Resveratrolo e EGCG stimolano nuove cellule cerebrali

resveratrolo

BREVE RIASSUNTO-

  • I fitonutrienti, EGCG e resveratrolo, hanno un effetto diretto e indiretto sul tuo sistema nervoso centrale, con proprietà proneurogeniche e di miglioramento della funzione cognitiva
  • L'EGCG ha dimostrato la capacità di poter migliorare la connettività nel cervello, abbassare il deterioramento cognitivo, e ridurre l'accumulo di beta-amiloide associato alla malattia di Alzheimer
  • Il resveratrolo, presente nell'uva, nei frutti di bosco e nel cioccolato fondente, ha molteplici benefici per la salute, come il miglioramento del flusso sanguigno nel cervello, le prestazioni cognitive, l'apprendimento e la memoria
  • Sia l'EGCG che il resveratrolo svolgono un ruolo nel supportare la tua funzione immunitaria. Il resveratrolo inibisce la crescita di MERS-CoV in laboratorio e l'EGCG è uno ionoforo di zinco, importante nella lotta contro raffreddore, influenza e COVID-19

Del Dott. Mercola

Secondo una ricerca condotta da alcuni studiosi dell'Università del Queensland i fitonutrienti producono effetti proneurogenici nel cervello. I ricercatori hanno studiato gli effetti della quercetina in vitro e in un modello animale all’interno di una ricerca che stava studiando i flavonoidi, fitonutrienti comuni nella frutta e nella verdura.

Secondo le prove scientifiche i flavonoidi hanno potenzialmente la capacità di proteggere le cellule cerebrali dalle lesioni, sopprimere la neuroinfiammazione e promuovere il funzionamento cognitivo. Per i ricercatori l'esempio più importante è di questi flavonoidi e polifenoli sono l'epigallocatechina-3-gallato (EGCG), comunemente presente nel tè verde, resveratrolo, uva rossa e frutti di bosco.

Adottare misure per proteggere il cervello dall'assalto di cibi trasformati e tossine ambientali è un modo cruciale per proteggere la tua salute generale e la capacità di rimanere indipendente con l'avanzare dell'età.

I risultati di uno studio trasversale rappresentativo a livello nazionale pubblicato sul BMJ hanno scoperto che il 57,9% delle calorie consumate dai partecipanti proveniva da alimenti ultraprocessati e l'89,7% dell'energia proveniva da zuccheri aggiunti, come definito da un medico una sorta di "genocidio del fast food".

Gli zuccheri aggiunti presentano un rischio significativo per la salute del cervello perché contribuiscono all'obesità e al morbo di Alzheimer. I ricercatori hanno notato che negli alimenti ultraprocessati, gli zuccheri aggiunti erano otto volte superiori rispetto agli alimenti trasformati e cinque volte superiori rispetto agli alimenti minimamente trasformati.

Nei 9.317 partecipanti intervistati, i ricercatori hanno trovato l'82,1% nel quintile più alto consumato oltre il limite raccomandato del 10% delle loro calorie dallo zucchero aggiunto, rispetto al 26,4% nel quintile più basso. Questo determina una significativa necessità di migliorare l'assunzione alimentare e proteggere la salute del cervello.

I fitonutrienti promuovono la crescita di nuove cellule cerebrali

Lo studio presentato dall'Università del Queensland è un'altra prova che dimostra il potere dei fitonutrienti sulla tua salute. I ricercatori si sono concentrati su come i composti naturali possano essere diventati parte degli stimoli ambientali che modellano la struttura e la funzione neurologica.

Hanno scelto di studiare i composti bioattivi trovati nelle mele in quanto vengono consumati in tutto il mondo, analizzando la presenza di quercetina nella buccia della mela e dell’acido 3,5 diidrossibenzoico nella polpa che non è correlato ai flavonoidi ma sembra avere proprietà proneurogeniche.

La quercetina è stata scelta perché si tratta di flavonoide abbondante estratto dalla buccia di mela. Studi precedenti hanno però analizzato gli effetti di altri flavonoidi, vale a dire EGCG e resveratrolo, nominati dai ricercatori dell'Università del Queensland.

Uno studio pubblicato su Genes & Nutrition ha studiato le azioni neuroprotettive dimostrate dai flavonoidi che aiutano a promuovere la memoria, l'apprendimento e le funzioni cognitive. È stato scoperto che gli effetti sono supportati da due processi. Nel primo, i flavonoidi sembravano svolgere un ruolo importante nella segnalazione delle cascate.

Nel secondo, i flavonoidi migliorano il flusso sanguigno vascolare periferico e cerebrale in un modo che potrebbe portare all'angiogenesi e alla produzione di nuove cellule nervose nell'ippocampo. Il risultato del secondo percorso è lo stesso descritto dai ricercatori che analizzano la quercitina: generazione di nuove cellule nervose nell'ippocampo.

Le prove hanno dimostrato che i flavonoidi hanno un effetto diretto e indiretto sul sistema nervoso centrale. I vari effetti sul cervello includono la capacità di invertire alcuni sintomi associati alla malattia di Alzheimer e migliorare la funzione cognitiva. Il meccanismo neuroprotettivo contribuisce anche alla qualità dei neuroni e alla loro connettività, in relazione a cui uno studio suggerisce che:

“... può ostacolare la progressione dei disturbi legati all'età e può essere una potenziale fonte per la progettazione e lo sviluppo di nuovi farmaci efficaci nei disturbi cognitivi".

Il tè può aiutare a migliorare le connessioni cerebrali

L'attuale studio supporta le prove passate per cui bere il tè verde può migliorare il funzionamento cognitivo. Uno studio della National University of Singapore ha utilizzato i dati di neuroimaging di 36 adulti più anziani.

I ricercatori erano interessati all'effetto che il tè potrebbe avere su struttura, organizzazione e funzione del cervello.

Ai partecipanti è stato chiesto quali fossero le loro abitudini nel bere il tè dall'età di 45 anni a quella attuale e poi sono stati sottoposti a una risonanza magnetica. Dall'imaging, i ricercatori hanno scoperto che i partecipanti che bevevano il tè avevano una struttura, funzione e organizzazione del cervello migliore. Ma coloro che ne bevevano di più - almeno quattro volte a settimana per circa 25 anni - avevano anche una maggiore forza di connettività funzionale.

La crescita di nuove cellule nervose nell'ippocampo supporta una migliore memoria e richiamo, mentre una maggiore connettività offre ulteriori vantaggi. Il professore Feng Lei dell'Università Nazionale di Singapore ha spiegato così l'importanza della connettività, come riportato in un comunicato stampa:

"Prendiamo l'analogia del traffico stradale come esempio. Considera le regioni del cervello come destinazioni, mentre le connessioni tra le regioni del cervello sono le strade. Quando un sistema stradale è organizzato in modo migliore, la circolazione dei veicoli e dei passeggeri è più efficiente e comporta l'utilizzo di meno risorse. Allo stesso modo, quando le connessioni tra le regioni del cervello sono più strutturate, l'elaborazione delle informazioni può essere eseguita in modo più efficiente.

Abbiamo dimostrato nei nostri studi precedenti che i bevitori di tè avevano una migliore funzione cognitiva rispetto a chi non lo beveva. I nostri attuali risultati relativi alla rete cerebrale supportano indirettamente le nostre scoperte precedenti e e dimostrano che gli effetti positivi del consumo regolare di tè sono il risultato di una migliore organizzazione cerebrale ottenuta prevenendo l'interruzione delle connessioni interregionali".

Le prove della ricerca hanno anche suggerito che bere il tè verde è associato a un minor rischio di disturbi cognitivi. Una revisione della letteratura della somministrazione in vitro e in vivo di EGCG ha rilevato che riduce l'accumulo di beta-amiloide nei modelli di laboratorio e animali.

L'EGCG è connesso alla salute del cuore

La capacità di rompere le placche beta-amiloidi può anche essere la base per un'associazione con la riduzione della placca aterosclerotica. I ricercatori dell'Università di Leeds e della Lancaster University hanno scoperto che il tè verde può prevenire le malattie cardiache mediante lo scioglimento della placca arteriosa.

L'EGCG altera la struttura delle fibrille amiloidi formate dall'apolipoproteina A-1 (apoA-1), il componente principale delle lipoproteine ad alta densità che hanno dimostrato di accumularsi nelle placche di aterosclerosi. Questo accade in presenza di eparina. Sfortunatamente, le concentrazioni richieste per ottenere questo risultato nello studio erano così alte che non è possibile ottenere gli stessi risultati solamente bevendo il tè verde.

Un altro vantaggio per il sistema cardiovascolare derivante dal consumo di tè nel lungo periodo è un miglioramento delle letture della pressione sanguigna. Da una revisione sistematica di 25 studi di controllo randomizzati con 1.476 partecipanti si è scoperto che coloro che bevevano regolarmente tè verde o nero per 12 settimane avevano una pressione sistolica inferiore in media di 2,6 mm Hg e una pressione diastolica inferiore di 2,2 mm Hg rispetto a coloro che non bevevano tè.

I ricercatori hanno misurato gli effetti del tè verde e del tè nero e hanno scoperto che il tè verde ha fornito i risultati migliori, soprattutto se bevuto per più di 12 settimane. Secondo gli autori, questa riduzione:

"... potrebbe abbassare il rischio di ictus dell'8%, la mortalità per malattia coronarica del 5% e la mortalità per tutte le cause del 4% a livello di popolazione... Questi sono effetti profondi e devono essere presi seriamente in considerazione in termini di potenziale modificazione della dieta per modulare il rischio di CVD [malattia cardiovascolare]".

I dati di questa revisione della letteratura non hanno mostrato esattamente la quantità di tè necessaria per ricevere questi benefici. Studi precedenti hanno però suggerito che la quantità ideale è compresa tra tre e quattro tazze di tè al giorno. Ad esempio, uno studio del 2007 ha individuato prove evidenti che tre o più tazze di tè - in questo caso, tè nero - hanno ridotto il rischio di malattie cardiache.

Allo stesso modo, è stato dimostrato che bere 3-4 tazze di tè verde ogni giorno promuove la salute del cuore e quella cardiovascolare. I miglioramenti nella salute cardiovascolare possono essere il risultato di effetti benefici sulla funzione endoteliale, parte integrante della pressione sanguigna e delle malattie cardiache.

Considera i molteplici vantaggi del resveratrolo

Il resveratrolo è prodotto dalla pianta per resistere alle malattie. Si trova nell'uva e nei frutti di bosco, ma viene anche ricavato dalla pianta del cacao si trova nel cacao crudo e nel cioccolato fondente. Anche il vino rosso contiene un po' di resveratrolo, ma in quantità così piccole che non puoi assumerne abbastanza per ottenere i benefici.

È anche importante ricordare che gli alcolici danneggiano il cervello e i tuoi organi, e sono neurotossine. Bere una quantità di vino rosso sufficiente per ottenere i benefici del resveratrolo sarebbe controproducente.

Il resveratrolo può attraversare la barriera emato-encefalica dove ha un effetto straordinario come antiossidante. Per i ricercatori del Georgetown University Medical Center il resveratrolo, quando somministrato a persone con Alzheimer, pare che “ripristini l'integrità della barriera emato-encefalica, riducendo la capacità delle molecole immunitarie dannose secrete dalle cellule immunitarie di infiltrarsi dal corpo nel tessuto cerebrale".

La capacità di migliorare il flusso sanguigno cerebrale è probabilmente la base degli effetti neuroprotettivi del miglioramento di flusso sanguigno cerebrale e prestazioni cognitive, depressione, infiammazione del cervello e può migliorare l'apprendimento, l'umore e la memoria.

I ricercatori stanno anche studiando l'uso del resveratrolo contro il cancro ai polmoni quando il composto viene somministrato per via nasale a dosi elevate. In uno studio condotto presso l'Università di Newcastle, i sono stati rilevati miglioramenti nella densità ossea nelle donne in postmenopausa a cui è stato somministrato resveratrolo.

Nello studio, chiamato "Resveratrol for Healthy Ageing in Women (RESHAW)", le donne hanno assunto 75 milligrammi (mg) di resveratrolo due volte al giorno o un placebo per 12 mesi, dopo di che i ricercatori hanno misurato la loro densità ossea mediante scansioni con raggi X a doppia energia, comunemente chiamate scansioni DXA.

"Il modesto aumento della densità minerale ossea al collo del femore con resveratrolo ha comportato un miglioramento del punteggio T della popolazione dello studio e una riduzione della probabilità di rischio di fratture importanti nei 10-anni successivi", ha affermato Peter Howe, autore dello studio e professore emerito dell'università.

L'EGCG e il resveratrolo aiutano a sostenere la tua salute immunitaria

Oltre ai benefici neurologici, cardiovascolari, ossei e altri benefici per la salute di questi potenti fitonutrienti, essi svolgono anche un ruolo nel sostenere il tuo sistema immunitario. Durante la stagione del raffreddore e dell'influenza e l'attuale pandemia, fornire ulteriore supporto al sistema immunitario può aiutare a proteggere la tua salute.

Il resveratrolo è noto per svolgere un ruolo nella prevenzione e nella progressione di malattie infiammatorie croniche come l'obesità, la neurodegenerazione e il diabete. Secondo le evidenze scientifiche modula il sistema immunitario interferendo con la sintesi delle citochine pro-infiammatorie, modulando la funzione delle cellule immunitarie legate alla produzione di citochine da parte dei linfociti T CD4 e CD8.

Nel 2017, il resveratrolo è stato testato in laboratorio contro il coronavirus della sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS-CoV) ed è stato riscontrato che inibisce significativamente l'infezione e allunga la sopravvivenza delle cellule dopo l'infezione medesima.

L'EGCG può migliorare la capacità del tuo corpo di utilizzare lo zinco per via intracellulare. La sua azione da ionoforo di zinco aiuta a supportare la risposta del tuo corpo contro i virus.

Secondo uno studio del 2015 il tè verde è anche in grado di aiutare con problemi dentali. Dopo 28 giorni di utilizzo di un collutorio al tè verde al 2%, i dati hanno rivelato che coloro che lo utilizzavano avevano una riduzione della placca e dei punteggi di gengivite.

Le prove hanno anche suggerito che esiste anche un'attività antifungina dell'EGCG, quattro volte superiore a quella del farmaco fluconazolo e fino a 16 volte superiore alla flucitosina. Un altro studio ha dimostrato che un pediluvio infuso con polifenoli del tè verde potrebbe ridurre significativamente le aree infette di persone con tinea pedis interdigitale o piede d'atleta.

L'applicazione topica di un unguento al tè verde ha anche dimostrato un tasso di guarigione efficace dell'81,3% per le persone con impetigine. È interessante notare che gli effetti antivirali e antimicotici del tè verde non sembrano avere lo stesso effetto antibatterico sul tratto intestinale.

L'EGCG è sensibile alla temperatura di infusione. Per ottenerne il massimo rilascio dalle foglie di tè, prepara il tè verde a 100 °C. Prova a berlo subito dopo che lo hai preparato, per ottenere i maggiori benefici per la salute. Considera l'aggiunta di una spruzzata di succo di agrumi per aumentarne i benefici e favorire l'assorbimento della catechina.

+ Fonte e riferimenti