoca un battito cardiaco irregolare e di solito si verifica senza alcun preavviso.

L'arresto cardiaco è causato da diversi motivi di salute, come cardiomiopatia o ingrossamento del muscolo cardiaco, insufficienza cardiaca, aritmie, sindrome del QT lungo e fibrillazione ventricolare. Un infarto può aumentare il rischio di avere un arresto cardiaco ed è la ragione comune della sua insorgenza.

Cosa succede durante un infarto?

Ti sei mai chiesto cosa succede durante un infarto? Analizziamo più a fondo ciò che accade realmente all'interno del tuo corpo durante un attacco di cuore e il ruolo che la placca svolge in questa condizione fatale.

Se il tuo cuore ha accumulato placca nel corso degli anni, può addensarsi a sufficienza da ostruire il flusso sanguigno. Magari non riesci a notare subito di avere già un flusso sanguigno ristretto, perché una volta che un'arteria coronaria diventa incapace di portare sangue al tuo cuore, altre arterie coronarie si espandono per occuparsi del lavoro dell'arteria inabilitata.

La placca è coperta da un solido cappuccio fibroso all'esterno, ma l'interno è morbido a causa del suo contenuto grasso. Se la placca nell'arteria coronaria si rompe, le sostanze grasse vengono esposte. Le piastrine si precipitano sulla placca, formando un coagulo di sangue (la stessa cosa che succede quando si causa un taglio o una lacerazione).

Il coagulo di sangue così formato diventa l'ostacolo principale al flusso sanguigno. Al tuo cuore viene "fame" di sangue ricco di ossigeno e il tuo sistema nervoso invia immediatamente un segnale al tuo cervello su ciò che sta succedendo. Inizierai a sudare e la tua frequenza cardiaca aumenterà. Avrai la nausea e ti sentirai anche debole.

Mentre il sistema nervoso invia segnali al midollo spinale, le altre parti del corpo iniziano a fare male. Inizierai a sentire un dolore immenso al petto, che striscia lentamente verso il collo, la mascella, le orecchie, le braccia, i polsi, le scapole, la schiena e persino l'addome. I pazienti con infarto affermano che il dolore che hanno provato è stato come una morsa che gli stringeva il petto e può durare da alcuni minuti a molte ore.

I tessuti del tuo cuore moriranno se non ti viene subito dato un trattamento adeguato. Se il tuo cuore ha smesso di battere completamente, le cellule cerebrali moriranno in un arco di soli 3-7 minuti. Se viene trattato immediatamente, il tuo cuore inizierà a guarire ma il tessuto danneggiato non funzionerà mai più, il che porta ad avere un flusso sanguigno lento permanente.

Fattori di rischio di infarto

Età — Gli uomini con più di 45 anni e le donne con più di 55 anni sono ad alto rischio.

Tabacco — L'esposizione prolungata al fumo passivo aumenta il rischio di malattie cardiovascolari.

Livelli elevati di colesterolo Se hai livelli elevati di trigliceridi e lipoproteine a bassa densità (HDL), è probabile il tuo rischio di infarto sia maggiore.

Diabete, in particolare se non viene trattato.

Storia familiare di infarto — Se qualcuno nella tua famiglia ha già avuto un infarto, potresti averlo anche tu.

Stile di vita sedentario — Essere fisicamente inattivi porta a livelli di colesterolo cattivo elevati, che possono portare alla formazione di placca.

Obesità — Se perdi il 10 percento del tuo peso corporeo, riduci anche il rischio di infarto.

Stress — Dei ricercatori tedeschi hanno scoperto che una volta che si sperimenta dello stress, i livelli dei globuli bianchi aumentano. Questi a loro volta aumentano il rischio di sviluppare aterosclerosi e rottura della placca.

Consumo di droghe illegali — L'uso di cocaina o anfetamine può causare lo spasmo dell'arteria coronaria.

Storia di preeclampsia — Se hai avuto pressione alta durante la gravidanza, il rischio di avere un infarto è elevato.

Storia di malattia autoimmune, come artrite reumatoide o lupus.

Se hai uno di questi fattori di rischio, ti consiglio vivamente di consultare il tuo medico per tenere alla larga infarto o malattie cardiovascolari.

Segni e sintomi di un infarto

Alcuni possono manifestare sintomi lievi o del tutto assenti di infarto. Questo si chiama attacco cardiaco silenzioso. Succede soprattutto alle persone con diabete.

Al fine di evitare che si verifichi una morte prematura correlata a malattie cardiache, prendi nota degli altri sintomi comuni di questa condizione mortale:

1. Dolore o fastidio al torace — Questo è il sintomo più comune in caso di infarto. Alcune persone possono avvertire un dolore acuto all'improvviso, mentre altre possono provare solo un dolore lieve. Questo può durare per un paio di minuti o fino a poche ore.

2. Disagio nella parte superiore del corpo — Potresti provare sofferenza o fastidio nelle braccia, nella schiena, nelle spalle, nel collo, nella mascella o nella parte superiore dello stomaco.

3. Mancanza di respiro — Alcune persone possono manifestare solo questo sintomo o questo può presentarsi insieme al dolore toracico.

4. Sudore freddo, nausea, vomito e vertigini improvvise — Questi sintomi sono più comuni tra le donne.

5. Stanchezza insolita — Potresti sentirti stanco per motivi sconosciuti e a volte la cosa durerà per giorni.

Le persone anziane che possono manifestare uno o più di questi sintomi di solito tendono a trascurarli, pensando che questi siano solo segni dell'invecchiamento. Tuttavia, se si verificano uno o più di questi sintomi, occorre chiamare immediatamente un'ambulanza.

8 modi per prevenire un attacco di cuore

La maggior parte delle malattie cardiovascolari è prevenibile. Consiglio queste pratiche di stile di vita per aiutarti a evitare un infarto o qualsiasi malattia cardiaca:

1. Segui una dieta sana — Una dieta salutare per il cuore non significa evitare completamente grassi e colesterolo. Al contrario della credenza popolare, grassi saturi e lipoproteine "grandi, soffici" a bassa densità (LDL) sono in realtà buone per il tuo corpo, perché sono la fonte naturale di energia del tuo corpo.

Devi anche evitare il consumo di alimenti trasformati, carboidrati raffinati, zucchero (soprattutto fruttosio) e grassi trans, perché aiutano ad aumentare il "piccolo" LDL, che contribuisce all'accumulo di placca.

Consiglio le seguenti strategie per una dieta sana:

Concentrati su alimenti freschi, biologici e integrali

Limita il consumo di fruttosio a 25 grammi al giorno. In caso di diabete, ipertensione o insulino-resistenza, mantieni il livello di fruttosio al di sotto di 15 grammi al giorno

Evita i dolcificanti artificiali

Rimuovi il glutine e altri alimenti allergenici dai tuoi pasti

Includi alimenti fermentati naturalmente nella tua dieta come latticini e verdure coltivate

Bilancia il tuo rapporto tra grassi omega 3 e omega-6 mangiando salmone dell'Alaska pescato in natura o assumendo un integratore di olio di krill

Bevi sempre acqua pura

Mangia grassi saturi e monoinsaturi di alta qualità da animali allevati al pascolo e olio di krill

Consuma proteine di alta qualità da animali allevati biologicamente

Mangiare sano potrebbe non essere sufficiente per proteggersi da un infarto: ricorda, è importante fare attenzione anche alla frequenza con cui mangi. Detto questo, io consiglio il digiuno intermittente che limita l'assunzione quotidiana di cibo a una finestra di otto ore. Aiuta il tuo corpo a riprogrammare se stesso e a ricordare come bruciare i grassi per ottenere energia.

2. Fai esercizio fisico con regolarità — È fondamentale che, mentre stai facendo scorte di cibi sani, passi anche almeno 2,5 ore a settimana a fare esercizio fisico. Consiglio di fare esercizio ad intervalli ad alta intensità, perché offre molti benefici non solo per il tuo cuore ma anche per la tua salute e il tuo benessere generali. Ma assicurati di riposare dopo ogni sessione per ottenere i migliori risultati.

3. Smetti di fumare — Gli US Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno inserito l'abbandono del fumo come misura per prevenire le malattie cardiovascolari, che possono portare a un infarto. Il fumo fa restringere e addensare i vasi sanguigni. Provoca, inoltre, la formazione di coaguli di sangue che possono causare il blocco del flusso sanguigno al cuore.

4. Evita il consumo di alcol — L'alcol è ricco di calorie vuote e in realtà ti fa ingrassare. Bere alcol impedisce al corpo di bruciare grassi e calorie. Di conseguenza, il cibo che hai appena mangiato diventa grasso immagazzinato. L'alcool inoltre danneggia la corteccia prefrontale, favorendo un'alimentazione impulsiva. Al fine di mantenere una salute ottimale, suggerisco di eliminare tutte le forme di alcol dal tuo stile di vita.

5. Rimani seduto il meno possibile — Se si rimane seduto per molte ore, si verificano effetti dannosi sulla salute, come un aumento del 50% del rischio di cancro ai polmoni e del 90% del rischio di diabete di tipo 2. Per mantenere uno stile di vita attivo a casa o anche al lavoro, consiglio di camminare da 7.000 a 10.000 passi al giorno. L'uso di un fitness tracker come Up3 di Jawbone aiuta anche a tenere traccia di tutte le attività per l'intera giornata.

6. Ottimizza i tuoi livelli di vitamina D — È essenziale far controllare ogni anno i tuoi livelli di vitamina D perché una carenza di questa vitamina aumenta del 50% il rischio di infarto. Per avere vantaggi per la salute, è necessario mantenere un livello di 40 ng/ml o 5.000-6.000 UI al giorno. Consiglio vivamente l'esposizione al sole come migliore fonte di vitamina D, anche se alcuni alimenti e integratori di vitamina D3 sono considerati anch'essi buone fonti.

7. Prova il grounding/earthing — Camminare a piedi nudi trasferisce elettroni liberi, che sono potenti antiossidanti, dalla terra al tuo corpo. Il grounding riduce anche l'infiammazione in tutto il corpo, poiché assottiglia il sangue e ti riempie di ioni con carica negativa.

8. Liberati dallo stress — Uno studio pubblicato su mBio ha dimostrato che quando sei stressato, il tuo corpo rilascia noradrenalina. Questo ormone provoca la dispersione dei biofilm batterici che provocano la rottura della placca.

Consiglio vivamente di praticare l'Emotional Freedom Technique (EFT) per la gestione dello stress. L'EFT è uno strumento di psicologia energetica che aiuta a ripristinare la reazione del tuo corpo in periodi di stress. Ciò può ridurre il rischio di sviluppare malattie croniche.

Mantenere il tuo cuore sano rende senza dubbio la tua vita più piacevole e proficua. Ricorda queste strategie salutari e di buon senso in modo da poter evitare un attacco di cuore e fare in modo che il tuo sistema cardiovascolare funzioni al meglio.