Come l'Omega-3 potrebbe aiutare a prevenire la tempesta di citochine

La tempesta di citochine colpisce il sistema immunitario?

La storia in breve -

  • Le prove suggeriscono che i grassi omega-3 EPA e DHA influenzano le vie biologiche che possono avere un'influenza diretta sull'esito del COVID-19
  • L'EPA e il DHA hanno un'influenza diretta sulla risposta immunologica alle infezioni virali e possono modulare la risposta e la funzione immunitaria
  • I grassi omega-3 a base animale, in particolare il DHA, aiutano anche a prevenire la trombosi (un coagulo di sangue all'interno di un vaso sanguigno) riducendo l'aggregazione piastrinica. L'ipercoagulazione è un'altra complicazione dell'infezione grave da COVID-19 che può avere conseguenze letali
  • L'Omega-3 riduce anche il rischio di disfunzione polmonare, protegge dai danni ai polmoni e dalle infezioni batteriche secondarie e migliora la funzione mitocondriale
  • La ricerca mostra che abbassando i trigliceridi, si riduce il rischio di sviluppare una tempesta di citochine. Gli integratori di Omega-3 sono noti per abbassare i trigliceridi, ma l'olio di krill è più efficace dell'olio di pesce
Grandezza testo:

Del Dott. Mercola

Ormai, probabilmente sei consapevole che uno degli effetti letali del COVID-19 è la capacità del virus di innescare una tempesta di citochine. Ha senso quindi che molti operatori sanitari stiano cercando modi per rafforzare e migliorare la funzione immunitaria. La buona notizia è che ci sono diverse strategie che sembrano molto utili in questo senso.

Tra gli integratori e strategie che sono stati identificati come capaci di modulare le risposte immunitarie e di sopprimere la tempesta di citochine vi sono, ad esempio:

A questo elenco, possiamo anche aggiungere i grassi omega-3 acido docosaesaenoico (DHA) e acido eicosapentaenoico (EPA), grassi omega-3 a catena lunga presenti in pesci grassi di acqua fredda come il salmone d'Alaska, le sardine, le acciughe e i krill, solo per citarne alcuni.

DHA ed EPA possono migliorare la tempesta di citochine

Secondo l'articolo "Il potenziale effetto benefico della supplementazione di EPA e DHA nella gestione della tempesta di citochine nella malattia di coronavirus", pubblicato il 19 giugno 2020, sulla rivista Frontiers in Physiology, l'EPA e il DHA influenzano i percorsi biologici che "possono avere influenza nell'esito del COVID-19":

"Ad oggi, gli eventi molecolari che scatenano una "tempesta di citochine" o le strategie terapeutiche applicabili per prevenire e gestire questo processo non sono chiariti a causa della natura complessa di questo problema.

Articoli recenti suggeriscono che specifici nutrienti come vitamina B6, B12, C, D, E e acido folico; oligoelementi, tra cui zinco, ferro, selenio, magnesio e rame possono svolgere un ruolo chiave nella gestione della tempesta di citochine...

Gli LC-PUFA (acidi grassi polinsaturi a catena lunga) come l'EPA... e il DHA ... sono degni di nota a causa della loro influenza diretta nella risposta immunologica alle infezioni virali. Le prove suggeriscono che n-3 LC-PUFA possono modulare la risposta immunitaria e funzionare in molti modi.

Tra questi complessi effetti immunomodulatori, occorre evidenziare l'interleuchina-6 (IL-6) e l'interleuchina-1ß (IL-1β), a causa del sospetto ruolo centrale di regolazione nella "tempesta di citochine". Queste citochine possono essere influenzate dall'assunzione dietetica di EPA e DHA.

Inoltre, è stato dimostrato che gli enzimi poli(ADP-ribosio) polimerasi che hanno proprietà antinfiammatorie, traducibili in infezione umana da COVID-19, migliorano i livelli dei tessuti di DHA ed EPA, nonché i metaboliti antinfiammatori a valle di EPA e DHA sottolineando l'applicabilità di DHA ed EPA nel COVID-19".

Sebbene non menzionati in questo documento di Frontiers in Physiology, i grassi omega-3 a base animale, in particolare il DHA, hanno anche dimostrato di prevenire la trombosi (un coagulo di sangue all'interno di un vaso sanguigno) riducendo l'aggregazione piastrinica. Come discusso in "Terapia intensiva nel COVID-19", l'ipercoagulazione è un'altra complicazione dell'infezione grave da COVID-19 che può avere conseguenze letali. L'Omega 3 inoltre:

  • Riduce il rischio di disfunzione polmonare
  • Protegge dai danni ai polmoni
  • Protegge dalle infezioni batteriche secondarie
  • Migliora la funzione mitocondriale

Omega 3 a base marina-vegetale

Sfortunatamente, gli autori raccomandano di usare "fonti di EPA e DHA basate su alghe o piante" piuttosto che fonti marine. Credo che questo sia un errore. Le microalghe contengono DHA ed EPA e sono una fonte adatta ai vegetariani rigorosi, ma la maggior parte degli omega-3 a base vegetale in realtà non contiene i grassi omega-3 a catena lunga, DHA ed EPA.

Come accennato, le fonti ideali di DHA ed EPA sono a base marina e includono pesci grassi di acqua fredda come il salmone dell'Alaska, le sardine e le acciughe catturati in natura. Se non mangi questi pesci regolarmente, prendi in considerazione l'assunzione di un integratore di olio di krill. Per saperne di più sul perché l'olio di krill è preferibile all'olio di pesce, vedi l'infografica qui sotto.

Per quanto riguarda il problema della tempesta di citochine, gli autori dell'articolo su Frontiers in Physiology sottolineano che ci sono almeno tre studi che dimostrano che abbassando i trigliceridi, il rischio di sviluppare una tempesta di citochine diminuisce e l'olio di krill, in particolare, ha dimostrato di abbassare i trigliceridi in modo più efficace dell'olio di pesce.

Conosci il tuo indice Omega-3?

Insieme ai test sulla vitamina D, si consiglia vivamente di misurare il livello di omega-3 almeno una volta all'anno, poiché la mancanza di questo nutriente vitale può comportare problemi per la salute in più di un modo.

Uno dei motivi per cui DHA ed EPA sono così cruciali è perché sono in realtà elementi strutturali chiave delle tue cellule; non sono solo semplici carburanti. Se non hai abbastanza DHA ed EPA, la capacità del tuo corpo di riparare e mantenere strutture cellulari sane è gravemente compromessa.

Il test per misurare l'omega-3 nei globuli rossi è stato sviluppato da William Harris, Ph.D., nel 2004. L'indice omega-3 è espresso come percentuale di tutti gli acidi grassi nella membrana dei globuli rossi. I dati degli studi effettuati da Harris hanno mostrato che un intervallo ideale e salutare di omega-3 è compreso tra l'8% e il 12%.

La co-fondatrice di GrassrootsHealth Carole Baggerly ha commentato l'articolo su Frontiers in Physiology in una e-mail personale: "Sulla base di questi dati, è molto probabile che il livello più alto di omega-3 aiuterebbe a prevenire la tempesta di citochine... Io arriverei... ad un livello dell'indice pari almeno all'8,1%".

Non solo occorre assumere abbastanza omega-3, ma è anche assolutamente indispensabile limitare l'assunzione di omega-6, soprattutto da oli vegetali trasformati. Ne discuterò più dettagliatamente in una sezione seguente. Questo è un altro vantaggio del test dell'indice omega-3, poiché ti mostrerà esattamente i livelli di questi grassi potenzialmente pericolosi nelle tue cellule.

Come testare il tuo livello di omega-3

Ad esempio, la ricerca in corso di GrassrootsHealth ha stabilito che l'intervallo ideale di vitamina D per la prevenzione delle malattie è tra 60 e 80 ng/mL. Conduce lo stesso tipo di ricerca sponsorizzata dal consumatore per omega-3 e magnesio. Per l'omega-3, hai quattro opzioni di test:

  • Kit di test dell'indice di omega-3
  • Kit di test di vitamina D e Omega-3
  • Kit di test per vitamina D, magnesio e Omega 3
  • Kit di test per vitamina D, magnesio e omega 3 PLUS Elements — Questo kit include misure di minerali essenziali (magnesio, selenio, zinco e rame) e metalli pesanti dannosi (cadmio, piombo e mercurio)

In base al risultato dell'indice, sarai quindi in grado di utilizzare il calcolatore di indici omega-3 di GrassrootsHealth per determinare il dosaggio di cui avresti bisogno per aumentare il livello corrente al livello target prescelto.

Non dare per scontato che l'assunzione di Omega-3 sia adeguata

Evita la tentazione di supporre che il tuo indice omega-3 sia sufficiente solo perché stai mangiando pesce o stai assumendo un integratore. Molti pesci non contengono livelli elevati di omega-3 (devi mangiare pesce grasso d'acqua fredda per trarne beneficio), e molti integratori di olio di pesce sono sintetici con efficacia discutibile.

Come riportato da GrassrootsHealth, dei primi 135 partecipanti al progetto di test domestico dell'Omega-3 D*+, l'85% aveva un indice omega-3 inferiore all'8%, che è la soglia più bassa di sufficienza, il che pone questi soggetti a un rischio maggiore di malattie cardiache e di altre malattie croniche, così come di morte per qualsiasi causa.

Come riportato da GrassrootsHealth:

"Negli studi che utilizzano una misurazione chiamata test Omega-3 Index, gli individui con un basso indice Omega-3 hanno dimostrato di avere un rischio di morte 10 volte maggiore rispetto a quelli con un indice alto... Un indice Omega-3 compreso tra l'8% e il 12% era associato a un minor rischio di morte per malattie cardiovascolari, rispetto a un indice inferiore al 4%".

Importante: limita l'assunzione di olio vegetale

Ancora una volta, mentre molti hanno bisogno di un integratore di omega-3 a base marina per aumentare il loro livello, è anche fondamentale limitare l'assunzione di grassi omega-6 dagli oli vegetali. Ciò include anche alcuni oli sani come l'olio extravergine di oliva.

A parte il fatto che la maggior parte degli oli d'oliva sono falsi, anche il vero McCoy può causare problemi se consumato in quantità troppo elevate, poiché è caricato con omega-6 e quindi può distorcere il rapporto omega-3/omega-6.

Idealmente, questo rapporto dovrebbe essere vicino a 1 a 1, ma poiché le persone consumano davvero poco omega-3 e quantità eccessive di omega-6, non è raro che questo rapporto sia più vicino a 1 a 25. Quando il consumo è così distorto, potresti avere difficoltà a ottimizzare il tuo indice omega-3, anche quando prendi un integratore.

È importante rendersi conto che il tuo corpo metabolizza gli acidi grassi polinsaturi omega-3 e omega-6 (PUFA) in eicosanoidi, che sono sostanze simili agli ormoni. Come regola generale, gli eicosanoidi omega-3 sono antinfiammatori mentre gli eicosanoidi omega-6 hanno effetti proinfiammatori.

Parte dei benefici dei grassi omega-3 è che bloccano gli effetti proinfiammatori degli eicosanoidi omega-6, ma se l'assunzione di omega-6 è troppo grande, potresti comunque avere alti tassi di infiammazione. I grassi Omega-6 inoltre:

  • Creano specie reattive che danneggiano il DNA
  • Causano epossidazione 17-beta-estradiolo, che a sua volta genera un composto cancerogeno
  • Aumentano gli effetti genotossici di altri composti

Molti consumano enormi quantità di oli vegetali

Secondo il rapporto del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti del 2017, "Tendenze statunitensi nella disponibilità di alimenti", il consumo di grassi animali saturi sani come burro, strutto e sego di manzo è diminuito del 27% tra il 1970 e il 2014, mentre il consumo di oli vegetali nocivi è aumentato dell'87%. L'assunzione di insalata e oli da cucina è aumentata in modo specifico del 248%.

Il pollo convenzionale è anche una fonte nascosta di acido linoleico omega-6 dannoso, a causa del fatto che sono nutriti con mais. Quindi, la cosa migliore da fare è mangiare le uova, non il pollo.

Prove convincenti suggeriscono che gli oli vegetali trasformati, ricchi di acidi grassi polinsaturi omega-6, sono probabilmente il principale colpevole della nostra dieta moderna, e contribuiscono allo sviluppo di quasi tutte le malattie croniche. Credo che abbiano un impatto maggiore sulla salute umana rispetto allo sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio.

Non solo gli oli vegetali sono stati collegati a malattie cardiache, malattie gastrointestinali come il disturbo dell'intestino irritabile e condizioni infiammatorie come l'artrite, ma sono stati anche collegati al cancro, in particolare al neuroblastoma, al seno, alla prostata, al cancro del polmone e del colon.

In un articolo di Medium dell'8 novembre 2019, Maria Cross, nutrizionista con un master in scienze, discute della scienza alla base degli oli vegetali e di ciò che li rende cancerogeni. L'esperta spiega:

"Esistono due classi di PUFA: omega-6 e omega-3. Sebbene funzionalmente distinte e non intercambiabili, queste due classi sono costantemente impegnate in un atto di bilanciamento metabolico, spingendo e tirando mentre competono per l'assorbimento nel corpo.

Non c'è nulla di intrinsecamente sbagliato nei PUFA omega-6: ne abbiamo bisogno... Ecco perché gli scienziati ritengono che non sia la causa l'omega-6 in sé; è l'equilibrio tra i due gruppi di PUFA che è fuori fase e sta causando il caos sui nostri corpi.

Ci siamo evoluti e siamo geneticamente adattati a una dieta che fornisce quantità più o meno uguali di omega-3 e omega-6... Dati sperimentali sostiene la teoria secondo cui è questo equilibrio distorto tra i due PUFA che influenza lo sviluppo di un tumore".

Allo stesso modo, il documento del 2002 "L'importanza del rapporto tra acidi grassi essenziali Omega-6/Omega-3" sottolinea che:

"Quantità eccessive di acidi grassi polinsaturi omega-6 (PUFA) e un rapporto omega-6/omega-3 molto elevato, come si trova nelle diete occidentali di oggi, promuovono la patogenesi di molte malattie, tra cui malattie cardiovascolari, cancro e infiammatorie e malattie autoimmuni, mentre un aumento dei livelli di PUFA omega-3 (un rapporto basso omega-6/omega-3) esercita effetti soppressivi".

Gli oli vegetali sono tossici a tutti gli effetti

Oltre a promuovere le malattie croniche eliminando lo squilibrio nel rapporto omega-3 e omega-6, gli oli vegetali hanno anche effetti tossici più diretti. Uno dei motivi di ciò è perché si degradano quando riscaldati, formando prodotti di ossidazione estremamente tossici come le aldeidi cicliche.

Le aldeidi cicliche causano lipoproteine a bassa densità ossidate (LDL) associate a malattie cardiache. Inoltre reticolano la proteina tau e creano grovigli neurofibrillari, contribuendo così allo sviluppo di malattie neurodegenerative.

Come spiegato dalla dott.ssa Cate Shanahan nel suo libro "Nutrizione profonda: perché i tuoi geni hanno bisogno di cibo tradizionale", per capire in che modo i grassi alimentari influiscono sulla tua salute, devi capire come si ossidano i grassi.

I PUFA omega-6 presenti negli oli vegetali hanno legami altamente deperibili che reagiscono con l'ossigeno, creando una cascata di radicali liberi che trasforma i normali acidi grassi nel corpo in pericolose molecole ad alta energia che provocano il caos in modo simile a quello delle radiazioni.

Inoltre, molti degli oli vegetali prodotti oggi, in particolare olio di mais e di soia, sono geneticamente modificati e rappresentano una fonte significativa di esposizione al glifosato, e il glifosato è stato anche collegato a danni intestinali e ad altri problemi di salute.

Gli oli Omega-6 sono integrati nelle tue cellule

Il libro di Shanahan espone anche i pericoli del 4-idrossinonenale (4HNE), che è la forma ossidata dell'olio vegetale omega-6 e delle forme durante la lavorazione. Il 4HNE è altamente tossico, specialmente per i batteri intestinali, e il consumo di 4HNE è stato correlato con un equilibrio obesogenico della flora intestinale.

Il 4HNE provoca citotossicità e danni al DNA e stimola le cascate di radicali liberi che danneggiano la membrana mitocondriale. L'omega-6 presente negli oli vegetali danneggia anche l'endotelio (le cellule che rivestono i vasi sanguigni), permettendo alle particelle di LDL e lipoproteine a bassissima densità (VLDL) di penetrare nel subendotelio.

È importante sottolineare che questi oli vengono integrati nella tua cellula e nelle membrane mitocondriali (proprio come gli omega-3 sani) e, una volta che queste membrane sono compromesse, pone le basi per tutti i tipi di problemi di salute.

Inoltre, rendono le membrane cellulari meno fluide, il che influisce sui trasportatori di ormoni nella membrana cellulare e rallenta il tasso metabolico e inibisce la rimozione delle cellule senescenti: cellule invecchiate, danneggiate o paralizzate che hanno perso la capacità di riprodurre e produrre citochine infiammatorie che accelerano rapidamente malattia e invecchiamento.

Gli oli vegetali inoltre spogliano il fegato di glutatione (che produce enzimi antiossidanti), riducendo così le difese antiossidanti, e inibiscono la delta-6 desaturasi (delta-6), un enzima coinvolto nella conversione degli omega-3 a catena corta in omega-3 a catena più lunga nel fegato.

Uno dei passi più importanti che puoi fare per migliorare il tuo indice Omega-3

Ricorda, gli oli omega-6 e omega-3 sono polinsaturi e altamente sensibili all'ossidazione e al danneggiamento biologico. Questo è il motivo per cui NON è semplice come aggiungere semplicemente oli omega-3 alla dieta per migliorare il rapporto. Aumentare semplicemente il tuo omega-3 potrebbe effettivamente peggiorare la tua salute aumentando i grassi ossidati.

La chiave assoluta è quella di essere assidui nella rimozione di TUTTI gli oli vegetali. Dovresti semplicemente evitarli a tutti i costi. Un'altra fonte ricca di oli omega-6 è la carne di pollo. Il pollo è molto ricco di acido linoleico grasso omega-6 perché mangia tantissimi cereali ricchi di omega-6.

Uno dei modi migliori per capire quanti oli omega-6 stai mangiando è usare la straordinaria app per il monitoraggio dei nutrienti Cronometer. Se usi l'app per desktop, è completamente gratuita. Finché peserai accuratamente i tuoi alimenti quando li inserisci, avrai una stima fantastica di quanti oli omega-6 stai veramente mangiando.

Questa potrebbe essere una delle strategie sanitarie più importanti e meno costose che puoi attuare oggi.

Inoltre, gli oli ricchi di omega-6 hanno un'emivita da 600 a 680 giorni nel tuo corpo. Ciò significa che possono volerci alcuni anni per svuotare le scorte di questi grassi omega-6 dannosi. Detto questo, eliminarli dalla tua dieta ora, nel tempo, permetterà al tuo corpo di liberarsene, migliorando così costantemente la tua salute.

L'ottimizzazione del tuo Omega-3 può essere utile per la prevenzione del COVID-19

In sintesi, come con la vitamina D, l'ottimizzazione dell'indice omega-3 a un livello di almeno l'8% può essere una strategia che può aiutare a ridurre il rischio di un esito infausto di COVID-19, poiché i grassi omega-3 sono importanti modulatori della funzione del sistema immunitario e può aiutare a ridurre il rischio di una tempesta di citochine.

Ricorda solo che aumentare l'assunzione di omega-3 potrebbe non essere sufficiente. Con ogni probabilità, devi anche limitare l'assunzione di oli vegetali, compresi i polli alimentati a mais. Insieme, queste due strategie dovrebbero consentire di ottenere un rapporto omega-3/omega-6 salutare.