La cannabis può combattere i tumori?

La cannabis può sconfiggere i tumori?

La storia in breve -

  • I cannabinoidi interagiscono con il corpo attraverso i recettori dei cannabinoidi naturali incorporati nelle membrane cellulari in tutto il corpo. Ha una lunga storia di utilizzo per il dolore e i disturbi convulsivi
  • I medici che lavorano con la cannabis medicinale la usano anche per trattare gli effetti collaterali legati al cancro, e l'evidenza suggerisce che questa pianta può anche avere effetti antitumorali di per sé
  • La cannabis è proapoptotica, il che significa che innesca il suicidio cellulare delle cellule tumorali lasciando intatte le cellule sane, e antiangiogenica, il che significa che taglia l'apporto di sangue di un tumore
  • Un altro studio recente suggerisce che il CBD della canapa può essere utile contro il cancro alle ovaie, riducendo le metastasi e rallentando il cancro alle ovaie meglio dell'attuale farmaco per il cancro alle ovaie Cisplatin
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

La cannabis per uso medico ha una lunga storia come analgesico naturale. Le sue proprietà medicinali sono dovute all'elevato contenuto (tra il 10 e il 20%) di cannabidiolo (CBD), un terpene e flavonoide medicinale.

Il tetraidrocannabinolo (THC) è il componente psicoattivo della marijuana che ti fa sentire "sballato", ma anche questo ha dei preziosi benefici medici, quindi a seconda del tuo problema, potresti volere livelli più o meno alti di THC. I cannabinoidi interagiscono con il corpo attraverso i recettori dei cannabinoidi naturali incorporati nelle membrane cellulari in tutto il corpo.

Ci sono recettori dei cannabinoidi nel cervello, nei polmoni, nel fegato, nei reni, nel sistema immunitario ecc. Le proprietà terapeutiche e psicoattive della marijuana si verificano quando un cannabinoide attiva questi recettori dei cannabinoidi.

La cannabis ha una lunga storia di utilizzo per dolore, disturbi convulsivi e altro

Il governo degli Stati Uniti, attraverso il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani (HHS), detiene in realtà un brevetto sul CBD come antiossidante e neuroprotettore, situazione ironica e paradossale considerando che la U.S. Drug Enforcement Administration ha classificato la cannabis come una sostanza controllata presente nella lista Schedule 1, che per definizione non ha un uso medico accettato.

Questa classificazione federale rende anche molto difficile, lungo e costoso lo studio degli effetti sulla salute della marijuana. I laboratori devono affrontare molti ostacoli legali prima di ottenere il permesso di studiare le droghe della Schedule 1. Nonostante tali difficoltà, diversi studi hanno trovato un'ampia gamma di usi per l'erba. Per esempio, The Journal of Pain, pubblicazione dell'American Pain Society, ha una lunga lista di studi sugli effetti antidolorifici della cannabis.

La cannabis è usata da oltre 80 anni anche per i disturbi convulsivi resistenti ai farmaci. Nel gennaio 2015, l'Accademia Americana di Pediatria ha aggiornato le sue dichiarazioni politiche sulla marijuana, riconoscendo che i cannabinoidi "possono attualmente essere un'opzione per... bambini con condizioni che limitano la vita o che sono gravemente debilitanti e per i quali le attuali terapie sono inadeguate".

Secondo il National Institute on Drug Abuse, che dispone anche di informazioni relative agli aspetti medicinali della marijuana, sono in corso anche studi preclinici e clinici per testare la marijuana e vari estratti per il trattamento di una serie di malattie, tra cui malattie autoimmuni come la sclerosi multipla e il morbo di Alzheimer, infiammazioni, disturbi da uso di sostanze e disturbi mentali.

L'olio di CBD ha anche dimostrato di proteggere il cervello dei pazienti affetti da ictus e quelli con Parkinson. Può anche rallentare la neurodegenerazione causata dall'abuso di alcol.

La cannabis si dimostra promettente come agente anticancerogeno

I medici che lavorano con la cannabis medica la usano anche per trattare gli effetti collaterali legati al cancro, e l'evidenza suggerisce che l'erba può anche avere effetti antitumorali di per sé, con decine di studi che indicano l'efficacia della marijuana contro molti tipi diversi di cancro, tra cui il cancro al cervello, al seno, alla prostata, ai polmoni, alla tiroide, al colon e all'ipofisi, il melanoma e la leucemia.

Combatte il cancro attraverso almeno due meccanismi che rendono difficile la crescita e la diffusione del cancro: è proapoptotico (cioè innesca l'apoptosi o il suicidio cellulare delle cellule tumorali lasciando intatte le cellule sane) e antiangiogenico (cioè taglia l'apporto di sangue di un tumore). Come recentemente riportato da Scientific American:

"... Sebbene i dati disponibili siano limitati, la ricerca che è stata condotta finora sugli effetti antitumorali dei cannabinoidi mostra grandi promesse. L'International Journal of Oncology ha pubblicato uno studio l'anno scorso, per esempio, indicando che i cannabinoidi uccidono con successo le cellule tumorali, e i benefici aumentano se combinati con la chemioterapia.

Uno studio preclinico che abbiamo recentemente condotto ha anche scoperto che le cellule tumorali derivate da campioni di sangue dei pazienti erano sensibili in modo differenziato ai due principali composti attivi della cannabis: il tetraidrocannabinolo (THC) e l'acido tetraidrocannabinolico (THCA).

Un certo numero di altri studi di laboratorio e su animali sono stati condotti negli ultimi anni sui tumori del colon, del seno e del cervello Essi indicano che i cannabinoidi possono inibire la crescita dei tumori bloccando la crescita delle cellule, causando la morte delle cellule e bloccando lo sviluppo dei vasi sanguigni che i tumori richiedono per crescere".

Il connubio di CBD e THC aumenta l'efficacia dei farmaci anticancro

Secondo lo studio dell'International Journal of Oncology menzionato, i fitocannabinoidi "possiedono un'attività antitumorale se usati da soli, e diversi si sono anche dimostrati in grado di combinarsi positivamente tra loro in vitro nelle cellule leucemiche per generare una migliore attività". I migliori risultati sono stati ottenuti quando i cannabinoidi sono stati accoppiati con i farmaci per la leucemia citarabina e vincristina.

"I risultati mostrano che un certo numero di cannabinoidi potrebbero essere accoppiati tra loro per generare un effetto superiore a quello ottenuto se i componenti fossero usati singolarmente", scrivono i ricercatori, osservando che il CBD e il THC insieme sembrano essere più efficaci di entrambi in isolamento.

Hanno anche scoperto che la sequenza di somministrazione era molto importante. Quando i cannabinoidi venivano somministrati dopo la chemioterapia, inducevano una maggiore apoptosi o morte cellulare programmata. Se somministrato prima, si otteneva l'effetto opposto. Secondo gli autori:

"I nostri risultati suggeriscono che quando alcuni cannabinoidi sono accoppiati tra loro, il prodotto risultante può essere combinato sinergicamente con i comuni farmaci antileucemia, permettendo di ridurre drasticamente la dose degli agenti citotossici, pur rimanendo efficace. Tuttavia, la sequenza di somministrazione dei farmaci è cruciale per il successo di queste combinazioni triple e dovrebbe essere presa in considerazione quando si pianificano tali trattamenti".

IL CBD della canapa mostra un'azione promettente contro il cancro alle ovaie

Un altro studio recente suggerisce che il CBD della canapa può essere utile contro il cancro alle ovaie. Le piante di canapa e di marijuana appartengono alla stessa famiglia, ma differiscono per il loro contenuto di THC. Le piante di marijuana contengono quantità variabili di THC, mentre la canapa contiene una quantità molto bassa o nulla di questo ingrediente psicoattivo. Secondo un rapporto di Medical News Today, il Sullivan University College of Pharmacy di Louisville, Kentucky, è "un focolaio di ricerca sulla potenziale capacità della canapa di combattere il cancro".

Due dei ricercatori di laboratorio hanno recentemente presentato i risultati di due studi alla conferenza dell'American Society for Biochemistry and Molecular Biology di San Diego. Nel primo, un ceppo chiamato Kentucky hemp (Canapa del Kentucky) è risultato in grado di ridurre la capacità di migrazione delle cellule tumorali ovariche, suggerendo che in definitiva potrebbe essere utilizzato per aiutare a prevenire le metastasi del cancro ovarico.

Il secondo studio ha scoperto che la canapa del Kentucky ha ridotto la secrezione di interleuchina IL-1 beta nelle cellule tumorali ovariche, riducendo così l'infiammazione associata alla progressione del cancro. Per di più, i ricercatori hanno scoperto che la canapa del Kentucky "rallenta il cancro alle ovaie in modo paragonabile o addirittura migliore rispetto all'attuale farmaco per il cancro alle ovaie Cisplatin". Il team sta ora pianificando ulteriori studi con l'utilizzo di topi, con la speranza di poter eventualmente passare agli studi sull'uomo.

La cannabis a confronto con gli oppioidi

Come accennato, la cannabis ha proprietà analgesiche ben collaudate, e l'evidenza suggerisce che può essere molto utile anche per chi ha problemi di dipendenza da oppioidi, alleviando i sintomi dell'astinenza. In uno studio recente, a 138 anziani (dai 61 ai 70 anni) con osteoartrite, stenosi o dolore cronico all'anca o al ginocchio è stata prescritta marijuana medica per valutare l'efficacia dell'erba contro il dolore, e se avrebbe avuto un impatto sull'uso di oppioidi.

Il diciotto per cento dei pazienti ha ridotto moderatamente l'uso di altri antidolorifici; il 20 per cento ha ridotto significativamente l'uso di oppiacei e il 27 per cento ha smesso del tutto di usare gli oppiacei. In tutto, il 91% ha detto che raccomanderebbe la cannabis ad altri. Il 45 per cento dei pazienti in questo studio ha usato olio vaporizzato, il 28 per cento ha usato pillole e il 17 per cento ha usato olio di marijuana a uso topico. Il 21 per cento ha usato cannabis una volta al giorno, il 23 per cento due volte al giorno e il 39 per cento più di due volte al giorno.

I risultati sono stati presentati all'incontro annuale del 3 maggio dell'American Geriatrics Society a Orlando, Florida. In una dichiarazione anonima, uno dei partecipanti ha scritto: "La qualità della mia vita è aumentata considerevolmente da quando ho iniziato ad assumere la marijuana medica. Sono stato in cura con oppiacei per 15 anni e sei mesi con marijuana, ora non uso nessuno dei due".

La coautrice Dott.ssa Diana Martins-Welch, medico della Divisione di Medicina Geriatrica e Palliativa del Dipartimento di Medicina della Northwell Health, ha anche notato che è stata in grado di far smettere l'uso di oppiacei ai pazienti con la marijuana medica.

La cannabis allevia depressione, ansia e stress

Altre ricerche recenti mostrano che la cannabis può aiutare ad alleviare i sintomi della depressione, dell'ansia e dello stress. Sfortunatamente, la depressione e lo stress elevato non sono riconosciuti come condizioni qualificanti per la tessera della cannabis medica nella maggior parte degli stati che hanno legalizzato l'erba per uso medico. Il motivo di ciò è in gran parte dovuto alla mancanza di supporto scientifico, dice Carrie Cuttler, Ph.D., autrice dello studio.

Per valutare l'efficacia della cannabis per la salute mentale, il team ha analizzato i dati della Strainprint, un'applicazione mobile che i consumatori di cannabis possono usare per tracciare i cambiamenti nei sintomi dopo aver usato diverse dosi e chemiotipi di cannabis. Nel complesso, i sintomi autodenunciati della depressione sono diminuiti del 50 per cento e lo stress percepito è diminuito del 58 per cento con l'uso di marijuana medica.

Di coloro che hanno inalato cannabis, oltre l'89 per cento ha riferito una riduzione della depressione; quasi il 94 per cento ha riferito una minore ansia e oltre il 93 per cento ha riferito meno sintomi di stress.

La maggiore riduzione dello stress è stata raggiunta dopo 10 o più boccate, mentre solo due boccate hanno ridotto i sintomi della depressione e dell'ansia. Questi sono risultati piuttosto impressionanti, ma gli autori notano che i risultati "possono essere gonfiati nel presente campione perché coloro che hanno abitualmente un'esacerbazione dei sintomi a seguito dell'uso di cannabis possono avere meno probabilità di continuare ad usarla per trattare i loro sintomi e seguire i cambiamenti dei sintomi nel tempo".

Anche altri studi hanno dimostrato che la cannabis può essere molto utile per chi soffre di disturbi post-traumatici da stress. La marijuana sopprime il ricordo dei sogni, quindi per chi ha gli incubi può essere un fattore di svolta. È stato anche riportato che la marijuana aiuta gli individui a rimanere concentrati sul presente, il che è vantaggioso per coloro che hanno dei flashback.

Il THC è particolarmente benefico contro la demenza

È interessante notare che la ricerca sugli animali ha dimostrato che il THC - la componente psicoattiva della marijuana - ha un'influenza particolarmente benefica sull'invecchiamento del cervello. Piuttosto che indebolire o compromettere la cognizione negli anziani, il THC sembra invertire il processo di invecchiamento e migliorare i processi mentali, aumentando la possibilità che possa essere utile per il trattamento della demenza.

Per testare l'ipotesi, ai topi è stata somministrata una piccola dose giornaliera di THC nel corso di un mese all'età di 2 mesi, 12 mesi e di nuovo a 18 mesi. È importante capire che i topi vivono tipicamente fino a circa 2 anni. La dose era abbastanza piccola da evitare qualsiasi effetto psicoattivo.

I test hanno valutato l'apprendimento, la memoria, l'orientamento e le capacità di riconoscimento degli animali. Curiosamente, i topi di 18 mesi, ai quali è stato somministrato il THC, hanno dimostrato capacità cognitive pari a quelle dei soggetti di controllo di 2 mesi, mentre il gruppo placebo ha subito un deterioramento cognitivo associato al normale invecchiamento.

Secondo uno degli autori, il professore di neurobiologia Andreas Zimmer, Università di Bonn, "Il trattamento ha completamente invertito la perdita di prestazioni negli animali anziani. Abbiamo ripetuto questi esperimenti molte volte. È un effetto molto solido e profondo". Ancora più notevole è il fatto che l'attività genica e il profilo molecolare nel tessuto cerebrale era quello di animali molto più giovani.

In particolare, i neuroni nell'ippocampo hanno sviluppato più dorsali sinaptiche, punti di contatto necessari per la comunicazione tra i neuroni. Secondo Zimmer, il THC sembrava aver "fatto tornare indietro l'orologio molecolare" negli animali trattati con THC (ricerche precedenti hanno anche dimostrato che il cervello invecchia molto più velocemente nei topi che non hanno recettori funzionali per il THC, suggerendo che il THC può essere coinvolto nella regolazione del processo di invecchiamento). Il team sta pianificando dei test per vedere se lo stesso vale per i soggetti umani.

In uno studio precedente, i ricercatori della University of South Florida e della Thomas Jefferson University hanno scoperto che il THC a basse dosi impedisce anche direttamente l'accumulo di placca beta amiloide nel cervello, che è associata allo sviluppo del morbo di Alzheimer, e migliora la funzione mitocondriale nel cervello.

La marijuana medica è anche nota per ridurre alcuni dei sintomi non correlati alla memoria tipicamente sperimentati dai malati di Alzheimer, tra cui l'ansia, l'irritabilità e la rabbia, quindi la cannabis può avere molteplici benefici per chi soffre di demenza e di Alzheimer.

La cannabis fa al caso tuo?

Anche se l'uso ricreativo della marijuana non è raccomandato, sembra abbastanza chiaro che alcuni ceppi coltivati specificamente per aumentare le qualità medicinali possono avere un effetto significativamente benefico su una serie di malattie e disturbi diversi, tra cui il dolore cronico. Nel 2010, il Center for Medical Cannabis Research ha pubblicato un rapporto su 14 studi clinici sull'uso della marijuana per il dolore, la maggior parte dei quali sono stati approvati dalla FDA, in doppio cieco e controllati con placebo.

Questo rapporto ha rivelato che la marijuana non solo controlla bene il dolore, ma in molti casi, in realtà lo fa meglio delle alternative farmaceutiche. Quando la cannabis viene inalata, fumata o vaporizzata, i suoi effetti sono rapidi e di breve durata. Per via orale, sono più imprevedibili e tardivi. Quando la si ingerisce, può richiedere fino a due ore per fare effetto, ma se dosata in modo appropriato, si può raggiungere un dosaggio quotidiano da assumere una volta al giorno con un farmaco consumabile per via orale.

Rispetto agli oppioidi e a molti altri farmaci, anche la cannabis è molto più sicura. Il cannabidiolo non ha alcuna tossicità ed è praticamente impossibile morire a causa della marijuana. È anche autolimitante, poiché dosi eccessive di THC provocano ansia, paranoia e nausea. Tali effetti collaterali scompariranno man mano che la sostanza si disperderà dal tuo organismo senza provocare danni permanenti, ma ti farà pensare due volte a prendere di nuovo una dose così alta. Se commetti lo stesso errore con un oppioide, è probabile che finirai all'obitorio.

Basta accertarsi di cercare un medico esperto in materia di cannabis, poiché il dosaggio corretto deve essere attentamente accertato.